Peter Gomez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Peter Gomez al Festival Internazionale del Giornalismo nel 2015

Peter Gomez Homen (New York, 23 ottobre 1963) è un giornalista, saggista, conduttore televisivo, autore televisivo, opinionista e blogger statunitense naturalizzato italiano[1], fondatore e dal 23 settembre 2009 direttore della versione online de il Fatto Quotidiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Peter Gomez è nato a New York da Filippo Gomez Homen, manager pubblicitario, e Fabricia Fossati, città in cui si trovavano per ragioni di lavoro. Ha trascorso gli anni della giovinezza a Verona, dove ha frequentato il liceo scientifico Messedaglia, quindi la facoltà di giurisprudenza e al contempo una scuola di giornalismo. Abbandonati gli studi universitari a cinque esami dalla laurea,[2] nel 1984 iniziò a lavorare al quotidiano veronese L'Arena.

Trasferitosi a Milano nel 1986, approdò a Il Giornale per poi seguirne il fondatore Indro Montanelli a La Voce lungo tutti i tredici mesi di vita di quel quotidiano (1994-1995).

Dal 1996 a 2009 fu inviato de L'Espresso, dove si occupò di tutti i più importanti casi di corruzione politica e giudiziaria, nonché di mafia, e contestualmente anche collaboratore di MicroMega. Ha seguito tutti i principali scandali politici italiani, tra cui: Tangentopoli, le stragi di mafia del 1992-93, i rapporti tra Silvio Berlusconi e Cosa nostra, oggetto di molti suoi libri d'indagine. Autore di decine di scoop e di una quindicina di saggi, è passato dalla cronaca giudiziaria al giornalismo investigativo. I suoi saggi, molti dei quali scritti assieme a Marco Travaglio, sono stati nelle classifiche dei libri più venduti.

Nel 2009, lasciato L'Espresso, fu tra i fondatori de Il Fatto Quotidiano del quale fin dall'inizio dirige la versione online[3] tenendovi anche un proprio blog[4]. Dal 2017 dirige anche la rivista mensile del quotidiano, FQ Millennium.

Opinionista televisivo per Rai e LA7, da ottobre 2017 conduce sul canale NOVE il programma La confessione, nel quale intervista personaggi famosi. Nel settembre 2019 presenta anche due inchieste televisive sul mondo delle droghe e della pornografia, dal titolo Enjoy[5]. Nella stagione 2019-2020 ha condotto, sempre su NOVE, la rubrica quotidiana di approfondimento e di attualità Sono le venti[6].

A partire da febbraio 2024, La confessione passa su Rai 3, sostituendo Avanti popolo, condotto da Nunzia De Girolamo, a causa dei bassi ascolti.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ha avuto una figlia, Olga, con la ex compagna Laura Urbinati, stilista romana.[7]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista a Peter Gomez di Cecilia Moretti, Il Secolo d'Italia, 3 ottobre 2010
  2. ^ Tagadà, LA7, 3 ottobre 2023.
  3. ^ Il Fatto Quotidiano, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 1º settembre 2013 (archiviato il 2 settembre 2013).
  4. ^ Blog di Peter Gomez, su ilfattoquotidiano.it, il Fatto Quotidiano. URL consultato il 1º settembre 2013 (archiviato il 5 settembre 2013).
  5. ^ discovery ha un problema e sono gli ascolti (e l'identita') del canale nove - l'analisi, su m.dagospia.com, 30 settembre 2019. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2020).
  6. ^ La Confessione | Guarda su DPlay, su it.DPlay.com. URL consultato il 26 gennaio 2020 (archiviato il 7 aprile 2020).
  7. ^ https://www.donnaglamour.it/chi-e-laura-urbinati/curiosita/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN46842484 · ISNI (EN0000 0000 5510 8642 · SBN LO1V131468 · LCCN (ENn95002553 · GND (DE133649997 · WorldCat Identities (ENlccn-n95002553