Hyundai i20 Coupe WRC

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hyundai i20 Coupe WRC
2017 Rally Portugal - 5.jpg
La i20 Coupe WRC condotta da Hayden Paddon durante il Rally del Portogallo 2017
Descrizione generale
Costruttore Corea del Sud  Hyundai
Categoria Campionato del mondo rally
Classe WRC
Produzione 2017-
Squadra Hyundai Motorsport
Sostituisce Hyundai New Generation i20 WRC
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Telaio rinforzato con rollbar multisaldato
Motore 4 cilindri in linea, 1.6 litri turbocompresso, 16 valvole, iniezione diretta, alimentazione a benzina
Trasmissione 6 marce con cambio sequenziale, trazione integrale permanente, frizione ceramica doppio disco
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4100 mm
Larghezza 1875 mm
Passo 2570 mm
Peso 1190 kg
Altro
Pneumatici Michelin
Avversarie Citroën C3 WRC, Toyota Yaris WRC, Ford Fiesta WRC
Risultati sportivi
Debutto Rally di Monte Carlo 2017
Piloti Nuova Zelanda Hayden Paddon
Belgio Thierry Neuville
Spagna Dani Sordo
Norvegia Andreas Mikkelsen
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
11 3
Note 9 podi e 275 punti costruttori conquistati

La Hyundai i20 Coupe WRC è una vettura da competizione derivata dalla seconda generazione della Hyundai i20, progettata e costruita appositamente per competere nel campionato del mondo rally dalla Hyundai Motorsport, il reparto sportivo della casa sudcoreana con base in Germania. L'auto iniziò a gareggiare a partire dal mondiale WRC 2017 affidata ai piloti Thierry Neuville, Hayden Paddon e Dani Sordo.

Primi test e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Basata sul modello a tre porte della compatta coreana, la neonata di casa Hyundai svolse i primi test ad aprile 2016, incentrati principalmente su parti cruciali del motore come il raffreddamento, gli intercooler e i nuovi restrittori delle turbine, aumentati di diametro dal nuovo regolamento tecnico, seguiti poi da altre prove volte ad affinare trasmissione e sospensioni.[1]

Lo sviluppo della vettura è proseguito poi durante tutta la stagione estiva, effettuando prove su asfalto e su terra e giungendo alle specifiche definitive verso la fine di settembre, con gli ultimi affinamenti al motore e all'aerodinamica, prima di venire sottoposta al processo di omologazione della FIA.[2]

Specifiche[modifica | modifica wikitesto]

Il motore, è un 1.6 litri quattro cilindri in linea a iniezione diretta, con alesaggio di 83 mm e corsa di 73,9 mm e dotato di turbocompressore con restrittore in aspirazione di 36 mm; esso eroga una potenza di 380 CV a 6500 giri/min e una coppia massima di 450 Nm a 5500 giri/min. La trasmissione è a trazione integrale permanente con differenziale centrale idraulico mentre l'anteriore e il posteriore sono meccanici, cambio sequenziale a sei rapporti e frizione ceramico-metallica a doppio disco. Le sospensioni sono di tipo MacPherson con ammortizzatori regolabili mentre l'impianto frenante realizzato dalla Brembo è dotato di pinze a quattro pistoncini e dischi autoventilanti da 300 mm di diametro in assetto terra e 370 mm su asfalto. L'auto monta cerchi da 18" su asfalto e da 15" su ghiaia e utilizza pneumatici Michelin.

Stagione 2017[modifica | modifica wikitesto]

Neuville/Gilsoul vittoriosi al Tour de Corse 2017

La vettura fu la prima, tra le quattro contendenti al mondiale 2017, ad essere presentata ufficialmente, venendo svelata il 1º dicembre 2016 all'Autodromo nazionale di Monza e rimanendo esposta per tutta la durata del Monza Rally Show, evento svoltosi dal 2 al 4 dicembre. Il team principal Michel Nandan, rimarcando la soddisfazione per i risultati ottenuti durante la stagione 2016 dalla New Generation i20 WRC, dichiarò la determinazione nel voler competere per entrambi i titoli 2017, aggiungendo che i nuovi regolamenti tecnici avrebbero riportato un sostanziale equilibrio tra tutti i contendenti in vista della nuova stagione.[3][4]

La casa sudcoreana confermò tutti e tre i piloti per il mondiale 2017, ovvero il neozelandese Hayden Paddon, forte già di un contratto biennale stipulato nel 2016, lo spagnolo Dani Sordo, ufficializzato ad agosto 2016, e il belga Thierry Neuville[5], il quale firmò il rinnovo soltanto il 5 ottobre per la durata di due anni[6], la Citroën infatti dimostrò il proprio interesse verso di lui e durante l'estate si parlò di un suo ritorno nella scuderia francese.[7]

Vittorie nel WRC[modifica | modifica wikitesto]

# Anno Rally Superficie Pilota Co-pilota Squadra
1 2017 Francia 60ème Che Guevara Energy Drink Tour de Corse Asfalto Belgio Thierry Neuville Belgio Nicolas Gilsoul Germania Hyundai Motorsport
2 2017 Argentina 37º YPF Rally Argentina Sterrato Belgio Thierry Neuville Belgio Nicolas Gilsoul Germania Hyundai Motorsport
3 2017 Polonia 74th ORLEN Rally Poland Sterrato Belgio Thierry Neuville Belgio Nicolas Gilsoul Germania Hyundai Motorsport

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) David Evans, Hyundai to switch its i20 World Rally Championship model for 2017, su autosport.com, Autosport, 22 giugno 2016. (archiviato il 13 giugno 2017).
  2. ^ (EN) David Evans, Hyundai close to final specification of its 2017 World Rally Car, su autosport.com, Autosport, 23 settembre 2016. (archiviato il 13 giugno 2017).
  3. ^ (EN) David Evans, WRC 2017: Hyundai to be first to launch new car at Monza Rally, su autosport.com, Autosport, 19 ottobre 2016. (archiviato il 13 giugno 2017).
  4. ^ (EN) David Evans, Hyundai launches its 2017 World Rally Car for new regulations, su autosport.com, Autosport, 1º dicembre 2016. (archiviato il 13 giugno 2017).
  5. ^ (EN) David Evans, Thierry Neuville set for 2017 Hyundai World Rally Championship deal, su autosport.com, Autosport, 10 agosto 2016. (archiviato il 13 giugno 2017).
  6. ^ (EN) David Evans, Hyundai retains Neuville alongside Paddon and Sordo for 2017 WRC, su autosport.com, Autosport, 5 ottobre 2016. (archiviato il 13 giugno 2017).
  7. ^ (EN) David Evans, Citroen considering Thierry Neuville for 2017 WRC line-up, su autosport.com, Autosport, 10 agosto 2016. (archiviato il 13 giugno 2017).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobilismo Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo