Olocausto in Polonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Olocausto in Polonia
Data iniziosettembre 1939
Data fineaprile 1945
StatoPolonia Polonia
ResponsabiliSS-Totenkopfverbände, Einsatzgruppen, Ordnungspolizei, Trawnikimänner, Guardia Nazionale Bielorussa, OUN, TDA, Ypatingasis būrys,[1][2][3] Wehrmacht
Conseguenze
Morti3000000 ebrei polacchi[4]
Sopravvissuti157000 – 375000 in Unione Sovietica[5]
50000 liberati dai campi di concentramento nazisti[6]
30000 – 60000 in clandestinità[6]
Area coinvoltaPolonia occupata, attualmente parte dell'Ucraina e della Bielorussia occidentale
Mappa di localizzazione
WW2-Holocaust-Poland.PNG
Mappa dell'Olocausto secondo la nomenclatura di Raul Hilberg nella Polonia occupata durante la seconda guerra mondiale con sei campi di sterminio contrassegnati da teschi bianchi in quadrati neri: Auschwitz-Birkenau, Bełżec, Chełmno, Majdanek, Sobibór e Treblinka; i siti di uccisioni di massa a Bronna Góra, Ponary, Połonka e altri. Con la stella di David sono contrassegnate le città polacche con i ghetti. La linea rossa indica la frontiera nazista-sovietica precedente all'operazione Barbarossa del 1941.

L'Olocausto in Polonia fece parte del più ampio piano organizzato dalla Germania nazista e ebbe luogo nella Polonia occupata dai tedeschi. Durante l'occupazione furono assassinati tre milioni di ebrei polacchi,[7] e cioè la metà di tutti gli ebrei uccisi durante l'Olocausto.

L'Olocausto in Polonia fu caratterizzato dalla costruzione dei campi di sterminio da parte della Germania nazista, dall'uso dei gaswagen e dalle uccisioni di massa da parte delle truppe tedesche e dei loro ausiliari ucraini e lituani. I campi di sterminio giocarono un ruolo centrale nello sterminio sia degli ebrei polacchi,[8] che degli ebrei trasportati dall'Europa occidentale e meridionale.

Ogni ramo della sofisticata burocrazia tedesca fu coinvolto nel processo di uccisione, dai ministeri degli interni e delle finanze alle aziende tedesche e alle ferrovie statali.[9][10] Circa il 98% della popolazione ebraica della Polonia occupata fu ucciso dai nazisti durante l'Olocausto:[11] circa 350000 ebrei polacchi sopravvissero alla guerra; la maggior parte dei sopravvissuti non visse mai nella Polonia occupata dai nazisti, ma visse nella zona occupata dai sovietici durante il 1939 e il 1940, e fuggì o fu evacuata dai sovietici più a est per evitare l'avanzata tedesca nel 1941.

Degli oltre 3000000 ebrei polacchi deportati nei campi di concentramento nazisti, solo circa 50000 sono sopravvissuti.

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'invasione della Polonia nel 1939, in conformità con il protocollo segreto del Patto Molotov-Ribbentrop,[12] la Germania nazista e l'Unione Sovietica suddivisero la Polonia in due zone di occupazione. Le aree della Polonia occidentale furono annesse alla Germania.[13] Circa il 52% del territorio della Polonia, principalmente le terre di confine di Kresy, abitate da 13,2 a 13,7 milioni di persone,[13][14] inclusi 1300000 ebrei, furono annesse all'Unione Sovietica.[15][16] Si stima che tra 157000 e 375000 ebrei polacchi fuggirono nell'Unione Sovietica o furono deportati verso est dalle autorità sovietiche.[17] Nel giro di pochi mesi, gli ebrei polacchi nella zona sovietica che si rifiutarono di giurare fedeltà furono deportati in Unione Sovietica insieme ai polacchi etnici. Il numero di ebrei polacchi deportati è stato stimato in 200000-230000 persone tra uomini, donne e bambini.[18][19]

Entrambe le potenze occupanti furono ostili all'esistenza di uno stato polacco sovrano.[20] Il possesso sovietico ebbe vita breve perché i termini del patto nazista-sovietico, firmato in precedenza a Mosca, furono infranti quando l'esercito tedesco invase la zona di occupazione sovietica il 22 giugno 1941. Dal 1941 al 1943 tutta la Polonia era sotto il controllo della Germania.[21] Il Governatorato generale, istituito nella Polonia centrale e sudorientale, comprendeva il 39% del territorio polacco occupato.[22]

Politica di ghettizzazione nazista[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ghetti nazisti e Intelligenzaktion.
The Mass Extermination of Jews in German Occupied Poland, 1942[23] – una pubblicazione del governo polacco in esilio, indirizzata alle Nazioni Unite in tempo di guerra.

Prima della seconda guerra mondiale, vivevano 3500000 ebrei in Polonia[24] residenti principalmente nelle città, circa il 10% della popolazione generale. Il database del Museo POLIN di Storia degli ebrei polacchi fornisce le informazioni sulle 1926 comunità ebraiche in tutto il paese.[25] Dopo la conquista della Polonia e l'annientamento dell'intellighenzia nel 1939,[26] le prime misure antiebraiche tedesche considerarono come primo passo la politica di espulsione degli ebrei dai territori polacchi annessi al Terzo Reich.[27] Le province più occidentali, la Grande Polonia e la Pomerelia, furono trasformate nella nuova Reichsgau tedesca denominata Danzica-Prussia occidentale e Wartheland,[28] con l'intento di germanizzarli completamente attraverso il processo di colonizzazione noto come Lebensraum.[29] Annessa direttamente al nuovo distretto di Warthegau, la città di Łódź assorbì il flusso iniziale di circa 40000 ebrei polacchi costretti a lasciare le aree circostanti:[30] in totale 204000 ebrei passarono attraverso il ghetto di Łódź. Inizialmente, dovevano essere espulsi dal Governatorato Generale[31] ma la destinazione finale per la rimozione di massa degli ebrei fu lasciata in sospeso fino alla Soluzione Finale e messa in moto due anni dopo.[32]

La persecuzione degli ebrei polacchi da parte delle autorità di occupazione tedesche iniziò subito dopo l'invasione, in particolare nelle principali aree urbane. Nel primo anno e mezzo, i nazisti si limitarono a spogliare gli ebrei dei loro oggetti di valore e delle proprietà per scopo di lucro,[8] radunandoli in ghetti improvvisati e costringendoli al lavoro come schiavi.[33] Durante questo periodo, i tedeschi ordinarono alle comunità ebraiche di nominare dei Consigli ebraici, gli Judenrät, per amministrare i ghetti e di essere "responsabili in senso stretto" dell'esecuzione degli ordini.[34] La maggior parte dei ghetti furono istituiti in città e paesi dove la vita ebraica era già ben organizzata. In una massiccia azione di deportazione, prevista con l'uso dei treni merci, tutti gli ebrei polacchi furono segregati dal resto della società in quartieri fatiscenti (Jüdischer Wohnbezirk) adiacenti ai corridoi ferroviari esistenti.[35] Gli aiuti alimentari dipendevano completamente dalle SS,[36] e gli ebrei furono isolati dalla vita pubblica.[36]

Documento di lavoro rilasciato a un giovane ebreo nella Polonia occupata.

«Il ghetto di Varsavia conteneva più ebrei di tutta la Francia; nel ghetto di Łódź più ebrei di tutti i Paesi Bassi. Nella città di Cracovia vivevano più ebrei che in tutta Italia e praticamente qualsiasi città di medie dimensioni in Polonia aveva una popolazione ebraica più numerosa di tutta la Scandinavia. Tutta l'Europa sudorientale - Ungheria, Romania, Bulgaria, Jugoslavia e Grecia - aveva meno ebrei rispetto ai quattro distretti originari del governo generale.[37]»

La difficile situazione degli ebrei nella Polonia dilaniata dalla guerra potrebbe essere suddivisa in diverse fasi, definite dall'esistenza dei ghetti stessi.

Prima della formazione dei ghetti,[38] la fuga dalle persecuzioni non comportava la pena di morte extragiudiziale.[39] Una volta che i ghetti furono isolati dall'esterno, la morte per fame e malattie divenne dilagante, alleviata solo dal contrabbando di cibo e medicine da parte dei volontari polacchi, in quella che fu descritta da Ringelblum come "una delle pagine più belle della storia tra i due popoli".[39] A Varsavia, fino all'80% del cibo consumato nel ghetto fu introdotto illegalmente: i buoni pasto introdotti dai tedeschi, fornivano solo il 9% delle calorie giornaliere necessarie alla sopravvivenza.[40] Nei due anni e mezzo tra il novembre 1940 e il maggio 1943, nel ghetto di Varsavia morirono circa 100000 ebrei per fame e malattie, altri circa 40000 nel ghetto di Łódź nei quattro anni e un ulteriore quarto tra il maggio 1940 e l'agosto 1944.[40] Entro la fine del 1941, la maggior parte degli ebrei ghettizzati non aveva più risparmi per pagare le SS per le ulteriori consegne di cibo.[40]

I "produzionisti" tra le autorità tedesche, che tentarono di rendere autosufficienti i ghetti trasformandoli in imprese, prevalsero sugli "attrizionisti" solo dopo l'invasione tedesca dell'Unione Sovietica:[41] i ghetti più importanti furono così temporaneamente stabilizzati attraverso la produzione di beni necessari al fronte,[36] in questo periodo il tasso di mortalità tra la popolazione ebraica iniziò a diminuire.[41]

Olocausto dei proiettili[modifica | modifica wikitesto]

Ebrei fucilati a faccia in giù in una fossa aperta vicino a Złoczów, nel Voivodato di Tarnopol

Fin dai primi giorni di guerra, la violenza contro i civili accompagnò di pari passo l'arrivo delle truppe tedesche. Nel massacro di Częstochowa del settembre 1939, 150 polacchi ebrei erano tra i circa 1140 civili polacchi fucilati dalle truppe tedesche della Wehrmacht.[42][43] Nel novembre 1939, fuori Ostrów Mazowiecka, circa 500 tra uomini, donne e bambini ebrei, furono fucilati e sepolti nelle fosse comuni.[44] Nel dicembre 1939 circa 100 ebrei furono fucilati da soldati e gendarmi della Wehrmacht a Kolo.[45]

Dopo l'attacco tedesco all'URSS nel giugno 1941, Himmler radunò una forza di circa 11000 uomini per perseguire il programma di annientamento fisico degli ebrei.[46] Anche durante l'operazione Barbarossa, le SS reclutarono tra i cittadini sovietici i poliziotti ausiliari collaborazionisti.[1][47] La Schutzmannschaft locale fornì alla Germania la manodopera e la conoscenza minuziosa delle regioni e delle lingue locali.[48] In quello che divenne noto come l'"Olocausto dei proiettili", i battaglioni di polizia tedeschi Orpo, SiPo, Waffen-SS e Einsatzgruppen, insieme ad ausiliari ucraini e lituani, operarono dietro le linee del fronte, uccidendo sistematicamente decine di migliaia di uomini, donne e bambini, e in questi casi anche la Wehrmacht partecipò in molti aspetti dell'Olocausto dei proiettili.[49]

I massacri furono commessi in oltre 30 località della Polonia, nelle zone precedentemente occupate dai sovietici,[50] tra cui Brześć, Tarnopol e Białystok, nonché nelle capitali provinciali prebelliche di Łuck, Lwów, Stanisławów e Wilno (vedi il massacro di Ponary).[51]

I sopravvissuti alle operazioni di sterminio di massa furono incarcerati nei nuovi ghetti,[22] e morirono lentamente di fame per la carestia provocata dal capriccio delle autorità tedesche.[52] A causa dei problemi igienico-sanitari, i cadaveri delle persone morte per fame e per i maltrattamenti furono sepolti a decine di migliaia nelle fosse comuni.[53] I gaswagen furono messi a disposizione nel novembre 1941.[54] Nel giugno 1942, Samuel Zygelbaum del Consiglio nazionale polacco riferì che tramite questi mezzi furono assassinati 35000 ebrei nella sola Lodz;[55] riferì anche che gli agenti della Gestapo trascinarono regolarmente gli ebrei fuori dalle loro case e li uccisero per strada in pieno giorno.[56]

Nel dicembre 1941, circa un milione di ebrei furono assassinati dalle Einsatzgruppen naziste nell'Unione Sovietica.[57]

La politica della "guerra di distruzione" nell'est contro la "razza ebraica" divenne di dominio pubblico tra i tedeschi a tutti i livelli:[58] il numero totale di vittime ebree delle fucilazioni nell'est è compreso tra 1,3 e 1,5 milioni.[59][60] Intere regioni dietro la frontiera tedesco-sovietica furono segnalate a Berlino dagli squadroni della morte nazisti come Judenfrei.[61]

Soluzione finale e liquidazione dei Ghetti[modifica | modifica wikitesto]

Foto dal Libro nero della Polonia, pubblicato a Londra nel 1942 dal governo polacco in esilio.

Il 20 gennaio 1942, durante la conferenza di Wannsee, il segretario di Stato del Governatorato generale Josef Bühler esortò Reinhard Heydrich a iniziare il prima possibile la proposta "soluzione finale della questione ebraica".[62] L'uccisione tramite i gas di scarico era stata già provata in precedenza per diverse settimane nel campo di sterminio di Chełmno nell'allora Wartheland, con il pretesto del reinsediamento.[63]

A tutti i prigionieri del ghetto condannati fu detto che sarebbero andati nei campi di lavoro e fu chiesto loro di preparare un bagaglio a mano.[64] Molti ebrei credettero nello stratagemma del trasferimento, poiché anche le deportazioni fecero parte del processo di ghettizzazione.[65] Nel frattempo, l'idea dell'omicidio di massa per mezzo di camere a gas fu discussa a Lublino già dal settembre 1941. Fu la precondizione per la nuova operazione Reinhard guidata da Odilo Globocnik che ordinò la costruzione dei campi di sterminio a Belzec, Sobibór e Treblinka.[66] A Majdanek e Auschwitz, il lavoro delle camere a gas iniziò rispettivamente a marzo e maggio, preceduto dagli esperimenti con lo Zyklon B.[66] Tra il 1942 e il 1944, la misura più estrema dell'Olocausto, lo sterminio di milioni di ebrei dalla Polonia e da tutta Europa, fu effettuato in sei campi di sterminio. Non ci furono guardie polacche in nessuno dei campi, nonostante i campi di sterminio polacchi a volte usati impropriamente. Tutti i centri di sterminio furono progettati e gestiti dai nazisti in assoluta segretezza, aiutati dai Trawniki ucraini.[67] Ai civili fu vietato di avvicinarsi e spesso le guardie sparavano contro di loro se sorpresi vicino ai binari del treno.[68]

In alto: ingresso al campo di Auschwitz I con il cartello Arbeit macht Frei. In basso: l'ingresso di Auschwitz II-Birkenau

La liquidazione sistematica dei ghetti iniziò all'inizio della primavera del 1942. A quel punto l'unica possibilità di sopravvivenza fu la fuga nella "zona ariana". I rastrellamenti tedeschi per i cosiddetti treni del reinsediamento furono collegati direttamente con l'uso delle strutture di sterminio top secret costruite per le SS all'incirca nello stesso periodo da varie società di ingegneria tedesche tra cui HAHB,[69] IA Topf, Sons of Erfurt, e CH Kori GmbH.[70][71][72]

A differenza di altri campi di concentramento nazisti in cui i prigionieri di tutta Europa vennero sfruttati per lo sforzo bellico, i campi di sterminio tedeschi, parte integrante dell'operazione segreta Reinhardt, furono progettati esclusivamente per l'omicidio rapido e su larga scala degli ebrei polacchi e stranieri. I sorveglianti tedeschi del campo riferirono direttamente a Heinrich Himmler a Berlino, che mantenne il controllo del programma di sterminio, ma delegò il lavoro in Polonia alle SS e al capo della polizia Odilo Globocnik della riserva di Lublino.[73] La selezione dei siti, la costruzione delle strutture e la formazione del personale si basò su un'azione simile: l'Aktion T4, il programma di "igiene razziale", ovvero l'omicidio di massa attraverso l'eutanasia, sviluppato e attuato in Germania.[74][75]

Deportazione nei campi[modifica | modifica wikitesto]

I treni dell'Olocausto accelerarono l'ampiezza e la durata dello sterminio, la natura chiusa dei vagoni merci ridusse il numero di truppe necessarie per proteggerli. Le spedizioni ferroviarie consentirono ai nazisti tedeschi di costruire e gestire i campi di sterminio più grandi ed efficienti e, allo stesso tempo, mentire apertamente al mondo e alle loro vittime sul programma di "reinsediamento".[9]

Un numero imprecisato di deportati morirono durante il transito per soffocamento e sete, durante il viaggio non fu fornito né cibo né acqua. I carri merci Güterwagen furono dotati solo di una latrina a secchio. Una piccola finestra sbarrata forniva la poca ventilazione, che spesso provocò più morti. Un sopravvissuto alla rivolta di Treblinka testimoniò a proposito di uno di questi treni. Quando le porte del vagone si aprirono, si scoprì che il 90% dei circa 6000 prigionieri ebrei era già morto soffocato. I loro corpi furono gettati in una fossa comune nel Lazaret.[76] Altri convogli simili furono diretti ai campi di sterminio sotto la direzione del Ministero dei Trasporti tedesco, e seguiti da una filiale della IBM, fino alla data ufficiale di chiusura del complesso di Auschwitz-Birkenau nel dicembre 1944.[77][78]

Marzo 1943, liquidazione del ghetto di Cracovia. Le famiglie camminano fino alla stazione ferroviaria di Prokocim per il "reinsediamento" con destinazione Auschwitz.

Le fabbriche della morte erano solo uno dei tanti modi usati per lo sterminio di massa, ci furono anche dei luoghi di sterminio allestiti più a est. A Bronna Góra 50000 ebrei furono assassinati nelle fosse comuni, consegnati nei ghetti di Brześć, Bereza, Janów Poleski, Kobryń, Horodec, Antopol e di altre località lungo il confine occidentale del Reichskommissariat Ostland. Per accelerare il processo di scavo delle fosse comuni furono utilizzati gli esplosivi.[79][80][81]

Nella foresta di Sosenki, alla periferia di Równe nel Voivodato di Wołyń, furono fucilati oltre 23000 ebrei tra uomini, donne e bambini.[82] Nella foresta di Górka Połonka 25000 ebrei furono costretti a spogliarsi e sdraiarsi sui corpi delle persone già uccise e quindi fucilati a ondate (il metodo Sardinenpackung sperimentato da Friedrich Jeckeln); la maggior parte di loro vi furono deportati dal ghetto di Łuck.[83][84] Il luogo dell'esecuzione per i detenuti del ghetto di Lwów fu individuato vicino a Janowska, con 35000-40000 vittime ebree uccise e sepolte nel burrone di Piaski.[85]

Mentre la Polizia dell'Ordine eseguì le liquidazioni dei ghetti ebraici nella Polonia occupata, caricando i prigionieri sui vagoni ferroviari e sparando a coloro che non potevano muoversi o che tentavano di fuggire, la polizia ausiliaria collaborazionista fu usata come mezzo per incutere terrore al popolo ebraico conducendo le operazioni su larga scala oltre i massacri negli stessi luoghi:[86] furono schierati in tutti i principali siti di sterminio dell'operazione Reinhard, il terrore era uno degli obiettivi principali dell'addestramento delle SS.[87]

I Trawniki ucraini ricoprirono un ruolo attivo nello sterminio degli ebrei nei campi di Belzec, Sobibór, Treblinka II; durante la rivolta del ghetto di Varsavia (in tre occasioni, vedi Rapporto Stroop), Częstochowa, Lublino, Lwów, Radom, Cracovia, Białystok (due volte), Majdanek, Auschwitz, il campo di concentramento di Trawniki stesso,[1] e i restanti sottocampi del complesso del campo di Lublino-Majdanek tra cui Poniatowa, Budzyń, Kraśnik, Puławy, Lipowa, e anche durante i massacri di Łomazy, Międzyrzec, Łuków, Radzyń, Parczew, Końskowola, Komarówka e altre località, accresciute da membri delle SS, SD, Kripo, nonché dai battaglioni di polizia di riserva Orpo (ciascuno, responsabile dell'annientamento di migliaia di ebrei).[88] Nel nord-est, la "Brigata dei bracconieri" di Oskar Dirlewanger addestrò la guardia interna bielorussa in spedizioni a scopo di omicidio con l'aiuto della polizia ausiliaria bielorussa.[89] Entro la fine della seconda guerra mondiale in Europa, nel maggio 1945, morì oltre il 90% degli ebrei polacchi.[65]

Chełmno[modifica | modifica wikitesto]

Gli ebrei inviati al campo di sterminio di Chełmno, costretti ad abbandonare i loro bagagli lungo la strada. Nella foto: il carico delle vittime inviate dal ghetto di Łódź, 1942.

Il campo di sterminio di Chełmno fu il primo campo di sterminio costruito dopo il lancio dell'operazione Barbarossa da parte di Hitler,[90] si trattò di un progetto pilota per lo sviluppo di altri siti di sterminio. Il metodo di uccisione usato a Chełmno nacque dal programma di "eutanasia" in cui gli autobus carichi di pazienti ospedalieri ignari venivano gasati in docce a tenuta stagna a Bernburg, Hadamar e Sonnenstein.[91] Il campo di Chełmno, a 50 chilometri da Łódź, consisteva in una tenuta feudale simile a Sonnenstein, utilizzata per spogliarsi (con una rampa di carico per i camion nella zona posteriore), nonché in una grande radura a 4 chilometri a nord-ovest di Chełmno, utilizzata sia per la sepoltura di massa sia per la cremazione dei cadaveri introdotta qualche tempo dopo.[92]

Tutti gli ebrei del distretto Judenfrei di Wartheland furono deportati a Chełmno con il pretesto del "reinsediamento". Almeno 145000 prigionieri del ghetto di Łódź furono assassinati a Chełmno in diverse ondate di deportazioni durate dal 1942 al 1944.[93][94] Tra questi vi furono anche circa 11000 ebrei provenienti da Germania, Austria, Repubblica Ceca e Lussemburgo assassinati nell'aprile 1941[95] e quasi 5000 rom austriaci, assassinati nel gennaio 1942.[96] Quasi tutte le vittime furono uccise con l'uso di furgoni Sonderwagen. Nell'ultima fase dell'esistenza del campo, i corpi riesumati furono cremati all'aperto per diverse settimane durante la Sonderaktion 1005. Le ceneri miste a ossa frantumate, vennero trasportate ogni notte al vicino fiume in sacchi fatti di coperte, per rimuovere le prove dell'omicidio di massa.[97][98]

Auschwitz-Birkenau[modifica | modifica wikitesto]

Prigionieri ad Auschwitz II–Birkenau

Il campo di concentramento di Auschwitz fu il più grande centro di sterminio nazista tedesco, situato nella Gau Alta Slesia nella Germania nazista, e 64 chilometri a ovest di Cracovia.[99] La stragrande maggioranza dei prigionieri deportati fu assassinata poche ore dopo il loro arrivo.[100] Il campo fu dotato delle prime camere a gas permanenti nel marzo 1942. Lo sterminio degli ebrei con lo Zyklon B iniziò a luglio.[101] A Birkenau, le quattro installazioni per l'uccisione (ciascuna composta da guardaroba, camere a gas multiple e crematori su scala industriale) furono costruiti l'anno successivo.[102] Alla fine del 1943, Birkenau fu coinvolta negli omicidi su scala industriale, con quattro cosiddetti "bunker" (per un totale di oltre una dozzina di camere a gas) che lavoravano 24 ore su 24.[103] Fino a 6000 persone furono gasate e cremate lì ogni giorno, dopo lo spietato "processo di selezione" allo Judenrampe.[104][105] Solo il 10% circa dei deportati dai trasporti organizzati dall'Ufficio RSHA furono registrati e assegnati alla caserma di Birkenau.[105]

Circa 1,1 milioni di persone furono uccise ad Auschwitz.[106] Un milione di loro erano ebrei provenienti da tutta Europa, inclusi 200000 bambini.[100][107] Tra le 400000 vittime registrate (meno di un terzo degli arrivi totali ad Auschwitz) ci furono 140000-150000 polacchi non ebrei, 23000 zingari, 15000 prigionieri di guerra sovietici e 25000 altre persone.[108][109] Auschwitz ricevette un totale di circa 300000 ebrei dalla Polonia occupata,[110] imbarcati a bordo di treni merci da ghetti liquidati e campi di transito,[111] a cominciare da Bytom (15 febbraio 1942), Olkusz (tre giorni di giugno), Otwock (ad agosto), Łomża e Ciechanów (a novembre),[112] poi Cracovia (13 marzo 1943).[113]

Le camere a gas e i crematori furono fatti saltare in aria il 25 novembre 1944, nel tentativo di distruggere le prove degli omicidi di massa, per ordine del capo delle SS Heinrich Himmler.[114]

Treblinka[modifica | modifica wikitesto]

2 agosto 1943, Treblinka II in fiamme durante la rivolta dei prigionieri. Foto di Franciszek Ząbecki

Progettata e costruita al solo scopo di sterminare i suoi internati, Treblinka fu una delle sole tre strutture esistenti, le altre due furono Bełżec e Sobibór.[115] Furono situati in aree boschive lontane dai centri abitati e collegate al sistema ferroviario polacco con una diramazione.[116] I passaporti e il denaro venivano raccolti per la "custodia" presso una cassa allestita lungo il sentiero recintato che conduceva alle camere a gas travestito da docce comuni, direttamente dietro c'erano le fosse funerarie, scavate con un escavatore cingolato.[117][118]

Tessera tedesca rilasciata a un lavoratore inviato alla stazione ferroviaria di Malkinia vicino a Treblinka

Situato a 80 chilometri a nord-est di Varsavia,[119] Treblinka divenne operativo il 24 luglio 1942, dopo tre mesi di lavori forzati da parte degli espulsi dalla Germania.[120] La spedizione degli ebrei dalla capitale polacca, il piano noto come Großaktion Warschau, iniziò immediatamente.[121][122][123] Durante i due mesi dell'estate del 1942, circa 254000 detenuti del ghetto di Varsavia furono sterminati a Treblinka (secondo altri resoconti, almeno 300000).[124] All'arrivo i trasportatori furono costretti a spogliarsi, prima gli uomini seguiti poi da donne e bambini, furono costretti in camere a doppia parete e assassinati in lotti di 200 individui, con l'utilizzo di gas di scarico generati da un motore a combustibile.[125][126][127] Le camere a gas, costruite in mattoni e ampliate nell'agosto-settembre 1942, furono in grado di uccidere da 12000 a 15000 vittime ogni giorno,[128] con una capacità massima di 22000 esecuzioni in ventiquattro ore.[129] I morti furono inizialmente seppelliti in grandi fosse comuni, ma si sentiva l'odore dei corpi in decomposizione fino a dieci chilometri di distanza.[130] Di conseguenza, i nazisti iniziarono a bruciare i corpi su griglie a cielo aperto fatte di pilastri di cemento e binari ferroviari.[131] Il numero di persone uccise a Treblinka in circa un anno variò da 800000 a 1200000, senza cifre esatte disponibili.[132][133] Il campo fu chiuso da Globocnik il 19 ottobre 1943, subito dopo la rivolta dei prigionieri di Treblinka,[134] con l'operazione Reinhard quasi completata.[135]

Bełżec[modifica | modifica wikitesto]

1942, SS-Totenkopfverbände nel campo di sterminio di Belzec

Il campo di sterminio di Bełżec, allestito vicino alla stazione ferroviaria di Bełżec nel distretto di Lublino, iniziò a funzionare ufficialmente il 17 marzo 1942, con tre camere a gas successivamente sostituite da altre sei realizzate con mattoni e malta, consentendo alla struttura di gestire oltre 1000 vittime per volta.[136] Nel campo furono assassinati almeno 434500 ebrei, la mancanza di sopravvissuti accertati rende questo campo molto meno noto.[137] I corpi dei morti, sepolti in fosse comuni, si gonfiarono per il caldo a causa della putrefazione, cosa che fece spaccare la terra e si risolse con l'introduzione dei fosse crematori dall'ottobre 1942.[138]

Kurt Gerstein delle Waffen-SS, fornitore dello Zyklon B da Degesch durante l'Olocausto,[139] scrisse dopo la guerra nel suo Rapporto Gerstein per gli Alleati che il 17 agosto 1942, a Belzec, assistettero all'arrivo di 45 carri con 6700 prigionieri, di cui 1450 erano già morti all'interno.[140] Quel treno arrivò con il popolo ebraico del Ghetto di Leopoli,[140] a meno di cento chilometri di distanza.[141] L'ultimo carico di ebrei, compresi quelli che erano già morti durante il transito, arrivò a Bełżec nel dicembre 1942.[142] L'incendio dei cadaveri riesumati continuò fino a marzo.[143] I restanti 500 prigionieri del Sonderkommando smantellarono il campo e assistettero al processo di sterminio,[137] furono poi assassinati nel vicino campo di sterminio di Sobibór nei mesi successivi.

Sobibór[modifica | modifica wikitesto]

Il Telegramma Höfle conferma almeno 101370 deportazioni di ebrei verso il campo di sterminio di Sobibór nel 1942

Il campo di sterminio di Sobibór, camuffato da campo di transito ferroviario non lontano da Lublino, iniziò le operazioni di gasazione di massa nel maggio 1942.[144] Come in altri centri di sterminio, gli ebrei in arrivo dai ghetti liquidati e dai campi di transito, come Izbica o Końskowola, furono accolti da un uomo delle SS vestito con un camice medico. L'Oberscharführer Hermann Michel diede il comando per la "disinfezione" dei prigionieri.[145]

I nuovi arrivati furono costretti a dividersi in gruppi, consegnare i loro oggetti di valore e spogliarsi all'interno di un cortile recintato per fare il bagno, le donne si fecero tagliare i capelli dai barbieri del Sonderkommando. Una volta spogliati, gli ebrei furono condotti lungo uno stretto sentiero fino alle camere a gas mascherate da docce. Le vittime furono uccise con il monossido di carbonio prodotto da un motore a benzina rimosso da un carro armato dell'Armata Rossa.[146] I loro corpi furono bruciati in fosse all'aperto su griglie di ferro, in parte alimentate dallo stesso grasso corporeo umano. I loro resti furono scaricati su sette "montagne di cenere". Il numero totale di ebrei polacchi assassinati a Sobibór è stimato in un minimo di 170000.[147] Heinrich Himmler ordinò lo smantellamento del campo in seguito ad una rivolta dei prigionieri il 14 ottobre 1943; una delle sole due rivolte riuscite dei detenuti ebrei del Sonderkommando con 300 fuggitivi (la maggior parte di loro furono catturati dalle SS e uccisi).[148][149]

Lublino-Majdanek[modifica | modifica wikitesto]

Forni crematori a Majdanek

Il campo di lavoro forzato di Majdanek situato alla periferia di Lublino, chiuso temporaneamente durante un'epidemia di tifo, fu riaperto nel marzo 1942 per l'operazione Reinhard come deposito per gli oggetti di valore rubati alle vittime dei centri di sterminio di Belzec, Sobibór e Treblinka.[150] Divenne un luogo di sterminio occasionale per popolazioni ebraiche della Polonia sudorientale (Cracovia, Lwów, Zamość, Varsavia) dopo la costruzione delle camere a gas alla fine del 1942.[151]

Nonostante il campo non rientrasse nel programma dei centri di sterminio voluti con l'Operazione Reinhard (come quelli di: Treblinka II, Bełżec e Sobibór) e «molti studiosi hanno tradizionalmente contato il campo di Majdanek come sesto centro di sterminio, una recente ricerca chiarisce meglio le funzioni [...] di Lublino / Majdanek»[152]. Servì «soprattutto per concentrare gli ebrei che i tedeschi avevano temporaneamente risparmiato dal lavoro forzato, [...] di tanto in tanto funzionò come un sito di uccisione per eliminare vittime che non potevano essere sterminati [...] a Belzec, Sobibor e Treblinka II»,[153] tanto che le persone che trovarono la morte secondo la ricerca dello studioso polacco Tomasz Kranz furono almeno 78000 di cui 60000 ebrei.[154]

La gasazione degli ebrei polacchi fu eseguita alla vista degli altri detenuti, senza nemmeno la recinzione attorno alle strutture di sterminio.[155] Secondo le testimonianze, "per soffocare le grida dei moribondi, i motori dei trattori venivano fatti funzionare vicino alle camere a gas", prima di portare i morti al crematorio. Majdanek fu il luogo dell'omicidio di 59000 ebrei polacchi, tra le sue 79000 vittime.[156][157] Alla fine dell'operazione Aktion Erntefest condotta a Majdanek all'inizio di novembre 1943, il più grande massacro tedesco di ebrei durante l'intera guerra,[86] il campo rimase con solo 71 ebrei in vita.[158]

Resistenza armata e rivolte del ghetto[modifica | modifica wikitesto]

Donne ribelli ebree catturate dalle SS durante la rivolta del ghetto di Varsavia, dal Rapporto Stroop.

