Rudolf Lange

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rudolf Lange
NascitaWeißwasser, Germania, 18 aprile 1910
MortePoznań, Polonia, 23 febbraio 1945 (non confermata ufficialmente)
Cause della mortecaduto in battaglia (non confermata ufficialmente)
Dati militari
Paese servitoGermania Germania
Forza armataSchutzstaffel
Anni di servizio1932 - 1945
BattaglieBattaglia di Poznań
voci di militari presenti su Wikipedia

Rudolf Lange (Weißwasser, 18 aprile 1910Poznań, 23 febbraio 1945) è stato un militare tedesco.

Importante funzionario delle SS e della polizia durante l'era nazista, dopo l'invasione dell'Unione Sovietica prestò servizio nell'Einsatzgruppe A prima di diventare comandante nel Sicherheitsdienst (SD) e di tutto il personale RSHA a Riga, in Lettonia. Partecipò alla Conferenza di Wannsee del 20 gennaio 1942 e fu in gran parte responsabile dell'attuazione dello sterminio della popolazione ebraica lettone durante l'Olocausto.

Vita e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Rudolf Lange nacque a Weißwasser, nella Slesia prussiana, [1] una città nell'attuale Sassonia. Suo padre era un supervisore delle costruzioni ferroviarie. Lange terminò il liceo a Staßfurt nel 1928 e studiò legge all'Università di Jena. [1] Ha conseguito il dottorato in giurisprudenza nel 1933 ed è stato assunto dall'ufficio Gestapo di Halle. [1] Si unì alla Sturmabteilung (SA) nel novembre del 1933, ma presto sentì che questa non era la sua strada ideale per la sua carriera. [1] Così, nel 1936, Lange si unì allo Schutzstaffel (SS) (numero tessera 290.308). [1]

Come funzionario della Gestapo di medio livello, Lange è cresciuto rapidamente. Adottò l'ideologia delle SS con tutto il cuore e ripudiò la chiesa nel 1937. [2] Dal 1936 lavorò nell'ufficio della Gestapo a Berlino. [1] Nel maggio del 1938, Lange fu trasferito a Vienna per sorvegliare l'annessione del sistema di polizia austriaco. [1] Lì incontrò e lavorò con Franz Walter Stahlecker, che in seguito divenne suo superiore a Riga. [2] Nel giugno del 1939 Lange fu trasferito a Stoccarda. [1]

Nel settembre 1939 le agenzie di sicurezza e di polizia della Germania nazista (a eccezione di Orpo ) furono annesse al Reich Main Security Office (RSHA) delle SS, guidato da Reinhard Heydrich. La Gestapo divenne Amt IV (Dipartimento IV) dell'RSHA e Heinrich Müller divenne Capo della Gestapo, con Heydrich come suo immediato superiore. Da maggio a luglio 1940, Lange gestiva gli uffici della Gestapo di Weimar ed Erfurt, mentre lavorava come vice capo dell'ufficio dell'ispettore del SiPo a Kassel . [2] Nel settembre del 1940, Lange fu promosso a vicecapo della polizia di Berlino. [1] Nell'aprile 1941 fu promosso a SS-Sturmbannführer (maggiore).

Omicidi di massa in Lettonia[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 giugno 1941 Lange fu trasferito a Pretzsch al personale di comando dell'Einsatzgruppe A, guidato dal SS- Brigadeführer e Generalmajor der Polizei Dr. Franz Walter Stahlecker . [3]

Lange era un Teilkommando (distacco) leader nel Einsatzkommando 2, o EK2. [4] Era una delle poche persone a conoscenza del Führerbefehl o "ordini fondamentali" per il cosiddetto " problema ebraico " in Lettonia. [5] Secondo lo stesso Lange:

Fin dall'inizio, l'obiettivo di EK2 era quella soluzione radicale del problema ebraico che prevedeva l'uccisione di tutti gli ebrei. [6]

Il 3 dicembre 1941 fu promosso comandante dell'EK2, in sostituzione di Eduard Strauch. [4] Lange era anche il capo dell'area del Sicherheitsdienst (SD), il servizio di sicurezza nazista, con il titolo Kommandant des Sicherheitsdienst. Era responsabile del Dipartimento IV della SD in Lettonia. [4] Il dipartimento era "il centro dell'intera organizzazione SD in Lettonia, e tutti gli altri dipartimenti lo servivano". [7] Questioni di rango e titoli formali non erano mai chiari nel regime di occupazione nazista per la Lettonia, poiché le linee di autorità all'interno delle agenzie e le relazioni tra un'agenzia e le altre erano "ambigue, sovrapposte e poco chiare". [7] Tuttavia, Lange è ampiamente riconosciuto come uno dei principali responsabili dell'Olocausto in Lettonia. [8]

Il suo quartier generale era a Riga, in caur Reimersa. [9] Fin dall'inizio del suo coinvolgimento in Lettonia, Lange organizzò e gestì squadre di lettoni, come l'Arajs Kommando, che i tedeschi utilizzavano per eseguire massacri nelle città più piccole. [4] Secondo uno storico, Victors Arājs è stato "tenuto al guinzaglio" da Lange. [10] Un'altra organizzazione locale che ricevette ordini da Lange era il Vagulāns Kommando, responsabile dei massacri di Jelgava tra luglio e agosto 1941. [11]

Lange ha anche supervisionato personalmente le esecuzioni condotte dal commando Arājs. [12] Sembra che abbia ordinato a tutti gli ufficiali della SD di partecipare personalmente alle uccisioni. [13]

Lange era responsabile della parte lettone sulla decisione del regime nazista di espellere gli ebrei dalla Germania, dall'Austria e dalla Cecoslovacchia a Riga. A questo proposito, l'8 novembre 1941, impartì ordini dettagliati a Hinrich Lohse, che era Reichskommissar Ostland, in merito al trasporto di 50.000 ebrei in Oriente (25.000 diretti a Riga e 25.000 in Bielorussia). Allo stesso tempo, Lange stava organizzando la costruzione del campo di concentramento di Salaspils, originariamente destinato ad accogliere questi deportati. [8] Poiché il campo di Salaspils non sarebbe stato pronto prima che arrivassero gli ebrei, Lange decise di inviare i trasporti in una tenuta abbandonata vicino a Riga chiamata Jungfernhof o Jumpravmuiza, che sarebbe stata istituita come campo di concentramento di Jungfernhof. [8] [14]

Nel novembre 1941 Lange fu coinvolto nella pianificazione e realizzazione dell'omicidio di 24.000 ebrei lettoni dal ghetto di Riga, avvenuto tra il 30 novembre e l'8 dicembre 1941. [8] Questo crimine è diventato noto come il massacro di Rumbula. [15] Oltre agli ebrei lettoni, furono uccisi anche altri 1.000 ebrei dalla Germania. Erano stati portati in Lettonia sul primo treno di deportati, che arrivò il 29 novembre 1941. Dopo il treno del 29 novembre, altri trasporti ferroviari di ebrei iniziarono ad arrivare a Riga dalla Germania, a partire dal 3 dicembre 1941. Gli ebrei dei primi trasporti non furono immediatamente ospitati nel ghetto, ma furono lasciati nel campo di concentramento di Jungfernhof. [16]

Nel maggio del 1942, Lange impartì l'ordine a SS- Obersturmführer Günter Tabbert di uccidere gli ebrei sopravvissuti nel ghetto di Daugavpils. Solo circa 450 ebrei sopravvissero a Daugavpils dopo questa azione, che comportò l'uccisione di malati, bambini, neonati e operatori ospedalieri. Oltre a Tabbert, l'Arajs Kommando dei nativi lettoni era responsabile di gran parte di questi omicidi. [17]

Nel 1942, Lange divenne SS-Obersturmbannführer (tenente colonnello) nella sede principale di Riga fino al 1945, quando divenne capo della SD e SiPo di Reichsgau Wartheland. Fu promosso a SS- Standartenführer (colonnello) nel 1945.

Conferenza di Wannsee[modifica | modifica wikitesto]

Lange fu chiamato alla Conferenza di Wannsee da Heydrich nel gennaio del 1942. [8] Lange (che all'epoca era un maggiore delle SS) era l'ufficiale di grado più basso presente. [18] Heydrich lo convocò perché considerò importante e preziosa la recente esperienza di Lange nel condurre l'omicidio di massa di ebrei deportati. [19] Invece di Lange, Heydrich avrebbe potuto invitare Karl Jäger o Erich Ehrlinger, che comandavano rispettivamente SiPo e SD in Lituania e Bielorussia ed erano responsabili di simili massacri. [19] Ha scelto Lange perché Riga era la principale destinazione di espulsione e perché il dottorato di Lange lo faceva sembrare più intellettuale degli altri due. [19] Il superiore di Lange, Franz Walter Stahlecker, non fu invitato, poiché non aveva familiarità con la realtà delle deportazioni ebraiche e non si trovava a Riga. [19]

  • (Nota: una possibile indicazione del basso rango di Lange potrebbe forse essere evidente nella Nemesi di Hitler del 1936-1945 di Ian Kershaw, dove il maggiore delle SS per due volte viene erroneamente chiamato Dr. "Otto" Lange. )[1]

Scomparsa[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del 1945 Lange fu nominato capo della SD e delle SS a Poznań, Warthegau. Poco dopo aver raggiunto la città di Poznań, questa fu circondata dall'Armata Rossa sovietica e fu dichiarata città fortificata (Festung). A Poznań Lange diresse la polizia sotto il suo comando con fanatismo, tanto che ormai era certo che prima o poi sarebbe stato catturato. Fu ferito durante l'assedio delle forze russe nella battaglia di Poznań e fu promosso SS-Standartenführer il 30 gennaio 1945. Per volere di Hitler, il 6 febbraio 1945 ricevette la croce tedesca in oro. [21] Lange potrebbe essere morto o si suicidò quando l'Armata Rossa prese Poznań il 23 febbraio 1945 dopo un'ultima difesa della città da parte dei resti della guarnigione tedesca.

Carattere[modifica | modifica wikitesto]

Si diceva che Lange fosse l'allievo preferito di Reinhard Heydrich e Heinrich Himmler. [4] Ha richiesto l'obbedienza incondizionata dai suoi subordinati. [4] Joseph Berman, un sopravvissuto di uno dei campi di concentramento amministrati da Lange, lo descrisse come segue:

Per quanto riguarda Lange, era il più grande assassino che io abbia mai conosciuto. Scrivere un libro su di lui non sarebbe sicuramente abbastanza. Dato che è morto, non serve a niente parlare di lui. Vorrei tuttavia menzionare che era uno dei più noti antisemiti del XX secolo. Odiava così tanto gli ebrei che non riusciva a guardarli. [22]

Lange si è reso uno dei funzionari più temuti tra i responsabili del ghetto di Riga. [23] Ha supervisionato l'arrivo dei trasporti, aiutato dall'SS-Obersturmbannführer Gerhard Maywald, che la storica Gertrude Schneider, sopravvissuta al ghetto di Riga, descrive come il "compagno" di Lange. [16] Lange uccise personalmente un giovane, Werner Koppel, che riteneva non stesse aprendo abbastanza velocemente la porta di un vagone ferroviario. [16] Schneider descrisse l'aspetto di Lange:

Anche se era un po' più piccolo e più scuro del biondo Maywald dagli occhi azzurri, aveva un bell'aspetto nel suo cappotto uniforme con la pelliccia e sembrava un ufficiale e un gentiluomo. I nuovi arrivati non immaginavano che un tale uomo fosse un assassino. [24]

Carriera SS[modifica | modifica wikitesto]

  • Untersturmführer, 6 luglio 1938
  • Sturmführer, 9 novembre 1938
  • Hauptsturmführer, 20 aprile 1940
  • Sturmbannführer, 20 aprile 1941
  • Obersturmbannführer, 9 novembre 1943
  • Standartenführer, 30 gennaio 1945

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ian Kershaw, Hitler 1936-1945 Nemesis, 1st Americanª ed., New York, W.W. Norton & Company, Inc., 2000, pp. 485, 492, ISBN 0-393-32252-1.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrej Angrick e Peter Klein, The 'Final Solution' in Riga: Exploitation and Annihilation, New York; Oxford, Berghahn Books, 2009, ISBN 978-1-84545-608-5.
  • Andrew Ezergailis, The Holocaust in Latvia 1941–1944—The Missing Center, Riga; Washington, Historical Institute of Latvia; United States Holocaust Memorial Museum, 1996, ISBN 9984-9054-3-8.
  • (DE) Klein, Peter. Dr. Rudolf Lange als Kommandant der Sicherheitspolizei und des SD in Lettland. Aspekte seines Dienstalltags, in Wolf Kaiser (Hrsg.): Täter im Vernichtungskrieg. Der Überfall auf die Sowjetunion und der Völkermord an den Juden. Propyläen-Verlag, 2002. ISBN 3-549-07161-2.
  • Valdis O. Lumans, Latvia in World War II, New York, Fordham University Press, 2006, ISBN 0-8232-2627-1.
  • Rudolf Lange, su olokaustos.org. URL consultato il 22 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2001).
  • (DE) Klaus D. Patzwall e Veit Scherzer, Das Deutsche Kreuz 1941 – 1945 Geschichte und Inhaber Band II, Norderstedt, Germany, Verlag Klaus D. Patzwall, 2001, ISBN 3-931533-45-X.
  • Gertrude Schneider, Journey Into Terror: Story of the Riga Ghetto, Westport, Conn, Praeger, 2001, ISBN 0-275-97050-7.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN74779900 · ISNI (EN0000 0003 8593 7515 · GND (DE124230849
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie