Edoardo Bruno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Edoardo Bruno (Roma, 11 settembre 1928) è un critico cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1950 è direttore della rivista Filmcritica, fondata a Roma con l'apporto di Umberto Barbaro, Galvano Della Volpe, Roberto Rossellini e Giuseppe Turroni, con la quale ha creato un dibattito sulla cultura cinematografica in Italia. Laureato in giurisprudenza a Roma con Arturo Carlo Jemolo, discutendo la tesi tra Stato e Chiesa, ha frequentato anche la facoltà di Lettere e Filosofia, dove conosce il poeta Giuseppe Ungaretti, il filosofo Galvano Della Volpe, lo studioso di cinema Umberto Barbaro e il regista Roberto Rossellini. Diventato giornalista, spinto dal suo professore di liceo l'antropologo Ernesto de Martino, Bruno iniziò a scrivere, intorno il 1948-1949, delle riviste cinematografiche. Agli inizi degli anni Cinquanta, era stato un collaboratore di terza pagina di Avanti!,[1] come ruolo di critica cinematografica teatrale. La conoscenza, al Festival di Cannes del 1950, del critico cinematografico André Bazin lo aiutò a diventare un vero e proprio critico cinematografico. Ha collaborato anche con la RAI, agli inizi degli anni Sessanta come insegnante di storia è teatro e dello spettacolo presso le università di Palermo e di Salerno, e successivamente divenne insegnante di storia e critica di film all'università di Roma e di storia del cinema di Firenze.[1]

A partire dagli anni Ottanta, con la sua associazione Filmcritica, ha animato iniziative culturali, come il Premio Umberto Barbaro per un libro di cinema e il Premio Campidoglio-Maestri del Cinema. Ha lavorato nella Mostra del cinema di Venezia per la quale ha curato varie retrospettive (René Clair, Luis Buñuel, Jean Cocteau). Negli anni Novanta iniziò a occuparsi di filosofia. Vinse anche il Premio Vittorio De Sica.[2]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Tendenze del cinema contemporaneo (Roma 1965)
  • Film altro reale (Roma 1978)[3],
  • Il senso in più (Roma 1981)
  • Film come esperienza (Roma 1986)[4]
  • Dentro la stanza (Roma 1990)
  • Pranzo alle otto (Milano 1994)
  • Antologia del pensiero critico (Roma 1997)
  • Il pensiero che muove (Roma 1998)
  • Espressione e ragione in Stroheim (Testo & Immagine 2000)
  • Del gusto (Roma 2001)
  • L'occhio, probabilmente. Un percorso poetico-politico (Manifestolibri 2016)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b BRUNO, Edoardo in "Enciclopedia del Cinema", su www.treccani.it. URL consultato il 07 luglio 2016.
  2. ^ edoardo bruno | filmcritica rivista, su rivistafilmcritica.wordpress.com. URL consultato il 07 luglio 2016.
  3. ^ Edoardo Bruno, Film, altro reale, Il formichiere, 1° gennaio 1978. URL consultato il 12 agosto 2016.
  4. ^ Edoardo Bruno, Film Come Esperienza, Bulzoni, 1° gennaio 1986. URL consultato il 12 agosto 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • F. Segatori, L'avventura estetica 1950-1995, Milano, Filmcritica, 1996.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN79046691 · LCCN: (ENn79062664 · ISNI: (EN0000 0001 1576 0254 · GND: (DE127234071 · BNF: (FRcb120308159 (data)