Peter Gomez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Peter Gomez al Festival Internazionale del Giornalismo nel 2015

Peter Gomez (New York, 23 ottobre 1963) è un giornalista e scrittore italo-statunitense.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la scuola di giornalismo inizia a lavorare al quotidiano L'Arena di Verona. Nel 1986 approda a Il Giornale diretto da Indro Montanelli e lo segue a La Voce fino alla chiusura del quotidiano.

Dal 1996 è inviato de L'Espresso, dove si occupa di tutti i più importanti casi di corruzione politica, giudiziaria e molto di mafia. Collaboratore di MicroMega ha scritto una quindicina di saggi.

Negli ultimi 26 anni ha seguito tutti i principali scandali politici italiani: Tangentopoli, le stragi di mafia 1992-93, i rapporti di Berlusconi con la mafia siciliana, oggetto di molti libri d'indagine. Autore di decine di scoop è passato dalla cronaca giudiziaria al giornalismo investigativo. I suoi saggi, la maggior parte dei quali pubblicati con Marco Travaglio, sono stati nelle classifiche dei libri più venduti.

Nel 2009, lasciato L'Espresso, è tra i giornalisti fondatori de Il Fatto Quotidiano, di cui dirige dall'inizio la versione online[2] e in cui gestisce un proprio blog[3]. Dal 2017 ne dirige la rivista mensile, FQ Millenium. Da ottobre 2017, sul canale Nove, conduce La Confessione, dove intervista personaggi famosi.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

La confessione (Nove, 2017)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista a Peter Gomez di Cecilia Moretti, Il Secolo d'Italia, 3 ottobre 2010
  2. ^ Il Fatto Quotidiano
  3. ^ Blog di Peter Gomez, il Fatto Quotidiano.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN46842484 · SBN IT\ICCU\LO1V\131468