Luca Filippi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luca Filippi
Filippi4.jpg
Nazionalità Italia Italia
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoria GP2, Auto GP, IndyCar Series Formula E
Squadra NIO
Carriera
Carriera in GP2 Series
Stagioni 2006-2012
Miglior risultato finale 2º (2011)
GP disputati 110
GP vinti 6
Podi 17
Punti ottenuti 200
Pole position 3
Giri veloci 8
Carriera in Formula E
Stagioni Campionato di Formula E 2017-2018
Scuderie NIO
Statistiche aggiornate al 3 Novembre 2017

Luca Filippi (Savigliano, 9 agosto 1985) è un pilota automobilistico italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

All'età di otto anni inizia a correre nei go-kart. Nel 2002 vince la selezione "Astra e Autosprint cercano piloti" e inizia a gareggiare nella Mazda MX-5 Cup ottenendo una vittoria e due podi.

Nel 2003 partecipa al campionato di Formula Renault italiana chiudendo al terzo posto la winter series. Nel 2004 continua nella serie, concludendo il campionato al terzo posto, dietro al suo futuro rivale in GP2 Pastor Maldonado ed a Kohei Hirate. Passa poi alla F3000, vincendo il campionato italiano nel 2005, correndo per la Fisichella Motor Sport. A fine anno collauda per la prima volta una monoposto di Formula 1 della Minardi, nel loro ultimo test nella serie.

GP2 (2006-2012)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 debutta in GP2 disputando 6 gare con la Fisichella Motor Sport che aveva comprato la Coloni, ma effettua le ultime 12 gare con la BCN Competición, concludendo il campionato al diciannovesimo posto.

Nel 2007 passa alla Super Nova, con cui ottiene la pole e la vittoria nella prima gara del primo round in Bahrain, ed il terzo posto nella seconda gara. Nel corso della stagione ottiene altri podi, tutti secondi posti, in Francia, due in Italia ed uno in Belgio, terminando la stagione al quarto posto. Il 14 novembre collauda la monoposto della Honda in Formula 1, ed il 6 dicembre quella della Super Aguri, battendo il titolare Takuma Satō. A Bologna, l'8 dicembre, Filippi è insignito del Casco d'Oro come miglior pilota italiano 2007.

Filippi viene nominato collaudatore ufficiale della Honda per il 2008. Per la stagione 2008 della GP2 Asia Series gareggia con il team malese Meritus, ottenendo 4 punti e concludendo diciassettesimo. Il pilota cambia scuderia approdando alla francese ART Grand Prix di Nicolas Todt, vincitrice dei titoli 2005 e 2006 e classificatasi seconda nel 2007, per il 2008, a fianco di Romain Grosjean. A seguito di un inizio di stagione non ottimo, Sakon Yamamoto prende il suo posto dopo 10 gare e Filippi si accasa alla Arden al posto di Yelmer Buurman. Non migliora e finisce la stagione al diciannovesimo posto.

Filippi a Silverstone nel 2008

Per la seconda stagione di GP2 Asia ritorna alla BCN Competición, ma dopo il primo round Tiago Monteiro compra il team rinominandolo Ocean Racing Technology, e Filippi viene sostituito da Fabrizio Crestani. Nella stagione 2009 approda nuovamente alla Super Nova ed ottiene un quarto posto nella gara uno di Barcellona ed un secondo posto nella gara uno di Istanbul. Dopo una stagione ricca di alti e bassi, termina l'anno con la grande vittoria in Portogallo nell'ultima gara, chiudendo il campionato in quinta posizione. Torna nuovamente al Team Meritus per la GP2 Asia, ottenendo la prima vittoria della scuderia in Bahrain e terminando al secondo posto dietro al connazionale Davide Valsecchi e davanti a Giacomo Ricci.

Comincia il 2010 senza un contratto, ma rientra alla Super Nova sostituendo l'infortunato Josef Král per 10 gare, ottenendo 5 punti, terminando ventesimo, e diventando il pilota più esperto della serie battendo il precedente record di Javier Villa di 82 gare. Filippi corre anche la stagione 2010 di Auto GP con le scuderie Euronova Racing e Super Nova Racing, ottenendo tre podi in 10 gare, di cui due vittorie, una alla prima gara di Brno ed una all'ultima a Monza, concludendo quinto un campionato dominato da Romain Grosjean, che anche saltando le prime quattro gare ottiene quattro vittorie battendo di 16 punti Edoardo Piscopo.

Filippi alla prima variante di Monza nel 2011

Nel 2011 partecipa nuovamente al campionato di GP2 Asia, subentrando a James Jakes alla Scuderia Coloni per il secondo round ad Imola, non riuscendo a terminare a punti nessuna delle due gare, concludendo quindi ventesimo. Per la stagione 2011 della GP2 firma nuovamente per la Super Nova al fianco del malese Fairuz Fauzy. Dopo 10 gare, di cui due a punti, entrambe a Monaco, tra cui un terzo posto, passa alla Scuderia Coloni al posto del connazionale Kevin Ceccon, che a sua volta aveva sostituito l'infortunato Davide Rigon. Subito alla prima gara al Nürburgring si qualifica secondo, ma ottiene vittoria e giro veloce, festeggiando nel migliore dei modi la sua centesima gara. Nella seconda gara ottiene il terzo posto. In Ungheria ottiene nuovamente il secondo tempo in qualifica, ma termina sesto, anche se con il giro veloce, ottenendo 4 punti, e nella seconda gara si ritira dopo 13 giri. Ancora una volta a Spa si qualifica secondo, e termina la prima gara quarto, per poi vincere con il giro veloce la seconda gara del giorno dopo. Nella sua gara di casa a Monza si qualifica sempre al secondo posto, ma in gara uno scavalca Charles Pic che partiva davanti a lui e vince, ottenendo anche il giro veloce. Questi risultati lo portano a battagliare per il secondo posto in classifica piloti, con lui, Pic, Jules Bianchi e Giedo van der Garde ancora matematicamente in lotta per il posto di vice-campione prima dell'ultima gara. Partendo ottavo, con Bianchi in pole position, alla prima curva viene speronato da Pic che si ritira, mentre Filippi continua seppure con la pancia sinistra leggermente danneggiata. Bianchi intanto aveva perso la prima posizione ed era diventato terzo, e con Filippi quinto sarebbero stati appaiati in quanto a punti, ma l'italiano sarebbe stato secondo avendo vinto più gare. A questo punto a Bianchi serviva il giro veloce per batterlo, ma è Filippi a farlo segnare, concludendo quindi il campionato secondo, con 1 punto di vantaggio su Bianchi, 2 su Pic e 5 su van der Garde. Guida anche la Super Nova in Auto GP, saltando due appuntamenti a Donington e terminando secondo, 3 punti dietro a Kevin Ceccon, il cui posto aveva preso in GP2, con una vittoria e sei podi all'attivo.

Il 7 marzo 2012 Filippi viene ingaggiato dalla scuderia Rahal Letterman Racing per correre in IndyCar, ma non riesce a disputare i primi quattro gran premi che la squadra ha disputato solamente con Takuma Satō. Non riesce a correre nemmeno alla 500 Miglia di Indianapolis in quanto viene sostituito dal messicano Michel Jourdain Jr. e nemmeno nel resto della stagione. Successivamente ritorna a correre in GP2 con la Scuderia Coloni, squadra con la quale ha corso anche nella stagione 2011, al posto di Stefano Coletti negli ultimi due eventi stagionali, vincendo Gara 1 a Monza.

Rimasto senza sedile, durante buona parte della stagione 2012 ha commentato le gare della IndyCar Series per Sky Sport al fianco di Carlo Vanzini.[1] Per la stagione 2013 di Formula 1 Filippi continua la sua carriera da commentatore affiancando Vanzini, il collaudatore Ferrari Marc Gené e il campione del mondo 1997 Jacques Villeneuve.[2]

IndyCar Series (2013-oggi)[modifica | modifica wikitesto]

2013: Barracuda Racing[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 agosto 2013 è stato scelto dal team Bryan Herta Autosport della Indycar come sostituto di Alex Tagliani, che aveva chiuso i rapporti con la scuderia per mancanza di risultati.[3] Ha esordito in Indy sul circuito di Mid-Ohio, classificandosi al sedicesimo posto. Prende parte poi al Gran Premio di Baltimora ma non riesce a finire la gara. Nelle due gare di Houston ottiene rispettivamente la decima e la diciannovesima piazza (con giro veloce). Nella classifica finale è 30º con 53 punti.

2014: RLL Racing[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 è stato ingaggiato dal team Rahal Letterman Lanigan Racing per disputare gli eventi di Houston e Toronto.[4] Nella prima gara a Houston, Filippi ottiene la quarta posizione nelle qualifiche, ma poi in gara, in condizioni di pioggia intermittente, commette un errore e pone fine alla sua gara mentre si trovava 7º. A Toronto, si corrono Gara 1 e Gara 2 nella stessa giornata, dal momento che al sabato l'evento viene rimandato causa pioggia. In Gara 1, partendo settimo, al via Filippi è protagonista di un contatto con Simon Pagenaud, che innesca poi una carambola. Mentre si trovava in quinta posizione, Filippi tocca il muro e danneggia la sua Dallara, ritirandosi. In Gara 2 si parte secondo la classifica piloti e Filippi parte in ultima posizione. Dopo pochi giri guadagna posizioni e si ritrova in quarta piazza. Quando comincia a piovere Filippi commette un errore finendo ancora una volta a muro; riesce a ripartire, ma perde posizioni. Poi resta coinvolto nella carambola innescata da Carlos Huertas e conclude 13º. Una penalità di tempo lo fa arretrare in 16ª posizione, per una sosta ai box quando la pitlane era chiusa.

