Premio Alassio Centolibri - Un autore per l'Europa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Premio Alassio)
Jump to navigation Jump to search

Il premio Alassio Centolibri – Un autore per l'Europa è un riconoscimento a cadenza annuale la cui finalità è il sostegno ed il miglioramento dei rapporti culturali con le nazioni europee, all'insegna di una crescente circolazione delle idee, fondamentale per lo sviluppo di uno spirito unitario nei cittadini dei vari paesi dell'Unione. Dal 1994 è organizzato e gestito dalla città di Alassio in collaborazione con la biblioteca sul mare “Renzo Deaglio”. Vanta l'alto patrocinio della Presidenza del Consiglio dei ministri, dei Ministero degli affari esteri e del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Nel 1974 il debutto con un giovanissimo Piero Angela (vincitore nel 2010 del "Premio Alassio per l'informazione culturale"). Lo hanno seguito autori del calibro di Carlo Levi, Giorgio Barberi Squarotti, Dacia Maraini: gli incontri proseguono ogni anno e contribuiscono a diffondere un'immagine di Alassio alternativa a quella legata unicamente al turismo estivo.

La storia del premio[modifica | modifica wikitesto]

Il premio letterario è il punto di arrivo di venti anni di iniziative di promozione culturale sostenute dalla città di Alassio e dalla sua biblioteca. Dal 1974 i maggiori scrittori italiani si sono avvicendati sul palco della città del Muretto per presentare le loro opere, grazie agli “Incontri con l'autore”. Grazie al contributo di un gruppo di intellettuali e di operatori culturali gravitanti intorno alla biblioteca civica, nasce l'idea di concretizzare venti anni di iniziative di promozione culturale: data al 1994 la prima edizione del premio letterario "Un autore per l'Europa", assegnata a Gabriele Romagnoli, la cui finalità è il sostegno ed il miglioramento dei rapporti culturali con le nazioni europee, all'insegna di una crescente circolazione delle idee, fondamentale per lo sviluppo di uno spirito unitario nei cittadini dei vari paesi dell'Unione. Seguono, in una manciata di anni, altri due riconoscimenti: nel 1999 il premio "Un editore per l'Europa" e nel 2006 il premio "Alassio per l'informazione culturale".

Segue nei vent'anni successivi un palmarès di tutto rispetto: l'albo d'oro del premio comprende, tra gli altri, Francesco Biamonti, Maurizio Maggiani, Simonetta Agnello Hornby, Paola Mastrocola, Marcello Fois, Paolo Giordano, Margaret Mazzantini, Michela Murgia, Valeria Parrella e Fabio Stassi. L'ispirazione europeista si riscontra nella propensione alla diffusione letteraria e nella creazione di quell'identità culturale che è prologo indispensabile all'unità politica ed ideale tra Paesi, ma anche nella giuria formata da italianisti operanti nelle principali Università europee.

Regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Istituito nel 1995, il premio letterario “Alassio Centolibri - Un autore per l'Europa” nel 2014 celebra la 20esima edizione. Il riconoscimento è destinato alle opere letterarie pubblicate in Italia tra il 1º aprile dell'anno precedente e il 31 marzo di quello in corso. Prevede l'intervento di una commissione tecnica presieduta da Giovanni Bogliolo, già rettore dell'Università di Urbino, e composta da otto membri scelti tra insegnanti, lettori e critici letterari cui spetta la scelta di una rosa di cinque opere finaliste[1]. A queste si aggiunge una sesta designazione indicata dai visitatori dello stand della città di Alassio al Salone internazionale del libro di Torino[2]. Tutti gli autori presenziano ad una serie di incontri letterari di presentazione delle opere, programmati a partire dal mese di giugno nella città del Muretto. Poi tocca alla giuria composta da italianisti in forze presso le università estere o critici letterari stranieri che designano l'autore vincitore di ciascuna edizione.

La premiazione avviene ad Alassio con una cerimonia fissata per sabato 30 agosto.

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Il premio “Un autore per l'Europa” è derivazione diretta della manifestazione Alassio Centolibri. Sulla scia della divulgazione culturale che anima l'evento si muovono anche il premio "Un editore per l'Europa" e il "premio Alassio per l'informazione culturale".

Albo d'oro dei premiati[modifica | modifica wikitesto]

Anno Autore vincitore Titolo libro insignito del premio
1995 Gabriele Romagnoli In tempo per il cielo
1996 Rosetta Loy Cioccolata da Hanselmann
1997 Francesco Guccini, Loriano Macchiavelli Macaronì. Romanzo di santi e delinquenti
1998 Francesco Biamonti Le parole la notte
1999 Maurizio Maggiani La regina disadorna
2000 Ernesto Ferrero N.
2001 Bruno Arpaia L'angelo della storia
2002 Laura Pariani Quando Dio ballava il tango
2003 Simonetta Agnello Hornby La mennulara
2004 Paola Mastrocola Una barca nel bosco
2005 Salvatore Mannuzzu Le fate dell'inverno
2006 Claudio Piersanti Il ritorno a casa di Enrico Metz
2007 Marcello Fois Memoria del vuoto
2008 Paolo Giordano La solitudine dei numeri primi
2009 Margaret Mazzantini Venuto al mondo
2010 Michela Murgia Accabadora
2011 Marta Morazzoni La nota segreta
2012 Valeria Parrella Lettera di dimissioni
2013 Fabio Stassi L'ultimo ballo di Charlot
2014 Giorgio Falco La gemella H
2015 Paolo Rumiz Come cavalli che dormono in piedi
2016 Giuseppe Lupo L'albero di stanze

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]