Man Lo Zhang

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Man Lo Zhang (Chongqing, 21 maggio 1980[1]) è un'attrice e personaggio televisivo cinese naturalizzata italiana.

È diventata nota grazie alla sua partecipazione alla sesta edizione del Grande Fratello.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Man Lo è nata a Chongqing, una municipalità della Cina centro-meridionale, dove ha vissuto fino all'età di 6 anni. Successivamente si è trasferita a Pechino, dove vivono i suoi genitori (separati). È arrivata in Italia nel 2003, fermandosi prima a Firenze e poi a Roma[1]. Si è diplomata a Pechino al liceo classico, in Italia ha frequentato il DAMS dell'Università degli Studi Roma Tre per diventare regista cinematografica[2].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 raggiunge la popolarità come concorrente della sesta edizione del Grande Fratello, reality show condotto da Alessia Marcuzzi, in onda su Canale 5. Uscita dalla casa del Grande Fratello è stata protagonista insieme a Claudio Amendola dello spot pubblicitario Walk Tv, un videofonino lanciato dalla compagnia telefonica 3 Italia[3].

Nell'agosto del 2007 è a fianco del noto inviato di Striscia la notizia, Moreno Morello, per la presentazione della finale di Stelle nascenti d’Italia, settima edizione del concorso artistico nazionale di giovani talenti che si è svolto al Lido delle Nazioni (Comacchio, provincia di Ferrara)[4].

Nel 2008 esordisce come attrice nel film Questa notte è ancora nostra diretto dai registi Paolo Genovese e Luca Miniero, con Ilaria Spada, Maurizio Mattioli e Franco Califano. A settembre, ad Amalfi, è membro della giuria (con Renato Balestra, Ela Weber, Franco Oppini e Gerardo Sacco) nella finale nazionale del concorso di bellezza Un volto X Fotomodella[5].

Nel 2009 veste i panni di un'imprenditrice cinese nel film commedia Cenci in Cina, diretto da Marco Limberti con Alessandro Paci e Francesco Ciampi. Poi è una delle protagoniste di Sexy Spies, parodia delle Charlie's Angels, una serie web-tv di 10 puntate dirette da Maccio Capatonda[6]. Nello stesso anno lavora anche in teatro nello spettacolo Animelle 1 euro al chilo, regia di Rocco Ricciardulli[7]. Lo spettacolo è stato poi premiato nell'XI Edizione di Proscenio aggettante, il Festival sul teatro sociale organizzato dalla FITEL, dove Man Lo ha ricevuto uno speciale riconoscimento[8].

Nel 2010 torna sul grande schermo con il film Happy Family, diretto da Gabriele Salvatores con Diego Abatantuono e Fabio De Luigi. Sbarca poi su Bonsai TV con il programma Babel cinese, dove impartisce lezioni di cinese mandarino[9]. La ritroviamo poi in teatro con la commedia Boston Marriage, per la regia di Claudio Orlandini[10].

Nel 2011 è uno dei volti del cortometraggio Insiemi Notturni, per la regia di Chiara Battistini.

Nel 2014 interpreta il ruolo della commessa di un sexy shop, nella sit-com web Funny Toys, per la regia di Yuri Storasi[11][12].

Nel 2016 torna sul grande schermo, per la regia di Rocco Ricciardulli, nel film All'improvviso Komir, con la partecipazione speciale di Gaia Bermani Amaral[13]. Il film è stato presentato all’Italian Film Festival di Berlino del 2015[14].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Animelle 1 euro al chilo, regia di Rocco Ricciardulli (2009)
  • Boston Marriage, regia di Claudio Orlandini (2010)

Web TV[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Man Lo' Zhang, su grandefratellostory.mediaset.it, Grande Fratello. URL consultato il 10 maggio 2019.
  2. ^ Man Lo-Zhang, su corriere.it, Corriere della Sera. URL consultato il 10 maggio 2019.
  3. ^ Dalla tv del Grande Fratello a quella di Tre, su spotanatomy.it, 10 maggio 2006. URL consultato il 10 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2017).
  4. ^ Al Lido delle Nazioni talento e bellezza, in SassuoloOnLine, 1º agosto 2007. URL consultato il 10 maggio 2019.
  5. ^ Un volto X fotomodella: 5 casertane in finale ad Amalfi, in CasertaNews, 3 settembre 2008. URL consultato il 10 maggio 2019.
  6. ^ Sexy Spies, su floptv.tv. URL consultato il 10 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 10 maggio 2019).
  7. ^ Animelle 1 euro al chilo, su teatro.it. URL consultato il 10 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2017).
  8. ^ Teatro Sociale Proscenio Aggettante 2009: grande successo a Castrocaro, su fitel.it. URL consultato il 10 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2017).
  9. ^ Filmato audio Babel, Bonsai TV - YouTube, 12 luglio 2010. URL consultato il 12 maggio 2019.
  10. ^ Rassegna Incontri XVI edizione 2013-2014 (PDF), Comune di Corsico, p. 2. URL consultato il 13 maggio 2019.
  11. ^ Filmato audio Yuri Storasi, “Funny Toys” Episodio 1/10 - La Stagista, 20 novembre 2013. URL consultato il 13 maggio 2019.
  12. ^ Filmato audio Yuri Storasi, 2 Funny Toys Il Regalo, su YouTube, 11 novembre 2014. URL consultato il 13 maggio 2019.
  13. ^ All'improvviso Komir, su filmitalia.org, Istituto Luce Cinecittà. URL consultato il 13 maggio 2019.
  14. ^ La tratta dei bambini in 'All’improvviso Komir', su news.cinecitta.com, Istituto Luce Cinecittà, 27 ottobre 2016. URL consultato il 13 maggio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]