2015: CFH Racing[modifica | modifica wikitesto]

Luca Filippi in azione a St. Petersburg nel 2015
Luca Filippi a Sonoma nel 2015

Nel 2015 viene ingaggiato dal CFH Racing (nato dalla fusione dei team Ed Carpenter Racing e Fisher Hartman Racing) per correre tutte le gare sui circuiti cittadini e stradali della stagione. La vettura #20 viene invece portata in pista sugli ovali dal team owner Ed Carpenter. Filippi è protagonista di alcune belle gare, tra cui i piazzamenti a punti di St. Petersburg e New Orleans, ma soprattutto a Toronto, dove l'italiano conquista il podio con un secondo posto alle spalle del compagno di squadra Josef Newgarden. Tuttavia, Filippi rimane spesso vittima di episodi molto sfortunati che gli fanno perdere molti punti in classifica. A fine stagione, con l'uscita di Sarah Fisher dal team, Ed Carpenter riduce il suo impegno e decide di schierare la #20 solo sugli ovali nella stagione successiva (sarà invece poi affidata sugli stradali a Spencer Pigot a partire da metà anno).

2016: Dale Coyne Racing[modifica | modifica wikitesto]

Per la stagione 2016, Luca Filippi riesce a stringere un accordo all'ultimo momento con il team Dale Coyne Racing per correre l'intera stagione al fianco di Conor Daly. Tuttavia, a causa della scarsa competitività della vettura e, ancora, di episodi sfortunati, l'italiano non riesce a conquistare risultati di rilievo nelle prime quattro gare della stagione. A Phoenix Filippi corre la sua prima gara su un circuito ovale, giungendo al traguardo in 20ª posizione. Alla vigilia del GP of Indianapolis, il team Coyne annuncia l'ingaggio del colombiano Gabby Chaves per l'evento e per la 100th Indianapolis 500, di fatto appiedando il pilota piemontese. Anche nelle successive tappe della stagione, la vettura numero #19 viene affidata a Chaves, che comunque non stupisce. Trovato il supporto di uno sponsor, Luca Filippi riesce a tornare in pista per il weekend di Toronto: in qualifica ottiene un'ottima 11ª posizione dopo alcuni mesi di inattività; in gara chiude solo 14° dopo aver mantenuto la top 10 per gran parte del GP, a causa di una strategia sfortunata, ma termina comunque davanti al compagno di squadra Conor Daly, superato all'ultimo giro.

Formula E[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 ottobre 2017 viene ufficializzato il suo ingresso in Formula E con il NIO Formula E Team.[5]

Risultati in carriera[modifica | modifica wikitesto]

Carriera automobilistica[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Serie Scuderia Gare Pole Vittorie Podi Punti Posizione
2005 Formula 3000 italiana Fisichella Motor Sport 8 4 4 6 65
2006 GP2 Series Fisichella Motor Sport 6 0 0 0 2 19º
BCN Competición 12 0 0 0 5
2007 GP2 Series Super Nova Racing 21 2 1 6 59
2008 Formula 1 Honda Collaudatore
GP2 Asia Series Qi-Meritus Mahara 10 0 0 0 4 17º
GP2 Series ART Grand Prix 10 0 0 1 5 19º
Arden International 10 0 0 0 1
2009 GP2 Asia Series BCN Competición 2 0 0 0 0 NC
GP2 Series Super Nova Racing 20 0 1 4 40
2010 GP2 Asia Series MalaysiaQi-Meritus.com 8 1 1 3 39
GP2 Series Super Nova Racing 10 0 0 0 5 20º
Auto GP Euronova Racing 6 1 1 2 23
Super Nova Racing 4 0 1 1 11
2011 GP2 Asia Series Scuderia Coloni 2 0 0 0 0 20º
GP2 Series Super Nova Racing 10 0 0 1 9
Scuderia Coloni 8 0 3 4 45
Auto GP Super Nova Racing 12 1 1 6 127
2012 GP2 Series Scuderia Coloni 3 1 1 1 29 16º
2013 IndyCar Series Barracuda Racing 4 0 0 0 53 30º
2014 IndyCar Series RLL Racing 4 0 0 0 46 28°
2015 IndyCar Series CFH Racing 10 0 0 1 182 21°
2016 IndyCar Series Dale Coyne Racing 5 0 0 0 61 25°*
2017-18 Formula E NIO Formula E Team -

GP2 Series[modifica | modifica wikitesto]

Anno Scuderia 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 Punti Posizione
2006 Fisichella Motor Sport VAL
Rit
VAL
Rit
SMR
11
SMR
5
EUR
Rit
EUR
Rit
ESP ESP MON 7 19º
BCN Competición GBR
Rit
GBR
9
FRA
Rit
FRA
Rit
GER
21
GER
16
HUN
12
HUN
Rit
TUR
10
TUR
Rit
ITA
4
ITA
7
2007 Super Nova Racing BHR
1
BHR
3
ESP
Rit
ESP
11
MON
4
FRA
4
FRA
2
GBR
5
GBR
7
GER
Rit
GER
Rit
HUN
Rit
HUN
16
TUR
Rit
TUR
7
ITA
2
ITA
2
BEL
2
BEL
7
VAL
18
VAL
6
59
2008 ART Grand Prix ESP
11
ESP
Rit
TUR
16
TUR
14
MON
Rit
MON
12
FRA
10
FRA
3
GBR
8
GBR
Rit
6 19º
Arden International GER
Rit
GER
Rit
HUN
15
HUN
NC
EUR
8
EUR
13
BEL
19
BEL
Rit
ITA
Rit
ITA
Rit
2009 Super Nova Racing ESP
4
ESP
7
MON
Rit
MON
NC
TUR
2
TUR
Rit
GBR
14
GBR
16
GER
Rit
GER
18
HUN
6
HUN
2
VAL
7
VAL
Rit
BEL
Rit
BEL
Rit
ITA
Rit
ITA
Rit
POR
2
POR
1
40
2010 Super Nova Racing ESP ESP MON MON TUR TUR VAL VAL GBR
20
GBR
9
GER
10
GER
7
HUN
14
HUN
6
BEL
5
BEL
Rit
ITA
Rit
ITA
14
ABU ABU 5 20º
2011 Super Nova Racing TUR
Rit
TUR
14
ESP
Rit
ESP
Rit
MON
3
MON
4
VAL
Rit
VAL
15
GBR
13
GBR
12
54
Scuderia Coloni GER
1
GER
3
HUN
6
HUN
Rit
BEL
4
BEL
1
ITA
1
ITA
5
2012 Scuderia Coloni MAL MAL BHR BHR BHR BHR ESP ESP MON MON VAL VAL GBR GBR GER GER HUN HUN BEL BEL ITA
1
ITA
22
SIN
Rit
SIN
NP
29 16º

GP2 Asia Series[modifica | modifica wikitesto]

Anno Scuderia 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 Punti Posizione
2008 Qi-Meritus Mahara DUB1
5
DUB1
Rit
IDN
SQ
IDN
21
MYS
Rit
MYS
Rit
BHR
Rit
BHR
11
DUB2
12
DUB2
Rit
4 17º
2008–2009 BCN Competición CHN
Rit
CHN
Rit
DUB DUB BHR1 BHR1 QAT QAT MYS MYS BHR2 BHR2 0 NC
2009–2010 MalaysiaQi-Meritus.com ABU1
2
ABU1
8
ABU2
14
ABU2
17
BHR1
2
BHR1
18
BHR2
1
BHR2
8
29
2011 Scuderia Coloni ABU ABU ITA
20
ITA
10
0 20º

Auto GP[modifica | modifica wikitesto]

Anno Scuderia 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 Punti Posizione
2010 Euronova Racing BRN
1
BRN
13
IMO
12
IMO
Rit
SPA
2
SPA
5
MAG MAG 34
Super Nova Racing NAV
7
NAV
Rit
MNZ
7
MNZ
1
2011 Super Nova Racing MNZ
2
MNZ
6
HUN
11
HUN
2
BRN
1
BRN
3
DON
2
DON
5
OSC OSC VAL
12
VAL
7
MUG
2
MUG
4
127

IndyCar Series[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra Telaio Motore 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 Punti Posizione
2013 Bryan Herta Autosport Dallara DW12 Honda STP ALA LBH SAO INDY DET1 DET2 TXS MIL IOW POC TOR1 TOR2 MDO
16
SNM BAL
22
HOU1
10
HOU2
19
FON 53 30º
2014 Rahal Letterman Lanigan Racing Dallara DW12 Honda STP LBH ALA IMS INDY DET1 DET2 TXS HOU1
21
HOU2
15
POC IOW TOR1
22
TOR2
16
MDO MIL SNM FON 46 28º
2015 CFH Racing Dallara DW12 Chevrolet STP

9

NLA

10

LBH

22

ALA

11

IMS

14

INDY DET

9

DET

17

TXS TOR

2

FON MIL IOW MDO

21

POC SNM

24

182 21°
2016 Dale Coyne Dallara DW12 Honda STP

20

PHO

20

LBH

17

ALA

18

IGP INDY DET DET FWH ROA IOW TOR

14

MID POC WGL SON 61

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]