Didier Auriol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Didier Auriol
Auriol sanremo 90.jpg
Auriol su Lancia Delta Integrale al Rally di Sanremo 1990
Dati biografici
Nazionalità Francia Francia
Automobilismo Automobilismo
Dati agonistici
Categoria Rally
Carriera
Carriera nel mondiale Rally
Esordio 1984 Tour de Corse[1]
Stagioni dal 1984 al 2005
Scuderie Ford, Lancia, Toyota, SEAT, Peugeot, Skoda, Mitsubishi
Mondiali vinti 1 (1994)
Rally disputati 152
Rally vinti 20
Podi 53
Punti ottenuti 747
 

Didier Auriol (Montpellier, 18 agosto 1958) è un pilota di rally francese.

Nato a Montpellier prima di diventare pilota di rally è stato un conducente di ambulanze. È stato il primo pilota francese a diventare Campione del Mondo Rally nel 1994 con la Toyota Celica St185.

Nella sua carriera ha corso con le principali case automobilistiche che hanno caratterizzato gli anni novanta e l'inizio del XXI secolo: Ford, Lancia, Toyota, SEAT, Peugeot, Skoda.

La carriera[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver debuttato nel mondiale da privato con una Renault 5 Turbo nel Rally di Corsica 1984 (ritiro per problema al turbo), Didier vince il Campionato nazionale francese nel 1986 con una MG Metro 6R4 e gli viene messa pertanto a disposizione una Ford Sierra RS Cosworth per i rally di Corsica e d'Italia, validi per il mondiale 1987.

Qui l'ex autista di ambulanze stupisce tutti riuscendo a terminare ottavo in Francia ed addirittura quarto in Italia, ottenendo risultati migliori, a parità di vettura, anche di una giovane promessa che poi diventerà uno dei rivali del francese negli anni successivi: Carlos Sainz.

Sin dai primi anni della sua carriera, Didier, verrà considerato uno specialista dell'asfalto, visto che su questo fondo raccoglie sovente risultati migliori.

Dopo aver vinto altri due campionati nazionali francesi nel 1987 e nel 1988, Auriol viene impiegato per quattro rally mondiali nel 1988 sempre dalla Ford. La Sierra si dimostra molto inferiore alla Lancia Delta che domina il campionato, ma Auriol riesce ugualmente a ottenere la sua prima vittoria mondiale in Francia, dove riesce ad avere la meglio della Delta di Loubet. Didier giunge anche terzo in Finlandia (dove mai un pilota latino era riuscito al debutto ad arrivare sul podio) alimentando ancor di più gli interessi verso di sé da parte degli altri team. Il Tour de Corse vinto dal pilota di Montpellier, sarà l'unica gara del 1988 dove il Team Lancia partecipa senza vincere.

La Lancia ingaggia il pilota francese per tutto il campionato 1989 dove affianca Massimo Biasion che vince il secondo titolo iridato consecutivo. Auriol termina primo ancora in Corsica e termina due volte secondo, terminando quinto assoluto in campionato.

Nel 1990 la Lancia affianca ad Auriol e Biasion anche Kankkunen, al fine di difendere il titolo da una Toyota sempre più competitiva. A vincere il campionato piloti sarà proprio la Toyota Celica St165 guidata da Carlos Sainz mentre la Lancia fa suo il titolo costruttori. Auriol termina comunque secondo assoluto in campionato dopo aver vinto a Monte Carlo, in Francia e in Italia. Nonostante fosse risultato più efficace dei suoi due compagni di squadra, Didier, viene trasferito per la stagione successiva al Jolly Club; la seconda squadra della Lancia è motivata a dare tutto il suo apporto al vice campione del mondo in carica ma Didier vincerà solo al Sanremo, il rally d'Italia, terminando al terzo posto assoluto dietro a Juha Kankkunen e Carlos Sainz.

Tornato ufficiale Lancia, nel Mondiale 1992, con l'ultima evoluzione della Delta (la Lancia Delta HF Integrale), vince sei rally in una stagione (un record battuto da Sebastien Loeb nel 2005), riuscendo a far suo anche il rally del Mille Laghi in Finlandia (secondo pilota latino dopo Sainz a riuscire nell'impresa). Nonostante questo però, una serie di problemi alla vettura ed un'uscita di strada nelle altre gare lo condannano al terzo posto nella classifica generale dietro alla Toyota Celica St185 di Sainz e alla Delta di Juha Kankkunen.

Nel 1993 Auriol passa al Toyota Team Europe (TTE) assieme a Kankkunen al posto di Sainz che va alla Lancia. Nella prima stagione, gli avversari più pericolosi sono le Ford Escort di Jean François Delecour (pilota con il quale Auriol non ha per nulla un rapporto ottimale) e Biasion. Il pilota di Montpellier vince solo la gara di apertura a Monte Carlo e termina al terzo posto nella classifica generale del campionato preceduto da Kankkunen e Delecour.

Nel 1994 dopo un ritiro al Montecarlo, un secondo posto in Portogallo ed un terzo al Safari, vince ancora una volta il Tour de Corse ed ingaggia un duello con la Subaru Impreza di Carlos Sainz e con il compagno di squadra Kankkunen per l'iride. Mentre Kankkunen perde terreno in classifica piloti, Auriol vince il rally su terra di Argentina, arriva quinto in Nuova Zelanda, secondo in Finlandia e poi fa suo il Sanremo con una bella rimonta.

Un errore e dei problemi tecnici nell'ultima gara in Gran Bretagna sembrano segnare ancora una volta la conquista del primo titolo mondiale, ma Carlos Sainz sbaglia a sua volta ritirandosi e così l'ex autista di ambulanze, sempre in coppia con Bernard Occelli si aggiudica il titolo di Campione del Mondo alla guida della Toyota Celica ST185 diventando il primo pilota francese a fregiarsi dell'iride.

Nel 1995 con il nuovo modello della Celica e i nuovi regolamenti, la Toyota si ritrova inferiore alla Subaru. Dopo aver cambiato navigatore da Bernard Occelli a Denis Giraudet, Auriol vince l'unico rally della stagione in Corsica e, con l’esclusione del team dal Mondiale rally per le irregolarità riscontrate al turbocompressore delle Toyota Celica St205 durante lo svolgimento del rally Catalunia in Spagna, si ritrova appiedato per la stagione successiva.

Nella stagione seguente (1996) disputa in Svezia il suo primo rally su neve con la Subaru Impreza 555 (terminato in decima posizione) e il rally di Sanremo con la Mitsubishi Lancer Evo 3 della Ralliart (terminato in ottava posizione).

La Toyota Corolla di Auriol

Nel 1997 Auriol viene di nuovo arruolato in Toyota per lo sviluppo della nuova Toyota Corolla WRC, il cui debutto è previsto per metà stagione al rally di Finlandia. Nella prima parte del 1997 disputa il Rally di Montecarlo con una Ford Escort Cosworth Gr. A privata (ritiro) e il Rally d'Argentina con una Toyota Celica Gt-Four (terminato in quinta posizione).

Dopo un ottavo posto in Finlandia con la nuova Toyota Corolla WRC al debutto, un ritiro e ancora un ottavo posto, Auriol torna sul podio in Australia.

Nel 1998 Didier torna alla vittoria in Spagna, dopo un digiuno che durava dal rally di Francia 1995, centra due secondi posti all'Acropolis e in Argentina, e termina quinto in campionato dietro a Tommi Makinen, al compagno di squadra Sainz, a Colin McRae e a Kankkunen. Nel 1999 vince la prima edizione del rally di Cina e rimane in lotta per il mondiale piloti sino alle ultime gare terminando terzo in classifica generale del campionato dietro alla Mitsubishi di Makinen (che vince il quarto mondiale di fila) e alla Subaru di Richard Burns. Nonostante il campionato costruttori appena conquistato, La Toyota si ritira dai rally per passare alla Formula 1 e così Auriol deve cercarsi una nuova sistemazione.

Nel 2000 Auriol passa così alla SEAT dove riesce ad ottenere un terzo posto nel Safari Rally. La Cordoba Wrc si dimostra però sin troppo lenta ed inaffidabile e Didier a fine anno cambia squadra e passa alla Peugeot.

Auriol nel 2001 su Peugeot

Nel 2001, dopo due battute a vuoto e un ottavo posto, ottiene la sua ventesima e ultima vittoria nel campionato del mondo, con la Peugeot 206 WRC si aggiudica il rally di Spagna. Nel resto della stagione sale ancora tre volte sul podio, ottenendo il settimo posto in classifica generale.

Nel 2002 corre solo il rally di Montecarlo con una Toyota Corolla WRC privata terminato con un ritiro per problemi al motore. Nel 2003 diventa pilota ufficiale Skoda, dedicandosi allo sviluppo della Fabia WRC. Nella prima parte della stagione ha a disposizione la vecchia Octavia, vettura ormai al limite del suo sviluppo e poco competitiva. Il miglior risultato è un sesto posto in Argentina. Con l'arrivo della Fabia le cose peggiorano, la vettura ha di continuo problemi meccanici ed Auriol è costretto ad un mesto tredicesimo posto in classifica generale. Gli scarsi risultati ottenuti e l'assenza di sedili ufficiali disponibili lo spingono il ritiro.

Ultimo rally mondiale disputato il rally di Montecarlo 2005 con una Peugeot 206 WRC del Team Bozian terminato con un ritiro. Nel 2006 ha partecipato al rally di Monza con una Peugeot 206 Wrc della Scuderia Grifone. Nel 2007 partecipa nuovamente al Rally di Monza con una Toyota Corolla Super 2000 sempre gestita dalla scuderia Grifone. Nel 2009 partecipa al Corona Rally Mexico (chiamato anche Rally of Nations essendo la competizione a squadre nazionali con due vetture ognuna) con una Mitsubishi Lancer Evolution 9 del Team Astra conquistando la settima posizione singola e la terza a squadre per la Francia[2].

1984 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Portugal.svg Flag of Kenya.svg Flag of France.svg Flag of Greece.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Argentina.svg Flag of Finland.svg Flag of Italy.svg Flag of Côte d'Ivoire.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Renault 5 Turbo Rit 0
1985 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Portugal.svg Flag of Kenya.svg Flag of France.svg Flag of Greece.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Argentina.svg Flag of Finland.svg Flag of Italy.svg Flag of Côte d'Ivoire.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Renault 5 Turbo Rit 0
1986 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Portugal.svg Flag of Kenya.svg Flag of France.svg Flag of Greece.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Argentina.svg Flag of Finland.svg Flag of Côte d'Ivoire.svg Flag of Italy.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
MG Metro 6R4 Rit 0
1987 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Portugal.svg Flag of Kenya.svg Flag of France.svg Flag of Greece.svg Flag of the United States.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Argentina.svg Flag of Finland.svg Flag of Côte d'Ivoire.svg Flag of Italy.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Ford France Ford Sierra RS Cosworth 8 4 13 22º
1988 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Portugal.svg Flag of Kenya.svg Flag of France.svg Flag of Greece.svg Flag of the United States.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Argentina.svg Flag of Finland.svg Flag of Côte d'Ivoire.svg Flag of Italy.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Ford Ford Sierra RS Cosworth Rit 1 3 Rit 32
1989 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Portugal.svg Flag of Kenya.svg Flag of France.svg Flag of Greece.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Argentina.svg Flag of Finland.svg Flag of Australia.svg Flag of Italy.svg Flag of Côte d'Ivoire.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Martini Racing Lancia Delta Integrale 2 Rit 1 2 Rit Rit 50
1990 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Portugal.svg Flag of Kenya.svg Flag of France.svg Flag of Greece.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Argentina.svg Flag of Finland.svg Flag of Australia.svg Flag of Italy.svg Flag of Côte d'Ivoire.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Martini Racing Lancia Delta Integrale 1 2 1 Rit 3 Rit Rit 1 5 95
1991 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Portugal.svg Flag of Kenya.svg Flag of France.svg Flag of Greece.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Argentina.svg Flag of Finland.svg Flag of Australia.svg Flag of Italy.svg Flag of Côte d'Ivoire.svg Flag of Spain.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Jolly Club Lancia Delta Integrale Rit 9 2 2 4 3 3 2 Rit 1 12 101
1992 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Portugal.svg Flag of Kenya.svg Flag of France.svg Flag of Greece.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Argentina.svg Flag of Finland.svg Flag of Australia.svg Flag of Italy.svg Flag of Côte d'Ivoire.svg Flag of Spain.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Martini Racing Lancia Delta Integrale 1 Rit 1 1 1 1 1 Rit 10 Rit 121
1993 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Portugal.svg Flag of Kenya.svg Flag of France.svg Flag of Greece.svg Flag of Argentina.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Finland.svg Flag of Australia.svg Flag of Italy.svg Flag of Spain.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Toyota Motorsport GmbH Toyota Celica GT-Four 1 Rit 2 Rit 3 3 3 Rit 2 6 92
1994 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Portugal.svg Flag of Kenya.svg Flag of France.svg Flag of Greece.svg Flag of Argentina.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Finland.svg Flag of Italy.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Toyota Motorsport GmbH Toyota Celica GT-Four Rit 2 3 1 Rit 1 5 2 1 6 116
1995 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Portugal.svg Flag of France.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Australia.svg Flag of Spain.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Toyota Motorsport GmbH Toyota Celica GT-Four Rit 5 5 1 2 Rit SQ 51 SQ
1996 Scuderia Vettura Flag of Sweden.svg Flag of Kenya.svg Flag of Indonesia.svg Flag of Greece.svg Flag of Argentina.svg Flag of Finland.svg Flag of Australia.svg Flag of Italy.svg Flag of Spain.svg Punti Pos.
Subaru Impreza e Mitsubishi Lancer Evo 3[3] 10 8 4 25º
1997 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Kenya.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of France.svg Flag of Argentina.svg Flag of Greece.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Finland.svg Flag of Indonesia.svg Flag of Italy.svg Flag of Australia.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Ford Escort RS Cosworth[4], Toyota Celica GT-Four[5] e Toyota Corolla WRC Rit 5 8 Rit 8 3 Rit 6 11º
1998 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Kenya.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of France.svg Flag of Argentina.svg Flag of Greece.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Finland.svg Flag of Italy.svg Flag of Australia.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Toyota Motorsport GmbH Toyota Corolla WRC 14 6 4 Rit 1 6 Rit 2 2 4 Rit 3 Rit 34
1999 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Kenya.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of France.svg Flag of Argentina.svg Flag of Greece.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Finland.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Italy.svg Flag of Australia.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Toyota Motorsport GmbH Toyota Corolla WRC 3 4 2 3 2 5 3 Rit 4 Rit 1 3 Rit Rit 52
2000 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Kenya.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Argentina.svg Flag of Greece.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Finland.svg Flag of Cyprus.svg Flag of France.svg Flag of Italy.svg Flag of Australia.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
SEAT Sport SEAT Córdoba WRC E2 Rit 10 3 10 13 Rit Rit Rit 11 Rit 8 17 8 9 4 12º
2001 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Argentina.svg Flag of Cyprus.svg Flag of Greece.svg Flag of Kenya.svg Flag of Finland.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Italy.svg Flag of France.svg Flag of Australia.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Peugeot Sport Peugeot 206 WRC Rit Rit 8 1 Rit Rit Rit Rit Rit 6 3 3 3 7 23
2002 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of Spain.svg Flag of Cyprus.svg Flag of Argentina.svg Flag of Greece.svg Flag of Kenya.svg Flag of Finland.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Australia.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Toyota Corolla WRC Rit 0
2003 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Turkey.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Argentina.svg Flag of Greece.svg Flag of Cyprus.svg Flag of Germany.svg Flag of Finland.svg Flag of Australia.svg Flag of Italy.svg Flag of France.svg Flag of Spain.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
Škoda Motorsport Škoda Octavia WRC e Škoda Fabia WRC[6] 9 18 Rit 8 6 9 Rit Rit Rit 12 12 Rit Rit 11 4 13º
2005 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Mexico.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Italy.svg Flag of Cyprus.svg Flag of Turkey.svg Flag of Greece.svg Flag of Argentina.svg Flag of Finland.svg Flag of Germany.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Japan.svg Flag of France.svg Flag of Spain.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Peugeot 206 WRC Rit 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Ritirato Squalificato Non partito
Fonte dei dati: wrc.com, ewrc-results.com, autosport.com, rallybase.nl.

Titoli conquistati[modifica | modifica sorgente]

Didier Auriol ha vinto tre campionato francesi, un campionato del mondo rally e 3 Race of Champions (un record che condivide con Mattias Ekström e Sébastien Loeb)

stagione Titolo Vettura
1986 French Rally Champion MG Metro 6R4
1987 French Rally Champion Ford Sierra RS Cosworth
1988 French Rally Champion Ford Sierra RS Cosworth
1994 World Rally Champion Toyota Celica GT-Four ST185
1994 Champion of Champions Various
1996 Champion of Champions Various
1999 Champion of Champions Various

Vittorie nel campionato del mondo rally[modifica | modifica sorgente]

Nel corso della sua carriera Didier Auriol è riuscito a vincere 20 rally iridati, e per 6 volte il Tour de Corse.

Anno Rally Nazione Copilota Vettura
1988 Tour de Corse - Rallye de France Francia Francia Bernard Occelli Ford Sierra RS Cosworth
1989 Tour de Corse - Rallye de France Francia Francia Bernard Occelli Lancia Delta Integrale
1990 Rallye Automobile de Monte-Carlo Monaco Monaco Bernard Occelli Lancia Delta Integrale 16 V
1990 Tour de Corse - Rallye de France Francia Francia Bernard Occelli Lancia Delta Integrale 16V
1990 Rallye Sanremo - Rallye d'Italia Italia Italia Bernard Occelli Lancia Delta Integrale 16V
1991 Rallye Sanremo - Rallye d'Italia Italia Italia Bernard Occelli Lancia Delta Integrale 16V
1992 Rallye Automobile de Monte-Carlo Monaco Monaco Bernard Occelli Lancia Delta HF Integrale
1992 Tour de Corse - Rallye de France Francia Francia Bernard Occelli Lancia Delta HF Integrale
1992 Acropolis Rally Grecia Grecia Bernard Occelli Lancia Delta HF Integrale
1992 Rally Argentina Argentina Argentina Bernard Occelli Lancia Delta HF Integrale
1992 1000 Lakes Rally Finlandia Finlandia Bernard Occelli Lancia Delta HF Integrale
1992 Telecom Rally Australia Australia Australia Bernard Occelli Lancia Delta HF Integrale
1993 Rallye Automobile de Monte-Carlo Monaco Monaco Bernard Occelli Toyota Celica Turbo 4WD
1994 Tour de Corse - Rallye de France Francia Francia Bernard Occelli Toyota Celica Turbo 4WD
1994 Rally Argentina Argentina Argentina Bernard Occelli Toyota Celica Turbo 4WD
1994 Rallye Sanremo - Rallye d'Italia Italia Italia Bernard Occelli Toyota Celica Turbo 4WD
1995 Tour de Corse - Rallye de France Francia Francia Denis Giraudet Toyota Celica GT-Four
1998 Rallye Catalunya-Costa Brava (Rallye de España) Spagna Spagna Denis Giraudet Toyota Corolla WRC
1999 China Rally Cina Cina Denis Giraudet Toyota Corolla WRC
2001 Rallye Catalunya-Costa Brava (Rallye de España) Spagna Spagna Denis Giraudet Peugeot 206 WRC

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda su Rally Base
  2. ^ Risultati ufficiali del Rally of Nations
  3. ^ Con la Mitsubishi nel rally di Sanremo.
  4. ^ Con la Ford nel rally di Monte Carlo.
  5. ^ Con la Celica nel rally d'Argentina.
  6. ^ Con la Fabia negli ultimi sette rally.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]