Janny Sikazwe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Janny Sikazwe
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Federazione Zambia Zambia
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
 ? - Super Division Arbitro
Attività internazionale
2007 - CAF e FIFA Arbitro

Janny Sikazwe (Kapiri Mposhi, 26 maggio 1979) è un arbitro di calcio zambiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Arbitro della massima serie zambiana, Janny Sikazwe è stato nominato internazionale nel 2007.[1]

Nel gennaio del 2012 è selezionato dalla CAF per la Coppa delle Nazioni Africane 2012, la prima in assoluto nella sua carriera.[2] Nell'occasione dirige una partita della fase a gironi.

Nel gennaio del 2013 è nuovamente selezionato per la Coppa delle Nazioni Africane 2013.[3] Seconda partecipazione di fila per il fischietto zambiano, che dirige nuovamente una partita della fase a gironi.

Nell'ottobre del 2013 è designato per dirigere uno dei cinque spareggi CAF per l'accesso ai mondiali 2014, e precisamente la sfida di andata tra Burkina Faso ed Algeria.

Nel gennaio del 2015 è selezionato per la Coppa delle Nazioni Africane 2015.[4] Nel corso della competizione, dirige un incontro della fase a gironi e un quarto di finale, oltre a essere designato come quarto ufficiale della finale, vinta ai tiri di rigore dalla Costa d'Avorio ai danni del Ghana.

Nell'ottobre 2015 è selezionato dalla FIFA per prender parte al Campionato mondiale di calcio Under-17 2015 in programma in Cile.

Nel dicembre 2016 è selezionato dalla FIFA in vista della Coppa del mondo per club FIFA 2016, manifestazione in cui dirige dapprima il play off d'accesso ai quarti di finale e successivamente viene designato per la finalissima del 18 dicembre 2016 tra i giapponesi del Kashima Antlers e gli spagnoli del Real Madrid. Un africano torna così ad arbitrare la finale di un torneo ufficiale FIFA 18 anni dopo l'ultima volta (e cioè il marocchino Said Belqola a Francia 1998).

Nel gennaio del 2017 è selezionato per la Coppa delle Nazioni Africane 2017, dove dirige due incontri della fase a gironi, più un quarto di finale e la finale tra Egitto e Camerun.

Note[modifica | modifica wikitesto]