Björn Waldegård

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Björn Waldegård
Björn Waldegård 1984.jpg
Nazionalità Svezia Svezia
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoria Rally
Ritirato 1992 Safari Rally
Carriera
Carriera nel mondiale Rally
Esordio 1973 Rally di Monte Carlo
Scuderie Porsche, Fiat, Lancia, Ford, Toyota
Mondiali vinti 1 (1979)
Rally disputati 95
Rally vinti 16
Podi 35
Punti ottenuti 428
 

Björn Waldegård (Solna, 12 novembre 194329 agosto 2014[1]) è stato un pilota di rally svedese, vincitore del primo Campionato Mondiale Rally nel 1979.

Carriera da pilota[modifica | modifica wikitesto]

Waldegård debuttò nel 1962 per iniziare una carriera che durerà trent'anni. Dopo aver vinto il Campionato Svedese Rally nel 1967/68, ha continuato a competere al massimo livello fino al 1992 quando la rottura di un braccio subita nel corso di un incidente nel 1992 al Safari lo costrinse al pensionamento. La sua prima vittoria internazionale, al volante di una Porsche 911, avvenne nel Rally di Monte Carlo del 1969, mentre l'ultima fu con la Toyota Celica al Safari del 1990.

Waldegård al 2008 Colin McRae Forest Stages.

Lo svedese detiene il record del vincitore di un campionato mondiale di rally più anziano nonché una curiosa unicità: aver vinto rallies di importanza mondiale in 4 decenni diversi.

A metà degli anni '70 ha preso parte nel neonato Campionato Europeo di Rallycross con una Porsche Carrera RSR privata.

L'Alitalia, squadra Lancia degli anni settanta affiancò Waldegård al primo pilota della scuderia, l'italiano Sandro Munari. Waldegård e Munari furono testa a testa nel Rally di Sanremo 1976; Waldegård aveva un vantaggio di quattro secondi su Munari. Dopo aver perso i 4 secondi Waldegård, tuttavia, emerse come vincitore recuperando ancora quattro secondi, dopo aver trasgredito gli ordini squadra e superato Munari. Dopo questo sinistro alla Lancia lo svedese passò alla Ford per la fine del 1976.

Alla guida della Ford Escort Mk2, Waldegård vinse tre rally nel 1977, l'East African Safari Rally, il Rally dell'Acropoli, e il RAC Rally.

Egli fu poi vincitore del campionato mondiale di rally inaugurale della stagione nel 1979 per la Ford e la Mercedes-Benz, riuscì a battere Hannu Mikkola grazie al 2º posto finale al Rally della Costa d'Avorio proprio dietro il suo rivale.

Nel settembre 2008, Waldegård ha preso parte al Colin McRae Forest Stages, la gara a cui hanno preso parte gli ex-campioni del mondo in memoria di McRae, morto nel 2007. In questa manifestazione Björn ha guidato una Porsche 911.

Titoli vinti[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Campionato Auto
1979 Campionato del mondo rally Ford Escort (Mk2)/Mercedes W107

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

  #   Rally Stagione Co-pilota Auto
Oro WRC Safari Rally 1990 Fred Gallagher Toyota Celica GT-Four (ST165)
Bronzo WRC Rally of Great Britain 1988
Oro WRC Swedish Rally 1986 Toyota Celica TCT (RA63)
Oro WRC Safari Rally
Oro WRC Bandama Rallye
Argento WRC Safari Rally 1985 Hans Thorszelius
Argento WRC Bandama Rallye
Oro WRC Safari Rally 1984
Oro WRC Bandama Rallye 1983
Oro WRC Rally New Zealand 1982
Bronzo WRC Bandama Rallye
Bronzo WRC Rallye de Portugal 1981 Toyota Celica (RA40)
Bronzo WRC Rallye Monte Carlo 1980 Fiat 131 Abarth Rally
Bronzo WRC Swedish Rally
Oro WRC Bandama Rallye Mercedes W107
Argento WRC Rallye Monte Carlo 1979 Ford Escort (Mk2)
Argento WRC Swedish Rally
Argento WRC Rallye de Portugal
Oro WRC Acropolis Rally
Bronzo WRC Rally of Finland Claes Billstam
Oro WRC Canadian Rally of Quebec Hans Thorszelius
Argento WRC Bandama Rallye Mercedes W107
Oro WRC Swedish Rally 1978 Ford Escort (Mk2)
Argento WRC Rally of Great Britain
Argento WRC Rallye de Portugal 1977
Oro WRC Safari Rally
Oro WRC Acropolis Rally
Bronzo WRC Rally of Finland
Oro WRC Rally of Great Britain
Argento WRC Rallye Monte Carlo 1976
Oro WRC Rallye San Remo Lancia Stratos
Bronzo WRC Rally of Great Britain
Oro WRC Swedish Rally 1975
Bronzo WRC Safari Rally
Oro WRC Rallye San Remo
Argento WRC Safari Rally 1974 Porsche 911 Carrera

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN311182610