Ficarra e Picone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ficarra e Picone al Giffoni Film Festival nel 2010

Ficarra e Picone sono un duo comico italiano composto da Salvatore Ficarra (Palermo, 27 maggio 1971) e Valentino Picone (Palermo, 23 marzo 1971).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Salvo Ficarra e Valentino Picone nascono artisticamente nel 1993, quando insieme a Salvatore Borrello e a Mauro Busalacchi fondano il gruppo dei Chiamata Urbana Urgente. Nel 1998, rimasto un duo, diventano Ficarra & Picone. Nel 1999 prendono parte a GNU su Rai 3. Nel 2000, sempre su Rai 3, sono su Zero a zero di Gennaro Nunziante, mentre nel 2001 è la volta de L'ottavo nano su Rai 2 con Serena Dandini e Corrado Guzzanti. Un anno fortunato, che li vede anche protagonisti su TELE+ che decide di trasmettere lo spettacolo di teatro – cabaret Vuoti a perdere di cui sono anche autori e registi.

Nel film Chiedimi se sono felice (2000) fanno la loro prima apparizione cinematografica in due piccoli ruoli, ma separatamente.

Nel 2001 esce nelle sale Nati stanchi, il primo film di Ficarra & Picone (Rodeo Drive e Rai Cinema). Tra 1999 e 2002 girano l'Italia con lo spettacolo teatrale Vuoti a perdere. Nella stagione 2001/2002 curano i collegamenti dallo stadio la Favorita di Palermo per il programma Quelli che il calcio, condotto da Simona Ventura su Rai 2, e continuano nella stagione successiva. Nel 2003 partecipano ad alcune puntate di Mai dire domenica, il programma condotto dal mago Forest e dalla Gialappa’s Band in onda la domenica sera su Italia 1. Nel 2003 tornano in teatro con Diciamoci la verità da loro scritto, e con la regia di Giambattista Avellino. Tra gli altri personaggi di questo spettacolo trovano spazio i due siciliani “nati stanchi” proposti a Zelig, che chiacchierano svogliatamente affrontando problemi sia familiari sia dell'Italia intera, e i panchinari dell'Inter.

Nel giugno 2003 viene pubblicato il loro libro Stanchi, edito da Kowalski. A novembre 2003 esce la VHS dello spettacolo Vuoti a perdere, unitamente al libro (Kowalski Editore, 2003). È del 2005 la tournée dello spettacolo Sono cose che capitano, scritto e diretto da loro.

Nel marzo 2005 pubblicano il libro Diciamoci la verità (pubblicazione con DVD allegato, edito da Mondadori) nel quale raccolgono gli sketch dell'omonimo spettacolo. Nella stagione 2005 sono protagonisti di Zelig Circus. Nello stesso anno, dal 25 al 30 aprile 2005 fanno il loro esordio come conduttori, per una settimana dietro il bancone di Striscia la notizia. Alla fine dell'anno per due venerdì sono protagonisti della prima serata di Canale 5 con lo spettacolo Ma chi ce lo doveva dire!? che ottiene un grande successo in termini di auditel e critica. Dal 27 marzo al 10 giugno 2006 siedono nuovamente dietro il prestigioso bancone di Striscia la notizia. Nella stessa stagione partecipano come ospiti alla seconda serata del Festival di Sanremo 2007 condotto da Pippo Baudo e Michelle Hunziker.

Il 16 marzo 2007 esce il loro secondo film Il 7 e l'8 che li vede protagonisti e registi (con Giambattista Avellino); 7,7 milioni di euro l'incasso totale e la candidatura ai David di Donatello e ai Nastri d'argento come miglior regista esordiente. Dal 2 aprile al 9 giugno 2007 conducono ancora Striscia la notizia. A novembre 2007 esce nelle librerie, edito da Mondadori, il cofanetto (DVD e libro) dello spettacolo teatrale Sono cose che capitano. Dal 31 marzo al 7 giugno 2008 siedono sempre dietro il solito bancone. A marzo 2009 esce il loro terzo film La matassa, che registra un incasso di 7,6 milioni di euro. Nel settembre dello stesso anno sono tra gli attori protagonisti del film di Giuseppe Tornatore, Baarìa, dove recitano separatamente e con ruoli non comici. Dal 30 marzo al 6 giugno dello stesso anno conducono di nuovo il programma di Antonio Ricci. Idem dal 29 marzo al 5 giugno 2010.

Dopo quattro anni di assenza dalle scene teatrali, tornano da ottobre 2010 in giro nei piccoli teatri d'Italia con lo spettacolo Apriti cielo da loro scritto e diretto. Nell'edizione 2011 di Zelig sono tra i protagonisti della trasmissione: portano in scena due avvocati, Angelino e Niccolò. A febbraio 2011 tornano al cinema per il nuovo film di Fausto Brizzi Femmine contro maschi. Dal 28 marzo al 4 giugno 2011 a Striscia la notizia conducono il segmento finale della trasmissione per il settimo anno consecutivo. Nel novembre del 2011 sono alla regia del loro quarto film Anche se è amore non si vede, che riconferma il successo del duo comico al cinema con 6 milioni di euro. Tornano nuovamente a condurre Striscia la notizia dal 2 aprile al 10 giugno 2012.

Da luglio 2012 fino a gennaio 2014 sono protagonisti del loro tour teatrale con lo spettacolo Apriti cielo. Dal 25 marzo al 15 giugno 2013 tornano a Striscia la notizia per il nono anno. Nell'estate 2014 il loro quinto film, Andiamo a quel paese, prodotto da Tramp Limited e Medusa Film, li vede nel doppio ruolo di registi e protagonisti. 8 milioni l'incasso definitivo che permette loro di superare gli incassi dei film precedenti. Anche dal 3 marzo al 7 giugno 2014, sono dietro il bancone di Striscia la notizia, come anche dal 23 febbraio al 6 giugno 2015 e dall'8 febbraio all'11 giugno 2016.

Il 19 gennaio 2017 esce il film L'ora legale che supera ancora i film precedenti con 10 milioni di incasso (10.378.706 euro), e viene premiato con due Nastri D'argento tra cui miglior commedia.[1]

Tornano a Striscia la notizia ancora dal 6 febbraio al 10 giugno 2017, dal 5 febbraio al 9 giugno 2018 e dal 7 gennaio al 13 aprile 2019.

Il 12 dicembre 2019 esce Il primo Natale candidato a ben cinque nastri D'argento, tra cui miglior Commedia. Il film al botteghino raggiunge 15.350.224 di incasso vincendo così il David di Donatello dello spettatore per il maggior incasso della stagione.

Tornano ancora dietro al bancone di Striscia la notizia dal 7 gennaio al 29 febbraio 2020, e per la prima volta in assoluto nella storia del programma conquistano la stagione autunnale, dal 28 settembre al 5 dicembre 2020. Il 30 novembre 2020 annunciano il loro addio al programma, comunicando al pubblico che non sarebbero tornati alla conduzione dello show nelle edizioni successive.[2]

Il 23 aprile Netflix ufficializza[3] la produzione di una serie dal titolo "Incastrati" che vedrà il duo comico nella triplice veste di attori, registi e sceneggiatori. La serie in sei puntate uscirà nel 2022 in 190 Paesi. Sceneggiatori insieme a loro: Fabrizio Testini, Leonardo Fasoli e Maddalena Ravagli. La serie verrà girata in Sicilia e il primo ciak è previsto per il 26 aprile 2021.[4]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attori[modifica | modifica wikitesto]

Registi[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatori[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

  • Il duo compare nel numero 2678 del giornalino Topolino sotto le spoglie di due comici di Paperopoli Caraffa e Cappone.
  • Il 1º ottobre 2020, per HarperCollins, esce il libro È la coppia che fa il totale. Un viaggio nel cinema di Ficarra & Picone con interviste, aneddoti e curiosità, scritto dalla giornalista Ornella Sgroi.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ficarra e Picone, debutto al top incassi, su ansa.it, 23 gennaio 2017. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  2. ^ Renato Franco, Ficarra e Picone, addio a Striscia: «Antonio Ricci dispiaciuto, ecco perché ce ne siamo andati», su Corriere della Sera, 12 gennaio 2020. URL consultato il 3 dicembre 2020.
  3. ^ Ficarra e Picone su Netflix con la serie tv Incastrati, su ComingSoon.it. URL consultato il 23 aprile 2021.
  4. ^ Ansa, Ficarra e Picone firmano serie "Incastrati" per Netflix, in Ansa, 23 aprile 2021.
  5. ^ a b c d e f g h i j Ficarra & Picone, su ficarraepicone.it. URL consultato il 15 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2001).
  6. ^ Le Rane di Ficarra e Picone Dieci minuti di applausi, su Live Sicilia. URL consultato il 2 agosto 2017.
  7. ^ Ma chi ce lo doveva dire? - Spettacolo - Varietà - Guida TV Sorrisi e Canzoni, su programma.sorrisi.com. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  8. ^ a b Il 7 e l'8 - Film (2007), su ComingSoon.it. URL consultato il 26 settembre 2020.
  9. ^ Nastri d’Argento 2017, “L’ora legale” di Ficarra e Picone è la migliore commedia dell’anno, su Cinema Fanpage. URL consultato il 26 settembre 2020.
  10. ^ Biglietto d'oro: vince 'La bella e la bestia', 'L'ora legale' il film italiano più visto, su la Repubblica, 27 novembre 2017. URL consultato il 16 aprile 2021.
  11. ^ Festival e premi: L'Ora Legale (2017), su CinemaItaliano.info. URL consultato il 26 settembre 2020.
  12. ^ David di Donatello 2020: Il primo Natale di Ficarra e Picone vince il David dello spettatore, su Movieplayer.it, 28 aprile 2020. URL consultato il 28 aprile 2020.
  13. ^ Ficarra, Picone, De Luca e Jasmine Trinca al Salina Doc Fest, su la Repubblica, 24 settembre 2020. URL consultato il 26 settembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito ufficiale, su ficarraepicone.it (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2001). Modifica su Wikidata