Campionato del mondo rally 2019

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Campionato del mondo rally 2019
Edizione n. 47 del Campionato del mondo rally
Dati generali
Inizio22 gennaio
Termine27 ottobre[1]
Prove13[1]
Titoli in palio
Campionato piloti e copilotiEstonia Ott Tänak e
Estonia Martin Järveoja
su Toyota Yaris WRC
Campionato costruttoriCorea del Sud Hyundai Motorsport
su Hyundai i20 Coupe WRC
Campionato piloti e copiloti WRC-2 ProFinlandia Kalle Rovanperä e
Finlandia Jonne Halttunen
su Škoda Fabia R5
Campionato squadre WRC-2 ProRep. Ceca Škoda Motorsport
su Škoda Fabia R5
Campionato piloti e copiloti WRC-2
Campionato piloti e copiloti Junior WRC
Francia Pierre-Louis Loubet e
Francia Vincent Landais
su Škoda Fabia R5
Spagna Jan Solans e
Spagna Mauro Barreiro
su Ford Fiesta R2
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso
I campioni del mondo 2019 Ott Tänak e Martin Järveoja, qui durante le ricognizioni del Rally di Monte Carlo all'avvio della stagione
Jan Solans e Mauro Barreiro, campioni 2019 nella categoria Junior WRC, qui al parco assistenza del Rally di Finlandia

Il campionato del mondo rally 2019 è stata la 47ª edizione del campionato del mondo rally e si è svolto dal 22 gennaio al 27 ottobre 2019[1].

Le squadre e gli equipaggi hanno gareggiato in tredici[1] eventi e sono stati assegnati i titoli iridati piloti, co-piloti e costruttori. Gli equipaggi competevano in auto conformi ai regolamenti World Rally Car e Gruppo R. La serie fu ancora una volta supportata dai campionati World Rally Championship-2, da questa stagione diviso in WRC-2 Pro (riservato alle scuderie ufficiali) e WRC-2 (per i privati), e dal Junior World Rally Championship a turni selezionati. Il World Rally Championship-3 è stato soppresso.[2]

Hanno partecipato al campionato gli stessi team che si erano contesi il titolo nel 2018, ovvero M-Sport con la Ford Fiesta WRC, Toyota con la Yaris WRC, la cui gestione venne sempre affidata alla squadra Toyota Gazoo Racing, Citroën con la C3 WRC e Hyundai con la i20 Coupe WRC.

Sébastien Ogier e Julien Ingrassia erano i campioni in carica dopo aver conquistato il sesto titolo consecutivo nella precedente stagione al Rally d'Australia 2018, ultima gara dell'anno. Toyota è invece il campione uscente nei costruttori[3][4]. I titoli piloti e copiloti 2019 sono invece stati vinti dagli estoni Ott Tänak e Martin Järveoja, primi rappresentanti del loro paese a laurearsi campioni del mondo, e la conquista matematica è avvenuta al termine del Rally di Catalogna, penultima gara della stagione, dove sono giunti al secondo posto.[5], mentre l'alloro iridato marche è stato conquistato dalla scuderia sudcoreana Hyundai Motorsport, la quale iscrisse quindi per la prima volta il suo nome nell'albo d'oro costruttori del mondiale rally[6]; tale titolo si sarebbe dovuto giocare nell'ultima gara, il Rally d'Australia, ma l'appuntamento venne annullato pochi giorni prima del suo inizio per via dell'emergenza incendi che ha funestato i territori settentrionali del Nuovo Galles del Sud, dove si sarebbe dovuto svolgere il rally[7].

Il campionato WRC-2 Pro è stato vinto dalla coppia finlandese composta da Kalle Rovanperä e Jonne Halttunen alla guida di una Škoda Fabia R5 della scuderia ufficiale Škoda Motorsport; la coppia si è infatti aggiudicata il neonato titolo con due gare di anticipo al termine del Rally di Gran Bretagna.[8] Il titolo costruttori di categoria è invece andato alla squadra Škoda Motorsport, conquistato in Catalogna a una gara dal termine.[9]

Anche i titoli mondiali piloti e copiloti WRC-2 si sarebbero dovuti decidere in Australia ma stante l'annullamento della gara[7], essi andarono ai francesi Pierre-Louis Loubet e Vincent Landais su Škoda Fabia R5, in testa alla classifica dopo l'appuntamento spagnolo[10].

Il pilota spagnolo Jan Solans e il suo connazionale Mauro Barreiro, su Ford Fiesta R2, si sono inoltre aggiudicati il mondiale piloti e copiloti Junior WRC, anch'essi conquistandolo alla terzultima gara in Galles.[11]

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Mappa che illustra le sedi di gara del mondiale 2019

Il campionato, con i suoi quattordici appuntamenti, avrebbe dovuto toccare l'Europa, l'America del sud e l'Oceania, tuttavia il rally d'Australia, in programma dal 14 al 17 novembre come ultima tappa del campionato, venne cancellato a causa dell'emergenza incendi che colpì il Nuovo Galles del Sud[1][7].

Tappa Data Rally Luogo Superficie
1 24-27 gennaio Monaco 87ème Rallye Automobile de Monte-Carlo Blason département fr Hautes-Alpes.svg Gap, Hautes-Alpes Neve/asfalto
2 14-17 febbraio Svezia 68th Rally Sweden Värmland vapen.svg Torsby, Värmland Neve
3 7-10 marzo Messico 16º Rally Guanajuato México Flag of Guanajuato.svg León, Guanajuato Sterrato
4 29-31 marzo Francia 62ème CORSICA Linea Tour de Corse Flag of Corsica.svg Bastia, Corsica Asfalto
5 25-28 aprile Argentina 39º XION Rally Argentina Bandera de la Provincia de Córdoba.svg Villa Carlos Paz, Córdoba Sterrato
6 9-12 maggio CileCOPEC Rally Chile Flag of Biobío Region, Chile.svg Talcahuano, Regione del Bío Bío Sterrato
7 30 maggio-2 giugno Portogallo 53º Vodafone Rally de Portugal Pt-mts3.png Matosinhos, Região Norte Sterrato
8 13-16 giugno Italia 16º Rally Italia Sardegna Sardegna Alghero, Sardegna Sterrato
9 1º-4 agosto Finlandia 69th Neste Rally Finland Keski-Suomi Coat of Arms.svg Jyväskylä, Finlandia centrale Sterrato
10 22-25 agosto Germania 37. ADAC Rallye Deutschland Flag of Saarland.svg Nohfelden, Saarland Asfalto
11 12-15 settembre Turchia 12th Rally Turkey Turchia Marmaris, Regione dell'Egeo Sterrato
12 3-6 ottobre Regno Unito 75th Wales Rally GB Galles Llandudno, Galles Sterrato
13 24-27 ottobre Spagna 55º RallyRACC Catalunya - Rally de España Catalogna Salou, Catalogna Asfalto/sterrato
14 14-17 novembre Australia 28th Kennards Hire Rally Australia[1][7] Flag of New South Wales.svg Coffs Harbour, Nuovo Galles del Sud Sterrato

Cambiamenti nel calendario[modifica | modifica wikitesto]

La FIA decise di espandere il programma a quattordici gare, inserendo per la prima volta nella storia il Rally del Cile, collocato a maggio nel calendario come sesta prova del mondiale[12]. La successione degli altri appuntamenti rimane invariata rispetto alla stagione 2018.

