Chiara Saraceno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiara Saraceno

Chiara Saraceno (Milano, 20 ottobre 1941) è una sociologa e filosofa italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureata in filosofia, fino al 2008 è stata docente di Sociologia della Famiglia presso la facoltà di scienze politiche all'università di Torino. Dall'ottobre 2006 a giugno 2011 è stata professore di ricerca presso il Wissenschaftszentrum für Sozialforschung di Berlino. Attualmente è honorary fellow al Collegio Carlo Alberto di Torino[1]. È sposata con il politologo Gian Enrico Rusconi.

Chiara Saraceno è una delle sociologhe italiane di maggior fama. Importanti i suoi studi sulla famiglia, sulla questione femminile, sulla povertà e le politiche sociali.

Ha ricoperto numerosi incarichi accademici, anche a livello internazionale, e istituzionali in Italia. Ha partecipato a due commissioni governative sugli studi sulla povertà, la prima, presieduta da Ermanno Gorrieri, voluta dall'allora presidente del consiglio Bettino Craxi, successivamente , dal 1996 al 2001, a quella istituita dall'allora ministro della solidarietà sociale Livia Turco. Tra il 1999 e il 2001 ne è anche stata la presidente[2].

Chiara Saraceno è anche collaboratrice dei siti lavoce.info, neodemos.it, sbilanciamoci.info, ingenere.it ed editorialista del quotidiano la Repubblica.

Nel 2005 è stata nominata Grand'ufficiale della Repubblica Italiana dal Presidente Carlo Azeglio Ciampi.[3]

Nel 2011 è stata nominata corresponding fellow della British Academy.[4]

Nel 2017 ha ricevuto il Premio Feronia-Città di Fiano.

Pubblicazioni (selezione)[modifica | modifica wikitesto]

  • L'equivoco della famiglia, Laterza, Bari, 2017 ISBN 978-88-581-2743-8
  • Mamme e papà. Gli esami non finiscono mai, il Mulino, Bologna ISBN 978-88-15-26631-6
  • l lavoro non basta. La povertà in Europa negli anni della crisi, Feltrinelli, Milano 2015 ISBN 978-88-07-10513-5
  • Il welfare. Modelli e dilemmi della cittadinanza sociale, il Mulino, Bologna 2013.ISBN 978-88-15-24480-2
  • Eredità, Rosenberg & Sellier, Torino 2013. ISBN 978-88-7885-207-5
  • con Manuela Naldini, Sociologia della famiglia, il Mulino, terza ed. aggiornata, Bologna 2013. ISBN 978-88-15-24584-7
  • con Nicola Sartor, Giuseppe Sciortino (eds), Stranieri e disuguali, il Mulino, Bologna 2013. ISBN 978-88-15-24643-1
  • con Jane Lewis, Arnlaug Leira (eds), Families and Family policies, Edward Elgar, Cheltenham 2012. ISBN 978-1-84844-782-0
  • con M. Naldini, Conciliare famiglia e lavoro. Vecchi e nuovi patti tra sessi e generazioni, il Mulino 2011 ISBN 978-88-15-23304-2
  • Cittadini a metà, Rizzoli, Milano 2012.ISBN 978-88-17-05510-9
  • Coppie e famiglie. Non è questione di natura, Feltrinelli, Milano 2012 (2ª edizione aggiornata 2016).ISBN 978-88-07-10487-9
  • con G. Laras, Onora il padre e la madre, il Mulino, Bologna 2010. ISBN 978-88-15-13777-7
  • con Andrea Brandolini e Antonio Schizzerotto (eds.), Dimensioni della disuguaglianza in Italia: povertà, salute, abitazione, il Mulino, Bologna 2009.ISBN 978-88-15-13314-4
  • Families, Ageing and Social Policy. Intergenerational Solidarity in European Welfare States, Cheltenham, UK: Edward Elgar, 2008.ISBN 978-1-84720-648-0
  • con Leira, Arnlaug (eds.), Childhood: Changing Contexts. Comparative Social Research, Vol. 25, Bingley, UK: Emerald 2008. ISBN 978-0-76-23-1419-5
  • con Alber, Jens e Tony Fahey (eds.), Handbook of Quality of Life in the Enlarged European Union, London: Routledge 2007.ISBN 0-415-42467-4
  • a cura di, Dinamiche assistenziali in Europa, il Mulino, Bologna 2004.
  • con Andrea Brandolini (eds.), Povertà e benessere. Una geografia delle disuguaglianze in Italia, Ricerche e studi dell'Istituto Cattaneo, il Mulino 2007.ISBN 978-88-15-12060-1
  • Mutamenti della famiglia e politiche sociali in Italia, il Mulino, Bologna 2003.
  • a cura di, Diversi da chi? Gay, lesbiche e transessuali in una città metropolitana, Guerrini, Milano 2003.
  • a cura di, Social assistance Dynamics in Europe, Bristol, Policy Press, 2002 ISBN 1-86134-314-0
  • con Marzio Barbagli, Separarsi in Italia, il Mulino, Bologna 1998.
  • (a cura, con Simonetta Piccone Stella, Genere. La costruzione sociale del femminile e del maschile, Il mulino, Bologna, 1996, ISBN 88-15-05523-1
  • con Nicola Negri, Le politiche contro la povertà in Italia, il Mulino, Bologna 1996.
  • Sociologia della famiglia, il Mulino, Bologna 1988 (seconda ed. 1996).
  • Pluralità e mutamento. Riflessioni sull'identità femminile, Franco Angeli, Milano 1987 (quarta ed. 1992).
  • a cura di, Il lavoro mal diviso, De Donato, Bari 1980.
  • Anatomia della famiglia, De Donato, Bari 1976 (terza ed. 1978).
  • con Gian Enrico Rusconi, Ideologia religiosa e conflitto sociale, De Donato, Bari 1970.
  • Dalla parte della donna, De Donato, Bari 1970.

Svariati articoli su riviste scientifiche e volumi nazionali ed internazionali. Tra i più recenti:

  • Keck Wolfgang and Chiara Saraceno, The Impact of Different Social-Policy Frameworks on Social Inequalities among Women in the European Union: The Labour-Market Participation of Mothers, Social Politics: International Studies in Gender, State & Society, 2013, On line first, May 2013.
  • Nazio Tiziana, Saraceno Chiara, Does Cohabitation Lead to Weaker Intergenerational Bonds Than Marriage? A Comparison Between Italy and the United Kingdom, European Sociological Review, 3, 29, 2013, pp.549-564.
  • Saraceno, Chiara and Keck, Wolfgang, “Towards an integrated approach for the analysis of gender equity in policies supporting paid work and care responsibilities”, Demographic Research, Vol. 25, 11, 2011, pp.471-306.
  • M. Naldini, Chiara Saraceno Social and Family Policies in Italy: not totally frozen but far from structural reforms, in: Social Policy & Administration, 42, 7, pp.  733–748. http://www3.interscience.wiley.com/journal/121496242/abstract.
  • Social inequalities in facing old-age dependency: a bi-generational perspective, Journal of European Social Policy, 20, 1, 2010, pp.  32–44. http://esp.sagepub.com/cgi/content/abstract/20/1/32.
  • W. Keck, Chiara Saraceno, Can we identify intergenerational policy regimes in Europe?, in: European Societies, 12(5),2010, pp.  675–696. http://www.informaworld.com/smpp/content~content=a923378827.
  • Trudie Knijn, Chiara Saraceno, Changes in the Regulation of Responsibilities Towards Childcare Needs in Italy and the Netherlands: Different Timing, Increasingly Different Approaches, Journal of European Social Policy, 2010, 20(5), pp. 444–455.http://esp.sagepub.com/content/20/5/444.short.
  • Childcare needs and childcare policies: A multidimensional issue, Current Sociology, 59 (1), 2011, pp.  78–96. http://csi.sagepub.com/content/59/1/78.abstract.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 8 marzo 2005[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chiara Saraceno » Collegio Carlo Alberto
  2. ^ Copia archiviata, su lavoro.gov.it. URL consultato il 6 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2013).
  3. ^ [1]
  4. ^ Corresponding Fellows - British Academy Archiviato il 7 gennaio 2014 in Internet Archive.
  5. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27128539 · ISNI (EN0000 0001 1610 8460 · SBN IT\ICCU\CFIV\036963 · LCCN (ENn80138467 · BNF (FRcb12283384v (data)