Esiste una sorta di luogo comune secondo cui la maggior parte degli ebrei andasse alla morte passivamente.[159][160] Il 10% dell'esercito polacco che combatté da solo contro l'invasione nazista-sovietica della Polonia fu costituito da polacchi ebrei, circa 100000 soldati.[161] Di questi, i tedeschi presero 50000 prigionieri di guerra e non li trattarono secondo la Convenzione di Ginevra: la maggior parte di questi prigionieri fu mandata prima nei campi di concentramento e poi nei campi di sterminio.[161] Mentre la Polonia continuava a combattere la guerra di ribellione contro le potenze occupanti, altri ebrei si unirono alla Resistenza polacca, a volte formando unità esclusivamente ebraiche.[161]

La resistenza degli ebrei ai nazisti comprendeva non solo la lotta armata, ma anche l'opposizione spirituale e culturale che portava dignità nonostante le condizioni di vita disumane nei ghetti.[162][163] Molte furono le forme di resistenza anche se gli anziani furono terrorizzati dalla prospettiva di una rappresaglia di massa contro le donne e i bambini in caso di rivolta anti-nazista.[164] Quando le autorità tedesche si impegnarono a liquidare i ghetti, nel 1939 fu sfruttata la resistenza armata in oltre 100 località su entrambi i lati del confine polacco-sovietico, principalmente nella Polonia orientale.[165] Le rivolte scoppiarono in 5 grandi città, 45 paesi di provincia, 5 grandi campi di concentramento e sterminio, nonché in almeno altri 18 campi di lavoro forzato.[166] In particolare, le uniche ribellioni nei campi nazisti furono quelle ebraiche.[159]

Gli insorti del ghetto di Nieśwież nella Polonia orientale reagirono il 22 luglio 1942. La rivolta del ghetto di Łachwa scoppiò il 3 settembre. Il 14 ottobre 1942, il ghetto di Mizocz seguì l'esempio. Lo scontro a fuoco del ghetto di Varsavia del 18 gennaio 1943 portò alla più grande rivolta ebraica della seconda guerra mondiale lanciata il 19 aprile 1943. Il 25 giugno, gli ebrei del ghetto di Częstochowa si sollevarono. A Treblinka, i prigionieri del Sonderkommando, armati di armi rubate, attaccarono le guardie il 2 agosto 1943. Il giorno dopo, scoppiarono le rivolte del ghetto di Będzin e Sosnowiec. Il 16 agosto scoppiò la rivolta del ghetto di Białystok. La rivolta nel campo di sterminio di Sobibór avvenne il 14 ottobre 1943. Ad Auschwitz-Birkenau, gli insorti fecero saltare in aria uno dei forni crematori il 7 ottobre 1944.[165][166] Una resistenza simile fu usata a Łuck, Mińsk Mazowiecki, Pińsk, Poniatowa, e Wilno.[167]

Polacchi ed ebrei[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Żegota e Gruppo Ładoś.

I cittadini polacchi sono il gruppo più numeroso per nazionalità con il titolo di Giusti tra le nazioni, come onorato da Yad Vashem. Alla luce delle dure punizioni inflitte dai tedeschi ai soccorritori, Yad Vashem definisce "impressionante" il numero dei Giusti polacchi.[168] Secondo Gunnar S. Paulsson, è probabile che questi polacchi riconosciuti, cioè oltre 6000 persone, "rappresentino solo la punta dell'iceberg" dei soccorritori polacchi.[169] Alcuni ebrei ricevettero l'aiuto organizzato da Żegota, l'organizzazione clandestina della resistenza polacca nella Polonia occupata dai tedeschi.[170] Nel suo lavoro sugli ebrei di Varsavia, Paulsson dimostra che in condizioni molto più dure dell'occupazione, i cittadini polacchi di Varsavia sono riusciti a sostenere e nascondere una percentuale comparabile di ebrei ai cittadini di paesi occidentali come l'Olanda o la Danimarca.[171]

Secondo la storica Doris Bergen, ci sono tre interpretazioni tradizionali delle relazioni tra cristiani polacchi ed ebrei durante la seconda guerra mondiale. La prima, Bergen si riferisce alla teoria dei "Poli come arci-antisemiti" che vede i polacchi come partecipanti all'Olocausto. Bergen respinge questo approccio sostenendo che, sebbene a volte possa essere "soddisfacente emotivamente", trascura la brutalità dell'occupazione tedesca diretta agli stessi polacchi. D'altro canto, Bergen pone la scuola di pensiero "tutti i polacchi furono vittime dell'Olocausto", che sottolinea il fatto che durante la guerra furono assassinati tanti non ebrei quanti ebrei polacchi. Questo approccio sostiene che i polacchi "hanno fatto tutto il possibile (...) date le circostanze" per aiutare gli ebrei e tende a vedere i polacchi cristiani come vittime tanto quanto gli ebrei. Bergen osserva che mentre questo studio ha prodotto un lavoro prezioso sulla sofferenza dei polacchi non ebrei durante la guerra, a volte raggiunge questo obiettivo sminuendo la sofferenza degli ebrei o persino ripetendo alcuni canard antisemiti. La terza interpretazione è la teoria delle "vittime ineguali", che vede sia i gentili polacchi che gli ebrei come vittime della Germania nazista ma in misura diversa; mentre un numero uguale di ciascun gruppo fu assassinato, i 3 milioni di polacchi non ebrei costituivano il 10% della rispettiva popolazione, ma per gli ebrei polacchi i 3 milioni assassinati costituivano l'80% della popolazione prebellica. Bergen afferma che mentre questa visione ha una certa validità, troppo spesso finisce per impegnarsi in una "competizione nella sofferenza" e che un tale "gioco di numeri" non ha senso morale quando si parla di agonia umana. In risposta a questi tre approcci, Bergen mette in guardia contro le generalizzazioni ampie, sottolinea la gamma di esperienze e osserva che i destini di entrambi i gruppi furono inesorabilmente legati tra loro.[172]

Antisemitismo[modifica | modifica wikitesto]

L'antisemitismo polacco aveva due motivi formativi: le pretese di contaminazione della fede cattolica e lo Żydokomuna (uno stereotipo antiebreo e anticomunista). Durante gli anni '30, i giornali cattolici in Polonia furono in accordo con l'antisemitismo social-darwinista dell'Europa occidentale e alla stampa nazista. Tuttavia, la dottrina della chiesa escludeva la violenza, che divenne più comune solo a metà degli anni '30. A differenza dell'antisemitismo tedesco, gli antisemiti politico-ideologici polacchi rifiutarono l'idea di genocidio o di pogrom degli ebrei, sostenendo invece l'emigrazione di massa.[174]

L'occupazione basata sul terrore da parte di Stalin nella Polonia orientale nel 1939 portò ciò che Jan Gross chiama "l'istituzionalizzazione del risentimento",[175] per cui i sovietici usarono sia i privilegi che le punizioni per accogliere e incoraggiare le differenze etniche e religiose tra ebrei e polacchi. Ci fu un'impennata nello sfruttamento dello stereotipo antisemita degli ebrei come traditori comunisti; esplose in un omicidio di massa quando la Germania nazista invase la Polonia orientale sovietica nell'estate del 1941. Un gruppo di almeno 40 polacchi, insieme a un numero non confermato di sostenitori tedeschi, uccise centinaia di ebrei nel pogrom di Jedwabne aggravato dal punto di vista razziale. Ci fu un'ondata di altri massacri di ebrei nella stessa regione di Łomża e Białystok, precedentemente occupata dai sovietici, più o meno nello stesso periodo, con vari gradi di incitamento o coinvolgimento degli squadroni della morte tedeschi: a Bielsk Podlaski (il villaggio di Pilki), Choroszcz, Czyżew, Goniądz, Grajewo, Jasionówka, Kleszczele, Knyszyn, Kolno, Kuźnica, Narewka, Piątnica, Radziłów, Rajgród, Sokoły, Stawiski, Suchowola, Szczuczyn, Trzcianne, Tykocin, Wasilków, Wąsosz e Wizna.[176]

Soccorso e aiuto[modifica | modifica wikitesto]

1943, impiccagione pubblica di polacchi etnici a Przemyśl, per aver aiutato gli ebrei

La stragrande maggioranza degli ebrei polacchi fu una "minoranza visibile", distinguibile per lingua, comportamento e aspetto.[177] Nel censimento nazionale polacco del 1931, solo il 12% degli ebrei dichiarò il polacco come prima lingua, mentre il 79% indicò lo yiddish e il restante 9% l'ebraico come lingua madre, anche se il censimento potrebbe aver sottovalutato coloro la cui lingua principale fu il polacco:[178][179] la capacità di parlare polacco fu un fattore chiave per la sopravvivenza,[180] così come le risorse finanziarie per pagare gli aiutanti.[181]

Il 10 novembre 1941, Hans Frank estese la pena capitale ai polacchi che aiutarono gli ebrei "in ogni modo: ospitandoli per una notte, dando loro un passaggio in un veicolo di qualsiasi tipo", o "dando da mangiare agli ebrei in fuga o vendendo loro dei prodotti alimentari".[182] La legge fu pubblicizzata con manifesti affissi in tutte le principali città. Dei regolamenti simili furono emanati dai tedeschi negli altri territori che controllavano sul fronte orientale.[183] Oltre 700 polacchi ricevettero il riconoscimento di Giusti tra le nazioni postumo, essendo stati assassinati dai tedeschi per aver aiutato o dato rifugio agli ebrei.[184] Verso la fine del periodo di liquidazione dei ghetti, alcuni ebrei riuscirono a fuggire nella zona "ariana"[169] e a sopravvivere con l'aiuto dei polacchi. Durante l'occupazione nazista, la maggior parte dei polacchi etnici furono essi stessi impegnati in una lotta disperata per sopravvivere. Tra il 1939 e il 1945, da 1,8 a 2,8 milioni di polacchi non ebrei furono assassinati dai nazisti e 150000 a causa delle repressioni sovietiche.[185][186]

Circa un quinto della popolazione polacca morì prima della guerra:[187] queste morti furono il risultato di deliberati atti di guerra,[188] omicidi di massa, incarcerazione nei campi di concentramento, lavoro forzato, malnutrizione, malattie, rapimenti ed espulsioni.[189] Allo stesso tempo, forse un milione di polacchi gentili aiutarono i loro vicini ebrei.[190] Lo storico Richard C. Lukas[65] fornisce una stima di tre milioni di aiutanti polacchi; una stima simile a quelle fornite da altri autori.[191][192]

Migliaia di cosiddetti bambini del convento nascosti dai polacchi non ebrei e dalla Chiesa cattolica rimasero negli orfanotrofi gestiti dalle Suore della Famiglia di Maria in più di 20 località,[193] similmente come in altri conventi cattolici.[194] Data la severità delle misure tedesche intese a prevenire questo evento, il tasso di sopravvivenza tra i fuggitivi ebrei fu relativamente alto e di gran lunga il migliore per gli individui che aggirarono la deportazione.[169][195]

Nel settembre 1942, su iniziativa di Zofia Kossak-Szczucka e con l'assistenza finanziaria dello Stato clandestino polacco, fu fondato un Comitato provvisorio per l'aiuto agli ebrei (Tymczasowy Komitet Pomocy Żydom) allo scopo di salvare gli ebrei. Fu sostituito dal Consiglio per gli aiuti agli ebrei (Rada Pomocy Żydom), noto con il nome in codice Żegota e presieduto da Julian Grobelny. Non si sa quanti ebrei, nel complesso, furono aiutati da Żegota; a un certo punto nel 1943 diede protezione a 2500 bambini ebrei nella sola Varsavia, grazie all'opera di Irena Sendler. Żegota ha ricevuto quasi 29 milioni di zlotych dal 1942 in poi per il sostegno di migliaia di famiglie ebree allargate in Polonia.[170][196] Il governo polacco in esilio, con sede a Londra, fornì assistenza speciale con fondi, armi e altri rifornimenti, alle organizzazioni di resistenza ebraica come la Jewish Combat Organization e la Żydowski Związek Walki.[197]

Si stima che tra i 30000 e i 60000 ebrei polacchi sopravvissero nascosti.[6] Nel dopoguerra, alcuni soccorritori subirono ostilità o violenza per le loro precedenti azioni.[198]

Il governo polacco in esilio fu il primo[199] a rivelare l'esistenza dei campi di concentramento gestiti dai tedeschi e lo sterminio sistematico degli ebrei. Il genocidio è stato denunciato agli Alleati dal tenente Jan Karski; e dal capitano Witold Pilecki, che si lasciò deliberatamente imprigionare ad Auschwitz per raccogliere informazioni, e successivamente scrisse un rapporto di oltre 100 pagine per l'esercito nazionale polacco e gli alleati occidentali.[200]

Collaborazione e opportunismo[modifica | modifica wikitesto]

Il fenomeno della collaborazione polacca fu descritto da John Connelly e Leszek Gondek come marginale, se considerato nel contesto della storia europea e mondiale: le stime sulla quantità dei singoli collaboratori polacchi variano da un minimo di 7000 a diverse centinaia di migliaia.[201][202][203] Secondo John Connelly "solo una percentuale relativamente piccola della popolazione polacca è impegnata in attività che possono essere descritte come collaborazione, se valutate nel contesto più ampio della storia europea e mondiale". La stessa popolazione, tuttavia, può essere accusata di indifferenza per la difficile situazione ebraica, fenomeno che Connelly chiama "collaborazione strutturale".[201] Szymon Datner afferma che mentre meno polacchi hanno ucciso gli ebrei per avidità o per odio razziale rispetto a coloro che li hanno protetti e aiutati, il primo gruppo è stato più efficace nel farlo.[204]

Alcuni contadini polacchi parteciparono alla Judenjagd, la cosiddetta caccia agli ebrei, organizzata dai tedeschi nelle campagne, dove secondo Jan Grabowski, circa l'80% degli ebrei che tentarono di nascondersi dai tedeschi finì per essere assassinata.[205][206] Polacchi e ucraini hanno anche dato vita a diversi pogrom in tempo di guerra, come il pogrom di Jedwabne del 1941[207] e il pogrom di Leopoli.[208] Secondo Grabowski, il numero delle vittime derivanti dalla Judenjagd potrebbe raggiungere le 200000 nella sola Polonia;[209] Szymon Datner ha fornito una stima più bassa di 100000 ebrei che "cadderono preda dei tedeschi e dei loro aiutanti locali, o furono assassinati in varie circostanze inspiegabili".[204]

Alcuni esponenti locali beneficiarono materialmente della persecuzione degli ebrei. Diverse migliaia di Szmalcowniki, cioè ricattatori, operarono in Polonia.[210] Lo Stato clandestino polacco si oppose fermamente a questo tipo di collaborazione e minacciò di morte gli Szmalcowniki; le sentenze vennero generalmente pronunciate ed eseguite dai tribunali speciali.[211] La proprietà ebraica, rilevata dai polacchi, fu un fattore alla base del pestaggio e dell'assassinio degli ebrei da parte dei polacchi tra l'estate 1944 e il 1946, compreso il pogrom di Kielce.[212]

Oltre ai contadini e ai singoli collaboratori, le autorità tedesche mobilitarono anche la polizia polacca che in seguito divenne nota come la "Polizia Blu". Tra gli altri compiti, i poliziotti polacchi ebbero il compito di pattugliare i fuggitivi ebrei dal ghetto e di sostenere le operazioni militari contro la resistenza polacca.[202][213] Al suo apice, nel maggio 1944, la Polizia Blu contava circa 17000 uomini.[214] I tedeschi formarono anche il Baudienst ("servizio di costruzione") in diversi distretti del governatorato generale. I militari Baudienst vennero talvolta schierati a sostegno delle coseddette Aktion, ad esempio per bloccare i quartieri ebraici o per perquisire le case degli ebrei in cerca di nascondigli e oggetti di valore.[202] Nel 1944, la forza dei Baudienst era cresciuta fino a raggiungere i 45000 militari.[215]

Le forze armate nazionali polacche di destra (Narodowe Siły Zbrojne, o NSZ), l'organizzazione nazionalista e anticomunista[216][217][218] ampiamente percepita come antisemita,[219][220][221][222][223] collaborò anche con i tedeschi in più occasioni, uccidendo o consegnando i partigiani ebrei alle autorità tedesche[224] e uccidendo i profughi ebrei.[219][225][226]

Il ruolo delle minoranze nazionali nell'Olocausto[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Volksdeutsche, Hauptamt Volksdeutsche Mittelstelle e Sonderdienst.

La Repubblica di Polonia fu un paese multiculturale fino a prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, con quasi un terzo della sua popolazione proveniente da gruppi minoritari: 13,9% ucraini; 10% ebrei; 3,1% bielorussi; 2,3% tedeschi e 3,4% tra cechi, lituani e russi.[227] Subito dopo la ricostituzione nel 1918 di uno stato polacco indipendente, circa 500000 profughi dalle repubbliche sovietiche giunsero in Polonia nella prima fuga spontanea dalla persecuzione avvenuta soprattutto in Ucraina dove si verificarono fino a 2000 pogrom durante gli anni della guerra civile.[228] Nella seconda ondata di immigrazione, tra il novembre 1919 e il giugno 1924 circa 1200000 di persone lasciarono il territorio dell'URSS verso la nuova Polonia. Si stima che circa 460000 rifugiati parlassero il polacco come prima lingua.[227][229] Tra il 1933 e il 1938, circa 25000 ebrei tedeschi fuggirono dalla Germania nazista per rifugiarsi in Polonia.[230]

Circa un milione di cittadini polacchi furono membri della minoranza tedesca del paese.[231] Dopo l'invasione del 1939, altre 1180000 persone di lingua tedesca vennero nella Polonia occupata, dal Reich (Reichsdeutsche) o da est (Volksdeutsche che diventò in seguito Heim ins Reich).[232] Molte centinaia di uomini etnicamente tedeschi in Polonia si unirono alla Volksdeutscher Selbstschutz nazista così come alle formazioni Sonderdienst formate nel maggio 1940 dal Gauleiter Hans Frank di stanza nella Cracovia occupata.[233][234] Allo stesso modo, tra i circa 30000 nazionalisti ucraini fuggiti a polnischen Gebiete, migliaia si unirono al pokhidny hrupy come sabotatori, interpreti e miliziani civili, addestrati nelle basi tedesche nel Distrikt Krakau.[235][236]

L'esistenza di formazioni Sonderdienst fu un grave pericolo per i polacchi cattolici che tentarono di aiutare gli ebrei ghettizzati nelle città con consistenti minoranze tedesche e filo-tedesche, come nel caso di Izbica e dei ghetti di Mińsk Mazowiecki, tra i molti altri. Gli atteggiamenti antisemiti furono particolarmente visibili nelle province orientali occupate dai sovietici in seguito all'invasione sovietica di Kresy. La popolazione locale aveva assistito alle repressioni contro i propri compatrioti e alle deportazioni di massa in Siberia,[237][238] condotte dall'NKVD sovietico, con alcuni ebrei locali che formarono le milizie, assumendo incarichi amministrativi strategici,[239] e collaborando con l'NKVD. Altri locali presumevano che, spinti dalla vendetta, i comunisti ebrei fossero stati importanti nel tradire le vittime di etnia polacca e non ebrea.[240]

Pogrom e massacri[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Massacro di Ponary e Pogrom di Leopoli.
Donna ebrea inseguita da nazionalisti ucraini nel progrom di Leopoli del 1941

Molti massacri furono compiuti nella Polonia orientale occupata con la partecipazione attiva della popolazione locale. Le linee guida per tali massacri furono formulate da Reinhard Heydrich,[241] che ordinò ai suoi ufficiali di provocare i pogrom antiebraici sui territori appena occupati dalle forze tedesche.[242][243] In vista dell'istituzione del ghetto di Vilnius, la quinta città più grande della Polonia prebellica e capoluogo di provincia in Lituania,[244] i commandos tedeschi ed i battaglioni di polizia ausiliaria lituana uccisero più di 21000 ebrei durante il Massacro di Ponary alla fine del 1941.[245] A quel tempo, Vilnius aveva solo una piccola minoranza di lingua lituana, circa il 6% della popolazione della città.[246] Nella serie dei pogrom di Leopoli commessi dai militanti ucraini nella città orientale, circa 6000 ebrei polacchi furono assassinati nelle strade tra il 30 giugno e il 29 luglio 1941, oltre a 3000 arresti e uccisioni di massa delle Einsatzgruppe C,[247][248] le milizie ucraine formate dall'OUN con la benedizione delle SS per diffondere il terrore in dozzine di località nel sud-est della Polonia.[249]

Molto prima che fosse istituito il ghetto di Tarnopol e solo due giorni dopo l'arrivo della Wehrmacht, furono uccisi fino a 2000 ebrei in Ucraina,[250] un terzo di loro dalle milizie ucraine.[251] Alcune delle vittime furono decapitate.[252] Le SS spararono ai restanti due terzi, nella stessa settimana.[251] A Stanisławów, altro capoluogo della provincia di Kresy, il 12 ottobre 1941 fu perpetrato il più grande massacro di ebrei polacchi prima dell'Aktion Reinhardt, mano nella mano da Orpo, SiPo e dalla polizia ausiliaria ucraina arrivata da Leopoli; nel cimitero furono allestiti tavoli con panini e bottiglie di vodka per i tiratori che avevano bisogno di riposare dal rumore assordante degli spari; 12000 ebrei furono assassinati prima del tramonto.[253]

In totale, ci furono 31 pogrom mortali in tutta la regione organizzati insieme allo Schuma bielorusso, lituano e ucraino.[254] Le tecniche di genocidio apprese dai tedeschi, come la pianificazione avanzata delle azioni di pacificazione, la selezione del sito e l'improvviso accerchiamento, divennero il segno distintivo dei massacri messi in atto dall'OUN-UPA dei polacchi e degli ebrei in Volinia e nella Galizia orientale a partire dal marzo 1943, parallelamente alla liquidazione dei ghetti nel Reichskommissariat Ostland ordinata da Himmler.[255][256] Migliaia di ebrei sfuggiti alla deportazione e nascosti nelle foreste furono assassinati dai Banderiti.[257]

Sopravvissuti[modifica | modifica wikitesto]

Il numero esatto dei sopravvissuti all'Olocausto è sconosciuto. Fino a 300000 ebrei polacchi furono tra i 1,5 milioni di cittadini polacchi deportati dalla Polonia orientale dai sovietici dopo l'invasione nazista-sovietica della Polonia del 1939, mettendo gli ebrei in Siberia, nel profondo dell'URSS, e quindi fuori dalla portata dell'invasione nazista della Polonia orientale in 1941.[258] Molti deportati morirono nei Gulag, ma migliaia di ebrei si unirono all'esercito polacco di Anders nel suo viaggio dai campi sovietici verso l'impero britannico e così diedero vita all'Aliyah; altre migliaia si unirono all'esercito polacco di Berling che combatté per tornare in Polonia e proseguire fino alla battaglia di Berlino. Probabilmente fino a 300000 ebrei polacchi fuggirono dalla Polonia occupata dai tedeschi nella zona occupata dai sovietici subito dopo l'inizio della guerra. Alcune stime forniscono numeri anche maggiori.[259] In particolare, un'altissima percentuale di ebrei in fuga verso est erano gli uomini e le donne senza famiglia.[259] Migliaia di loro morirono per mano di OUN-UPA, TDA e Ypatingasis būrys durante i massacri dei polacchi in Volinia, nell'Olocausto in Lituania e in Bielorussia.[2][3]

La questione delle reali possibilità di sopravvivenza degli ebrei una volta iniziato l'Olocausto è ancora oggetto di studio tra gli storici.[169] La maggior parte degli ebrei polacchi nel governatorato generale rimase immobile.[169] Prima delle deportazioni di massa non vi era alcuna provata necessità di lasciare i luoghi familiari. Quando i ghetti furono chiusi dall'esterno, il contrabbando di cibo mantenne in vita la maggior parte degli abitanti. La fuga clandestina dalla parte "ariana" fu tentata da circa 100000 ebrei e, contrariamente alle idee popolari, il rischio che venissero consegnati dai polacchi fu molto limitato.[169] I tedeschi resero estremamente difficile la fuga dai ghetti poco prima della deportazione nei campi di sterminio, mascherati ingannevolmente dal "reinsediamento in Oriente". Tutti gli abbonamenti furono cancellati, le mura ricostruite contenenti meno cancelli, i poliziotti sostituiti da uomini delle SS. Alcune vittime già deportate a Treblinka furono costrette a scrivere lettere formali a casa, affermando di essere al sicuro, circa altri 3000 caddero nella trappola tedesca dell'Hotel Polski. Molti ebrei ghettizzati non credettero a quello che stava succedendo fino alla fine, perché il risultato effettivo sembrava impensabile in quel momento.[169]

David J. Landau suggerì anche che la debole leadership ebraica avrebbe potuto avere un ruolo importante.[260] Allo stesso modo, Israel Gutmanha propose che la resistenza polacca avrebbe potuto attaccare i campi e far saltare in aria i binari ferroviari che li trasportavano, ma come notato da Paulsson, tali idee sono un prodotto del senno del poi.[169]

Si stima che circa 350000 ebrei polacchi sopravvissero all'Olocausto.[19] Circa 230000 di loro sopravvissero nell'URSS e nei territori polacchi controllati dai sovietici, inclusi uomini e donne fuggiti dalle aree occupate dalla Germania.[14][19] Dopo la seconda guerra mondiale, un numero tra 150000 e 180000 ebrei polacchi furono rimpatriati, o espulsi, nella nuova Polonia insieme agli uomini più giovani arruolati nell'Armata Rossa nel 1940-1941. Le loro famiglie furono uccise durante l'Olocausto.[261]

Gunnar S. Paulsson stimò che 30000 ebrei polacchi sopravvissero nei campi di lavoro;[169] ma secondo Engelben 70000-80000 di loro furono liberati dai campi solo in Germania e Austria, tranne per il fatto che dichiarare la propria nazionalità non era di alcuna utilità per coloro che non intendevano tornare.[262] Madajczyk stimò che fino a 110000 ebrei polacchi si trovassero nei campi profughi.[263] Secondo Longerich, nelle foreste sopravvissero fino a 50000 ebrei (senza contare la Galizia)[264] e anche tra i soldati che rientrarono in Polonia con l'"esercito di Berlino" polacco filosovietico formato da Stalin. Il numero di ebrei che si nascosero con successo dalla parte "ariana" dei ghetti potrebbe arrivare a 100000, secondo Peter Longerich,[264] anche se molti furono assassinati dai Jagdkommandos tedeschi.[264] Dariusz Stola ha riscontrato che le stime più plausibili erano comprese tra 30000 e 60000.[6]

Non tutti i sopravvissuti si sono registrati presso il CKŻP (Comitato centrale degli ebrei polacchi) dopo la fine della guerra.

Cambiamenti di frontiera e rimpatri[modifica | modifica wikitesto]

1946 Incontro dei membri di Żegota nell'anniversario della rivolta del ghetto di Varsavia

La resa tedesca nel maggio 1945 fu seguita da un enorme cambiamento nella geografia politica dell'Europa.[65][263] I confini della Polonia furono ridisegnati dagli Alleati secondo le richieste avanzate da Stalin durante la Conferenza di Teheran, poi confermate come non negoziabili alla Conferenza di Yalta del 1945.[265] Il governo polacco in esilio fu escluso dalla le trattative.[266] Il territorio della Polonia è stato ridotto di circa il 20 per cento.[267] Prima della fine del 1946 circa 1,8 milioni di cittadini polacchi furono espulsi e reinsediati con la forza entro i nuovi confini.[265][266] Per la prima volta nella sua storia la Polonia diventò uno stato-nazione omogeneo con la ricchezza nazionale ridotta del 38 per cento. Il sistema finanziario polacco fu distrutto. L'intellighenzia fu in gran parte cancellata insieme agli ebrei e la popolazione si ridusse di circa il 33%.[267]

A causa dello spostamento territoriale imposto dall'esterno, il numero dei sopravvissuti all'Olocausto rimane oggetto di discussione.[263] Secondo le statistiche ufficiali, il numero degli ebrei nel paese cambiò drasticamente in brevissimo tempo.[268] Nel gennaio 1946, il Comitato Centrale degli ebrei polacchi (CKŻP) registrò la prima ondata di circa 86000 sopravvissuti nelle vicinanze. Entro la fine di quell'estate, il numero era salito a circa 205000-210000, con 240000 registrazioni e oltre 30000 duplicati.[269] I sopravvissuti inclusero anche i 180000 ebrei che arrivarono dai territori controllati dai sovietici in seguito agli accordi per il rimpatrio. Altri 30000 ebrei tornarono un decennio dopo in Polonia dall'URSS dopo la fine delle repressioni staliniste.[262][269]

Aliyah Bet dall'Europa[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 1946, quarantadue ebrei e due di etnia polacca furono assassinati nel pogrom di Kielce.[262][270] Undici delle vittime sono morte per ferite da baionetta e altre undici sono state colpite a morte con fucili d'assalto militari, indicando così il coinvolgimento diretto delle truppe regolari.[270] Il pogrom spinse il generale Spychalski, della PWP di Varsavia in tempo di guerra,[271] a firmare un decreto legislativo che consentì ai sopravvissuti rimasti di lasciare la Polonia senza visti occidentali o permessi di uscita polacchi.[272] Ciò servì anche a rafforzare l'accettazione del governo tra la destra anticomunista, oltre a indebolire la pressione britannica in Medio Oriente.[262] La maggior parte dei rifugiati che attraversano i nuovi confini lasciò la Polonia senza un passaporto valido.[269] Al contrario, l'Unione Sovietica riportò gli ebrei sovietici dai campi in URSS con la forza, insieme a tutti gli altri cittadini sovietici indipendentemente dai loro desideri, come concordato nella Conferenza di Yalta.[273]

Il traffico attraverso i confini polacchi aumentò notevolmente.[262][274][275] Nella primavera del 1947, in Polonia rimasero solo 90000 ebrei.[276][277][278] La Gran Bretagna chiese alla Polonia di fermare l'esodo degli ebrei, ma la loro pressione fu in gran parte infruttuosa.[279] Il massacro di Kielce fu condannato da un annuncio pubblico inviato dalla diocesi di Kielce a tutte le chiese: la lettera denunciava il pogrom e "sottolineava – ha scritto Natalia Aleksiun– che i valori cattolici più importanti erano l'amore per il prossimo e il rispetto per la vita umana. Alludeva anche all'effetto demoralizzante della violenza antiebraica, dal momento che il crimine è stato commesso in presenza di giovani e bambini".[280]

Circa 7000 uomini e donne ebrei in età militare lasciarono la Polonia per la Palestina tra il 1947 e il 1948 come membri dell'organizzazione dell'Haganah: Il campo di addestramento fu allestito a Bolków, nella Bassa Slesia, con istruttori ebrei polacchi e fu finanziato dal JDC in accordo con l'amministrazione polacca. Il programma, che addestrava principalmente uomini di età compresa tra 22 e 25 anni per il servizio nelle forze di difesa israeliane, durò fino all'inizio del 1949.[281] Partecipare all'addestramento era un modo conveniente per lasciare il paese, poiché i diplomati del corso non furono controllati al confine, e quindi avrebbero potuto trasportare anche oggetti di valore non dichiarati o persino armi da fuoco in numero limitato.[271]

Processi del dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la guerra, il Tribunale militare internazionale al processo di Norimberga e il Tribunale Nazionale Supremo della Polonia conclusero che l'obiettivo delle politiche tedesche in Polonia, lo sterminio di ebrei, polacchi, rom e altri, aveva "tutte le caratteristiche del genocidio nel significato biologico di questo termine».[282][283]

Memoria e commemorazione dell'Olocausto[modifica | modifica wikitesto]

POLIN Museo della storia degli ebrei polacchi, Varsavia, aprile 2013

Ci sono un gran numero di memoriali in Polonia dedicati alla commemorazione dell'Olocausto. Il Monumento agli Eroi del Ghetto a Varsavia è stato inaugurato nell'aprile 1948. I principali musei includono il Museo statale di Auschwitz-Birkenau alla periferia di Oświęcim con 1,4 milioni di visitatori all'anno e il POLIN Museo della storia degli ebrei polacchi a Varsavia sul sito dell'ex Ghetto, presentando la storia millenaria degli ebrei in Polonia.[284][285] Dal 1988, un evento internazionale annuale chiamato March of the Living si svolge ad aprile presso l'ex campo di Auschwitz-Birkenau nel giorno della memoria dell'Olocausto, con una partecipazione totale di oltre 150.000 giovani provenienti da tutto il mondo.[286]

Ci sono musei statali sul terreno di ciascuno dei campi di sterminio dell'operazione Reinhard, incluso il Museo statale di Majdanek a Lublino, dichiarato monumento nazionale già nel 1946, con ancora intatte camere a gas e crematori. Le filiali del Museo Majdanek includono il Bełżec e il Sobibór Museum, dove vengono condotti studi geofisici avanzati da archeologi israeliani e polacchi.[287] Il nuovo Museo di Treblinka è stato inaugurato nel 2006. Successivamente è stato ampliato e trasformato in una succursale del Museo Regionale di Siedlce situato in una storica Ratusz.[288][289] C'è anche un piccolo museo a Chełmno nad Nerem.

La stazione ferroviaria di Radegast è un memoriale dell'Olocausto a Łódź. La fabbrica di smalti di Oskar Schindler copre l'Olocausto a Cracovia.[290]

C'è un memoriale dell'Olocausto nell'ex Umschlagplatz a Varsavia.

Secondo un sondaggio del 2020 condotto da ricercatori dell'Università Jagellonica, solo il 10% degli intervistati è stato in grado di fornire la cifra corretta del numero di ebrei uccisi durante l'Olocausto in Polonia. La metà credeva che i polacchi non ebrei soffrissero allo stesso modo durante la guerra e il 20% pensava che i polacchi non ebrei soffrissero di più.[291]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Holocaust Encyclopedia -Trawniki, su ushmm.org, United States Holocaust Memorial Museum. URL consultato il 21 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2015).
  2. ^ a b Timothy Snyder, The Reconstruction of Nations, New Haven, Yale University Press, 2004, p. 162.
  3. ^ a b Turowski Józef e Władysław Siemaszko, Crimes Perpetrated Against the Polish Population of Volhynia by the Ukrainian Nationalists, 1939–1945, Varsavia: Główna Komisja Badania Zbrodni Hitlerowskich w Polsce – Instytut Pamięci Narodowej, Środowisko Żołnierzy 27 Wołyńskiej Dywizji Armii Krajowej w Warszawie, Main Commission for the Investigation of Nazi Crimes in Poland – Institute of National Remembrance with the Association of Soldiers of the 27th Volhynian Division of the Home Army, Warsaw 1990, 1990, OCLC 27231548.
  4. ^ Materski Wojciech, Tomasz Szarota e IPN, Poland 1939–1945. Human Losses and Victims of Repression Under Two Occupations, Varsavia, Institute of National Remembrance, 2009, ISBN 978-83-7629-067-6 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2012).
    «The 2009 study published by the IPN revised the estimated Poland's war dead at about 5.8 million Poles and Jews, including 150,000 during the Soviet occupation,[4] not including losses of Polish citizens from the Ukrainian and Belarusian ethnic groups.»
  5. ^ (EN) Mark Edele e Wanda Warlick, Saved by Stalin? Trajectories and Numbers of Polish Jews in the Soviet Second World War, in Shelter from the Holocaust: Rethinking Jewish Survival in the Soviet Union, Wayne State University Press, 2017, pp. 96, 123, ISBN 978-0-8143-4268-8.
    «Including several other contingents of Polish Jews, at least 157,000 and no more than 375,000 were inadvertently saved from the Holocaust by Stalin’s Soviet Union, which provided a harsh but mostly livable alternative to genocide.»
  6. ^ a b c d Dariusz Stola, Jewish emigration from communist Poland: the decline of Polish Jewry in the aftermath of the Holocaust, in East European Jewish Affairs, vol. 47, 2–3, 2017, pp. 169–188 [171], DOI:10.1080/13501674.2017.1398446.
  7. ^ Poland: Historical Background, su yadvashem.org, Yad Vashem.
  8. ^ a b Michael Berenbaum, The World Must Know, Arnold Kramer, USHMM, Little Brown / USHMM, 1993, ISBN 978-0-316-09135-0.
    —— Second ed. (2006) USHMM / Johns Hopkins Univ Press, ISBN 978-0-8018-8358-3, p. 140.
  9. ^ a b Aish HaTorah, Holocaust: The Trains., su Aish.com Internet Archive, Gerusalemme (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2009).
  10. ^ Simone Gigliotti, Resettlement, in The Train Journey: Transit, Captivity, and Witnessing in the Holocaust, Berghahn Books, 2009, p. 55, ISBN 978-1-84545-927-7.
  11. ^ (EN) Berendt Grzegorz, Violence against Jews in Poland, 1944–47: The State of Research and its Presentation (XML), in New Directions in the History of the Jews in the Polish Lands, Academic Studies Press, 2019, p. 443, DOI:10.1515/9788394914912-039, ISBN 978-83-949149-1-2.
    «It was such an efficient operation that on the territories controlled by the Third Reich at most only 2 percent of Polish Jews survived.»
  12. ^ Kirsten Sellars, 'Crimes Against Peace' and International Law, Cambridge University Press, 2013, p. 145, ISBN 978-1-107-02884-5.
  13. ^ a b Piotr Eberhardt, Political Migrations on Polish Territories (1939–1950) (PDF), in Monographies, vol. 12, 2011, pp. 25, 27, 29 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2014).
  14. ^ a b Elżbieta Trela-Mazur, Sovietization of educational system in the eastern part of Lesser Poland under the Soviet occupation, 1939–1941, Kielce, Wyższa Szkoła Pedagogiczna im. Jana Kochanowskiego, 1998 [1997], pp. 43, 294, ISBN 978-83-7133-100-8. Also in: Trela-Mazur (1997), Wrocławskie studia wschodnie, Wrocław, Wydawn. Uniwersytetu Wrocławskiego. Volume 1, pp. 87–104.
  15. ^ Bernd Wegner, From peace to war: Germany, Soviet Russia, and the world, 1939–1941, Berghahn Books, 1997, p. 74, ISBN 978-1-57181-882-9.
  16. ^ Roger Moorhouse, The Devils' Alliance: Hitler's Pact with Stalin, 1939–1941, Basic Books, 2014, pp. 28, 176, ISBN 978-0465054923.
  17. ^ Edele, Warlick, pp. 103, 123.
  18. ^ Piet Buwalda, They Did Not Dwell Alone: Jewish Emigration from the Soviet Union, 1967–1990, Woodrow Wilson Center Press, 1997, p. 16, ISBN 978-0-8018-5616-7. Ospitato su Google Books.
  19. ^ a b c Jockusch Laura e Tamar Lewinsky, Paradise Lost? Postwar Memory of Polish Jewish Survival in the Soviet Union, vol. 24, n. 3, 2010, Full text downloaded from the Holocaust and Genocide Studies (with signup) (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2014).
  20. ^ Judith Olsak-Glass, Review of Piotrowski's Poland's Holocaust, Sarmatian Review, 1999, Volume XIX, Number 1 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2008).
  21. ^ Piotr Eberhardt e Jan Owsinski, Ethnic Groups and Population Changes in Twentieth-century Central-Eastern Europe: History, Data, Analysis, M.E. Sharpe, 2003, pp. 199–201, ISBN 978-0-7656-0665-5.
  22. ^ a b Andrzej Paczkowski, The Spring Will Be Ours: Poland and the Poles from Occupation to Freedom, traduzione di Jane Cave, Penn State Press, 2003, pp. 54, 55–58, ISBN 978-0-271-02308-3 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2018).
  23. ^ Ministry of Foreign Affairs of the Republic of Poland, The Mass Extermination of Jews in German Occupied Poland (PDF), a cura di Polish government-in-exile, official report addressed to the wartime allies of the then-United Nations, Londra, New York, Melbourne, Hutchinson & Co. Publishers, 1942, pp. 1–9.
  24. ^ Cherry, Orla-Bukowska, p. 137.
  25. ^ Sulla base di "Glossary of 2,077 Jewish towns in Poland", su sztetl.org.pl (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2016)., di "Getta Żydowskie" by Gedeon, e di "Ghetto List" by Michael Peters.
  26. ^ (PL) Maria Wardzyńska, The Year was 1939: Operation of German Security Police in Poland. Intelligenzaktion (PDF), Institute of National Remembrance, 2009, pp. 8–10, ISBN 978-83-7629-063-8 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2014)..
  27. ^ Martin Gilbert, The Holocaust: the Jewish tragedy, Collins, 1986, pp. 84–85, ISBN 9780002163057..
  28. ^ Czesław Łuczak, Położenie ludności polskiej w Kraju Warty 1939–1945. Dokumenty niemieckie, Poznań, Wydawn. Poznańskie, 1987, pp. V–XIII, ISBN 978-83-210-0632-1.
  29. ^ Poles: Victims of the Nazi Era (PDF), su ushmm.org, United States Holocaust Memorial Museum, 2013 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2013).
  30. ^ Shirley Rotbein Flaum, Lodz Ghetto Deportations and Statistics, su kehilalinks.jewishgen.org, JewishGen Home Page, 2007. URL consultato il 26 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2015).
  31. ^ Jennifer Rosenberg, The Łódź Ghetto, su history1900s.about.com, 2006 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2006).
    «Sources: Lodz Ghetto: Inside a Community Under Siege by Adelson, Alan and Robert Lapides (ed.), New York, 1989; The Documents of the Łódź Ghetto: An Inventory of the Nachman Zonabend Collection by Web, Marek (ed.), New York, 1988; The Holocaust: The Fate of European Jewry by Yahil, Leni, New York, 1991.»
  32. ^ Postone Moishe e Eric L. Santner, Catastrophe and Meaning: The Holocaust and the Twentieth Century, University of Chicago Press, 2003, pp. 75–76, ISBN 978-0-226-67610-4 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2018).
  33. ^ Wolf Gruner, Jewish Forced Labor Under the Nazis: Economic Needs and Racial Aims, 1938–1944, Cambridge University Press, 2006, pp. 249–250, ISBN 978-0521838757.
    «By the end of 1940, the forced-labor program in the General Government had registered over 700,000 Jewish men and women who were working for the German economy in ghetto businesses and as labor for projects outside the ghetto; there would be more.»
  34. ^ Isaiah Trunk, Judenrat: the Jewish Councils in Eastern Europe under Nazi Occupation, with an introduction by Jacob Robinson, New York, Macmillan, 1972, pp. 5, 172, 352, ISBN 978-0-8032-9428-8.
  35. ^ Michael Berenbaum, The World Must Know, USHMM, 2006, p. 114, ISBN 9780801883583.
  36. ^ a b c Peter Vogelsang e Brian Larsen, The Ghettos of Poland, su holocaust-education.dk, The Danish Center for Holocaust and Genocide Studies, 2002 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2016).
  37. ^ Christopher Browning, The Path to Genocide: Essays on Launching the Final Solution, Cambridge University Press, 1995, p. 194, ISBN 978-0-521-55878-5. Ospitato su Google Books.
  38. ^ Yisrael Gutman, The First Months of the Nazi Occupation, in The Jews of Warsaw, 1939–1943: Ghetto, Underground, Revolt, Indiana University Press, 1989, p. 12, ISBN 978-0-253-20511-7.
  39. ^ a b Emmanuel Ringelblum, Polish-Jewish Relations, p.86.
  40. ^ a b c Walter Laqueur e Judith Tydor Baumel, The Holocaust Encyclopedia, Yale University Press, 2001, pp. 260–262, ISBN 978-0300138115.
  41. ^ a b Christopher Browning, Before the "Final Solution": Nazi Ghettoization Policy in Poland (1940–1941) (PDF), Center for Advanced Holocaust Studies. United States Holocaust Memorial Museum, 2005, pp. 13–17 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2016)..
  42. ^ Martin Gilbert, The Holocaust: a history of the Jews of Europe during the Second World War, Macmillan, 1987, p. 87, ISBN 9780805003482.
  43. ^ Adam Marczewski, Miłosz Gudra, Aleksandra Król e Martyna Rusiniak-Karwat, Tablica przy ul. Olsztyńskiej upamiętniająca ofiary "krwawego poniedziałku", Muzeum Historii Żydów Polskich POLIN, 2015 [2009], pp. 1-2.
  44. ^ The Holocaust by Bullets digital exhibit, su yahadinunum.org.
  45. ^ YAHAD - IN UNUM, su yahadmap.org.
  46. ^ Browning, p. 229.
  47. ^ Piotrowski, Ukrainian Collaboration, su books.google.com, 1998, p. 217.
  48. ^ Meredith M. Meehan, Auxiliary Police Units in the Occupied Soviet Union, 1941–43 (PDF), USNA, 2010, p. 1 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2016).
    «Without the auxiliaries, the Nazis' murderous intentions toward the Jewish population on the Eastern Front would not have been nearly as deadly.»
  49. ^ United States Holocaust Memorial Museum, Holocaust by Bullets, su ushmm.org, 2017 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2017).
  50. ^ Piotrowski, 1998
  51. ^ Ronald Headland (1992), Messages of Murder: A Study of the Reports of the Einsatzgruppen of the Security Police and the Security Service, 1941–1943. Fairleigh Dickinson Univ. Press, pp. 125–126. ISBN 0-8386-3418-4.
  52. ^ Browning, 2004
  53. ^ Tal Bruttmann e Mémorial de la Shoah, Report: Mass graves and killing sites in the Eastern part of Europe (PDF), Grenoble, Task Force for International Cooperation on Holocaust Education and Research (ITF), 2010 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2016).
  54. ^ Rhodes, Richard (2002), Masters of Death: The SS-Einsatzgruppen and the Invention of the Holocaust. New York: Vintage Books, pp. 243, 255. ISBN 0-307-42680-7.
  55. ^ Colin Shindler, Israel and the European Left: Between Solidarity and Delegitimization, Bloomsbury Publishing USA, 2012, p. 122, ISBN 9781441150134.
  56. ^ Nazis Massacre 700,000 Polish Jews; Thousands Executed in Mobile Gas Chambers, su jta.org, 26 giugno 1942.
  57. ^ (EN) Timothy Snyder, Bloodlands: Europe Between Hitler and Stalin, Basic Books, 2 ottobre 2012, p. 218, ISBN 9780465032976.
  58. ^ Leni Yahil, The Holocaust: The Fate of European Jewry, 1932–1945, Oxford University Press, 1991, pp. 264–266, 270, ISBN 978-0195045239 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2017). Also in: Browning, 2004.
  59. ^ (EN) Roderick Stackelberg, The Routledge Companion to Nazi Germany, Routledge, 12 dicembre 2007, p. 163, ISBN 9781134393862.
  60. ^ (EN) D. D. Guttenplan, The Holocaust on Trial, W. W. Norton & Company, 2002, p. 115, ISBN 9780393322927.
  61. ^ Yehuda Bauer, Rethinking the Holocaust, Yale University Press, 2000, p. 5, ISBN 978-0300093001.
  62. ^ Minutes of the Conference, discovered in Martin Luther's files after the war, su oradour.info, Selected Documents. Vol. 11: The Wannsee Protocol. (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2017).
  63. ^ Montague, pp. 39-44.
  64. ^ Simone Gigliotti, The Train Journey: Transit, Captivity, and Witnessing in the Holocaust, Berghahn Books, 2009, p. 45, ISBN 978-1571812681 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2018).
  65. ^ a b c d Lukas, pp. 5, 13, 111, 201 Also in: Lukas, p. 13
  66. ^ a b Bogdan Musial, The Origins of Operation Reinhard, a cura di David Cesarani e Sarah Kavanaugh, 2004, pp. 196–197, ISBN 978-0415275118.
  67. ^ Cherry, Orla-Bukowska
  68. ^ (PL) Kopówka e Rytel-Andrianik, Dam im imje na wieki (PDF), su polacyizydzi.com, 2011, p. 405 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2016).
  69. ^ Michael Thad Allen, The Business of Genocide: The SS, Slave Labor, and the Concentration Camps, Univ of North Carolina Press, 2005, p. 139, ISBN 9780807856154.
  70. ^ Dwork, Deborah and Robert Jan Van Pelt, The Construction of Crematoria at Auschwitz, su jewishvirtuallibrary.org, W.W. Norton & Co., 1996 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  71. ^ Majdanek Death Camp., su chgs.umn.edu, University of Minnesota (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2011).
  72. ^ Cecil Adams, Did Krups, Braun, and Mercedes-Benz make Nazi concentration camp ovens?, su straightdope.com (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2011).
  73. ^ Jack Fischel, The Holocaust, Greenwood Publishing Group, 1998, p. 129, ISBN 978-0-313-29879-0.
  74. ^ Gitta Sereny, Into That Darkness, Pimlico, 1974, p. 48.
  75. ^ Robert Jay Lifton, The Nazi Doctors: Medical Killing and the Psychology of Genocide, Basic Books, 1986, p. 64.
  76. ^ Kopówka, Rytel-Andrianik, p. 95 Testimonianza di Samuel Rajzman
  77. ^ Edwin Black, IBM and the Holocaust, in The Strategic Alliance Between Nazi Germany and America's Most Powerful Corporation, Crown Books 2001; Three Rivers Press 2002, 2001, OCLC 49419235 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2012).
  78. ^ German Railways and the Holocaust, in The Holocaust Encyclopedia, United States Holocaust Memorial Museum (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2009). —— Deportations to Killing Centers, su ushmm.org (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2010).
  79. ^ AŻIH, Bronna Góra – Holocaust mass murder site, su sztetl.org.pl, Museum of the History of Polish Jews, Virtual Shtetl, 2014. URL consultato il 16 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2017).
    «Testimony of B. Wulf, Docket nr 301/2212, Archives of the Jewish Historical Institute in Warsaw.»
  80. ^ Garrard John e Carol Garrard, Monument at Bronnaya Gora, su jewishgen.org, JewishGen, 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).
  81. ^ Antopal: Brest. The Antopol Ghetto, su iajgsjewishcemeteryproject.org, International Jewish Cemetery Project. URL consultato il 26 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2017).
  82. ^ Jeffrey Burds, Holocaust in Rovno: The Massacre at Sosenki Forest, November 1941 (PDF), su jewishgen.org, Northeastern University. Sponsored by the YIVO Institute of Jewish Research, New York, 3 dicembre 2013, p. 19, ISBN 9781137388391 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2017)..
  83. ^ Połonka Mount, place of executions and the Holocaust mass grave, su sztetl.org.pl, POLIN Museum of the History of Polish Jews. URL consultato il 16 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2017).
  84. ^ Yad Vashem, Filmato audio Mass-murder of Łuck Jews at Gurka Polonka in August 1942, su YouTube. Note: Połonka ((PL) o Połonka Little Hill, su wolyn.ovh.org (archiviato dall'url originale il 20 luglio 2008). la sua suddivisione) sono indicate errate nel documentaria da parte del testimone oculare Shmuel Shilo.
  85. ^ Marina Sorokina e Tarik Cyril Amar, The Holocaust in the East: Local Perpetrators and Soviet Responses, University of Pittsburgh Press, 2014, pp. 124, 165, 172, 255, ISBN 978-0-8229-6293-9 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2017). Anche in: Emil Kerenji, Jewish Responses to Persecution: 1942–1943, Rowman & Littlefield, 2014, pp. 69–70, 539, ISBN 978-1442236271.
  86. ^ a b Christopher Browning, Arrival in Poland (PDF), Penguin Books, 1998 [1992], pp. 52, 77, 79, 80, 135 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2014).
  87. ^ Jochen Böhler, Robert Gerwarth, The Waffen-SS: A European History, Oxford University Press, 2017, p. 30, ISBN 978-0198790556.
    «Streibel assigned detachments of Trawniki-trained men to guard and operate the killing centres [and] in support of deportation and shooting operations in the General Government.»
  88. ^ Edward Crankshaw, Gestapo, A&C Black, 2011, pp. 55–56, ISBN 978-1448205493.
    «As part of Amt IV of the R.S.H.A., the SS, SD, Kripo, and Orpo were responsible for 'the rounding up, transportation, shooting, and gassing to death of at least three million Jews.'»
  89. ^ Andrew Wilson, Belarus: The Last European Dictatorship, Yale University Press, 2011, pp. 109, 110, 113, ISBN 978-0-300-13435-3. URL consultato il 6 febbraio 2015.
  90. ^ Montague, p. 6.
  91. ^ Browning, pp. 191–192.
  92. ^ Patrick Montague, Chełmno and the Holocaust: The History of Hitler's First Death Camp, Chapel Hill, University of North Carolina Press, 2012, ISBN 978-0-8078-3527-2.
  93. ^ Holocaust Encyclopedia – The Jews of Lodz, su ushmm.org, United States Holocaust Memorial Museum, 2015. URL consultato il 12 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2015).
  94. ^ Michal Latosinski, Litzmannstadt Ghetto, Lodz, Litzmannstadt Ghetto homepage, 2015, ISBN 978-83-7415-000-2. URL consultato il 12 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2017).
  95. ^ Montague, p. 68.
  96. ^ Montague, p. 65.
  97. ^ JTA, Jewish Survivors of Chelmno Camp Testify at Trial of Guards, in Internet Archive, Jewish Telegraphic Agency, 22 gennaio 1963. URL consultato il 14 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2014).
  98. ^ Fluchschrift, 01.11.1941. Errichtung des ersten Vernichtungslagers in Chelmno, in Heiner Lichtenstein, Daten aus der Zeitgeschichte, in: Tribüne Nr. 179/2006, Fluchschrift – Deutsche Verbrechen, 2013. URL consultato il 14 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2012).
  99. ^ Andrew Rawson, Auschwitz: The Nazi Solution, Pen and Sword, 2015, p. 121, ISBN 978-1473827981.
  100. ^ a b Memorial and Museum, Auschwitz as a center for the extermination of the Jews, su auschwitz.org, Auschwitz-Birkenau Memorial and State Museum, 2015. URL consultato il 13 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2016).
    «Countries of origin, Selection in the camp, Treatment.»
  101. ^ SS-Hauptsturmführer Karl Fritsch "testing" the gas., su auschwitz.org.pl, Auschwitz-Birkenau Museum, 2008 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2006).
  102. ^ Institut Fuer Zeitgeschicthe (Institute for Contemporary History), Gassing Victims in the Holocaust: Background & Overview, in Extermination camps in occupied Poland, Munich, Jewish Virtual Library, 1992 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2015).
  103. ^ Naomi Kramer, Ronald Headland, The Fallacy of Race and the Shoah, University of Ottawa Press, 1998, p. 254, ISBN 978-0776617121. Also in: Raul Hilberg, The Destruction of the European Jews, Yale University Press, 2003, pp. 948–949, ISBN 978-0300095920.
  104. ^ Holocaust Encyclopedia – Gassing Operations, su ushmm.org, United States Holocaust Memorial Museum. URL consultato il 15 giugno 2015 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2015).
  105. ^ a b Vincent Châtel & Chuck Ferree, Auschwitz-Birkenau Death Factory, su jewishgen.org, The Forgotten Camps, 2006. URL consultato il 13 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2015).
  106. ^ Franciszek Piper, Number of deportees by ethnicity, in Ilu ludzi zginęło w KL Auschwitz. Liczba ofiar w świetle źródeł i badań, Oświęcim 1992, tables 14–27, Auschwitz-Birkenau Memorial and State Museum, 2015. URL consultato il 14 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2016).
  107. ^ Laurence Rees, Auschwitz: A New History, Public Affairs, 2005, pp. 168–169, ISBN 1-58648-303-X.
  108. ^ piper/museum.
  109. ^ Auschwitz-Birkenau Foundation, The Number and Origins of the Victims, in How many people were registered as prisoners in Auschwitz?, Auschwitz-Birkenau Memorial and Museum, 2015 (archiviato dall'url originale il 2 agosto 2015).
  110. ^ Timothy Snyder, Bloodlands: Europe Between Hitler and Stalin, Basic Books, 2012, p. 314, ISBN 978-0465032976 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2018).
  111. ^ Deborah Dwork, Robert Jan van Pelt (1997), Auschwitz: 1270 to the Present, Norton Paperback edition, ISBN 0-393-31684-X, p. 336–337.
  112. ^ Ber Mark, Isaiah Avrech, The Scrolls of Auschwitz, Am Oved, 1985, pp. 71, 260, ISBN 9789651302527, Hometown of Róża (Roza) Robota..
  113. ^ Pressac Jean-Claude e Robert-Jan Van Pelt, The Machinery of Mass Murder at Auschwitz, in Anatomy of the Auschwitz Death Camp by Gutman, Yisrael & Berenbaum, Michael, Indiana University Press, 1994, p. 232, ISBN 978-0-253-20884-2.
  114. ^ Online Exhibitions: Give Me Your Children – Voices from the Lodz Ghetto, su ushmm.org, United States Holocaust Memorial Museum (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2017).
  115. ^ Browning, p. 374.
  116. ^ Yitzhak Arad, Belzec, Sobibor, Treblinka: The Operation Reinhard Death Camps, Indiana University Press, 1999 [1987], pp. 152–153, ISBN 978-0-253-21305-1 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2018).
  117. ^ Mark S. Smith, Treblinka Survivor: The Life and Death of Hershl Sperling, The History Press, 2010, pp. 103–107, ISBN 978-0-7524-5618-8. URL consultato il 9 aprile 2015. Ospitato su Google Books preview.
  118. ^ See Smith's book excerpts at: Hershl Sperling: Personal Testimony by David Adams
  119. ^ Jean-François Steiner and Helen Weaver (translator). Treblinka (Simon & Schuster, 1967).
  120. ^ Kopówka & Rytel-Andrianik (2011), chapt. 3:1, p. 77.
  121. ^ Aktion Reinhard (PDF), su www1.yadvashem.org, Yad Vashem (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2017). Shoah Resource Center, The International School for Holocaust Studies. "Aktion Reinhard" was named after Reinhard Heydrich, the main organizer of the "Final Solution"; see also, Treblinka death camp built in June/July 1942 some 80 kilometres (50 mi) northeast of Warsaw.
  122. ^ (PLEN) Barbara Engelking, Warsaw Ghetto Internet Database, su warszawa.getto.pl (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2013). hosted by (PLEN) Polish Center for Holocaust Research, su holocaustresearch.pl (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2013). The Fund for support of Jewish Institutions or Projects, 2006.
  123. ^ Barbara Engelking, Warsaw Ghetto Calendar of Events: July 1942, su warszawa.getto.pl (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2009). Timeline. See: July 22, 1942 — the beginning of the great deportation action in the Warsaw ghetto; transports leave from Umschlagplatz for Treblinka. Warsaw Ghetto Internet Database, su warszawa.getto.pl, Centrum Badań nad Zagładą Żydów IFiS PAN, 2006 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2013).
  124. ^ Warsaw Ghetto Uprising, in The Holocaust Encyclopedia, United States Holocaust Memorial Museum (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2010).
  125. ^ McVay, Kenneth, The Construction of the Treblinka Extermination Camp, in Yad Vashem Studies, XVI, Jewish Virtual Library.org, 1984. URL consultato il 3 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2015).
  126. ^ Court of Assizes in Düsseldorf, Germany. Excerpts From Judgments (Urteilsbegründung). AZ-LG Düsseldorf: II 931638.
  127. ^ Operation Reinhard: Treblinka Deportations, su nizkor.org (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2013). The Nizkor Project, 1991–2008
  128. ^ Ainsztein, Reuben, Jewish Resistance in Nazi-Occupied Eastern Europe, University of Michigan (reprint), 2008 [1974], p. 917, ISBN 978-0-236-15490-6. URL consultato il 21 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2016). Ospitato su Google Books snippet view.
  129. ^ David E. Sumler, A history of Europe in the twentieth century. Dorsey Press, ISBN 0-256-01421-3.
  130. ^ David Cymet, History vs. Apologetics: The Holocaust, Lexington Books, 2012, p. 278, ISBN 978-0739132951.
    «In the town of Ostrow, thirteen miles [21 km] away from Treblinka, the stench was unbearable.»
  131. ^ Ernst Klee, W. Dressen e V. Riess, The Good Old Days: The Holocaust as Seen by Its Perpetrators and Bystanders, ISBN 1-56852-133-2.
  132. ^ Kopówka
  133. ^ Bogdan Musiał (a cura di), Treblinka – ein Todeslager der Aktion Reinhard, in "Aktion Reinhard" – Die Vernichtung der Juden im Generalgouvernement, Osnabrück, 2004, pp. 257–281.
  134. ^ Arad, p. 375.
  135. ^ (PL) Kopówka e Rytel-Andrianik, Dam im imie na wieki (PDF), su polacyizydzi.com, 2011, pp. 76–102.
  136. ^ Alex Bay, The Reconstruction of Belzec, featuring 98 photos, Holocaust History.org, 2015 [2000] (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2014). Ospitato su Belzec. The Nazi Camp for Jews in the Light of Archaeological Sources di Andrzej Kola, tradotto da Ewa e Mateusz Józefowicz, The Council for the Protection of Memory of Combat and Martyrdom, e the United States Holocaust Memorial Museum, Warsaw-Washington. Belzec survivor Rudolf Reder, author of postwar memoir about Belzec wrote that the camp's gas chambers were rebuilt of concrete. No traces of concrete were found in archaeological studies. Instead, the brick rubble was found in excavations.
  137. ^ a b Holocaust Encyclopedia – Belzec, su ushmm.org, United States Holocaust Memorial Museum. URL consultato il 1º maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2017).
  138. ^ Rudolf Reder, Bełżec, in 1999 ristampato da Auschwitz-Birkenau State Museum con Fundacja Judaica in formato bilingue, traduzione in inglese di Margaret M. Rubel, Preface by Nella Rost (ed.), Kraków, Centralna Żydowska Komisja Historyczna divisione del Central Committee of Polish Jews, 1946, pp. 1–65, OCLC 186784721. URL consultato il 28 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2015)..
  139. ^ Yahil Leni, Ina Friedman e Hayah Galai, The Holocaust: The fate of European Jewry, 1932–1945, Oxford University Press, 1991, pp. 356–357, ISBN 978-0-19-504523-9. URL consultato il 15 aprile 2015.
  140. ^ a b Kurt Gerstein, Gerstein Report in English translation, Tübingen, 1945, ISBN 978-90-411-0185-3, ulteriore lettura: In the name of the people by Dick de Mildt. The Martinus Nijhoff Publishers, 1996 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2006)..
  141. ^ Holocaust Encyclopedia – Belzec: Chronology, su ushmm.org, United States Holocaust Memorial Museum (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2015).
  142. ^ Arad, p. 102.
  143. ^ ARC contributing authors, Belzec Camp History, su deathcamps.org, Aktion Reinhard Camps, 26 agosto 2006 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2005).
  144. ^ Raul Hilberg, The Destruction of the European Jews, Yale University Press, 1985, p. 1219, ISBN 978-0-300-09557-9.
  145. ^ Schelvis, p. 70.
  146. ^ Chris Webb, C.L., Former Members of the SS-Sonderkommando Sobibor describe their experiences in the Sobibor death camp in their own words, in Belzec, Sobibor & Treblinka Death Camps, H.E.A.R.T, 2007. URL consultato il 16 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2011).
    «It was a heavy Russian benzine engine – presumably a tank or tractor motor at least 200 horsepower V-motor, 8 cylinders, water cooled (SS-Scharführer Erich Fuchs).»
  147. ^ Schelvis, p. 110.
    Sobibór branch of the Majdanek State Museum, History of the Sobibór extermination camp, su sobibor-memorial.eu, 2016 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2017).
    Holocaust Encyclopedia – Sobibor, su ushmm.org, United States Holocaust Memorial Museum (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2017).
  148. ^ Schelvis, p. 168.
  149. ^ Sobibor Death Camp HolocaustResearchProject.org, su holocaustresearchproject.net (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2014).
  150. ^ Lublin/Majdanek Concentration Camp: Conditions, in The Holocaust Encyclopedia, United States Holocaust Memorial Museum, 2003 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2012).
  151. ^ Rosenberg
  152. ^ Killing Centers: An Overview, su ushmm.org. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  153. ^ Killing Centers : An Overview, su ushmm.org. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  154. ^ Majdanek (PDF), su yadvashem.org. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  155. ^ Gas Chambers at Majdanek, su jewishvirtuallibrary.org, Jewish Virtual Library, 2009 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  156. ^ Kranz Tomasz, Ewidencja zgonów i śmiertelność więźniów KL Lublin [Records of deaths and mortality of KL Lublin prisoners] (PDF), vol. 23, Lublin, Zeszyty Majdanka, 2005, pp. 7–53 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2017).
  157. ^ Paweł P. Reszka, Majdanek Victims Enumerated. Changes in the history textbooks?, in Gazeta Wyborcza, 23 dicembre 2005. URL consultato il 5 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2011).
  158. ^ Lawrence (a cura di), Session 62: February 19, 1946, in The Trial of German Major War Criminals: Sitting at Nuremberg, Germany, vol. 7, London, HM Stationery Office, 1946, p. 111, ISBN 978-1-57588-677-0 (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2013).
  159. ^ a b Yad Vashem, An Interview With Prof. Yehuda Bauer (PDF), su yadvashem.org, Shoah Resource Center, The International School for Holocaust Studies, 2000, pp. 28–30 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2009)..
  160. ^ Patrick Henry, The Myth of Jewish Passivity, in Jewish Resistance Against the Nazis, CUA Press, 2014, pp. 22–23, ISBN 978-0813225890, Prevalent misconception in most discussions about the Jewish resistance during World War II..
  161. ^ a b c Army was Polish, soldiers were Jews, su Ynetnews, 9 novembre 2006.
  162. ^ Totten Samuel e Stephen Feinberg, Teaching and Studying the Holocaust, IAP, 2009, pp. 52, 104, 150, 282, ISBN 978-1607523017, Human dignity and spiritual resistance.. Also in: Olga Gershenson, The Phantom Holocaust, Rutgers University Press, 2013, p. 104, ISBN 978-0813561820.
  163. ^ Christopher Browning, Raul Hilberg, in Yad Vashem Studies, Wallstein Verlag, 2001, pp. 9–10, ISSN 0084-3296 (WC · ACNP).
  164. ^ Isaiah Trunk, The Attitude of the Councils toward Physical Resistance, in Judenrat: The Jewish Councils in Eastern Europe Under Nazi Occupation, U of Nebraska Press, 1972, pp. 464–466, 472–474, ISBN 978-0803294288 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2014).
    «Il più alto grado di cooperazione è stato raggiunto quando i presidenti, o altri membri degli Judenrat, hanno partecipato attivamente alla preparazione e all'esecuzione di atti di resistenza, in particolare nel corso delle liquidazioni dei ghetti.»
    Also in: Martin Gilbert, The Holocaust: the Jewish tragedy, Collins, 1986, p. 828, ISBN 9780002163057.
  165. ^ a b The Holocaust Encyclopedia, Jewish Resistance, su ushmm.org, United States Holocaust Memorial Museum, 2011, see map. (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2012). Ospitato su Internet Archive.. Also in: Shmuel Krakowski, Armed Resistance, YIVO, 2010 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2011).
  166. ^ a b United States Holocaust Memorial Museum, Resistance during the Holocaust (PDF), su ushmm.org, The Miles Lerman Center for the Study of Jewish Resistance, p. 6 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2017)..
  167. ^ The Holocaust Encyclopedia, Resistance in the Vilna Ghetto, su ushmm.org, United States Holocaust Memorial Museum, 2017 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2017).
  168. ^ Yad Vashem, Poland: Historical Background, su yadvashem.org.
  169. ^ a b c d e f g h i Gunnar S. Paulsson, The Rescue of Jews by Non-Jews in Nazi-Occupied Poland, in Journal of Holocaust Education, vol. 7, 1&2, Estate-Autunno 1998, pp. 19–44, DOI:10.1080/17504902.1998.11087056.
    «Tenendo presente che questi casi sono tratti da memorie pubblicate e da casi archiviati sia presso Yad Vashem che l'Istituto Storico Ebraico, è probabile che i circa 5.000 polacchi che sono stati riconosciuti come giusti tra le nazioni finora rappresentino solo la punta dell'iceberg, e che il vero numero di soccorritori che soddisfano il gold standard di Yad Vashem è 20, 50, forse anche 100 volte superiore»
  170. ^ a b Yad Vashem Shoa Resource Center, Zegota Archiviato il 20 ottobre 2013 in Internet Archive., page 4/34 of the Report.
  171. ^ Unveiling the Secret City Archiviato il 12 giugno 2007 in Internet Archive. H-Net Review: John Radzilowski
  172. ^ Doris L. Bergen, War and Genocide: A Concise History of the Holocaust, Rowman & Littlefield Publishers, 2003, pp. 118–9, ISBN 9780760789063.
  173. ^ Daniel Blatman, Were These Ordinary Poles?, su yadvashem.org. URL consultato il 19 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2018).
  174. ^ "La difficoltà di includere i polacchi tra i popoli che hanno collaborato con i nazisti nel genocidio ricorre quando esaminiamo gli attributi dell'antisemitismo polacco. La storia e la coscienza nazionale polacca non hanno memoria di un movimento pogromista antiebraico. Atti di violenza, talvolta gravi, sono stati commessi contro gli ebrei prima e dopo la prima guerra mondiale, ma, a differenza dei casi russi e ucraini, non erano indicativi di un movimento di massa politicamente significativo. Inoltre, anche se si verificarono incidenti violenti, un pogrom in cui la folla armata assalì e massacrò gli ebrei era estraneo all'identità polacca, almeno fino agli eventi di Kielce nel 1946. Quest'ultima affermazione si basa sul fatto che l'antisemitismo polacco, anche durante la guerra, non era di natura omicida e non si esprimeva in termini di liquidazione totale se non ai suoi margini più esterni. Espresse messaggi estremi e conclusioni inequivocabili - l'imperativo dell'emigrazione ebraica di massa dalla Polonia - ma non sostenne pogrom o genocidi. L'immagine antiebraica persistette nel dibattito nazionale pubblico e nella resistenza nella Polonia occupata. Nel 1939, l'immagine di una nazione polacca coinvolta in una lotta contro la minoranza ebraica si solidificò nella coscienza nazionale polacca, una lotta in cui la retorica antiebraica, le immagini, e le associazioni correlate hanno assunto il carattere di difesa esistenziale e hanno adottato la violenza come sua legittima manifestazione."[173]
  175. ^ Jan Tomasz Gross, Neighbors: the destruction of the Jewish community in Jedwabne, Poland, Penguin Books, 29 ottobre 2002, p. xv, ISBN 978-0-14-200240-7.
  176. ^ "Pogrom in Jedwabne: Course of Events, Polin Museum, July 9, 2016; accessed April 2, 2018
  177. ^ Celia Stopnicka Heller, On the Edge of Destruction: Jews of Poland Between the Two World Wars, Wayne State University Press, 396 pages, 1993, p. 65, ISBN 978-0-8143-2494-3.
  178. ^ Celia Stopnicka Heller, On the Edge of Destruction: Jews of Poland Between the Two World Wars, Wayne State University Press, 396 pages, 1993, p. 68, ISBN 978-0-8143-2494-3.
  179. ^ (PL) Główny Urząd Statystyczny, Drugi Powszechny Spis Ludności, 9.XII.1931 (PDF), in Polish census of 1931. Table 10, page 30 in current document, Varsavia, 1938, PDF file, direct download (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
    «Religion and Native Language (total). Section, Jewish: 3,113,933 with Yiddish: 2,489,034 and Hebrew: 243,539»
    .
  180. ^ Brethour Miranda, Jewish–Gentile Relations in Hiding during the Holocaust in Sokołów County, Poland (1942–1944), in The Journal of Holocaust Research, vol. 33, n. 4, 2019, pp. 277–301 [299–300], DOI:10.1080/25785648.2019.1677090.
    «close contacts in the Polish community and decent knowledge of the Polish language were extremely useful, if not essential, for securing shelter... A few other cases were uncovered wherein a local Pole committed to hiding a group of Jews and then subsequently denounced or murdered the charges, transitioning from helper to perpetrator.»
  181. ^ (EN) Grabowski Jan, Rescue for Money: Paid Helpers in Poland, 1939-1945, Yad Vashem, 2008, ISBN 978-965-308-325-7.
    «Files of postwar trials of collaborators, many of whom committed crimes against Jews, and other materials show that the phenomenon of paid help was far from marginal. A Jew with money and other assets had much greater chances of being rescued than a penniless one.»
  182. ^ Mordecai Paldiel, Gentile Rescuers of Jews, in The Path of the Righteous, KTAV Publishing House Inc., 1993, p. 184, ISBN 978-0881253764.
  183. ^ Hunt for the Jews Archiviato l'11 maggio 2018 in Internet Archive., Jan Grabowski, page 55, Indiana University Press
  184. ^ Chefer, Chaim (2007), "Righteous of the World: List of 700 Polish citizens killed while helping Jews During the Holocaust." Internet Archive.
  185. ^ Polish Victims, su encyclopedia.ushmm.org.
  186. ^ Materski, Szarota, p. 9.
  187. ^ Piotrowski, pp. 305–.
  188. ^ Materski, Szarota, p. 16.
  189. ^ Materski, Szarota, p. 28 Some 800,000 Poles perished in concentration camps and mass murders.
  190. ^ Hans G. Furth One million Polish rescuers of hunted Jews? Journal of Genocide Research, June 1999, Vol. 1 Issue 2, pp. 227–232; AN 6025705.
  191. ^ David Marshall Smith, Moral geographies: ethics in a world of difference, 2000, p. 112, ISBN 9780748612789.
    «It has been estimated that a million or more Poles were involved in helping Jews.»
  192. ^ Lukas, p. 13 – Recent research suggests that a million Poles were involved, but some estimates go as high as three million. Lukas, 2013 edition. Archiviato il 5 luglio 2018 in Internet Archive. ISBN 0813143322.
  193. ^ Phayer, 2000
  194. ^ Bogner, 2012.
  195. ^ Timothy Snyder, Hitler's Logical Holocaust, in The New York Review of Books, 20 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2012).
  196. ^ Cesarani David e Sarah Kavanaugh, Holocaust, Routledge, p. 64.
  197. ^ Dariusz Stola (2003), "The Polish government in exile and the Final Solution: What conditioned its actions and inactions?" In: Joshua D. Zimmerman, ed. Contested Memories: Poles and Jews During the Holocaust and Its Aftermath. Rutgers University Press.
  198. ^ (EN) Podbielska Alicja, "That's for harboring Jews!" Post-Liberation Violence against Holocaust Rescuers in Poland, 1944–1948, in S:I.M.O.N. Shoah: Intervention. Methods. Documentation., vol. 6, n. 2, 2019, pp. 110–120, ISSN 2408-9192 (WC · ACNP).
  199. ^ Note to the Governments of the United Nations – December 10th, 1942, su republika.pl. URL consultato il 7 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2012).
  200. ^ (PL) Jacek Pawłowicz, Rotmistrz Witold Pilecki 1901–1948, Instytut Pamięci Narodowej, IPN, 2008, pp. 254–, ISBN 978-83-60464-97-7.
  201. ^ a b John Connelly, Why the Poles Collaborated so Little: And Why That Is No Reason for Nationalist Hubris, in Slavic Review, vol. 64, n. 4, 2005, pp. 771–781, DOI:10.2307/3649912, JSTOR 3649912.
  202. ^ a b c Klaus-Peter Friedrich, Collaboration in a 'Land without a Quisling': Patterns of Cooperation with the Nazi German Occupation Regime in Poland during World War II, in Slavic Review, vol. 64, n. 4, Inverno 2005, pp. 711–746, DOI:10.2307/3649910, JSTOR 3649910.
  203. ^ Grzegorz Berendt, The Price of life: the economic determinants of Jews' existence on the "Aryan" side, in Sebastian Rejak e Elzbieta Frister (a cura di), Inferno of choices: Poles and the Holocaust., Varsavia, RYTM, 2011, pp. 115–165.
  204. ^ a b Jan Grabowski, Hunt for the Jews: Betrayal and Murder in German-Occupied Poland, su books.google.com, Indiana University Press, pp. 2–3.
  205. ^ Jan Grabowski, Hunt for the Jews: Betrayal and Murder in German-Occupied Poland, Indiana University Press, 9 ottobre 2013, pp. 2–4, ISBN 978-0-253-01087-2.
  206. ^ Timothy Williams e Susanne Buckley-Zistel (a cura di), Perpetrators and Perpetration of Mass Violence: Action, Motivations and Dynamics, Routledge, p. 337.
  207. ^ Gross (2001), Neighbors, p. 75.
  208. ^ Himka, John-Paul (2011). "The Lviv Pogrom of 1941: The Germans, Ukrainian Nationalists, and the Carnival Crowd". Canadian Slavonic Papers. 53 (2–4): 209–243. ISSN 0008-5006. Taylor & Francis.
  209. ^ Jan Grabowski, Hunt for the Jews: betrayal and murder in German-occupied Poland, Bloomington, Indiana, Indiana University Press, 2013, ISBN 978-0-253-01074-2.
  210. ^ Richard C. Lukas, Out of the Inferno: Poles Remember the Holocaust, University Press of Kentucky, 1989, p. 13, ISBN 978-0813116921. Also in: Richard C. Lukas, The Forgotten Holocaust: The Poles Under German Occupation, 1939–1944, University Press of Kentucky, 1986, p. 120, ISBN 978-0781809016.
  211. ^ Piotr Chojnacki e Dorota Mazek (a cura di), Polacy ratujący Żydów w latach II wojny światowej [Poles rescuing Jews during World War II], in Zeszyty IPN, Wybór Tekstów, Varsavia, Institute of National Remembrance, 2008, pp. 7, 18, 23, 31.
    «Kierownictwo Walki Cywilnej w "Biuletynie Informacyjnym" ostrzega "szmalcowników" i denuncjatorów przed konsekwencjami grożącymi im ze strony władz państwa podziemnego. [p.37 in PDF] Ot, widzi pan, sprawa jednej litery sprawia ogromną różnicę. Ratować i uratować! Ratowaliśmy kilkadziesiąt razy więcej ludzi, niż uratowaliśmy. – Władysław Bartoszewski [p.7]»
  212. ^ Jews and the Sporting Life: Studies in Contemporary Jewry XXIII (Polish Antisemitism: A National Pshychosis?) Archiviato il 15 maggio 2018 in Internet Archive., Daniel Blatman in volume edited by Ezra Mendelsohn, Oxford University Press, pages 213–225
  213. ^ 'Orgy of Murder': The Poles Who 'Hunted' Jews and Turned Them Over to the Nazis, in Haaretz.
  214. ^ (PL) Policja Polska w Generalnym Gubernatorstwie 1939-1945 – Policja Panstwowa, su policjapanstwowa.pl. URL consultato il 29 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2018).
  215. ^ Antoni Mączak, Encyklopedia historii gospodarczej Polski do 1945 roku: O-Ż (Encyclopedia of Poland's Economic History: O–Ż), Warsaw, Wiedza Powszechna, 1981.
  216. ^ Josef Garlinski, Poland in the Second World War, Springer, 12 agosto 1985, ISBN 978-1-349-09910-8.
  217. ^ Joshua D. Zimmerman, The Polish underground and the Jews, 1939-1945, New York, Cambridge University Press, 2015, ISBN 978-1-107-01426-8.
  218. ^ Mieczysław Biskupski, The history of Poland, Westport, Greenwood Press, 2000, pp. 110, ISBN 978-0313305719, OCLC 42021562.
  219. ^ a b David Cymet, Polish state antisemitism as a major factor leading to the Holocaust, in Journal of Genocide Research, vol. 1, n. 2, giugno 1999, pp. 169–212, DOI:10.1080/14623529908413950, ISSN 1469-9494 (WC · ACNP).
  220. ^ Leo Cooper, In the shadow of the Polish eagle: the Poles, the Holocaust, and beyond, Houndmills, Basingstoke, Hampshire; New York, N.Y., Palgrave, 2000, ISBN 978-1-280-24918-1. URL consultato il 26 marzo 2018.
  221. ^ Zimmerman, p. 371.
  222. ^ Władysław Bartoszewski (a cura di), Poles and Jews: perceptions and misperceptions, 1ª ed., Oxford, Littman Library of Jewish Civilization, 2004, pp. 356, ISBN 978-1-904113-19-5.
  223. ^ Jaff Schatz, The generation : the rise and fall of the Jewish communists of Poland, Berkeley, University of California Press, 1991, pp. 204, ISBN 978-0520071360, OCLC 22984393.
  224. ^ Cooper, p. 149.
  225. ^ Cooper, p. 141.
  226. ^ Marion Mushkat, Philo-Semitic and anti-Jewish attitudes in post-Holocaust Poland, Lewiston, Edwin Mellen Press, 1992, pp. 50, ISBN 978-0773491762, OCLC 26855644.
  227. ^ a b Stanisław Gregorowicz, Rosja. Polonia i Polacy, in Encyklopedia PWN, Polish Scientific Publishers PWN, 2016 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2016).
  228. ^ Sharman Kadish, Bolsheviks and British Jews: The Anglo-Jewish Community, Britain, and the Russian Revolution, Routledge, 1992, p. 80, ISBN 978-0-7146-3371-8.
  229. ^ Joseph Marcus, Social and political history of the Jews in Poland, 1919–1939, Walter de Gruyter, 1983, pp. 17–19, ISBN 978-90-279-3239-6 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2017).
  230. ^ Martin Gilbert, The Routledge Atlas of the Holocaust, Psychology Press, 2002, ISBN 978-0-415-28146-1.
  231. ^ Piotr Wróbel, Historical Dictionary of Poland 1945-1996, Routledge, 2014, p. 108, ISBN 978-1135926946.
  232. ^ Leszek A. Kosiński, Demographic developments in Eastern Europe, Praeger, 1977, p. 314, ISBN 9780275561802.
  233. ^ Wojciech Roszkowski, History: The Zero Hour [Historia: Godzina zero], su tygodnik.onet.pl, Tygodnik.Onet.pl weekly, 4 novembre 2008. URL consultato il 18 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2012).
  234. ^ The Erwin and Riva Baker Memorial Collection, Yad Vashem Studies, in Yad Washem Studies on the European Jewish Catastrophe and Resistance, Wallstein Verlag, 2001, pp. 57–, ISSN 0084-3296 (WC · ACNP).
  235. ^ Irena Cantorovich, Honoring the Collaborators – The Ukrainian Case (PDF), Roni Stauber, Beryl Belsky, Kantor Program Papers, giugno 2012. URL consultato il 25 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 10 maggio 2017).
    «When the Soviets occupied eastern Galicia, some 30,000 Ukrainian nationalists fled to the General Government. In 1940 the Germans began to set up military training units of Ukrainians, and in the spring of 1941 Ukrainian units were established by the Wehrmacht.»
    See also: Marek Getter, Policja w Generalnym Gubernatorstwie 1939–1945, su scribd.com, Przegląd Policyjny nr 1-2. Wydawnictwo Wyższej Szkoły Policji w Szczytnie, 1996, pp. 1–22, WebCite cache (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2013).
  236. ^ Richard Breitman, U.S. Intelligence and the Nazis, Cambridge University Press, 2005, p. 249, ISBN 978-0521617949.
  237. ^ Materski, Szarota
  238. ^ Lerski Jerzy Jan, Piotr Wróbel e Richard J. Kozicki, Historical Dictionary of Poland, 966–1945, Greenwood Publishing Group, 1996, pp. 110, 538, ISBN 978-0-313-26007-0, For the Soviet deportations' more recent IPN findings, see Materski, Szarota.
  239. ^ Lukas, 2001
  240. ^ Iwo Cyprian Pogonowski, Jedwabne: The Politics of Apology and Contrition, Georgetown University, Washington, Polish Institute of Arts and Sciences in America, 8 giugno 2002 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2013).
  241. ^ Browning, p. 262.
  242. ^ Michael C. Steinlauf. Bondage to the Dead. Syracuse University Press, p. 30.
  243. ^ Paweł Machcewicz, The Findings, in Płomienie nienawiści", Polityka 43 (2373), 26 ottobre 2002, pp. 71–73 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2009).
  244. ^ Jan Tomasz Gross, Revolution from Abroad: The Soviet Conquest of Poland's Western Ukraine and Western Belorussia, Princeton University Press, 2002, p. 3, ISBN 978-0-691-09603-2.
  245. ^ Timothy Snyder, The Reconstruction of Nations: Poland, Ukraine, Lithuania, Belarus, 1569–1999, Yale University Press, 2003, pp. 84–89, ISBN 978-0-300-10586-5. Ospitato su Google Books.
  246. ^ Müller, Jan-Werner, Memory and Power in Post-War Europe: Studies in the Presence of the Past, Cambridge University Press, 2002, p. 47, ISBN 978-0-521-00070-3.
  247. ^ Peter Longerich, Holocaust: The Nazi Persecution and Murder of the Jews, Oxford; New York, Oxford University Press, 2010, pp. 194–, ISBN 978-0-19-280436-5 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2017).
  248. ^ Holocaust Encyclopedia – Lwów, su ushmm.org, United States Holocaust Memorial Museum (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2012).
  249. ^ Dr. Frank Grelka, Ukrainischen Miliz, in Die ukrainische Nationalbewegung unter deutscher Besatzungsherrschaft 1918 und 1941/42, Viadrina European University, Otto Harrassowitz Verlag, 2005, pp. 283–284, ISBN 978-3-447-05259-7.
    «RSHA von einer begrüßenswerten Aktivitat der ukrainischen Bevolkerung in den ersten Stunden nach dem Abzug der Sowjettruppen.»
    For the German administrative divisions of Polish kresy with prominent Jewish communities destroyed under Nazi occupation, see: Yehuda Bauer, The Death of the Shtetl, Yale University Press, 2009, pp. 1–6, 65, ISBN 978-0300152098.
  250. ^ Kuwałek Robert, Eugeniusz Riadczenko e Adam Marczewski, Tarnopol, su Virtual Shtetl, traduzione di Katarzyna Czoków, Magdalena Wójcik, 2015, pp. 3–4. URL consultato il 16 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2017).
  251. ^ a b Tarnopol Historical Background, su yadvashem.org, Yad Vashem, Archived March 9, 2014 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2014).
  252. ^ Talking with the willing executioners. Haaretz.com May 18, 2009 via Internet Archive. A horrific page of history unfolded last Monday in Ukraine. It concerned the gruesome and untold story of a spontaneous pogrom by local villagers against hundreds of Jews in a town [now suburb] south of Ternopil in 1941. Not one, but five independent witnesses recounted the tale.
  253. ^ Dieter Pohl, Hans Krueger and the Murder of the Jews in the Stanislawow Region (PDF), Yad Vashem Resource Center, pp. 12/13, 17/18, 21 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2014). Ospitato su direct download, PDF 95 KB.
    «It is clear that a massacre of such proportions under German civil administration was virtually unprecedented.»

    Andrea Löw, Holocaust Encyclopedia – Stanislawów (now Ivano-Frankivsk), su ushmm.org, United States Holocaust Memorial Museum, From The USHMM Encyclopedia of Camps and Ghettos, 1933–1945. URL consultato il 1º maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2017).
  254. ^ Piotrowski, p. 209. Also in: Eugeniusz Mironowicz, German-Belarusian Alliance [Idea sojuszu niemiecko-białoruskiego], in Okupacja niemiecka na Białorusi, Związek Białoruski w RP; Katedra Kultury Białoruskiej Uniwersytetu w Białymstoku, 2007 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007). Ospitato su Internet Archive.
  255. ^ Timothy Snyder, The Reconstruction of Nations. Poland, Ukraine, Lithuania, Belarus, 1569–1999, Yale University Press, 2003, pp. 162–170, ISBN 978-0-300-10586-5 (archiviato dall'url originale il 3 giugno 2016).
  256. ^ Spector Shmuel e Geoffrey Wigoder, The Encyclopedia of Jewish Life Before and During the Holocaust, III, NYU Press, 2001, p. 1627, ISBN 978-0814793787 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2013).
  257. ^ Grzegorz Rossolinski, Stepan Bandera: The Life and Afterlife of a Ukrainian Nationalist : Fascism, Genocide, and Cult, Columbia University Press, 2014, p. 290, ISBN 978-3838206844.
  258. ^ How Joseph Stalin (Inadvertently) Saved Some Of Poland's Jews, su International Business Times, 21 febbraio 2013.
  259. ^ a b Ben Cion Pinchuk, Jewish refugees in Soviet Poland, in Marrus (a cura di), The Nazi Holocaust. Part 8: Bystanders to the Holocaust, Volume 3, Walter de Gruyter, 1989, pp. 1036–1038, ISBN 978-3110968682.
    «The range of differences in estimates might give us an idea of the problem's complexity. Thus, Avraham Pechenik estimated the number of refugees at 1,000,000.[p.1038]»
  260. ^ David J. Landau, Caged — A story of Jewish Resistance, Pan Macmillan Australia, 2000, ISBN 0-7329-1063-3.
    «La tragica fine del ghetto di Varsavia non avrebbe potuto essere diversa, ma la strada verso la fine avrebbe potuto essere diversa con un leader più forte. Non c'è dubbio che se la rivolta del ghetto di Varsavia avesse avuto luogo nell'agosto-settembre 1942, quando c'erano ancora 300.000 ebrei, i tedeschi avrebbero pagato un prezzo molto più alto.»
  261. ^ Grzegorz Berendt, Emigration of Jewish people from Poland in 1945–1967 (PDF), in Polska 1944/45–1989. Studia I Materiały, VII, 2006, pp. 25–26 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).
  262. ^ a b c d e David Engel, Poland (PDF), in Liberation, Reconstruction, and Flight (1944–1947), The YIVO Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, YIVO, 2005, pp. 5–6, ISBN 9780300119039 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).
  263. ^ a b c Frank Golczewski, Nazism, in Gregor (a cura di), The impact of National Socialism, OUP Oxford, 2000, pp. 329–330, ISBN 978-0191512032, Prof. Czesław Madajczyk ascribed 2,000,000 Polish-Jewish victims to extermination camps, and 700,000 others to ghettos, labour camps, and hands-on murder operations. His stated figure of 2,770,000 victims is regarded as low but realistic. Madajczyk estimated also 890,000 Polish-Jewish survivors of World War II; some 110,000 of them in the Displaced Person camps across the rest of Europe, and 500,000 in the USSR; bringing the number up to 610,000 Jews outside the country in 1945.. Note: some other estimates, see for example: Engel (2005), are substantially different.
  264. ^ a b c Peter Longerich, Holocaust: The Nazi Persecution and Murder of the Jews, OUP Oxford, 2010, p. 748, ISBN 978-0191613470 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2016).
  265. ^ a b Berthon Simon e Joanna Potts, Warlords: An Extraordinary Re-Creation of World War II, Da Capo Press, 2007, p. 285, ISBN 978-0306816505.
  266. ^ a b Sylwester Fertacz, Carving of Poland's map [Krojenie mapy Polski: Bolesna granica], in Magazyn Społeczno-Kulturalny Śląsk, 2005 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2009). Ospitato su Internet Archive, June 5, 2016..
  267. ^ a b Ben Slay, The Polish Economy: Crisis, Reform, and Transformation, Princeton University Press, 2014, pp. 20–21, ISBN 978-1400863730.
    «The Second Republic was obliterated during the Second World War (1939–1945). As a consequence of seven years of brutal fighting and resistance to Nazi and Soviet military occupation, Poland's population was reduced by a third, from 34,849 at the end of 1938, to 23,930 in February 1946. Six million citizens...perished.[pp.19–20] (See Anti-communist resistance in Poland (1944–46) for supplementary data.
  268. ^ Hakohen, 2003
  269. ^ a b c Hakohen, 2003
  270. ^ a b Andrzej Jankowski e Leszek Bukowski, The Kielce pogrom as told by the eyewitness (PDF), in Niezalezna Gazeta Polska, 4 luglio 2008, pp. 1–8 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2016). Also in Around the Kielce pogrom, with Foreword by Jan Żaryn, vol. 2, IPN, 2008, pp. 166–71, ISBN 978-83-60464-87-8.
  271. ^ a b Tamara Włodarczyk, 2.10 Bricha (PDF), in Osiedle żydowskie na Dolnym Śląsku w latach 1945–1950 (na przykładzie Kłodzka), 2010, pp. 36, 44–45 (23–24 in PDF) (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2016).
    «The decision originated from the military circles (and not the party leadership). The Berihah organization under Cwi Necer was requested to keep the involvement of MSZ and MON a secret.(24 in PDF) The migration reached its zenith in 1946, resulting in 150,000 Jews leaving Poland.(21 in PDF)»
  272. ^ Aleksiun Natalia, Beriḥah, su yivoencyclopedia.org, YIVO.
    «Suggested reading: Arieh Josef Kochavi, "Britain and the Jewish Exodus ... ," Polin 7 (1992): pp. 161–175.»
  273. ^ Arieh J. Kochavi, Post-Holocaust politics: Britain, the United States & Jewish refugees, 1945–1948, The University of North Carolina Press, 2011, p. 15, ISBN 978-0-8078-2620-1.
  274. ^ Michael Robert Marrus e Aristide R. Zolberg, The Unwanted: European Refugees from the First World War Through the Cold War, Temple University Press, 2002, p. 336, ISBN 978-1-56639-955-5.
    «"This gigantic effort, known by the Hebrew code word Brichah(flight), accelerated powerfully after the Kielce pogrom in July 1946"»
  275. ^ Siljak Ana e Philipp Ther, Redrawing nations: ethnic cleansing in East-Central Europe, 1944–1948, Rowman & Littlefield, 2001, p. 138, ISBN 978-0-7425-1094-4.
  276. ^ Michael C. Steinlauf, Poland, 1996, ISBN 9780801849695, In: David S. Wyman, Charles H. Rosenzveig. The World Reacts to the Holocaust. The Johns Hopkins University Press.
  277. ^ Lukas, 1989; also in Lukas, 2001.
  278. ^ Albert Stankowski, with August Grabski and Grzegorz Berendt; Studia z historii Żydów w Polsce po 1945 roku, Warszawa, Żydowski Instytut Historyczny 2000, pp. 107–111. ISBN 83-85888-36-5
  279. ^ Arieh J. Kochavi, Post-Holocaust Politics: Britain, the United States & Jewish Refugees, 1945–1948, The University of North Carolina Press, 2001, pp. xi, 167–169, ISBN 978-0-8078-2620-1.
    «Britain exerted pressure on the governments of Poland.»
  280. ^ Natalia Aleksiun, The Polish Catholic Church and the Jewish Question in Poland, 1944–1948, in Yad Vashem Studies, vol. 33, Yad Vashem Martyrs' and Heroes' Remembrance Authority, 2005, pp. 156–157 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2017).
  281. ^ Anne Applebaum, Iron Curtain: The Crushing of Eastern Europe, 1944–1956, Knopf Doubleday, 2012, p. 48, ISBN 978-0385536431.
  282. ^ Law-Reports of Trials of War Criminals, The United Nations War Crimes Commission, volume VII, London, HMSO, 1948, "Case no. 37: The Trial of Haupturmfuhrer Amon Leopold Goeth", p. 9: "The Tribunal accepted these contentions and in its judgment against Amon Goeth stated the following : 'His criminal activities originated from general directives that guided the criminal Fascist-Hitlerite organization, which under the leadership of Adolf Hitler aimed at the conquest of the world and at the extermination of those nations which stood in the way of the consolidation of its power.... The policy of extermination was in the first place directed against the Jewish and Polish nations.... This criminal organization did not reject any means of furthering their aim of destroying the Jewish nation. The wholesale extermination of Jews and also of Poles had all the characteristics of genocide in the biological meaning of this term."
  283. ^ "They conducted deliberate and systematic genocide, viz., the extermination of racial and national groups, against the civilian populations of certain occupied territories in order to destroy particular races and classes of people and national, racial, or religious groups, particularly Jews, Poles, Gypsies, and others." The trial of German major war criminals : proceedings of the International Military Tribunal sitting at Nuremberg Germany, su avalon.law.yale.edu.
  284. ^ The Associated Press, Poland's new Jewish museum to mark community's thousand-year history, Ryan Lucas, 26 giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2017).
  285. ^ POLIN Museo della storia degli ebrei polacchi, Core Exhibition, su polin.pl, 2014 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2014).
  286. ^ History of the Holocaust. Remembering the Past, Ensuring the Future, su motl.org, International March of the Living 2012–2013. URL consultato il 5 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2013).
  287. ^ Nir Hasson, Archaeologists find escape tunnel at Sobibor death camp, in Haaretz, Haaretz Daily Newspaper, 7 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2013).
  288. ^ Memorial Museums.org, Treblinka Museum of Struggle and Martyrdom, su memorialmuseums.org, Portal to European Sites of Remembrance, 2013 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2016).
  289. ^ Kopówka, Edward, The Memorial, in Treblinka. Nigdy wiecej, Siedlce 2002, pp. 5–54., Muzeum Walki i Męczeństwa w Treblince. Oddział Muzeum Regionalnego w Siedlcach [Museum of Struggle and Martyrdom at Treblinka. Division of the Regional Museum in Siedlce], 4 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2013).
  290. ^ Schindler factory opens as Holocaust memorial, su spokesman.com.
  291. ^ Niewiedza Polaków o Zagładzie: Uważają, że cierpieliśmy tak samo, jak Żydzi. [NOWE BADANIA], in oko.press. URL consultato il 28 gennaio 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Approfondimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Ben-Sasson Havi, Relations Between Jews and Poles During the Holocaust: The Jewish Perspective, Gerusalemme, Yad Vashem, 2017, ISBN 978-965-308-524-4.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85061520 · J9U (ENHE987007562962105171