Commando Arājs

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Commando Arājs (o Sonderkommando Arājs), è una speciale unità ausiliaria di polizia della Lettonia (in lingua tedesca Lettische Hilfspolizei) che fu guidata durante la seconda guerra mondiale dall'SS-Sturmbannführer Viktors Arājs. Subordinata al servizio di sicurezza nazista, è stata durante l'Olocausto una delle più spietate unità di sterminio.

Fondata all'inizio di luglio del 1941 - cioè poco dopo l'occupazione tedesca della città di Riga - da Franz Walter Stahlecker, comandante dell'Einsatzgruppen "A" e comandante del Befehlshaber della Sicherheitspolizei nonché SD per il Reichskommissariat Ostland, l'unità prese parte a svariate delle atrocità naziste - come l'uccisione di ebrei, rom e malati mentali - compiendo anche azioni punitive e massacri a danno di civili lungo il confine orientale della Lettonia con la Russia e la Bielorussia. In totale, il commando uccise ventiseimila ebrei.[1]

Il commando - molti dei cui uomini servirono presso il campo di concentramento di Salaspils[2] - prese parte a esecuzioni di massa di ebrei del ghetto di Riga mentre altre diverse migliaia furono deportate dalla Germania a Rumbula il 30 novembre e l'8 dicembre dello stesso anno.

Giorno della Memoria[modifica | modifica wikitesto]

L'Arajs Kommando fu anche responsabile, il 4 luglio 1941, dell'incendio della Grande Sinagoga di Riga. Questo episodio viene ricordato in Lettonia ogni 4 luglio, dedicato al Giorno della Memoria in ricordo dell'Olocausto.

Dell'unità facevano parte inizialmente circa trecento membri, saliti poi fino a 500 e poi ancora nel 1942 a 1.200 durante il culmine della repressione della Resistenza sovietica.

Nella fase finale della guerra, l'unità venne sciolta e il personale che la componeva trasferito nella speciale Legione lèttone.

Dopo aver trovato rifugio per decenni in Germania Ovest, Viktors Arājs venne individuato arrestato e processato per i crimini commessi. In Australia trovò invece rifugio uno degli ufficiali del commando, Konrads Kalējs. I governi di Canada, Stati Uniti, Regno Unito ad inizio degli anni duemila ne chiesero l'estradizione per sottoporlo a processo per genocidio, ma l'ufficiale morì prima che l'estradizione avvenisse.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrew Ezergailis, The Holocaust in Latvia, 1941-1944, Historical Institute of Latvia, Riga ; United States Holocaust Memorial Museum; Washington, DC., 1996, OCLC 33403580.
  2. ^ Heinrihs Strods, Salaspils koncentrācijas nometne (1944. gada oktobris – 1944. gada septembris, in Yearbook of the Occupation Museum of Latvia, 2000, pp. 87–153, ISSN 1407-6330 (WC · ACNP). (LV)
  3. ^ Konrad Kalejs: Target for Nazi hunters., BBC News, 3 gennaio 2000.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Andrew Ezergailis, The Holocaust in Latvia, 1941-1944, Historical Institute of Latvia, Riga; United States Holocaust Memorial Museum; Washington, DC., 1996, OCLC 33403580.
  • (EN) Valdis O. Lumans, Latvia in World War II, World War II—The Global, Human, and Ethical Dimension 11, New York, Fordham University Press, 2006, ISBN 978-0-8232-2627-6, OCLC 64595899.
  • (DE) Andrej Angrick, Klein, Peter, Die "Endlösung" in Riga: Ausbeutung und Vernichtung 1941–1944, Darmstadt, Wissenschaftliche Buchgesellschaft, 2006, ISBN 3-534-19149-8, OCLC 69983159.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]