Seven Show

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Seven Show
PaeseItalia
Anno1996-1999, 2007-2008
Generecommedia
Durata50 min
Lingua originaleitaliana
Crediti
Conduttore
IdeatoreMirko Setaro
RegiaAmedeo Foroni
FotografiaMassimiliano Maggi
ProduttoreMassimo Terrazzi
Produttore esecutivoGerry Bocci
Casa di produzioneEna Srl
Rete televisivaItalia 7 (1996-1998)
Europa 7 (1999-2008)

Seven Show è stato un programma televisivo italiano d'intrattenimento andato in onda sul circuito nazionale italiano Italia 7 (poi rinominato Europa 7) dal 1996 al 1999,[1] e riproposto sulla stessa emittente tra il 2007 e il 2008.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si trattava un varietà comico ideato da Mirko Setaro e trasmesso da Italia 7 a partire dal 30 aprile 1996 dal martedì al venerdì alle 22.30[2] e la domenica alle 20.40,[1] alla cui conduzione si sono susseguiti Demo Mura, Alessandro Greco e Teo Mammucari. L'idea di base era quella di un cabaret quotidiano sull'impianto di Drive in, con brevi sketch della durata di circa tre o quattro minuti per ogni attore comico.[2]

Sono state realizzate tre edizioni fino al 1999, poi replicate svariate volte sempre sulla stessa emittente (nel frattempo rinominata Europa 7) fino alla riproposizione del varietà per una quarta edizione, trasmessa tra il 2007 e il 2008, con la conduzione di Antonio Stornaiolo e Metis Di Meo.

È stato un trampolino di lancio per attori comici come Antonio Giuliani, Dado, Carmine Faraco, Max Giusti, Daniele Raco, Mago Forest, Enrico Bertolino, Beppe Braida, Gabriele Cirilli, Fichi d'India, Enzo Salvi, Leonardo Manera.[1]

Artisti delle varie edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Baroni, pp. 417-418
  2. ^ a b Luca Dondoni, "Seven Show" tornano i comici, in La Stampa, 8 maggio 1996, p. 33. URL consultato il 13 giugno 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Antenna Sud

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione