Mario Lunetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mario Lunetta (Roma, 23 novembre 1934Roma, 6 luglio 2017) è stato uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di famiglia piccolo borghese, nasce e cresce alla Garbatella. Sperimentatore nei più diversi generi letterari e artistici, ha collaborato ai programmi culturali della RAI e a decine di giornali e riviste italiane e straniere, tra cui L'Unità, Corriere della Sera, Il Messaggero, Rinascita, Il manifesto e Liberazione. Curatore di importanti antologie (Il surrealismo, Roma, Editori Riuniti, 1976; Poesia italiana oggi, 1981, e, in collaborazione con Franco Cavallo, Poesia italiana della contraddizione, 1989, entrambe edite a Roma, Newton Compton), ha introdotto e curato opere, tra gli altri, di Italo Svevo, Emily Bronte, Émile Zola, Federico De Roberto, Gustave Flaubert, Dino Campana e Velso Mucci. Nel 2004 ha vinto il Premio Nazionale Letterario Pisa nella sezione Poesia e nel 2006 il Premio Alessandro Tassoni alla carriera [1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Risultati 2006 Premio Alessandro Tassoni [1]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Invito alla lettura di Italo Svevo, Milano, Mursia, 1972
  • Dell'elmo di Scipio, Venezia-Padova, Marsilio, 1974
  • I ratti d'Europa, Roma, Editori riuniti, 1977
  • La presa di Palermo: poesie 1972-77, Manduria, Lacaita, 1979
  • Chez Giacometti: 13 poesie 13, Roma, Carte segrete, 1979
  • Flea market, Napoli, Guida, 1983
  • Puzzle d'autunno: romanzo, Milano, Camunia, 1989
  • Le dimore di Narciso, Roma, Rai-Eri, 1997
  • Montefolle: romanzo, Roma, Quasar, 1999
  • Roulette occidentale: poesie 1991-1997, Lecce, P. Manni, 2000
  • Cani abbandonati: racconti, Roma, Odradek, 2003
  • Doppio fantasma: 91 poesie per 91 artisti, Roma, Fermenti, 2003
  • Figure lunari, Roma, Robin, 2004
  • La notte gioca a dadi, Roma, Newton Compton, 2008
  • Metasintassi, Alfio Di Bella/Mario Lunetta, Roma, Onyx, 2012

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN79127592 · LCCN: (ENn79121658 · SBN: IT\ICCU\CFIV\011489 · ISNI: (EN0000 0001 0919 0849 · GND: (DE119439514 · BNF: (FRcb12709757q (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie