Gualberto Alvino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gualberto Alvino (Roma, 10 settembre 1953) è un filologo, critico letterario e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua attività di critico militante sulle pagine culturali di quotidiani, per poi proseguirla su riviste letterarie, tra le quali La Taverna di Auerbach, rivista internazionale di poetiche intermediali diretta da Giovanni Fontana, curando un numero dedicato ad Antonio Pizzuto,[1] e Dismisura, di cui è stato collaboratore fisso, contribuendo con testi narrativi e traduzioni di poeti inglesi (William Blake, Thomas S. Eliot, Dylan Thomas).

Come critico e filologo, ha mostrato fin dagli inizi interesse per gli autori maggiormente attenti all'aspetto formale delle loro opere, da Gesualdo Bufalino[2] a Vincenzo Consolo[3], da Stefano D'Arrigo[4] a Sandro Sinigaglia[5], da Nanni Balestrini[6] a Pizzuto[7], studiandone in diversi saggi la struttura linguistica e stilistica, la quale «lungi dal rappresentare un mero ingrediente del testo, è il testo»[8].

Nel 1996 la Fondazione Antonio Pizzuto lo incarica di curare i carteggi dell'omonimo scrittore palermitano col filologo Gianfranco Contini, con la studiosa tedesca Margaret Piller Contini e col presidente dell'Accademia della Crusca Giovanni Nencioni, e di allestire le edizioni critiche degli inediti Giunte e virgole e Spegnere le caldaie[9].

Nel 1998 inizia la sua collaborazione continuativa con la rivista di letteratura contemporanea Avanguardia, diretta da Francesca Bernardini Napoletano e Aldo Mastropasqua dell'università “La Sapienza” di Roma; nel 2006 vi pubblica un'inchiesta sulla narrativa degli anni Duemila.[10]

Nel 2001 vince il premio Feronia-Città di Fiano [11] con la raccolta di saggi Chi ha paura di Antonio Pizzuto? Saggi, note, riflessioni, ove indaga il complesso lessico pizzutiano, fornendo, tra l'altro, un glossario di tutti i neologismi attribuibili allo scrittore.

Nel 2008 esordisce nella narrativa con il romanzo Là comincia il Messico, che tratta i temi della solitudine e della follia.

Dal 2005 tiene una rubrica di scritti "corsari" sulla rivista Fermenti, del cui comitato di redazione è membro dal 2008. Dirige per le Edizioni Polistampa la collana "Opere di Pizzuto"[12] ed è consulente scientifico della Fondazione Antonio Pizzuto in Roma. Nel 2009 diventa redattore di "Le Reti di Dedalus", rivista online del Sindacato Nazionale Scrittori. È referente scientifico di Oblio ("Osservatorio Bibliografico della Letteratura Italiana Otto-novecentesca"). Collabora con l'Istituto della Enciclopedia Italiana.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • La parola verticale. Pizzuto, Consolo, Bufalino, Napoli, Loffredo Editore-University press, 2012, ISBN 978887564563-2
  • Scritti diversi e dispersi (2000-2014), prefazione di Mario Lunetta, Roma 2015. ISBN 9788897171584
  • Per Giovanni Nencioni, Roma, Fermenti, 2017. ISBN 978-88-87959-95-6
  • Dinosauri e formiche. Schegge di critica militante, Roma, Novecento Libri, 2018, ISBN 9-788894-340686

Edizioni critiche[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Nencioni-A. Pizzuto, Caro Testatore, Carissimo Padrino. Lettere (1966-1976), Firenze 1999 ISBN 88-8304-047-3
  • A. Pizzuto, Pagelle, Firenze, Polistampa, 2010.
  • A. Pizzuto, Si riparano bambole, Milano, Bompiani, 2010.
  • G. Contini-S. Sinigaglia, "Come per una congiura. Corrispondenza (1944-1989)", Firenze, Edizioni del Galluzzo per la Fondazione Ezio Franceschini, 2015.

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

Testi teatrali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antonio Pizzuto, Inediti e scritti rari, a cura di G. Alvino, "La Taverna di Auerbach", a. II 1988, n. 2-4.
  2. ^ G. Alvino, Artificio e pietà. Contributo allo studio di Gesualdo Bufalino, in "Campi immaginabili", a. II 2001, n. 25, pp. 143-63.
  3. ^ G. Alvino, La lingua di Vincenzo Consolo, in "Italianistica", a. XXVI 1997, n. 2, pp. 321-33.
  4. ^ G. Alvino, Onomaturgia darrighiana, in "Studi linguistici italiani", a. XXII 1996, fasc. I, pp. 74-88 e fasc. II, pp. 235-69.
  5. ^ G. Alvino, Aditus ad antrum. Il lessico di Sandro Sinigaglia, in "Microprovincia", gennaio-dicembre 2002, n. 40 (NS), pp. 107-30.
  6. ^ Un inedito di Nanni Balestrini a cura di G. Alvino, in "Fermenti", a. XXXVII 2008, n. 232, fasc. 1, pp. 217-21.
  7. ^ G. Alvino, Onomaturgia pizzutiana, in "Studi Linguistici Italiani", a. XIX 1993, pp. 84-122 e XX 1994, pp. 273-86.
  8. ^ G. Alvino, Critica grammaticale e critica estetica, in "Humanitas", a. LVI, settembre-dicembre 2001, n. 5-6, pp. 716-733 (atti del convegno Gianfranco Contini. Tra filologia ed ermeneutica, Università di Venezia e Biblioteca Nazionale Marciana, 24-25 ottobre 2000).
  9. ^ P. Perilli, "Pizzuto. Inchiesta sull'autore smarrito", articolo su Il Giornale del 23 gennaio 2009, p.20 (testo on-line).
  10. ^ G. Alvino, Inchiesta sul romanzo, in "Avanguardia", a. XI 2006, n. 31, pp. 27-60.
  11. ^ Il «Feronia 2001» a Baino, Sanavio e Alvino Riconoscimento speciale al cubano Retamar
  12. ^ Scheda sulla collana sul sito della casa editrice "Polistampa".

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN46877727 · ISNI (EN0000 0000 8125 2867 · SBN TSAV008752 · LCCN (ENn00037965 · BNF (FRcb125669145 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n00037965