Cambiamenti nel regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Regolamento sportivo[modifica | modifica wikitesto]

Rispetto alla precedente stagione, nel 2019 vennero apportate alcune modifiche nel regolamento sportivo, di seguito le principali:

  • La serie cadetta World Rally Championship-2 venne scorporata in due campionati separati[2][13]:
    • WRC-2 Pro: dedicato alle scuderie che vorranno registrarsi ufficialmente, assegnerà il titolo piloti, copiloti e costruttori WRC-2 Pro. Ogni scuderia doveva partecipare ad almeno sette eventi (a scelta, ma uno dovrà essere extra-europeo) schierando almeno una vettura e sino a un massimo di due. Per le classifiche finali eranno validi soltanto i migliori otto risultati ottenuti sui quattordici in totale a disposizione.
    • WRC-2: principalmente volto agli equipaggi privati, assegnerà soltanto i titoli piloti e copiloti, separatamente dal campionato "Pro". Per le classifiche finali erano validi soltanto i migliori sei risultati ottenuti nelle prime sette gare disputate da ciascun contendente, sulle quattordici in totale a disposizione.
  • Venne soppresso il campionato WRC-3 per piloti, co-piloti e scuderie, che era dedicato agli equipaggi alla guida di vetture di classe inferiori alla R5 (R4, R3, R2 e R1). Tali equipaggi potranno tuttavia continuare a concorrere alle classifiche piloti e co-piloti generali[2][14].
  • In avvio di campionato, anche i piloti di punta (quelli con priorità P1) poterono scegliere il proprio numero di gara (eccetto il nº1, a sola disposizione del campione in carica), il quale avrebbe dobuto poi essere mantenuto per il resto della stagione[2][15].

Squadre e piloti[modifica | modifica wikitesto]

Erano al via del campionato gli stessi quattro costruttori protagonisti della precedente stagione:

La Toyota Yaris WRC di Ott Tänak durante il Rally di Monte Carlo
Le Hyundai i20 Coupe WRC al parco assistenza del Rally di Monte Carlo
  • Hyundai Shell Mobis WRT: la Hyundai confermò come prime guide per il 2019 il norvegese Andreas Mikkelsen e il belga Thierry Neuville, i quali disputeranno tutti e 14 gli appuntamenti in programma. Al volante della terza i20 Coupe WRC si alterneranno il pluricampione Sébastien Loeb[22], per la prima volta nella sua carriera al volante di una vettura non appartenente al Gruppo PSA; il francese, che disputerà l'evento inaugurale del WRC pochi giorni dopo aver terminato la Dakar 2019 in Perù, ha stipulato un contratto biennale con la factory sudcoreana e per lui sono previste inizialmente sei gare del mondiale[23]. Le restanti otto verranno disputate dallo spagnolo Dani Sordo, il quale ha esteso di un anno il proprio accordo con Hyundai e debutterà al rally del Messico, terzo appuntamento in programma[24]. Il neozelandese Hayden Paddon, appresa la notizia dell'ingaggio di Loeb e della conferma di Sordo, decise volontariamente di uscire dalla scuderia dopo cinque stagioni di militanza, non vedendo all'orizzonte la possibilità di essere schierato nella squadra per il mondiale 2019[25]. Al termine dell'appuntamento svedese la Hyundai annunciò la sostituzione di Andreas Mikkelsen con Dani Sordo in occasione del Tour de Corse, quarta gara stagionale e prima su asfalto[26]; lo stesso Mikkelsen venne inoltre sostituito da Loeb nel Rally del Portogallo[27], mentre a fine giugno la Hyundai annunciò la partecipazione di Craig Breen al Rally di Finlandia insieme a Neuville e Mikkelsen, con l'irlandese, che sarà navigato da Paul Nagle (ex copilota di Kris Meeke), al ritorno nel mondiale dopo il licenziamento da parte di Citroën al termine del 2018[28].
La Ford Fiesta WRC di Elfyn Evans al parco assistenza del Rally di Monte Carlo
  • M-Sport Ford WRT: dopo 22 anni di impegno nel mondiale, la scuderia inglese era sul punto di abbandonare per mancanza di risorse ma Malcolm Wilson, storico titolare della squadra, riuscì a fine dicembre a confermare l'iscrizione al campionato 2019 e a conservare la collaborazione, seppur parziale, con il gigante americano Ford. Perso Ogier (accasatosi alla Citroën), con cui nelle ultime due stagioni ha vinto due titoli mondiali piloti e uno costruttori, l'azienda con sede in Cumbria confermò al volante delle sue Ford Fiesta WRC per tutti e 14 gli appuntamenti in programma il finlandese Teemu Suninen e il gallese Elfyn Evans, quest'ultimo in bilico sino all'ultimo dopo una non esaltante stagione 2018 e affiancato per il 2019 da Scott Martin, già copilota di Craig Breen (appiedato da Citroën) sino all'anno precedente[29]. Alla guida della terza vettura per i primi due appuntamenti (il rally di Monte Carlo e quello di Svezia), ci sarà lo svedede Pontus Tidemand[30], al debutto su una vettura della classe regina e proveniente da ottime stagioni disputate nel campionato WRC-2 (al suo attivo il titolo conquistato nel 2017) mentre in vista dell'appuntamento portoghese è previsto il debutto del britannico Gus Greensmith nella massima categoria come terzo pilota M-Sport[31], anch'egli reduce da una buona stagione nel campionato cadetto.

Iscritti WRC[modifica | modifica wikitesto]

Squadre iscritte al campionato costruttori
Costruttori Auto Squadre Pneumatici Piloti Copiloti Gare
Citroën Citroën C3 WRC Francia Citroën Total WRT M 1 Francia Sébastien Ogier Francia Julien Ingrassia Tutte
4 Finlandia Esapekka Lappi Finlandia Janne Ferm Tutte
Ford Ford Fiesta WRC Regno Unito M-Sport Ford WRT M 3 Finlandia Teemu Suninen Finlandia Marko Salminen 1–7
Finlandia Jarmo Lehtinen 8–13
7 Svezia Pontus Tidemand Norvegia Ola Fløene 1–2, 11–12
33 Regno Unito Elfyn Evans Regno Unito Scott Martin 1–8, 12–13
Regno Unito Gus Greensmith Regno Unito Elliott Edmondson 9
44 Regno Unito Gus Greensmith Regno Unito Elliott Edmondson 7, 10
Toyota Toyota Yaris WRC Giappone Toyota Gazoo Racing WRT M 5 Regno Unito Kris Meeke Regno Unito Sebastian Marshall Tutte
8 Estonia Ott Tänak Estonia Martin Järveoja Tutte
10 Finlandia Jari-Matti Latvala Finlandia Miikka Anttila Tutte
Hyundai Hyundai i20 Coupe WRC Corea del Sud Hyundai Shell Mobis WRT M 6 Spagna Dani Sordo Spagna Carlos del Barrio 3–5, 7–8, 10–11, 13
11 Belgio Thierry Neuville Belgio Nicolas Gilsoul Tutte
19 Francia Sébastien Loeb Monaco Daniel Elena 1–2, 4, 6–7, 13
42 Irlanda Craig Breen Irlanda Paul Nagle 9, 12
89 Norvegia Andreas Mikkelsen Norvegia Anders Jæger 1–3, 5–6, 8–12
Ulteriori iscritti non registrati come costruttori
Costruttori Auto Squadre Pneumatici Piloti Copiloti Gare
Citroën Citroën DS3 WRC - M 20 Italia Mauro Miele Italia Luca Beltrame 1
- M 40 Francia Jean‐Charles Beaubelique Francia Julien Pesanti 4
- M 43 Francia Robert Simonetti Francia Célia Simonetti 4
Ford Ford Fiesta WRC Finlandia JanPro M 18 Finlandia Jouni Virtanen Finlandia Risto Pietiläinen 9
Regno Unito M-Sport Ford WRT M 37 Italia Lorenzo Bertelli Italia Simone Scattolin 2, 6
- M 92 Finlandia Janne Tuohino Finlandia Mikko Markkula 2
Ford Fiesta RS WRC Rep. Ceca MP-Sports M 26 Rep. Ceca Martin Prokop Rep. Ceca Jan Tománek 8
- M 41 Francia Armando Pereira Francia Rémi Tutélaire 4
- M 42 Francia Alain Vauthier Francia Gilbert Dini 4
Toyota Toyota Yaris WRC Finlandia GRX Team M 68 Finlandia Marcus Grönholm Finlandia Timo Rautiainen 2
Finlandia Tommi Mäkinen Racing M 17 Giappone Takamoto Katsuta Regno Unito Daniel Barritt 10, 13
69 Finlandia Juho Hänninen Finlandia Tomi Tuominen 8
note:[32][33][34][35][36][37][38][39][40][41][42][43][44]

Iscritti WRC-2 Pro[modifica | modifica wikitesto]

La Ford Fiesta R5 ufficiale M-Sport di Gus Greensmith al Rally di Monte Carlo
Iscritti team costruttori
Costruttori Auto Squadre Pneumatici Piloti Copiloti Gare
Citroën Citroën C3 R5 Francia Citroën Total M Norvegia Mads Østberg Norvegia Torstein Eriksen 2, 5–8, 10, 12–13
Ford Ford Fiesta R5 Regno Unito M-Sport Ford WRT M Regno Unito Gus Greensmith Regno Unito Elliott Edmondson 1–2, 5–6, 8
Polonia Łukasz Pieniążek Polonia Kamil Heller 2–3
Polonia Jakub Gerber 7
Ford Fiesta R5 Mk2 M Regno Unito Gus Greensmith Regno Unito Elliott Edmondson 9, 11–13
Francia Eric Camilli Francia Benjamin Veillas 9–10
Nuova Zelanda Hayden Paddon Nuova Zelanda John Kennard 12
Škoda Škoda Fabia R5 Rep. Ceca Škoda Motorsport M Finlandia Kalle Rovanperä Finlandia Jonne Halttunen 1–2, 4, 6
P Finlandia Eerik Pietarinen Finlandia Juhana Raitanen 2
M Bolivia Marco Bulacia Wilkinson Argentina Fabian Cretu 5–6
Škoda Fabia R5 Evo M Finlandia Kalle Rovanperä Finlandia Jonne Halttunen 7–13
Rep. Ceca Jan Kopecký Rep. Ceca Pavel Dresler 7–8, 10–11
Rep. Ceca Jan Hloušek 12–13
P Finlandia Eerik Pietarinen Finlandia Juhana Raitanen 9
note:[32][33][34][35][36][37][38][39][40][41][42][43][44]

Risultati e statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Gara Nome rally Podio Statistiche
Pos. Pilota Squadra Tempo Speciali Lunghezza Partiti Arrivati
1 Monaco 87ème Rallye Automobile Monte-Carlo
(24-27 gennaio) — Resoconto
1 1 Francia Sébastien Ogier
Francia Julien Ingrassia
Francia Citroën Total WRT
(Citroën C3 WRC)
3h21'15"9 (16)
15[45]
(323,83 km)
303,79 km[45]
84 70
2 11 Belgio Thierry Neuville
Belgio Nicolas Gilsoul
Corea del Sud Hyundai Shell Mobis WRT
(Hyundai i20 Coupe WRC)
+2"2
3 8 Estonia Ott Tänak
Estonia Martin Järveoja
Giappone Toyota Gazoo Racing WRT
(Toyota Yaris WRC)
+2'15"2
2 Svezia 67th Rally Sweden
(14-17 febbraio) — Resoconto
1 8 Estonia Ott Tänak
Estonia Martin Järveoja
Giappone Toyota Gazoo Racing WRT
(Toyota Yaris WRC)
2h47'30"0 19 316,80 km 61 55
2 4 Finlandia Esapekka Lappi
Finlandia Janne Ferm
Francia Citroën Total WRT
(Citroën C3 WRC)
+53"7
3 11 Belgio Thierry Neuville
Belgio Nicolas Gilsoul
Corea del Sud Hyundai Shell Mobis WRT
(Hyundai i20 Coupe WRC)
+56"7
3 Messico 16º Rally Guanajuato México
(7-10 marzo) — Resoconto
1 1 Francia Sébastien Ogier
Francia Julien Ingrassia
Francia Citroën Total WRT
(Citroën C3 WRC)
3h37'08"8 21 (313,87 km)
310,50 km[46]
23 15
2 8 Estonia Ott Tänak
Estonia Martin Järveoja
Giappone Toyota Gazoo Racing WRT
(Toyota Yaris WRC)
+30"2
3 33 Regno Unito Elfyn Evans
Regno Unito Scott Martin
Regno Unito M-Sport Ford WRT
(Ford Fiesta WRC)
+49"9
4 Francia 62ème CORSICA Linea Tour de Corse
(28-31 marzo) — Resoconto
1 11 Belgio Thierry Neuville
Belgio Nicolas Gilsoul
Corea del Sud Hyundai Shell Mobis WRT
(Hyundai i20 Coupe WRC)
3h22'59"0 14 347,51 km 95 68
2 1 Francia Sébastien Ogier
Francia Julien Ingrassia
Francia Citroën Total WRT
(Citroën C3 WRC)
+40"3
3 33 Regno Unito Elfyn Evans
Regno Unito Scott Martin
Regno Unito M-Sport Ford WRT
(Ford Fiesta WRC)
+1'06"6
5 Argentina 39º XION Rally Argentina
(25-28 aprile) — Resoconto
1 11 Belgio Thierry Neuville
Belgio Nicolas Gilsoul
Corea del Sud Hyundai Shell Mobis WRT
(Hyundai i20 Coupe WRC)
3h20'54"6 (18)
17[47]
(347,50 km)
317,65 km[47]
25 21
2 89 Norvegia Andreas Mikkelsen
Norvegia Anders Jæger
Corea del Sud Hyundai Shell Mobis WRT
(Hyundai i20 Coupe WRC)
+48"4
3 1 Francia Sébastien Ogier
Francia Julien Ingrassia
Francia Citroën Total WRT
(Citroën C3 WRC)
+1'04"8
6 CileCOPEC Rally Chile
(9-12 maggio) — Resoconto
1 8 Estonia Ott Tänak
Estonia Martin Järveoja
Giappone Toyota Gazoo Racing WRT
(Toyota Yaris WRC)
3h15'53"8 16 304,81 km 55 35
2 1 Francia Sébastien Ogier
Francia Julien Ingrassia
Francia Citroën Total WRT
(Citroën C3 WRC)
+23"1
3 19 Francia Sébastien Loeb
Monaco Daniel Elena
Corea del Sud Hyundai Shell Mobis WRT
(Hyundai i20 Coupe WRC)
+30"2
7 Portogallo 53º Vodafone Rally de Portugal
(31 maggio-2 giugno) — Resoconto
1 8 Estonia Ott Tänak
Estonia Martin Järveoja
Giappone Toyota Gazoo Racing WRT
(Toyota Yaris WRC)
3h20'22"8 18 306,97 km 60 33
2 11 Belgio Thierry Neuville
Belgio Nicolas Gilsoul
Corea del Sud Hyundai Shell Mobis WRT
(Hyundai i20 Coupe WRC)
+15"9
3 1 Francia Sébastien Ogier
Francia Julien Ingrassia
Francia Citroën Total WRT
(Citroën C3 WRC)
+57"1
8 Italia 16º Rally Italia Sardegna
(13-16 giugno) — Resoconto
1 6 Spagna Dani Sordo
Spagna Carlos del Barrio
Corea del Sud Hyundai Shell Mobis WRT
(Hyundai i20 Coupe WRC)
3h32'27"2 19 310,52 km 88 49
2 3 Finlandia Teemu Suninen
Finlandia Jarmo Lehtinen
Regno Unito M-Sport Ford WRT
(Ford Fiesta WRC)
+13"7
3 89 Norvegia Andreas Mikkelsen
Norvegia Anders Jæger
Corea del Sud Hyundai Shell Mobis WRT
(Hyundai i20 Coupe WRC)
+32"6
9 Finlandia 69th Neste Rally Finland
(22-25 agosto) — Resoconto
1 8 Estonia Ott Tänak
Estonia Martin Järveoja
Giappone Toyota Gazoo Racing WRT
(Toyota Yaris WRC)
2h30'40"3 23 307,58 km 61 49
2 4 Finlandia Esapekka Lappi
Finlandia Janne Ferm
Francia Citroën Total WRT
(Citroën C3 WRC)
+25"6
3 10 Finlandia Jari-Matti Latvala
Finlandia Miikka Anttila
Giappone Toyota Gazoo Racing WRT
(Toyota Yaris WRC)
+33"2
10 Germania 37. ADAC Rallye Deutschland
(22-25 agosto) — Resoconto
1 8 Estonia Ott Tänak
Estonia Martin Järveoja
Giappone Toyota Gazoo Racing WRT
(Toyota Yaris WRC)
3h15'29"8 19 344,04 km 56 41
2 5 Regno Unito Kris Meeke
Regno Unito Sebastian Marshall
Giappone Toyota Gazoo Racing WRT
(Toyota Yaris WRC)
+20"8
3 10 Finlandia Jari-Matti Latvala
Finlandia Miikka Anttila
Giappone Toyota Gazoo Racing WRT
(Toyota Yaris WRC)
+36"0
11 Turchia 12th Rally Turkey Marmaris
(12-15 settembre) — Resoconto
1 1 Francia Sébastien Ogier
Francia Julien Ingrassia
Francia Citroën Total WRT
(Citroën C3 WRC)
3h50'12"1 17 309,56 km 28 24
2 4 Finlandia Esapekka Lappi
Finlandia Janne Ferm
Francia Citroën Total WRT
(Citroën C3 WRC)
+34"7
3 89 Norvegia Andreas Mikkelsen
Norvegia Anders Jæger
Corea del Sud Hyundai Shell Mobis WRT
(Hyundai i20 Coupe WRC)
+1'04"5
12 Regno Unito 75th Wales Rally GB
(3-6 ottobre) — Resoconto
1 8 Estonia Ott Tänak
Estonia Martin Järveoja
Giappone Toyota Gazoo Racing WRT
(Toyota Yaris WRC)
3h00'58"0 (22)
21[48]
(309,76 km)
305,02 km[48]
53 47
2 11 Belgio Thierry Neuville
Belgio Nicolas Gilsoul
Corea del Sud Hyundai Shell Mobis WRT
(Hyundai i20 Coupe WRC)
+10"9
3 1 Francia Sébastien Ogier
Francia Julien Ingrassia
Francia Citroën Total WRT
(Citroën C3 WRC)
+23"8
13 Spagna 55º RallyRACC Catalunya - Rally de España
(25-27 ottobre) — Resoconto
1 11 Belgio Thierry Neuville
Belgio Nicolas Gilsoul
Corea del Sud Hyundai Shell Mobis WRT
(Hyundai i20 Coupe WRC)
3h07'39"6 17 325,56 km 61 42
2 8 Estonia Ott Tänak
Estonia Martin Järveoja
Giappone Toyota Gazoo Racing WRT
(Toyota Yaris WRC)
+17"2
3 6 Spagna Dani Sordo
Spagna Carlos del Barrio
Corea del Sud Hyundai Shell Mobis WRT
(Hyundai i20 Coupe WRC)
+17"6

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Punteggio[modifica | modifica wikitesto]

Il punteggio è rimasto inalterato rispetto alla precedente edizione.

Posizione finale 10ª
Punti 25 18 15 12 10 8 6 4 2 1
Posizione nella power stage
Punti 5 4 3 2 1

Classifica piloti[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota MON
Monaco
SVE
Svezia
MES
Messico
FRA
Francia
ARG
Argentina
CIL
Cile
POR
Portogallo
ITA
Italia
FIN
Finlandia
GER
Germania
TUR
Turchia
GBR
Regno Unito
SPA
Spagna
AUS
Australia
Punti
1 Estonia Ott Tänak 34 11 2 62 85 11 13 5 11 1 161 11 21 C 263
2 Belgio Thierry Neuville 23 32 43 14 13 Rit 22 63 62 41 82 35 13 227
3 Francia Sébastien Ogier 12 294 11 25 31 22 31 412 54 75 13 22 85 217
4 Norvegia Andreas Mikkelsen Rit 4 Rit 2 7 31 43 6 3 6 102
5 Regno Unito Elfyn Evans Rit 53 3 3 Rit 4 5 45 54 62 102
6 Regno Unito Kris Meeke 61 6 52 91 4 105 Rit 8 Rit 24 7 4 29 98
7 Finlandia Jari-Matti Latvala 5 21 8 10 52 113 7 184 35 33 64 Rit 5 94
8 Spagna Dani Sordo 94 4 64 235 1 5 5 34 89
9 Finlandia Teemu Suninen 115 23 Rit 53 7 5 44 2 8 292 45 Rit 7 89
10 Finlandia Esapekka Lappi Rit 25 135 7 Rit 6 Rit 7 2 8 2 273 Rit 83
11 Francia Sébastien Loeb 4 7 8 34 Rit 4 51
12 Finlandia Kalle Rovanperä 18 18 Rit 8 6 9 9 16 18 9 12 18
13 Svezia Pontus Tidemand 20 8 9 7 12
14 Irlanda Craig Breen 7 8 10
15 Regno Unito Gus Greensmith 7 19 14 12 Rit 42 Rit 9 10 34 15 9
16 Messico Benito Guerra 6 12 16 14 20 Rit 8
17 Bolivia Marco Bulacia Wilkinson 7 Rit 15 14 13 16 Rit 6
18 Norvegia Mads Østberg 11 9 9 24 18 17 45 9 6
19 Rep. Ceca Jan Kopecký 8 10 11 11 18 11 5
20 Francia Yoann Bonato 8 49 4
21 Francia Pierre-Louis Loubet 44 9 11 14 12 17 2
22 Norvegia Ole Christian Veiby 12 9 Rit Rit 20 35 16 2
23 Francia Stéphane Sarrazin 9 Rit 2
24 Russia Nikolaj Grjazin 15 12 13 Rit 10 20 13 23 1
25 Giappone Takamoto Katsuta 13 Rit 14 15 14 21 Rit Rit 10 14 39 1
26 Francia Eric Camilli Rit 13 15 10 1
27 Svezia Emil Bergkvist 14 10 1
28 Francia Adrien Fourmaux 10 45 30 36 23 23 15 32 1
29 Cile Pedro Heller Rit 10 28 1
30 Finlandia Janne Tuohino 10 1
Messico Ricardo Triviño 10 1
Norvegia Petter Solberg 10 1
Colore Risultato
Oro Vincitore
Argento 2º posto
Bronzo 3º posto
Verde Finito a punti
Blu Finito senza punti
Non classificato (NC)
Viola Ritirato (Rit)
Nero Squalificato (SQ)
Escluso (ES)
Bianco Non ha gareggiato
Iscrizione ritirata (WD)
Non partito (NP)
Gara cancellata (C)

Note:
1 2 3 4 5 – Indica la posizione d'arrivo nella Power Stage

Classifica copiloti[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Copilota MON
Monaco
SVE
Svezia
MES
Messico
FRA
Francia
ARG
Argentina
CIL
Cile
POR
Portogallo
ITA
Italia
FIN
Finlandia
GER
Germania
TUR
Turchia
GBR
Regno Unito
SPA
Spagna
AUS
Australia
Punti
1 Estonia Martin Järveoja 34 11 2 62 85 11 13 5 11 1 161 11 21 C 263
2 Belgio Nicolas Gilsoul 23 32 43 14 13 Rit 22 63 62 41 82 35 13 227
3 Francia Julien Ingrassia 12 294 11 25 31 22 31 412 54 74 13 22 85 217
4 Norvegia Anders Jæger Rit 4 Rit 2 7 31 43 6 3 6 102
5 Regno Unito Scott Martin Rit 53 3 3 Rit 4 5 45 54 62 102
6 Regno Unito Sebastian Marshall 61 6 52 91 4 105 Rit 8 Rit 24 7 4 29 98
7 Finlandia Miikka Anttila 5 21 8 10 52 113 7 184 35 33 64 Rit 5 94
8 Spagna Carlos del Barrio 94 4 64 235 1 5 5 34 89
9 Finlandia Janne Ferm Rit 25 135 7 Rit 6 Rit 7 2 8 2 273 Rit 83
10 Monaco Daniel Elena 4 7 8 34 Rit 4 51
11 Finlandia Jarmo Lehtinen 2 8 292 45 Rit 7 45
12 Finlandia Marko Salminen 115 23 Rit 53 7 5 44 44
13 Finlandia Jonne Halttunen 18 18 Rit 8 6 9 9 16 18 9 12 18
14 Norvegia Ola Fløene 20 8 9 7 12
15 Irlanda Paul Nagle 7 8 10
16 Regno Unito Elliott Edmondson 7 19 14 12 Rit 42 Rit 9 10 34 15 9
17 Messico Jaime Zapata 6 12 16 14 20 8
18 Argentina Fabian Cretu 7 Rit 15 14 13 16 Rit 6
19 Norvegia Torstein Eriksen 11 9 9 24 18 17 45 9 6
20 Rep. Ceca Pavel Dresler 8 10 11 11 5
21 Francia Benjamin Boulloud 8 49 4
22 Francia Vincent Landais 44 9 11 14 12 17 2
23 Svezia Jonas Andersson 12 9 Rit Rit 20 35 16 2
24 Francia Jacques-Julien Renucci 9 Rit 2
25 Spagna Marc Martí 10 Rit 10 28 Rit 21 2
26 Russia Jaroslav Fëdorov 15 12 13 Rit 10 20 13 23 1
27 Regno Unito Daniel Barritt 13 Rit 14 15 14 21 Rit Rit 10 14 39 1
28 Francia Benjamin Veillas 13 15 10 1
29 Svezia Patrik Barth 14 10 1
30 Belgio Renaud Jamoul 10 45 30 36 23 23 15 32 1
31 Finlandia Mikko Markkula 10 1
Regno Unito Phil Mills 10 1
Colore Risultato
Oro Vincitore
Argento 2º posto
Bronzo 3º posto
Verde Finito a punti
Blu Finito senza punti
Non classificato (NC)
Viola Ritirato (Rit)
Nero Squalificato (SQ)
Escluso (ES)
Bianco Non ha gareggiato
Iscrizione ritirata (WD)
Non partito (NP)
Gara cancellata (C)

Note:
1 2 3 4 5 – Indica la posizione d'arrivo nella Power Stage

Classifica costruttori WRC[modifica | modifica wikitesto]

Come nella precedente stagione, soltanto le migliori due vetture classificate per squadra marcheranno punti per la classifica costruttori.

Pos. Costruttori Pilota MON
Monaco
SVE
Svezia
MES
Messico
FRA
Francia
ARG
Argentina
CIL
Cile
POR
Portogallo
ITA
Italia
FIN
Finlandia
GER
Germania
TUR
Turchia
GBR
Regno Unito
SPA
Spagna
AUS
Australia
Punti
1 Corea del Sud Hyundai Shell Mobis WRT 6 Spagna Sordo 6 4 NC 7 1 4 5 3 C 380
11 Belgio Neuville 2 3 4 1 1 Rit 2 NC 6 3 NC 2 1
19 Francia Loeb 4 NC NC 3 Rit NC
42 Irlanda Breen NC NC
89 Norvegia Mikkelsen NC 4 Rit 2 7 3 4 NC 3 6
2 Giappone Toyota Gazoo Racing WRT 5 Regno Unito Meeke NC 6 5 8 4 8 Rit 7 Rit 2 7 4 NC 362
8 Estonia Tänak 3 1 2 6 NC 1 1 5 1 1 NC 1 2
10 Finlandia Latvala 5 NC NC NC 5 NC 6 NC 3 NC 6 Rit 4
3 Francia Citroën Total WRT 1 Francia Ogier 1 8 1 2 3 2 3 8 5 5 1 3 7 284
4 Finlandia Lappi Rit 2 7 7 Rit 6 Rit 6 2 6 2 8 Rit
4 Regno Unito M-Sport Ford WRT 3 Finlandia Suninen 6 NC Rit 5 6 5 4 2 7 8 4 Rit 6 218
7 Svezia Tidemand 6 7 8 7
33 Regno Unito Evans Rit 5 3 3 Rit 4 5 4 5 5
Regno Unito Greensmith Rit
44 Rit 7
Colore Risultato
Oro Vincitore
Argento 2º posto
Bronzo 3º posto
Verde Finito a punti
Blu Finito senza punti
Non classificato (NC)
Viola Ritirato (Rit)
Nero Squalificato (SQ)
Escluso (ES)
Bianco Non ha gareggiato
Iscrizione ritirata (WD)
Non partito (NP)
Gara cancellata (C)

Classifiche WRC-2 Pro[modifica | modifica wikitesto]

Ogni scuderia doveva partecipare ad almeno sette eventi (a scelta, ma uno doveva essere extra-europeo), schierando almeno una vettura e sino a un massimo di due.

Classifica piloti[modifica | modifica wikitesto]

Per la classifica finale saranno validi soltanto i migliori otto risultati ottenuti sui quattordici in totale a disposizione.

Pos. Pilota MON
Monaco
SVE
Svezia
MES
Messico
FRA
Francia
ARG
Argentina
CIL
Cile
POR
Portogallo
ITA
Italia
FIN
Finlandia
GER
Germania
TUR
Turchia
GBR
Regno Unito
SPA
Spagna
AUS
Australia
Punti
1 Finlandia Kalle Rovanperä 2 2 (Rit) 1 1 1 1 3 (3) 1 (3) C 176
2 Norvegia Mads Østberg 1 1 2 3 3 4 5 1 145
3 Regno Unito Gus Greensmith 1 3 2 3 4 1 3 4 137
4 Rep. Ceca Jan Kopecký 2 2 1 2 2 2 115
5 Polonia Łukasz Pieniążek 4 1 1 4 WD 74
6 Francia Eric Camilli 2 2 36
7 Bolivia Marco Bulacia Wilkinson Rit 4 12
Nuova Zelanda Hayden Paddon 4 12
Colore Risultato
Oro Vincitore
Argento 2º posto
Bronzo 3º posto
Verde Finito a punti
Blu Finito senza punti
Non classificato (NC)
Viola Ritirato (Rit)
Nero Squalificato (SQ)
Escluso (ES)
Bianco Non ha gareggiato
Iscrizione ritirata (WD)
Non partito (NP)
Gara cancellata (C)

Note: Tra parentesi i risultati scartati.

Classifica copiloti[modifica | modifica wikitesto]

Per la classifica finale erano validi soltanto i migliori otto risultati ottenuti sui quattordici in totale a disposizione.

Pos. Copilota MON
Monaco
SVE
Svezia
MES
Messico
FRA
Francia
ARG
Argentina
CIL
Cile
POR
Portogallo
ITA
Italia
FIN
Finlandia
GER
Germania
TUR
Turchia
GBR
Regno Unito
SPA
Spagna
AUS
Australia
Punti
1 Finlandia Jonne Halttunen 2 2 (Rit) 1 1 1 1 3 (3) 1 (3) C 176
2 Norvegia Torstein Eriksen 1 1 2 3 3 4 5 1 145
3 Regno Unito Elliott Edmondson 1 3 2 3 4 1 3 4 137
4 Rep. Ceca Pavel Dresler 2 2 1 2 79
5 Polonia Kamil Heller 4 1 1 62
6 Francia Benjamin Veillas 2 2 36
Rep. Ceca Jan Hloušek 2 2 36
8 Argentina Fabian Cretu Rit 4 12
Polonia Jakub Gerber 4 WD 12
Nuova Zelanda John Kennard 4 12
Colore Risultato
Oro Vincitore
Argento 2º posto
Bronzo 3º posto
Verde Finito a punti
Blu Finito senza punti
Non classificato (NC)
Viola Ritirato (Rit)
Nero Squalificato (SQ)
Escluso (ES)
Bianco Non ha gareggiato
Iscrizione ritirata (WD)
Non partito (NP)
Gara cancellata (C)

Note: Tra parentesi i risultati scartati.

Classifica costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Per la classifica finale erano validi tutti risultati ottenuti in stagione per entrambe le vetture eventualmente schierate da ogni costruttore.

Pos. Pilota MON
Monaco
SVE
Svezia
MES
Messico
FRA
Francia
ARG
Argentina
CIL
Cile
POR
Portogallo
ITA
Italia
FIN
Finlandia
GER
Germania
TUR
Turchia
GBR
Regno Unito
SPA
Spagna
AUS
Australia
Punti
1 Rep. Ceca Škoda Motorsport 2 2 Rit Rit 1 1 1 1 1 2 1 2 C 333
Rit 4 2 2 Rit 3 3 2 3
2 Regno Unito M-Sport Ford WRT 1 3 1 1 2 3 4 4 2 2 1 3 259
4 WD WD 4 4
3 Francia Citroën Total 1 1 2 3 3 4 5 1 145
Colore Risultato
Oro Vincitore
Argento 2º posto
Bronzo 3º posto
Verde Finito a punti
Blu Finito senza punti
Non classificato (NC)
Viola Ritirato (Rit)
Nero Squalificato (SQ)
Escluso (ES)
Bianco Non ha gareggiato
Iscrizione ritirata (WD)
Non partito (NP)
Gara cancellata (C)

Classifiche WRC-2[modifica | modifica wikitesto]

Per il campionato WRC-2 erano validi soltanto i migliori sei risultati ottenuti nei primi sette rally disputati da ciascun contendente sui quattordici in totale a disposizione. Qualora gli stessi avessero disputato più di sette gare, in quelle eccedenti essi non avrebbero potuto marcare punti né toglierne agli altri contendenti.

Classifica piloti[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota MON
Monaco
SVE
Svezia
MES
Messico
FRA
Francia
ARG
Argentina
CIL
Cile
POR
Portogallo
ITA
Italia
FIN
Finlandia
GER
Germania
TUR
Turchia
GBR
Regno Unito
SPA
Spagna
AUS
Australia
Punti
1 Francia Pierre-Louis Loubet 10 1 1 4 2 5 C 91
2 Polonia Kajetan Kajetanowicz 3 (Rit) 2 3 1 12 3 88
3 Messico Benito Guerra 1 2 2 6 7 Rit 75
4 Russia Nikolaj Grjazin 5 2 5 (Rit) 1 5 11 73
5 Italia Fabio Andolfi 1 7 Rit 3 5 6 64
6 Norvegia Ole Christian Veiby 3 1 Rit (Rit) 5 11 4 62
7 Bolivia Marco Bulacia Wilkinson 2 4 2 4 Rit 60
8 Giappone Takamoto Katsuta Rit 4 5 1 13 Rit (Rit) 47
9 Norvegia Henning Solberg 7 3 5 4 43
10 Finlandia Emil Lindholm 2 7 2 42
11 Cile Alberto Heller 3 4 Rit 7 6 41
12 Brasile Paulo Nobre 3 7 6 6 8 Rit 41
13 Francia Adrien Fourmaux 2 9 8 3 13 39
14 Svezia Emil Bergkvist 4 2 30
14 Svezia Johan Kristoffersson 3 3 30
15 Regno Unito Rhys Yates 4 10 5 15 7 10 30
17 Romania Simone Tempestini 10 3 4 Rit 28
18 Cile Pedro Heller Rit 1 10 26
19 Francia Yoann Bonato 1 12 25
20 Germania Fabian Kreim 1 25
Norvegia Petter Solberg 1 25
Francia Eric Camilli Rit 1 25
23 Belgio Guillaume de Mevius (Rit) 7 9 6 10 9 8 23
24 Finlandia Jari Huttunen Rit Rit 2 18
Germania Marijan Griebel 2 18
26 Argentina Alejandro Cancio 3 15
27 Cile Cristóbal Vidaurre 4 12
Finlandia Eerik Pietarinen 4 12
29 Francia Nicolas Ciamin 5 Rit Rit 10
Cile Samuel Israel 5 10
Turchia Burak Cukurova 5 10
32 Italia Manuel Villa 6 8
Norvegia Eyvind Brynildsen 6 8
Belgio Sébastien Bedoret 6 Rit 8
Cile Vicente Israel 6 8
Germania Dominik Dinkel 6 8
37 Italia "Pedro" Rit 8 16 9 9 12 8
38 Cipro Bora Manyera 7 6
Spagna José Antonio Suárez 7 6
40 Svezia Patrik Flodin 8 4
Perù Eduardo Castro 8 4
Portogallo Armindo Araújo 8 4
Lussemburgo Grégoire Munster Rit 8 4
Portogallo Diogo Salvi Rit 8 4
45 Svezia Mattias Monelius 9 2
Cile Francisco Lopez 9 2
Spagna Nil Solans 9 2
48 Spagna Jan Solans 10 1
Pos. Pilota MON
Monaco
SVE
Svezia
MES
Messico
FRA
Francia
ARG
Argentina
CIL
Cile
POR
Portogallo
ITA
Italia
FIN
Finlandia
GER
Germania
TUR
Turchia
GBR
Regno Unito
SPA
Spagna
AUS
Australia
Punti
Colore Risultato
Oro Vincitore
Argento 2º posto
Bronzo 3º posto
Verde Finito a punti
Blu Finito senza punti
Non classificato (NC)
Viola Ritirato (Rit)
Nero Squalificato (SQ)
Escluso (ES)
Bianco Non ha gareggiato
Iscrizione ritirata (WD)
Non partito (NP)
Gara cancellata (C)

Note: Tra parentesi i risultati scartati.

