Karl Jäger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Karl Jäger
20 settembre 1888 – 22 giugno 1959
Nato a Sciaffusa
Morto a Hohenasperg
Dati militari
Paese servito Germania Impero tedesco
Flag of the German Reich (1935–1945).svg Germania nazista
Forza armata Deutsches Heer
Flag of the Schutzstaffel.svg Schutzstaffel
Schutzstaffel Abzeichen.svg Gestapo
Anni di servizio 1914-1919
1933-1945
Grado Standartenführer
Guerre Prima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
Comandante di Einsatzkommando 3
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Karl Jäger (Sciaffusa, 20 settembre 1888Hohenasperg, 22 giugno 1959) è stato un militare svizzero; ufficiale di medio livello delle SS nell'Einsatzkommando, protagonista del genocidio durante l'Olocausto[1].

Fu essenziale nella brutale e sistematica distruzione della comunità ebraica in Lituania. Dal luglio 1941 fino al settembre 1943 fu comandante dell' SD Einsatzkommando 3a, una sotto-unità dell' Einsatzgruppe A guidata da Franz Walter Stahlecker, con sede a Kaunas. Sotto il comando di Jäger' l’Einsatzkommando, con l'aiuto di truppe lituane, uccise indiscriminatamente uomini, donne e bambini di origine ebraica. I massacri sono minuziosamente contabilizati nel rapporto che porta il suo nome.[2]

Alla fine del 1943, Jäger fu nominato comandante del SD in Reichenberg, nel Sudetenland

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vincas Bartuseviécius, Joachim Tauber e Wolfram Wette, Jägers Karriere in der SS 1936–1941, su Holocaust in Litauen: Krieg, Judenmorde und Kollaboration im Jahre 1941, Böhlau Verlag Köln Weimar, 2003, pp. 80–82, ISBN 3-412-13902-5. URL consultato il 22 luglio 2013.
  2. ^ Henry Friedlander, The Origins of Nazi Genocide: From Euthanasia To The Final Solution, Chapel Hill, NC, University of North Carolina Press, 1995, p. 289.
Controllo di autorità VIAF: (EN940564 · LCCN: (ENnr2003005556 · ISNI: (EN0000 0000 5026 9279 · GND: (DE124220800