Marino Sinibaldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marino Sinibaldi negli spazi del programma Fahrenheit durante Galassia Gutenberg 2008

Marino Sinibaldi (Roma, 2 aprile 1954) è un giornalista, critico letterario e conduttore radiofonico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nella popolare borgata romana di Valle Aurelia, si è diplomato al Liceo Terenzio Mamiani di Roma e ha studiato alla Facoltà di lettere e filosofia della Sapienza. Aderì a Lotta Continua, insieme a Gad Lerner e a Luigi Manconi, con i quali ha pubblicato alcuni saggi sul movimento degli studenti e la contestazione degli anni Sessanta e Settanta. A metà degli anni Ottanta partecipò all'esperienza di redazione del quotidiano Reporter, durato dal 1985 al 1986.

L'attività pubblicistica era iniziata contemporaneamente a quella di bibliotecario che ha svolto per oltre vent'anni presso la Biblioteca di storia moderna e contemporanea di Roma. Successivamente si è dedicato full time al giornalismo e alla conduzione di programmi radiofonici e televisivi per i quali ha ricevuto numerosi riconoscimenti (Premio Ischia-Giornalista dell'anno 2006, Premio Alassio 2006, Premio Flaiano 2007). Dirige la Festa del libro e della lettura "Libri come" presso l'Auditorium-Parco della musica di Roma.

Ha condotto, alla RAI, le trasmissioni Antologia, Fine secolo, Note azzurre, Lampi, Senza rete, Supergiovani, Tema, e ha collaborato a La storia siamo noi. È stato vicedirettore di Radio3, nonché nel 1999 ideatore e conduttore della trasmissione Fahrenheit su Rai Radio 3.

Ha collaborato con la rivista Ombre Rosse e successivamente ha cofondato la rivista Linea d'ombra e pubblicato Pulp. La Letteratura nell'era della simultaneità (Donzelli, 1997). Ha collaborato con Natalia Ginzburg nella stesura di: È difficile parlare di sé. Conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi (Einaudi, 1999). Nel 2014 l'editore Laterza ha pubblicato Un millimetro in là. Intervista sulla cultura curata da Giorgio Zanchini.

Il 3 agosto 2009 è stato nominato direttore di Radio 3 dal Consiglio di amministrazione della Rai. È membro del direttivo del Premio Strega e del Consiglio di amministrazione della Fondazione Bellonci.

Dal gennaio 2014 al 2017 è stato presidente del Teatro di Roma.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marino Sinibaldi e Luigi Manconi (a cura di), Agenda Rossa 1978. In 365 voci: gli avvenimenti del '68, le sue premesse, le sue conseguenze; le vicende e le idee del movimento del '77, Roma, Savelli, 1977.
  • Marcello Sarno e Marino Sinibaldi (a cura di), Il movimento degli studenti medi in Italia-1970-76. Analisi e documenti di AO, LC, PdUP, PCI-FGCI, Roma, Savelli, 1977.
  • Gad Lerner, Uno strano movimento di strani studenti. Composizione, politica e cultura dei non garantiti, a cura di Marino Sinibaldi e Luigi Manconi, Milano, Feltrinelli, 1978.
  • Marino Sinibaldi, Pulp: la letteratura nell'era della simultaneità, Roma, Donzelli, 1997.
  • Natalia Ginzburg, È difficile parlare di sé. Conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi, a cura di Marino Sinibaldi, Roma, Einaudi, 1999, ISBN 978-88-06-15212-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27233943 · ISNI (EN0000 0000 2079 6051 · SBN IT\ICCU\SBLV\086808 · LCCN (ENn78070560 · BNF (FRcb135699590 (data) · BAV ADV12092992