Classifica copiloti[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Copilota MON
Monaco
SVE
Svezia
MES
Messico
FRA
Francia
ARG
Argentina
CIL
Cile
POR
Portogallo
ITA
Italia
FIN
Finlandia
GER
Germania
TUR
Turchia
GBR
Regno Unito
SPA
Spagna
AUS
Australia
Punti
1 Francia Vincent Landais 10 1 1 4 2 5 C 91
2 Polonia Maciej Szczepaniak 3 (Rit) 2 3 1 12 3 88
3 Russia Jaroslav Fëdorov 5 2 5 (Rit) 1 5 11 73
4 Messico Jaime Zapata 1 2 2 6 69
5 Svezia Jonas Andersson 3 1 Rit (Rit) 5 11 4 62
6 Argentina Fabian Cretu 2 4 2 4 Rit 60
7 Regno Unito Daniel Barritt Rit 4 5 1 13 Rit (Rit) 47
8 Austria Ilka Minor 7 3 5 4 43
9 Finlandia Mikael Korhonen 2 7 2 42
10 Argentina José Luis Díaz 3 4 Rit 7 6 41
11 Brasile Gabriel Morales 3 7 6 6 8 Rit 41
12 Belgio Renaud Jamoul 2 9 8 3 13 39
13 Italia Emanuele Inglesi 3 5 6 33
14 Italia Simone Scattolin 1 7 Rit 31
15 Svezia Patrik Barth 4 2 30
16 Norvegia Stig Rune Skjærmoen 3 3 30
17 Spagna Marc Martí Rit 1 10 Rit 9 28
18 Romania Sergiu Itu 11 10 3 4 Rit 28
19 Francia Benjamin Boulloud 1 12 25
18 Germania Tobias Braun 1 25
Regno Unito Phil Mills 1 25
Francia Benjamin Veillas 1 25
23 Belgio Martijn Wydaeghe (Rit) 7 9 6 10 9 8 23
24 Finlandia Mikko Lukka 2 18
Germania Pirmin Winklhofer 2 18
26 Regno Unito James Morgan 10 5 15 7 10 18
27 Argentina Santiago Garcia 3 15
28 Francia Denis Giraudet 4 12
Argentina Ruben Garcia 4 12
Finlandia Juhana Raitanen 4 12
31 Francia Yannick Roche 5 Rit Rit 10
Argentina Nicolas Garcia 5 10
Turchia Vedat Bostanci 5 10
34 Italia Daniele Michi 6 8
Norvegia Veronica Gulbæk Engan 6 8
Belgio Thomas Walbrecq 6 Rit 8
Argentina Matias Ramos 6 8
Germania Christina Fürst 6 8
39 Italia Emanuele Baldaccini Rit 8 16 9 9 12 8
40 Turchia Cem Cerkez 7 6
Spagna Daniel Cué 7 Rit 6
Spagna Alberto Iglesias Pin 7 6
43 Portogallo Hugo Magalhães 11 8 4
44 Svezia Göran Bergsten 8 4
Perù Julio Echazu 8 4
Portogallo Luis Ramalho 8 4
Belgio Louis Louka Rit 8 4
48 Svezia Nicklas Edvardsson 9 2
Cile Nicolas Levalle 9 2
50 Spagna Mauro Barreiro 10 1
Pos. Copilota MON
Monaco
SVE
Svezia
MES
Messico
FRA
Francia
ARG
Argentina
CIL
Cile
POR
Portogallo
ITA
Italia
FIN
Finlandia
GER
Germania
TUR
Turchia
GBR
Regno Unito
SPA
Spagna
AUS
Australia
Punti
Colore Risultato
Oro Vincitore
Argento 2º posto
Bronzo 3º posto
Verde Finito a punti
Blu Finito senza punti
Non classificato (NC)
Viola Ritirato (Rit)
Nero Squalificato (SQ)
Escluso (ES)
Bianco Non ha gareggiato
Iscrizione ritirata (WD)
Non partito (NP)
Gara cancellata (C)

Note: Tra parentesi i risultati scartati.

Classifiche Junior WRC[modifica | modifica wikitesto]

Per il JWRC valeva lo stesso sistema di punteggio degli altri campionati con l'aggiunta che ogni equipaggio avrebbe totalizzato un punto in più per ogni prova speciale vinta. L'appuntamento finale in Gran Bretagna assegnò punteggio doppio purché i contendenti avessero disputato almeno tre dei quattro eventi precedenti. I punti per la posizione finale in ogni appuntamento venivano assegnati tenendo in considerazione soltanto i migliori quattro risultati ottenuti, regola non valida invece per quelli conquistati a seguito delle speciali vinte, accumulabili in tutti e cinque gli appuntamenti.

Classifica piloti[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota SVE
Svezia
FRA
Francia
ITA
Italia
FIN
Finlandia
GBR
Regno Unito
Punti
1 Spagna Jan Solans 31 (4)6 112 25 17 139
2 Svezia Tom Kristensson 11 23 (3) 18 22 118
3 Svezia Dennis Rådström 812 31 26 (Rit)5 910 75
4 Stati Uniti Sean Johnston 5 Rit (Rit) 5 3 50
5 Estonia Roland Poom 2 6 3 10 43
6 Italia Enrico Oldrati 7 8 (8) 6 4 42
7 Germania Julius Tannert 11 13 6 Rit1 37
8 Paraguay Fabrizio Zaldivar 9 (10) 7 8 5 32
9 Regno Unito Tom Williams 4 5 (Rit) 10 8 31
10 Lettonia Mārtiņš Sesks 63 Rit 5 92 25
11 Romania Raul Badiu 13 7 4 Rit 18
12 Finlandia Aleksi Röyhkiö 4 12
13 Germania Nico Knacker 12 9 9 7 10
14 Stati Uniti Ryan Booth 6 8
15 Stati Uniti Keanna Erickson-Chang 7 6
16 Estonia Ken Torn 102 Rit 3
17 Finlandia Sami Pajari Rit2 2

Classifica copiloti[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Copilota SVE
Svezia
FRA
Francia
ITA
Italia
FIN
Finlandia
GBR
Regno Unito
Punti
1 Spagna Mauro Barreiro 31 (4)6 112 25 17 139
2 Svezia Henrik Appelskog 11 23 (3) 18 22 118
3 Svezia Johan Johansson 812 31 26 (Rit)5 910 75
4 Stati Uniti Alexander Kihurani 5 Rit (Rit) 5 3 50
5 Estonia Ken Järveoja 2 6 3 10 43
6 Italia Elia De Guio 7 8 (8) 6 4 42
7 Austria Jürgen Heigl 13 6 Rit1 37
8 Argentina Fernando Mussano 9 (10) 7 8 5 32
9 Regno Unito Phil Hall 4 5 (Rit) 10 8 31
10 Lettonia Krišjanis Caune 63 Rit 5 21
11 Romania Gabriel Lazăr 13 7 4 Rit 18
12 Finlandia Ville Mannisenmäki 4 12
13 Australia Rhianon Gelsomino 6 8
14 Germania Michael Wenzel 9 7 8
15 Irlanda Martin Brady 7 6
16 Lettonia Andris Mālnieks 92 4
17 Estonia Kuldar Sikk 102 3
18 Germania Anne Katharina Stein 9 2
19 Finlandia Antti Haapala Rit2 2
Colore Risultato
Oro Vincitore
Argento 2º posto
Bronzo 3º posto
Verde Finito a punti
Blu Finito senza punti
Non classificato (NC)
Viola Ritirato (Rit)
Nero Squalificato (SQ)
Escluso (ES)
Bianco Non ha gareggiato
Iscrizione ritirata (WD)
Non partito (NP)
Gara cancellata (C)

Note:
x – Indica gli ulteriori punti conquistati in base al numero di prove speciali vinte.
Tra parentesi il risultato scartato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Il rally d'Australia, in programma dal 14 al 17 novembre come ultima tappa del campionato, è stato cancellato a causa dell'emergenza incendi che ha colpito il Nuovo Galles del Sud.
  2. ^ a b c d (ENFRES) WRC - Summary of regulation changes for 2019, su fia.com, FIA, 11 gennaio 2019 (archiviato il 12 gennaio 2019).
  3. ^ (ENESFR) Breaking news: Ogier claims sixth title, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 18 novembre 2018 (archiviato il 18 novembre 2018).
  4. ^ (ENESFR) Sunday in Australia: six of the best for Ogier, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 29 ottobre 2018 (archiviato il 30 ottobre 2019).
  5. ^ (ENESFR) Sunday in Spain: Tänak takes WRC Title, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 27 ottobre 2019 (archiviato il 18 novembre 2018).
  6. ^ (ENESFR) Hyundai celebrates title, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 13 novembre 2019. URL consultato il 14 novembre 2019 (archiviato il 13 novembre 2019).
  7. ^ a b c d (ENESFR) Rally Australia cancelled, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 12 novembre 2019. URL consultato il 12 novembre 2019 (archiviato il 12 novembre 2019).
  8. ^ (ENESFR) WRC 2 in Britain: Kalle claims Pro title, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 6 ottobre 2019 (archiviato il 7 ottobre 2019).
  9. ^ (ENESFR) WRC 2 in Spain: Heartbreak for Loubet, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 27 ottobre 2019 (archiviato il 28 ottobre 2019).
  10. ^ (ENESFR) Loubet lifts WRC 2 title, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 14 novembre 2019 (archiviato il 15 novembre 2019).
  11. ^ (ENESFR) Junior WRC in Britain: Solans secures title, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 6 ottobre 2019 (archiviato il 7 ottobre 2019).
  12. ^ (EN) Chile steps up to 2019 WRC, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 12 ottobre 2018 (archiviato il 13 ottobre 2018).
  13. ^ (EN) 2019 WRC Sporting Regulations and Appendices (English), su fia.com, FIA, 12 dicembre 2018, pp. 16-17. URL consultato il 16 gennaio 2019.
  14. ^ (EN) 2019 WRC Sporting Regulations and Appendices (English), su fia.com, FIA, 12 dicembre 2018, p. 10. URL consultato il 16 gennaio 2019.
  15. ^ (EN) 2019 WRC Sporting Regulations and Appendices (English), su fia.com, FIA, 12 dicembre 2018, p. 22. URL consultato il 16 gennaio 2019.
  16. ^ Giacomo Rauli, Citroen: dal 2019 sparisce lo sponsor Abu Dhabi. Tramonta il progetto per la terza C3?, su motorsport.com, Motorsport Network, 30 novembre 2018 (archiviato il 17 gennaio 2019).
  17. ^ (ENESFR) Ogier rejoins Citroën, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 28 settembre 2018 (archiviato il 14 dicembre 2018).
  18. ^ Sébastien Ogier torna alle origini: in Citroën nel 2019, su autosprint.corrieredellosport.it, Conti Editore S.r.l, 28 settembre 2018 (archiviato il 17 gennaio 2019).
  19. ^ (ENESFR) Lappi joins Ogier at Citroen, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 17 ottobre 2018 (archiviato il 10 gennaio 2019).
  20. ^ (ENESFR) Meeke returns with Toyota, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 17 ottobre 2018 (archiviato il 10 gennaio 2019).
  21. ^ (ENESFR) Marshall confirmed with Meeke, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 5 dicembre 2018 (archiviato il 18 gennaio 2019).
  22. ^ (ENESFR) Loeb joins Hyundai, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 13 dicembre 2018 (archiviato il 18 gennaio 2019).
  23. ^ Marco Giordo, Sébastien Loeb in Hyundai: ora è ufficiale!, su autosprint.corrieredellosport.it, Conti Editore S.r.l, 13 dicembre 2018 (archiviato il 18 gennaio 2019).
  24. ^ (ENESFR) Sordo excited by Loeb arrival, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 13 dicembre 2018 (archiviato il 18 gennaio 2019).
  25. ^ (ENESFR) Paddon left ‘high and dry’, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 14 dicembre 2018 (archiviato il 18 gennaio 2019).
  26. ^ (ENESFR) Hyundai axes Mikkelsen for Corsica, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 19 febbraio 2019 (archiviato il 19 febbraio 2019).
  27. ^ (ENESFR) Loeb replaces Mikkelsen in Portugal, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 21 maggio 2019. URL consultato il 21 maggio 2019 (archiviato il 21 maggio 2019).
  28. ^ (ENESFR) Breen to drive for Hyundai in Finland, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 25 giugno 2019. URL consultato il 25 giugno 2019.
  29. ^ (ENESFR) Evans joins forces with Martin, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 19 dicembre 2018 (archiviato il 18 gennaio 2019).
  30. ^ (EN) David Evans, M-Sport goes ahead with 2019 World Rally Championship entry, su autosport.com, Autosport, 21 dicembre 2018 (archiviato il 3 gennaio 2019).
  31. ^ (ENESFR) Greensmith set for top-level debut, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 11 gennaio 2019 (archiviato il 12 gennaio 2019).
  32. ^ a b (EN) 87e Rallye Automobile Monte Carlo - List of entries in seeded order (PDF), su acm.mc, Automobile Club de Monaco, 14 gennaio 2019. URL consultato il 16 gennaio 2019.
  33. ^ a b (ENSV) Rally Sweden 2019 - Entries WRC, su rallysweden.com. URL consultato il 27 gennaio 2019 (archiviato il 27 gennaio 2019).
  34. ^ a b (EN) Rally Guanajuato México 2019 - Entry List (PDF), su rallymexico.com, Rally Mexico 2018, 12 febbraio 2019 (archiviato il 22 febbraio 2019).
  35. ^ a b (ENFR) Liste officielle des engagés - Corsica Linea Tour de Corse 2019 (PDF), su tourdecorse.com, Fédération Française du Sport Automobile, 2 marzo 2019 (archiviato il 13 marzo 2019).
  36. ^ a b (ENES) Draft entry list - Rally Argentina 2019 (Subject to FIA approval) (PDF), su rallyargentina.com, 2018 +eventos, 28 marzo 2019 (archiviato il 2 aprile 2019).
  37. ^ a b (ENES) Copec Rally Chile 2019 (PDF), su copecrallychile.com, Copec RallyChile. URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato il 4 maggio 2019).
  38. ^ a b (ENPT) Vodafone Rally de Portugal 2019 - Entry list approved by the FIA (PDF), su rallydeportugal.pt, Automóvel Club de Portugal. URL consultato il 21 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2019).
  39. ^ a b (EN) Rally Italia Sardegna - Entry list, su rallyitaliasardegna.com, ACI Sport S.p.A, 2 giugno 2019. URL consultato il 3 giugno 2019 (archiviato il 3 giugno 2019).
  40. ^ a b (EN) Neste Rally Finland 2019 - Entry list (PDF), su nesterallyfinland.fi, AKK Sports Oy/Neste Rally Finland, 5 luglio 2019. URL consultato il 7 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2019).
  41. ^ a b (EN) ADAC Rallye Deutschland 2019 - Amended entrylist (PDF), su adac-rallye-deutschland.de, ADAC, 13 agosto 2019 (archiviato il 26 agosto 2019).
  42. ^ a b (EN) Rally Turkey Marmaris 2019 - Updated entry list (PDF), su rallyturkey.com, Rally Turkey, 11 settembre 2019 (archiviato il 22 settembre 2019).
  43. ^ a b (EN) Wales Rally GB 2019 - Entry list (PDF), su walesrallygb.com, Motorsport UK, 11 settembre 2019 (archiviato il 30 ottobre 2018).
  44. ^ a b (ENES) 55 RallyRACC Catalunya-Costa Daurada Rally de España 2019 - Entrylist (PDF), su rallyracc.com, RallyRACC, 7 ottobre 2019 (archiviato il 17 ottobre 2019).
  45. ^ a b Rally di Monte Carlo: è stata cancellata la PS3 per motivi di sicurezza.
  46. ^ Rally del Messico: è stata accorciata la PS19 per motivi di sicurezza.
  47. ^ a b Rally d'Argentina: è stata cancellata la PS3 per le avverse condizioni meteorologiche.
  48. ^ a b Rally di Gran Bretagna: è stata cancellata la PS20 per motivi di sicurezza.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Campionato del mondo rally 2019
Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of Argentina.svg Flag of Chile.svg Flag of Portugal.svg Flag of Italy.svg Flag of Finland.svg Flag of Germany.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Spain.svg Flag of Australia.svg

Edizione precedente:
Stagione 2017
Campionato del mondo rally
Altre edizioni
Edizione successiva:
Stagione 2020
Automobilismo Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo