Campo di concentramento di Neuengamme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 53°25′50″N 10°14′01″E / 53.430556°N 10.233611°E53.430556; 10.233611

Mappa di localizzazione
Ripresa aerea del campo di Neuengamme, 1945

Il campo di concentramento (Konzentrationslager in tedesco, abbreviato in KZ) di Neuengamme fu organizzato il 13 dicembre 1938 in una fabbrica di mattoni in disuso[1] a Neuengamme, un sobborgo a sud-est di Amburgo e fu operativo fino al 4 maggio 1945, inizialmente come dipendenza del campo di Sachsenhausen[2] poi trasformato nell'estate del 1940 in campo di lavoro indipendente con più di 85 campi[1] esterni annessi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dagli inizi al 1941[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1938 la Deutsche Erd- und Steinwerke cominciò le trattative con la città di Amburgo per l'acquisto di una fabbrica di mattoni in disuso e del terreno circostante (circa 50 ettari) nel sobborgo di Neuengamme. Il 12 dicembre del 1938 il campo entrò in attività con i primi 100 prigionieri provenienti dal campo di Sachsenhausen sorvegliati da 40 guardie provenienti da Buchenwald.

Pochi mesi dopo l'inizio della guerra Neuengamme divenne un campo autonomo, dopo la visita da parte di Himmler nel gennaio del 1940 la produzione di mattoni per i progetti di edilizia sulla riva dell'Elba divenne l'attività principale del campo. Il progetto di ampliamento del campo prevedeva l'ampliamento della fabbrica, la costruzione di un raccordo ferroviario, un canale di collegamento alla Dove Elbe (un affluente dell'Elba), l'ampliamento verso valle del fiume e un nuovo bacino portuale. Alla fine del 1940 i detenuti erano 2.900, vennero aperte le prime cave di argilla[3]. A fine anno i morti registrati erano già 432[4].

Nel 1941 si registrò l'arrivo di oltre 1000 prigionieri da Auschwitz, per lo più minori, nell'ottobre dello stesso anno arrivarono i primi prigionieri di guerra sovietici dallo Stalag XD 310 di Wietzendorf alloggiati separatamente in condizioni pessime, molti morirono di fame e di stenti. Alla fine del 1941 i prigionieri erano 4.500, i morti del 1941 furono 495. In seguito ai continui arrivi di prigionieri l'affollamento del campo provocò un'epidemia di tifo esantematico, dal 28 dicembre del 1941 al marzo 1942 i campo fu messo in quarantena[4].

1942 - 1944[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1941 e l'inizio del 1942 iniziarono le uccisioni dei prigionieri inabili al lavoro con iniezioni di fenolo[4]. Nell'aprile del 1942 circa 500 prigionieri vennero trasferiti e venne costruito il campo di concentramento di Arbeitsdorf, il 1942 è l'anno in cui venne cambiata la destinazione del campo, dalla fabbricazione di mattoni si passò alla produzione di armi e materiali bellici, a fianco al campo sorse un complesso industriale con diverse aziende: la Jastram che produceva attrezzature per la marina, sorattutto motori e siluri, la Messap che produceva detonatori a tempo e la Walther-Werke specializzata in fucili automatici[4], contestualmente vi fu un ordine del comando amministrativo delle SS di ridurre il tasso di mortalità nel campo, temporaneamente vennero aumentate le razioni alimentari.

Nel maggio del 1942 venne messo in funzione un forno crematorio interno al campo, in precedenza i cadaveri venivano cremati nei forni della città di Amburgo. A fine giugno i 348 prigionieri sovietici ancora in vita furono deportati a Sachsenhausen. Nella seconda metà dell'anno si registrò l'arrivo di oltre 6.800 prigionieri da altri campi e dagli arresti della Gestapo. Nell'ottobre dello stesso anno venne allestita una camera a gas, tra ottobre e novembre vi furono uccisi 448 prigionieri sovietici con il Zyklon B[4].

Nel corso del 1943 vengono deportati a Neuengamme circa 11.300 prigionieri.

Dall'inizio del 1944 sono circa 60 i nuovi campi esterni che vennero istituiti principalmente per lo sgombero di macerie dei bombardamenti nelle città del nord della Germania e per la costruzione di fortificazioni difensive. Nel luglio del 1944 arrivarono a Neuengamme circa 10.000 prigionieri ebrei trasferiti da Auschwitz e dall'Ungheria. Alla fine del 1944 il numero di detenuti era pari a circa 49.000, 12.000 nel campo principale e 37.000 nei campi esterni, le donne erano circa 10.000. I morti, riconosciuti, nell'anno 1944 furono 5.692[4].

1945 e le tragedie dell'evacuazione[modifica | modifica wikitesto]

Quando apparve ormai evidente la sconfitta della Germania cominciò l'evacuazione dei campi e la sistematica distruzione delle prove degli abomini commessi.

L'ordine di evacuazione del campo arrivò il 19 aprile, tutta la documentazione, le forche, gli strumenti di tortura vennero bruciati. Le baracche di detenzione vennero completamente ripulite.

L'unico sottocampo a non essere evacuato fu quello di Salzwedel dove il 14 aprile le 3.000 donne detenute vennero liberate dalla 9ª Armata degli Stati Uniti[4].

Gli Autobus bianchi[modifica | modifica wikitesto]

La colonna di autobus bianchi a Padborg

Nel marzo 1945 Folke Bernadotte, vicepresidente della Croce Rossa svedese, negoziò con Himmler la liberazione di tutti i prigionieri di origine scandinava, insieme ai circa 8.000 prigionieri scandinavi vennero portati a Neuengamme dai campi di concentramento di Theresienstadt e Ravensbrück altri 10.000/12.000 prigionieri di varie nazionalità, circa 4000 di questi vennero portati, a partire dal 21 aprile, dapprima in un centro di raccolta a Padborg, sul confine con la Danimarca, e poi in Svezia tramite un'operazione di salvataggio detta degli Autobus bianchi. In seguito la Croce Rossa svedese riuscì a far uscire minimo altri 10.000 prigionieri, fra i quali 9.000 donne, dai campi di Ravensbrück e dai campi esterni di Neuengamme.

Lüneburg[modifica | modifica wikitesto]

IL 7 aprile un treno con oltre 400 prigionieri provenienti dal campo di Wilhelmshaven (Alter Banter Weg) venne attaccato dai bombardieri alleati, circa 260 prigionieri morirono durante l'attacco, i sopravvissuti vennero radunati in un prato, il giorno dopo 140 di loro vennero portati a Bergen-Belsen. I rimanenti 60/80, in gran parte feriti vennero uccisi sul posto l'11 aprile.

Celle[modifica | modifica wikitesto]

La notte dell'8 aprile i bombardieri alleati colpirono un treno fermo alla stazione di Celle che trasportava circa 4.000 deportati dai sottocampi di Salzgitter-Drütte e Salzgitter-Bad, circa la metà perse la vita, alcuni riuscirono a fuggire ma furono massacrati dalle SS e dalla polizia, circa 1.100 vennero catturati. 500 vennero costretti a marciare verso Bergen-Belsen dove arrivarono il 10 aprile. Coloro, circa 600, che erano stati feriti durante il bombardamento e quindi erano "inabili alla marcia" vennero lasciati in un caserma di Celle dove furono liberati dalle truppe britanniche il 12 aprile[5].

Il fienile di Gardelegen

Gardelegen[modifica | modifica wikitesto]

Verso la metà dell'aprile 1945 due convogli di evacuazione dei campi di Mittelbau-Dora e Hannover-Stöcken transitarono nei pressi di Gardelegen, qui la linea ferroviaria era interrotta per danni da bombardamenti, i prigionieri vennero incolonnati e fatti proseguire a piedi. La sera del 13 aprile i prigionieri vennero chiusi un fienile al quale venne dato fuoco, morirono 1016 persone. Le truppe statunitensi raggiunsero Gardelegen il giorno dopo e ordinarono alla popolazione di seppellire singolarmente ogni cadavere[6].

L'assassinio dei prigionieri politici[modifica | modifica wikitesto]

IL 20 aprile venne disposto il trasferimento a Neuengamme di 71 prigionieri politici dal campo di prigionia di Fuhlsbüttel che era stato evacuato. Erano 13 donne e 58 uomini, soprattutto membri di diversi gruppi della resistenza, gli uomini vennero rinchiusi in un braccio apposito, le donne nei bunker delle SS, durante la notte fra il 21 e il 22 di aprile le donne vennero portate nel bunker di detenzione, dodici di esse vennero impiccate e una picchiata a morte. Gli uomini, portati anche loro nel bunker di detenzione, metà di loro riuscirono a barricarsi ma vennero uccisi la notte successiva da granate lanciate dentro il bunker, i rimanenti vennero impiccati o fucilati, i corpi furono bruciati nel crematorio del campo.

Bullenhuser Damm[modifica | modifica wikitesto]

Il monumento a ricordo dei bambini uccisi a Bullenhuser Damm

Nella notte tra il 20 e il 21 aprile 1945 nella cantina della scuola di Bullenhuser Damm, un fabbricato che serviva da campo esterno dall'ottobre 1944, 20 bimbi ebrei, di età inferiore ai dodici anni, con i loro infermieri e 24 deportati sovietici, furono impiccati. Con questa azione si vollero camuffare, prima dell'arrivo delle truppe alleate, gli esperimenti medici condotti dal medico delle SS Kurt Heißmeyer sui deportati con il bacillo della tubercolosi[7].

Cap Arcona e Thielbeck[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 21 e il 26 di aprile del 1945, le SS trasferirono circa 10.000 prigionieri dal campo di Neuengamme a Lubecca dove vennero imbarcati su tre navi da trasporto, la Thielbek, la Athen e la Elmenhorst. Molti vennero imbarcati sulla Cap Arcona che era ancorata nella baia di Lubecca al largo di Neustadt in Holstein. Poco prima dell'ingresso delle truppe britanniche a Lubecca due delle navi, la Athen e la Thielbek si spostarono nella baia vicino alla Cap Arcona. Il 3 maggio aerei britannici attaccarono le tre navi pensando che fossero navi di trasporto truppe, la Athen si salvò ma la Thielbek e la Cap Arcona furono colpite ed affondarono, morirono circa 7000 persone. Poche ore dopo le truppe inglesi entrarono nel campo di concentramento di Neuengamme, completamento vuoto[8].

Lista dei sottocampi di Neuengamme[modifica | modifica wikitesto]

Fonte: (EN) KZ-Gedenkstätte Neuengamme - Satellite Camps (consultato il 14 febbraio 2017)

Campo Prigionieri Periodo di attività Attività Committente
Alderney Lager Sylt 1000 ♂ 5 marzo 1943 - 24 giugno 1944 Costruzione di fortificazioni Oberkommando der Wehrmacht, Organizzazione Todt
Alt Garge (Bleckede) 500 ♂ 24 agosto 1944 - 15 febbraio 1945 Costruzione di centrale elettrica Hamburgische Electricitäts-Werke, Rosseburg, Grün & Bilfinger, Wayss & Freytag
Aurich-Engerhafe 2000 ♂ 21 ottobre 1944 - 22 dicembre 1944 Costruzioni di fortificazioni (Frisenwall) Reichsverteidigungskommissar di Amburgo
Bad Sassendorf ( (11. SS-Eisenbahnbaubrigade) 504 ♂ 8 febbraio 1945 - 4/5 aprile 1945 Costruzione linea ferroviaria Deutsche Reichsbahn
Boizenburg/Elbe 400 ♀ agosto 1944 - 28 aprile 1945 Produzione di componenti di aerei e navi Thomsen & Co
Braunschweig (Büssing-NAG) 1800 ♂ 17 agosto 1944 - aprile 1945 Produzione ricambi per autocarri Büssing
Braunschweig (Scuola di equitazione SS) ~ 800 ♀ dicembre 1944 - febbraio 1945 Rimozione macerie Città di Braunschweig
Braunschweig (Campo di approvvigionamento) ~ 9 ♂ 25 marzo 1944 - 5 giugno 1944 Costruzione di un ufficio per le SS Ufficio reclutamento delle SS
Braunschweig-Vechelde 200 ♂ settembre 1944 - fine marzo 1945 Produzione ricambi per autocarri Büssing
Breitenfelde presso Mölln 20 ♂ 10 novembre 1944 - 30 aprile 1945 Lavoro presso una segheria
Brema (SS-Baubrigade II) 750 ♂ 12 ottobre 1942 - 15 aprile 1944 Rimozione macerie e costruzioni Città di Brema
Bremen-Hindenburgkaserne 800 ♀ 2 agosto 1944 - 26 settembre 1944 Rimozione macerie Città di Brema
Bremen-Blumenthal ~ 1000 ♂ agosto 1944 - inizio aprile 1945 Lavoro presso cantiere navale Deutsche Schiff- und Maschinenbau Aktiengesellschaft e Friedrich Krupp AG
Bremen (Fabbrica Borgward) 1000 ♂ 25 agosto 1944 - 12 ottobre 1944 Costruzione di autoveicoli Borgward
Bremen-Farge 3000 ♂ ottobre 1943 - 10 aprile 1945 Costruzione del U-Boot-Bunker Valentin Comando della Marina
Bremen-Neuenland 1000 ♂ 16 agosto 1944 - 28 novembre 1944 Costruzione dell'U-Boot-Bunker Hornisse Comando della Marina, Deutsche Schiff- und Maschinenbau Aktiengesellschaft
Bremen-Obernheide 800 ♀ 26 September 1944 to 4 April 1945 Rimozione macerie e costruzione edifici Città di Brema
Bremen-Osterort (allestito dopo lo sgombero di Bremen-Neuenland) 1000 ♂ 28 novembre 1944 - 6 aprile 1945 Costruzione dell'U-Boot-Bunker Hornisse Comando della Marina, Deutsche Schiff- und Maschinenbau Aktiengesellschaft
Bremen-Schützenhof 700 ♂ December 1944 to 7 or 9 April 1945 Sgombero macerie e cantiere navale Deutsche Schiff- und Maschinenbau Aktiengesellschaft e Friedrich Krupp AG
Bremen-Uphusen ~ 150 ♀ 7 febbraio - 4 aprile 1945 Produzione di materiali per prefabbricati Città di Brema
Darß-Wieck 50 ♂ gennaio 1941 - fine febbraio 1941 taglio di cannuccia di palude
Düssin (Meclemburgo) 80 ♂ 15 settembre 1944 - 1 marzo 1945 lavoro in fattoria
Fallersleben (Arbeitsdorf) 800 ♂ inizio aprile 1942 - 1 ottobre 1942 lavoro in fabbrica Volkswagen
Fallersleben (campo femminile) 650 ♀ agosto 1944 - 8 aprile 1945 Costruzione di armi Volkswagen
Fallersleben-Laagberg (Men) 800 ♂ 31 maggio 1944 - 8 aprile 1945 Costruzione di edifici Volkswagen
Garlitz (Mecklenburg) ~ 10 ♂ ♀ 3 febbraio 1944 - 2 maggio 1945 Lavoro come personale domestico
Goslar 15 ♂ 20. Oktober 1944 bis 25. März 1945 Lavoro d'ufficio SS Goslar
Hamburg-Eidelstedt a) 500 ♀ b) diverse centinaia ♀ a) 27 settembre 1944 - 7 aprile 1945 b) 20/21 aprile - 5 maggio 1945 rimozione macerie e costruzione edifici Città di Amburgo
Hamburg-Finkenwerder ~ 600 ♂ ottobre 1944 . fine marzo 1945 cantiere navale e rimozione macerie Deutsche Werft
Hamburg-Fuhlsbüttel 1500 ♂ 25 ottobre 1944 - 15 febbraio 1945 rimozione macerie nel porto e costruzione di fossati anticarro programma Geilenberg
Hamburg-Hammerbrook (Bombensuchkommando) 35 ♂ metà 1944 - 25 marzo 1945 Ricerca di ordigni inesplosi
Hamburg-Hammerbrook (II. SS-Baubrigade) 930 ♂ 7 agosto 1943 - aprile 1944 Rimozione macerie Città di Amburgo
Hamburg-Hammerbrook (Spaldingstraße) 2000 ♂ ottobre 1944 - 17 aprile 1945 rimozione macerie Città di Amburgo, Reichsbahn, Jung-Öl
Hamburg-Langenhorn ~ 750 ♀ a) 12 settembre 1944 - 3/4 aprile 1945 b) ca. 20 aprile - 3 maggio 1945 a) Produzione armamenti b) Costruzione edifici prefabbricati a) Hanseatische Kettenwerke, Messap, b) Città di Amburgo
Hamburg-Neugraben 500 ♀ 13 settembre 1944 - 8 febbraio 1945 Rimozione macerie Aziende Prien, Wesseloh, Ziegelei Malo
Hamburg-Rothenburgsort 1000 ♂ novembre 1944 - 9/11 aprile 1945 Rimozione macerie Deutsche Erd- und Steinwerke GmbH
Hamburg-Sasel 500 ♀ a) 13 settembre 1944 - 7 aprile 1945, b) 21 aprile - 4/5 maggio 1945 Rimozione macerie e costruzione prefabbricati Firma Möller, Kowahl & Bruns, Wayss & Freytag, Firma Moll
Hamburg-Steinwerder (Blohm & Voss) 600 ♂ 9 ottobre 1944 - 12 aprile 1945 Cantiere navale e rimozione macerie Blohm & Voss
Hamburg-Steinwerder (Stülckenwerft) 250 ♂ 22 novembre 1944 - 21 aprile 1945 Cantiere navale e rimozione macerie Stülckenwerft
Hamburg-Tiefstack 500 ♀ 8 febbraio 1945 - 7 aprile 1945 Rimozione macerie e costruzione prefabbricati Diago Werke, Zementfabrik Tiefstack, Firma Möller
Hamburg-Veddel (Donne) 1500 ♀ luglio 1944 - 13 settembre 1944 Rimozione macerie Ebano-Oehler (Esso), J. Schindler, Rhenania Ossag (Shell), Jung-Öl u. a.
Hamburg-Veddel (Männer) a) 2000 (1944), b) 800 (1945) ♂ a) 15 settembre 1944 - 25 ottobre 1944, b) 15 febbraio 1945 - 14 aprile 1945 Rimozione macerie e costruzione fossati anticarro Geilenberg-Programm, Jung-Öl in Wilhelmsburg
Hamburg-Wandsbek 550 ♀ 8 giugno 1944 - 30 aprile 1945 Produzione di maschere a gas (Brandt-Geräte-Programm) Drägerwerk AG Lübeck
Hannover-Ahlem (A 12) >750 ♂ 30 novembre 1944 - 10 aprile 1945 Costruzione di un magazzino sotterraneo per materiale bellico Continental- Gummiwerke AG, Maschinenfabrik Niedersachsen Hannover
Hannover-Langenhagen 500 ♀ 2 ottobre 1944 - dicembre 1944 Produzione ricambi per aerei e munizioni Brinker Eisenwerke
Hannover-Limmer 1011 ♀ 24 giugno 1944 - 6 aprile 1945 Produzione di maschere a gas (Brandt-Geräte-Programm), munizioni e rimozione macerie Continental- Gummiwerke AG
Hannover-Mühlenberg (Hanomag/Linden) 500 ♂ 3 febbraio 1945 - 6 aprile 1945 Produzione di armamenti antiaereo Hanomag, Rheinmetall-Borsig
Hannover-Misburg 1000 ♂ 26 giugno 1944 - 6 aprile 1945 Rimozione macerie Deutsche Erdölraffinerie
Hannover-Stöcken (Accumulatoren-Fabrik) 1500 ♂ 17 luglio 1943 - 7 aprile 1945 Batterie per U-Boot Accumulatoren-Fabrik AG
Hannover-Stöcken (Continental) 1000 ♂ 7 settembre 1944 - 30 novembre 1944 Produzione di pneumatici Continental-Gummiwerke AG
Helmstedt-Beendorf (Donne) 2500 ♀ agosto 1944 - 10 aprile 1945 Produzione di armi SS, Askania-Werke AG
Helmstedt-Beendorf (Uomini) 750 ♂ 17 marzo 1944 - 10 aprile 1945 Costruzione di impianti produttivi sotterranei SS, Askania-Werke AG, Luftfahrtgerätewerk Hakenfelde GmbH
Hildesheim 500 ♂ 1 marzo 1945 - 26 marzo 1945 Lavori ferroviari, acciaieri Direzione Reichsbahn di Hannover
Horneburg a) 250, b) 300 ♀ a) metà ottobre 1944 - metò febbraio 1945, b) 24 febbraio 1945 - 8 aprile 1945 produzione di valvole e lampadine Philips-Valvo-Röhrenwerke
Husum-Schwesing 2500 ♂ 26 settembre 1944 - 29 dicembre 1944 Edificazione di fortificazioni e fossi anticarro (Friesenwall) Segretariato della Difesa
Kaltenkirchen 500 ♂ agosto 1944 - 17 aprile 1945 Costruzione di un aeroporto militare Luftwaffe
Kiel 50 ♂ luglio 1944 - settembre 1944 Rimozione macerie Città di Kiel
Ladelund 2000 ♂ 1 novembre 1944 - 16 dicembre Edificazione di fortificazioni e fossi anticarro (Friesenwall) Segretariato della Difesa
Lübberstedt-Bilohe 500 ♀ 29 agosto 1944 – 20 aprile 1945 Produzione munizioni e paracadute Luftwaffe
Lüneburg-Kaland (II. SS-Baubrigade) 155 ♂ 12 agosto 1943 - 13 novembre 1943 Costruzione di trincee antiaeree Città di Lüneburg
Lütjenburg-Hohwacht 197 ♂ dicembre 1944 - 20 aprile 1945 Produzione di apparecchi per la navigazione Anschütz & Co. (Kiel)
Lengerich 198 ♂ 18 marzo 1944 - 1 aprile 1945 Lavoro in una fabbrica sotterranea SS, Vereinigte Leichtmetallwerke Hannover
Meppen-Dalum 807 ♂ novembre 1944 - 25 marzo 1945 Edificazione di fortificazioni e fossi anticarro (Friesenwall) Segretariato della Difesa
Meppen-Versen 1773 ♂ 16 novembre 1944 - 25 marzo 1945 Edificazione di fortificazioni e fossi anticarro (Friesenwall) Segretariato della Difesa
Neustadt in Holstein 15 ♂ dicembre 1944 - 1 maggio 1945 Costruzione lazzaretto per SS SS
Osnabrück (II. SS-Baubrigade) 250 ♂ 17 ottobre 1942 - maggio 1943 Rimozione macerie Città di Osnabrück
Porta Westfalica-Barkhausen 1300 ♂ 19 marzo 1944 - 1 aprile 1945 Costruzione di sistema di gallerie sotterranee SS Führungsstab A II, Ambi-Budd, Dr. Boehme & Co., Firma Rentrop, Firma Veltrup, Weserhütte, Deurag-Nerag, Friedrich Uhde KG, Betonwerk Weber (Lerbeck)
Porta Westfalica-Hausberge (Donne) 1000 ♀ metà febbraio 1945 - 1 aprile 1945 Produzione di valvole e lampadine Philips-Valvo-Röhrenwerke
Porta Westfalica-Hausberge (Uomini) 170 ♂ autunno 1944 - 1 aprile 1945 Costruzione impianti produttivi Philips-Valvo-Röhrenwerke
Porta-Westfalica-Lerbeck 500 ♂ 1 ottobre 1944 - 1 aprile 1945 Riparazione motori aerei Firma Bense, Firma Jongerius, Betonwerk Weber (Lerbeck); Klöckner
Salzgitter-Bad 472 ♀ estate 1944 - 7 aprile 1945 Produzione di granate Reichswerke Hermann Göring
Salzgitter-Drütte 3000 ♂ 18 ottobre 1942 - 7 aprile 1945 Produzione di granate Reichswerke Hermann Göring
Salzgitter-Watenstedt / Leinde (Donne) 1500 ♀ luglio 1944 - 7 aprile 1945 Produzione di granate Stahlwerke Braunschweig
Salzgitter-Watenstedt / Leinde (Uomini) 2000 ♂ maggio 1944 - 7 aprile 1945 Produzione di granate Stahlwerke Braunschweig
Salzwedel 1520 ♀ fine luglio/inizio agosto 1944 - 14 aprile 1945 Produzione di munizioni Draht- und Metallwarenfabrik Salzwedel GmbH
Schandelah 782 ♂ 8 maggio 1944 - 10 aprile 1945 Lavorazione di scisto bituminoso Steinöl GmbH
Uelzen 500 ♂ fine 1944 - 17 aprile 1945 Lavori ferroviari e rimozione macerie Reichsbahn
Verden 8 ♂ Costruzione di centro addestramento SS Schulungsstätte „Sachsenhain“ SS
Warberg 8 ♂ 5 giugno 1944 - 8 gennaio 1945 Costruzione di ufficio
Campo di Wöbbelin 650 ♂ 12 febbraio 1945 - 2 maggio 1945 Costruzione campo di prigionia
Wedel (Donne) 500 ♀ 13 settembre 1944 - ottobre 1944 Rimozione macerie Città di Amburgo
Wedel (Uomini) 500 ♂ 17 ottobre 1944 - 20 novembre 1944 Edificazione di fortificazioni e fossi anticarro (Friesenwall) Segretariato della difesa
Wilhelmshaven (Alter Banter Weg) 1129 ♂ 17 settembre 1944 - 5 aprile 1945 Cantiere navale e rimozione macerie Kriegsmarine
Wilhelmshaven (II. SS-Baubrigade) 175 ♂ primavera 1943 - novembre 1943 Rimozione macerie Città di Wilhelmshaven
Wittenberge 500 ♂ 28 agosto 1942 - 17 febbraio 1945 costruzione impianti chimici Phrix-Werke, Kurmärkische Zellwolle und Zellulose AG, Phillip Holzmann, Grün & Bilfinge

Vittime accertate[modifica | modifica wikitesto]

Skulptur „Der sterbende Häftling“ von Françoise Salmon in der KZ-Gedenkstätte Neuengamme
5+5 Pf-Sondermarke der DDR-Post 1962 für René Blieck. Der belgische Schriftsteller und Rechtsanwalt war Häftling in Neuengamme und kam beim Bombenangriff auf die Cap Arcona ums Leben

Nel memoriale sono presenti gli elenchi con 20.400 nomi accertati di persone morte nel campo di concentramento e nei campi esterni. Secondo le stime le vittime complessive dovrebbero essere circa 26.800. Durante l'evacuazione vi furono numerosissime vittime, il numero stimato è di circa 17.000. Da queste cifre si può affermare che circa 42.900 persone non sopravvissero alla detenzione nel campo di Neuengamme.

Secondo dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio del 1945 i campo venne usato per quattro settimane per l'accoglienza di sfollati, soprattutto russi deportati per i lavori forzati, venne poi usato per un mese come campo di prigionia per prigionieri di guerra. Dall'estate 1945 all'agosto 1948 venne venne utilizzato dagli alleati come campo di internamento per i membri delle SS e per i responsabili del partito nazionalsocialista, dal novembre 1945 con la definizione ufficiale di Civil Internment Camp No. 6 (CIC 6).

Dopo la restituzione alla città di Amburgo, nel settembre 1948, vi venne istituito un carcere maschile, progressivamente vennero abbattuti gli edifici dove alloggiavano i prigionieri per ampliare l'edificio carcerario.

Nello stesso anno, per ricordare questo passato, un «istituto pedagogico» fu costruito sul terreno del campo, ma anche l'«edificio carcerario della Vierlande».

Nel 1953, degli ex deportati di questo campo di concentramento fecero installare una targa commemorativa all'interno del campo. Sull'area del campo nel 1970 venne edificato un carcere minorile e quindi l'area non era più accessibile. I lavori per il progetto di trasformazione dell'ex campo di concentramento in un luogo di documentazione e un memoriale iniziarono nel 1981, il primo passo fu la costruzione di un centro di documentazione nell'area in cui si trovava il vivaio del campo di concentramento. Quando a metà degli anni '80 la città di Amburgo dichiarò di voler demolire la fabbrica di mattoni vi furono forti proteste, dal 1984, i resti dei fabbricati di questo campo sono stati posti sotto la tutela dei Monumenti Storici. Il trasferimento del carcere n°12, previsto già dal 1989, si è realizzato a metà dell'anno 2003, nel 2006 è stato trasferito anche l'altro carcere che si trovava nella zona dell'ex cava di argilla.

Nel 2005 vennero riportate alla luce le fondamenta della piazza centrale, quella delle adunate, è l'unica parte del memoriale che è stata ricostruita, le macerie del carcere sono state usate, in gabbie metalliche, per delimitare la posizione degli edifici del campo di concentramento, i due edifici di alloggio in pietra sono stati trasformati in un centro studi e un museo e ospitano la KZ-Gedenkstätte Neuengamme.

Personalità deportate nel campo di Neuengamme[modifica | modifica wikitesto]

IL processo[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1946 e il 1948 oltre 120 membri del personale di sorveglianza del campo di concentramento di Neuengamme vennero processati da tribunali militari britannici. Il processo principale ebbe luogo tra il 18 marzo e il 13 maggio 1946 ad Amburgo all'interno dei cosiddetti processi del Curiohaus nei quali vennero processati anche i responsabili di Ravensbrück e Bergen-Belsen.

Dei 14 ufficiali delle SS e di sorveglianza del campo 11 vennero condannati a morte e giustiziati l'8 ottobre 1946. Nei sette processi successivi vi furono altri 15 imputati dei quali 12 vennero condannati a morte. I reati commessi nei campi esterni di Neuengamme furono esaminati in 26 processi successivi fino al 1948.

Successivamente sia in Germania Occidentale sia nella DDR vi furono ulteriori 142 processi legati a reati commessi nel campo di Neuengamme e campi collegati. Al contrario dei processi militari, pochi di questi si conclusero con sentenze di colpevolezza.

Monumenti nei siti della memoria del campo di Neuengamme[modifica | modifica wikitesto]

Sul terreno dei siti commemorativi, si trova un gran numero di monumenti tra i quali quelli che seguono:

Lo spazio della memoria[modifica | modifica wikitesto]

La Casa della memoria è uno spazio commemorativo dei siti del KZ di Neuengamme. Direttore del Memoriale dal è il dr. Detlef Garbe, storico ed accademico di storia contemporanea presso l'università di Amburgo, uno fra i massimi esperti di storia dell'olocausto.

Il fabbricato fu costruito nel 1981 e ospita sia un'esposizione che gli uffici per gli impiegati. La casa della memoria fu all'inizio un centro di documentazione. Nel 1995, un'area per un'esposizione fu trovata nell'ex Walther-Werke.

Dai muri della galleria pendono dei rotoli con i nomi delle vittime ordinati per data. Sono circa 20 000 nomi e per quelli che non sono stati ancora ritrovati c'è uno spazio particolare con numerosi rotoli vuoti sotto l'iscrizione «Noi pensiamo alle vittime sconosciute».

Nella zona centrale della casa si trovano due plastici di tutto l'insediamento del KZ: quello che dopo il 1945 dà una visione complessiva e che fu eseguito dai colpevoli nazisti prigionieri e quello che mostra l'insediamento nel 1995.

In una sala annessa è conservato in una vetrina il libro originale che recensisce i morti del campo e che è ancora leggibile. Vicino a questa vetrina, lo sguardo spazia, attraverso la stretta finestra, sul prato, là dove erano deposte le ceneri dei morti utilizzate come concime per l'orto del KZ. Qualche cipresso dona a questo luogo un'atmosfera da cimitero.

Stele commemorative internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Il Memoriale internazionale è il monumento centrale dei siti della memoria del KZ di Neuengamme.

Fin dal 1953, il presidente dell'Amicale Internationale de Neuengamme, un sopravvissuto del campo di Neuengamme, il francese Jean Dolidier, fece realizzare una prima colonna commemorativa sul vecchio orto del campo, il Lagergärtnerei; un luogo dove le SS facevano spargere come concime le ceneri della combustione del forno crematorio. Attorno a questa colonna commemorativa niente è stato modificato.

Nel 1965, un altro memoriale che si compone di una stele, un muro della memoria con le nazionalità incise su tavoletta e la scultura più grande del naturale « Il detenuto morente» furono eretti. I siti della memoria furono completati nel 1981 con la casa della documentazione che dal 1995 diventa la «Casa della Memoria» accanto al Memoriale internazionale.

Monumento commemorativo nell'ex campo di concentramento di Neuengamme
Un vagone per il trasporto dei prigionieri

La disperazione di Meensel-Kiezegem[modifica | modifica wikitesto]

Questo monumento fu eretto il 29 agosto 1998 in ricordo degli abitanti uccisi di Meensel-Kiezegem, paese belga. Queste vittime innocenti della razzia di Meensel-Kiezegem il 1º agosto e 11 agosto 1944 furono imprigionate dai nazisti e dai loro collaboratori. Da questo villaggio, 61 abitanti furono deportati nel KZ di Neuengamme e solo 8 di loro sopravvissero.

Il monumento alla memoria delle vittime olandesi di Putten[modifica | modifica wikitesto]

La lapide Het drama van Putten fu eretta in ricordo di oltre 600 olandesi dai 15 anni in su, di Putten nella regione del Veluwe (Gheldria, Paesi Bassi) che furono le vittime di una razzia effettuata su ordine del comando della Wehrmacht, il 1º ottobre 1944.

Il 2 ottobre 1944, furono condotti nel campo di Amersfoort (Paesi Bassi) e da qui nel campo di Neuengamme. Dei 600 solo 49 tornarono a casa, gli altri perirono nel campo di Neuengamme o negli altri campi di concentramento.

In ricordo dei deportati dell'insurrezione di Varsavia del 1944[modifica | modifica wikitesto]

Il monumento In ricordo dei deportati dell'insurrezione di Varsavia del 1944 si trova nel campo di Neuengamme.

Fa riferimento all'insurrezione di Varsavia nel 1944, seguita da una repressione da parte della Wehrmacht:10 000 membri dell'Armia Krajowa furono deportati nei campi di concentramento tedeschi.

Circa 6 000 di questi deportati furono trasferiti nel campo di Neuengamme e nei suoi sottocampi.

La cifra totale dei detenuti polacchi del KZ Neuengamme e dei suoi sottocampi è di circa 17 000 donne, uomini e bimbi, di cui molti ebree ed ebrei. Il numero totale di queste vittime è stimato intorno a 7 500 unità. I primi arrivarono nel 1940, nel 1941/1942 rappresentavano la nazionalità più numerosa.

Monumento alle vittime russe[modifica | modifica wikitesto]

Il Monumento alle vittime russe di Neuengamme è un monumento che fa parte dei siti commemorativi del campo di Neuengamme ma si trova sul terreno del cimitero di Amburgo-Bergedorf. La maggior parte delle vittime sovietiche del KZ Neuengamme riposano nel cimitero di Bergedorf, è per questo che si è deciso d'installarvi il memoriale (più grande del naturale).

Altri monumenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Monumento alla vittime omosessuali
  • Danske i tysk koncentrationslejr
  • Carro merci
  • Strada dei deportati
  • Casa prefabbricata

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Concentration Camp - History, kz-gedenkstaette-neuengamme.de. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  2. ^ Neuengamme, deportati.it. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  3. ^ (EN) History: The Beginning, kz-gedenkstaette-neuengamme.de. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  4. ^ a b c d e f g (DE) Zeittafel - Konzentrationslager, kz-gedenkstaette-neuengamme.de. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  5. ^ (EN) Celle (Massacre on 8 and 9 April 1945), kz-gedenkstaette-neuengamme.de. URL consultato il 14 febbraioi 2017.
  6. ^ (DE) Gardelegen (Massaker am 13. April 1945), kz-gedenkstaette-neuengamme.de. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  7. ^ La storia dei bambini di Bullenhuser Damm, kinder-vom-bullenhuser-damm.de. URL consultato il 17 febbraio 2017.
  8. ^ (EN) Bay of Lübeck: Neustadt in Holstein (Sinking of prisoner ships), kz-gedenkstaette-neuengamme.de. URL consultato il 14 febbraio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN122000427 · GND: (DE4129673-4
Nazismo Portale Nazismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nazismo