Campionato del mondo rally 2000

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campionato del mondo rally 2000
Edizione n. 28 del Campionato del mondo rally
Dati generali
Inizio 20 gennaio
Termine 26 novembre
Prove 14
Titoli in palio
Campionato piloti Finlandia Marcus Grönholm
su Peugeot 206 WRC
Campionato costruttori Francia Peugeot Esso
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

La stagione 2000 del Campionato del mondo rally è stata la 28ª manifestazione riconosciuta dalla FIA e dal World Rally Championship.

La competizione mondiale è stata disputata dal 20 gennaio al 26 novembre.

Il campionato in questione composto da 14 prove collocate in altrettante nazioni vede trionfare il finlandese Marcus Grönholm che precede nel podio finale l'inglese Richard Burns e lo spagnolo Carlos Sainz. Il titolo Team viene vinto dalla Peugeot Esso.

Le premesse[modifica | modifica wikitesto]

I team della stagione 2000 sono sette, con l'addio della Toyota dal campionato mondiale per dedicarsi alla Formula 1. Mitsubishi schiera le Lancer a Tommi Makinen, che tenta di conquistare il suo quinto mondiale consecutivo, e Freddy Loix, Subaru disputa le prime tre gare con l'evoluzione 1999 dell'Impreza con Richard Burns e Juha Kankkunen alla guida, Ford schiera una Focus WRC totalmente rinnovata nell'evoluzione 2000 con Colin McRae e Carlos Sainz (al ritorno dopo due anni in Toyota) e la SEAT scende in campo per la stagione 2000 grazie a Didier Auriol e Toni Gardemeister al volante della Córdoba WRC Evo2, la Skoda disputa ancora una stagione spezzettata in vista del 2001 con Armin Schwarz pilota di punta, Peugeot disputa il suo primo mondiale completo con la 206 WRC affidando le vetture a François Delecour, Marcus Gronholm e Gilles Panizzi, questi ultimi due alterneranno la seconda guida, infine la Hyundai schiera le Accent a partire dal Rally di Svezia con Kenneth Eriksson e Alister McRae.

La stagione[modifica | modifica wikitesto]

Il mondiale 2000 parte dal Rally di Montecarlo, e Tommi Makinen ha l'opportunità di portare a casa il secondo successo consecutivo nel principato, e lo fa conquistando la vittoria, sul podio la Ford Focus di Carlos Sainz e la Subaru Impreza di Juha Kankkunen, giunte nell'ordine, all'inizio della seconda tappa numerosi ritiri, tra queste le Peugeot e la Subaru di Richard Burns, bloccate all'assistenza.

La seconda prova è il Rally di Svezia, la squadra Hyundai fa debuttare la Accent WRC con la prima guida al padrone di casa Kenneth Eriksson, nell'unico rally invernale del mondiale Marcus Gronholm resiste agli attacchi di Makinen e conquista la prima vittoria nel mondiale e per la Peugeot dal RAC nel 1986, terzo posto per Colin McRae, finalmente all'arrivo dopo nove ritiri consecutivi e dopo 11 gare senza podi, quarta la Toyota privata di Thomas Radstrom.

Subaru Impreza vincitore del rally Safari nell'edizione del 2000

Dall'Europa ci sposta in Africa per il terzo appuntamento del mondiale in Kenya, per il Safari Rally, l'atipico e durissimo rally, già fuori Makinen per aver distrutto una sospensione, le Subaru dominano e conquistano una doppietta che la fanno portare in testa al campionato costruttori: Richard Burns non ha spiraglio per gli altri e conquista la seconda vittoria in Kenya a due anni di distanza dal suo primo successo, Juha Kankkunen arriva secondo davanti ad Auriol che regala il terzo podio iridato alla SEAT, il primo in questa stagione.

Ritorno in Europa per il quarto appuntamento del Mondiale, il Rally del Portogallo, Richard Burns non ha rivali e conquista il successo nel rally proprio nella gara d'esordio nella nuova versione dell'Impreza, Marcus Gronholm ha lottato all'ultimo per vincere il rally ma non lo è stato, secondo posto davanti a Carlos Sainz (Ford) e Harri Rovanpera ex-SEAT con una Toyota privata.

Sempre a ovest il primo appuntamento interamente su asfalto della stagione, il Rally di Catalogna è la prossima gara e Colin McRae si impone per la seconda volta dopo quella nel '96 con la Subaru, la casa giapponese sale sul podio grazie a Burns che allunga, con un secondo posto, in classifica piloti, terza piazza per Carlos Sainz, con un'altra Focus, la lotta per il quarto posto (che vale anche il momentaneo secondo nella classifica piloti) tra Tommi Makinen e Marcus Gronholm finisce a favore del primo.

Si sposta nell'Oceano Atlantico per il sesto appuntamento in terra sudamericana con il Rally d'Argentina, Richard Burns continua a pressare conquistando la terza vittoria nelle ultime quattro gare che lo porta a 14 punti di vantaggio, secondo Marcus Gronholm che scavalca in classifica piloti Tommi Makinen, terzo con la Mitsubishi.

Carlos Sainz nel 2000 a bordio di una Focus WRC al rally dell'Acropoli

Prima della pausa estiva c'è il Rally dell'Acropoli dove Colin McRae vince e convince proprio al fotofinish nei confronti del compagno di squadra Carlos Sainz, che ha gettato alle ortiche una buona possibilità di successo per un rallentamento nell'ultimo tratto cronometrato, podio per Juha Kankkunen su Subaru Impreza.

L'ottavo rally del campionato è dall'altra parte del globo, per il Rally di Nuova Zelanda, Marcus Gronholm guida il rally e senza strafare conquista il successo, ritirate nella stessa speciale nel corso della terza tappa le Subaru di Burns e Kankkunen, il podio è stato completato dalle Focus di Colin McRae e Carlos Sainz, quarto Petter Solberg.

Nono appuntamento del campionato: Rally di Finlandia, una vittoria in Nuova Zelanda ha permesso a Marcus Gronholm di tornare in partita per il campionato, intanto Mitsubishi esordisce con la Evo VI nella versione Tommi Makinen Edition, in casa SEAT esordisce la Cordoba Evo3, Gronholm vola e vince approfittando dello secondo zero di Burns in classifica, portandosi in testa al mondiale, secondo posto per McRae su Ford Focus e Harri Rovanpera con la Toyota Corolla, quarto Makinen, ormai quasi fuori per la lotta per il titolo.

Il decimo appuntamento del campionato del mondo fa tappa per la prima volta nell'isola mediterranea per il Rally di Cipro, vince Carlos Sainz, che torna al successo dopo oltre due anni, secondo posto per Colin McRae che regala doppietta alla Ford, terza la Peugeot di François Delecour che salva il risultato dopo il ko di Gronholm, Burns quarto con la Subaru e così il mondiale, a quattro gare dalla fine, è apertissimo.

In terra di Napoleone il Rally di Corsica fa tappa per la penultima gara su asfalto della stagione, doppietta profilata per le Peugeot che con Gilles Panizzi conquista la prima vittoria iridata e François Delecour secondo, terza la Ford di Sainz, davanti a Richard Burns, paura per Colin McRae, che con la sua Ford Focus va a schiantarsi nel corso della seconda tappa facendo volare la Focus dentro il fosso.

Sempre su asfalto il Rally di Sanremo, terzultimo appuntamento del calendario ma non cambia il copione, le Peugeot conquistando un'altra doppietta conquistano il comando del mondiale, primo Panizzi e secondo Delecour, con Tommi Makinen che regala il primo podio dall'Argentina con una Mitsubishi, senza di lui avrebbe preso tripletta la casa francese con Marcus Gronholm, quarto e quasi vicino al suo primo podio in un rally su asfalto.

Il penultimo appuntamento del mondiale è il Rally d'Australia, vince la Mitsubishi di Tommi Makinen che avrebbe opportunità il terzo posto nel mondiale, ma all'improvviso, il pilota della Mitsubishi è stato squalificato per un'illegalità al turbo che ha tolto la vittoria e i 10 punti e potenzialmente anche lo scettro iridato, così Marcus Gronholm eredita la vittoria con la 206 e al finlandese basta un punto per laurearsi campione del mondo, secondo Richard Burns su Subaru Impreza, terza la Peugeot di François Delecour che regala alla Peugeot il titolo costruttori, mentre la quarta piazza va alla Hyundai di Kenneth Eriksson.

Ecco che il mondiale giunge alla sua ultima prova che deciderà il titolo mondiale, in Gran Bretagna sfida tra Richard Burns e Marcus Gronholm, il finlandese battaglia con Colin McRae, in testa a lungo ma deve ritirarsi nel corso della seconda tappa per via di un incidente, Richard Burns, autore di una furiosa rimonta, che lo ha portato dal 21º posto nel corso della prima tappa alla vittoria, ha tre parole, perché aveva fatto una gran bella gara conquistare la terza vittoria in Gran Bretagna, perché aveva fatto note dolenti nella prima tappa e perché non basta vincere, Gronholm finisce infatti secondo e conquista il titolo di Campione del Mondo ponendo fine ai quattro titoli consecutivi di Tommi Makinen, terzo nel rally, davanti a Carlos Sainz che così conquista il terzo posto nel campionato piloti, Makinen chiude solo quinto, ma il Gruppo N finisce a Manfred Stohl che con la Mitsubishi fa finire come Makinen nel massimo campionato, il regno di titoli di Gustavo Trelles, noto come il Makinen del Gruppo N, con quattro campionati consecutivi.

Risultati e classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Le 14 prove[modifica | modifica wikitesto]

# Data Rally Vincitore Vettura
01 20/01 - 22/01 Monaco Rally di Monte Carlo Finlandia Tommi Mäkinen Mitsubishi Lancer Evo VI
02 10/02 - 13/02 Svezia Rally di Svezia Finlandia Marcus Grönholm Peugeot 206 WRC
03 25/02 - 27/02 Kenya Safari Rally Regno Unito Richard Burns Subaru Impreza WRC
04 16/03 - 19/03 Portogallo Rally del Portogallo Regno Unito Richard Burns Subaru Impreza WRC
05 31/03 - 02/04 Spagna Rally di Spagna Regno Unito Colin McRae Ford Focus WRC
06 11/05 - 14/05 Argentina Rally d'Argentina Regno Unito Richard Burns Subaru Impreza WRC
07 09/06 - 11/06 Grecia Rally di Grecia Regno Unito Colin McRae Ford Focus WRC
08 13/07 - 16/07 Nuova Zelanda Rally della Nuova Zelanda Finlandia Marcus Grönholm Peugeot 206 WRC
09 18/08 - 20/08 Finlandia Rally di Finlandia Finlandia Marcus Grönholm Peugeot 206 WRC
10 08/09 - 10/09 Cipro Rally di Cipro Spagna Carlos Sainz Ford Focus WRC
11 29/09 - 01/10 Francia Tour de Corse Francia Gilles Panizzi Peugeot 206 WRC
12 20/10 - 22/10 Italia Rally di Sanremo Francia Gilles Panizzi Peugeot 206 WRC
13 09/11 - 12/11 Australia Rally d'Australia Finlandia Marcus Grönholm Peugeot 206 WRC
14 23/11 - 26/11 Regno Unito Rally di Gran Bretagna Regno Unito Richard Burns Subaru Impreza WRC

Sistema punteggio[modifica | modifica wikitesto]

*In vigore dal 1997

Sistema di punteggio
Posizione  1º   2º   3º   4º   5º   6º   7º   8º   9º   10º 
WRC 10 6 4 3 2 1 0 0 0 0

Classifica finale piloti[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Kenya.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Argentina.svg Flag of Greece.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Finland.svg Flag of Cyprus.svg Flag of France.svg Flag of Italy.svg Flag of Australia.svg Flag of the United Kingdom.svg Tot.
1 Finlandia Marcus Grönholm Rit 1 Rit 2 5 2 Rit 1 1 Rit 5 4 1 2 65
2 Regno Unito Richard Burns Rit 5 1 1 2 1 Rit Rit Rit 4 4 Rit 2 1 60
3 Spagna Carlos Sainz 2 Rit 4 3 3 Rit 2 3 14 1 3 5 Rit 4 46
4 Regno Unito Colin McRae Rit 3 Rit Rit 1 Rit 1 2 2 2 Rit 6 Rit Rit 43
5 Finlandia Tommi Mäkinen 1 2 Rit Rit 4 3 Rit Rit 4 5 Rit 3 SQ 3 36
6 Francia François Delecour Rit 7 5 7 13 9 Rit 6 3 2 2 3 6 24
7 Francia Gilles Panizzi Rit Rit 6 1 1 Rit 8 21
8 Finlandia Juha Kankkunen 3 6 2 Rit Rit 4 3 Rit 8 7 Rit 5 20
9 Finlandia Harri Rovanperä 12 4 3 10 7
10 Norvegia Petter Solberg 5 Rit 6 Rit 4 Rit Rit 9 Rit Rit 6
11 Svezia Kenneth Eriksson 13 Rit 23 8 Rit 5 15 Rit 45 4 Rit 5
12 Francia Didier Auriol Rit 10 3 10 13 Rit Rit Rit 11 Rit 8 17 8 9 4
13 Giappone Toshi Arai 6 16 4 Rit 9 13 Rit 4
14 Finlandia Toni Gardemeister 4 Rit Rit 9 Rit Rit Rit Rit Rit Rit 11 Rit 6 12 4
15 Belgio Freddy Loix 6 8 Rit 6 8 5 Rit Rit Rit 8 Rit 8 Rit Rit 4
16 Svezia Thomas Rådström 4 Rit 3
17 Belgio Bruno Thiry 5 2
18 Germania Armin Schwarz 7 7 8 11 5 Rit 12 13 2
19 Finlandia Sebastian Lindholm 5 2
20 Finlandia Tapio Laukkanen Rit 5 Rit 2
21 Arabia Saudita Abdullah Bakhashab 27 Rit 15 6 28 Rit 44 1
22 Nuova Zelanda Possum Bourne 6 7 1
23 Estonia Markko Märtin 9 7 10 Rit 10 6 Rit Rit 7 1
24 Italia Piero Liatti 6 Rit 1
Pos. Pilota Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Kenya.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Argentina.svg Flag of Greece.svg Flag of New Zealand.svg Flag of Finland.svg Flag of Cyprus.svg Flag of France.svg Flag of Italy.svg Flag of Australia.svg Flag of the United Kingdom.svg Tot.
Colore Risultato
Oro Vincitore
Argento 2º posto
Bronzo 3º posto
Verde Finito a punti
Blu Finito senza punti
Viola Ritirato (Rit)
Non classificato (NC)
Rosso Non qualificato (NQ)
Nero Squalificato (SQ)
Bianco Non partito (NP)
Bianco Non ha gareggiato
Infortunato (Inf)
Escluso (ES)
Gara cancellata (C)

Il corsivo indica i giri veloci.
Il grassetto indica le pole positions.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobilismo Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo