Chiesa cattolica in Germania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Chiesa cattolica tedesca)
Chiesa cattolica in Germania
Emblem of the Holy See usual.svg
St. Gereon Köln - Ostseite (2520).jpg
La basilica di San Gereone a Colonia è la più antica chiesa della Germania (IV secolo)
Anno 2010
Cristiani
Ichthus.svg
60 milioni
Cattolici 25 milioni
Popolazione 81 milioni
Parrocchie 11.483
Presbiteri 12.994
Seminaristi 1.151
Diaconi permanenti 3.070
Religiosi 5.719
Religiose 27.212
Primate Arcivescovo di Salisburgo, in qualità di Primas Germaniae
Presidente della
Conferenza episcopale
Reinhard Marx
Nunzio apostolico Nikola Eterović
Codice DE
Mappa delle diocesi e delle province ecclesiastiche tedesche.
La Asamkirche (chiesa di San Giovanni Nepomuceno) a Monaco di Baviera.
La Herz-Jesu-Kirche di Monaco.

La Chiesa cattolica in Germania è parte della Chiesa cattolica in comunione con il vescovo di Roma, il Papa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia della Chiesa cattolica in Germania è particolarmente complessa, soprattutto dal punto di vista del rapporto con lo stato. Nel Medioevo la Chiesa era strettamente legata all'Impero, al punto da scatenare il conflitto con il papa per l'investitura dei vescovi, conflitto che ebbe termine con il Concordato di Worms, ma che non sciolse definitivamente i legami della Chiesa con l'Impero. Con la Bolla d'Oro i tre maggiori dignitari della chiesa tedesca, gli arcivescovi di Colonia, Treviri e Magonza, divennero definitivamente principi elettori dell'Imperatore.

Nel XVI secolo la Chiesa fu sconvolta dalla Riforma protestante, che vide fra l'altro la secolarizzazione di numerose diocesi e la parcellizzazione della mappa religiosa germanica secondo il sistema del Cuius regio, eius religio, ridefinito dopo la Guerra dei trent'anni.

Il periodo successivo alla pace di Vestfalia, con la nuova organizzazione ecclesiastica conseguente, fu relativamente tranquillo e durò fino al 1802, con le nuove secolarizzazioni di diocesi e abbazie volute da Napoleone.

L'unità della Germania attorno alla Prussia rese la Chiesa cattolica minoritaria, e la Germania guglielmina, sotto la direzione politica di Bismarck, attuò una politica di aperta ostilità verso la Chiesa cattolica, il cosiddetto Kulturkampf.

Con il crollo dell'impero germanico successivo alla prima guerra mondiale il cattolicesimo, durante la Repubblica di Weimar ebbe un'epoca di rilevanza politica, anche attraverso il Partito di Centro, controllato dai vescovi. L'ascesa di Hitler fu fortemente avversata dalla Chiesa finché esistette un regime parlamentare. Con l'affermazione del totalitarismo nazista e l'eliminazione dei partiti e delle organizzazioni indipendenti (fra cui quelle cattoliche, di cui vennero assassinati dai nazisti i principali esponenti) la Chiesa cattolica stipulò un concordato con Hitler, nell'illusione di ricavarsi degli spazi indipendenti nell'ambito del sistema dittatoriale nazista. Con lo scoppio della seconda guerra mondiale la Chiesa tedesca non fu in grado di costituire un fronte unitario nei confronti del nazismo e il suo comportamento è tuttora oggetto di controversie storiografiche. Nel secondo dopoguerra la chiesa cattolica tedesca ha seguito l'andamento declinante comune a molti stati occidentali.

Dal 2005 al 2013 è stato papa Benedetto XVI, settimo tedesco nella storia della Chiesa, il primo dopo quasi un millennio (l'ultimo papa tedesco prima di lui è stato Stefano IX, morto nel 1058).

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene la Germania sia stata la patria della Riforma protestante a partire dal Cinquecento, la presenza cattolica ha ormai superato quella protestante. Nel 2009 vi erano 25 milioni di cattolici a fronte di 24 milioni di protestanti. Nel 1950 i protestanti erano 42 milioni mentre i cattolici 23 milioni. Se nel complesso il 60% della popolazione è di religione cristiana vi è un 34% della popolazione che non professa alcuna religione, soprattutto nelle zone della ex Germania orientale.

Suddivisioni ecclesiastiche[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa cattolica è oggi suddivisa in 27 diocesi raggruppate in 7 province ecclesiastiche guidate ognuna da un'arcidiocesi (erano 5 fino al 1994 quando si sono aggiunte Berlino e Amburgo). Il primate della Germania è l'arcivescovo di Salisburgo, in Austria, che reca il titolo di primas Germaniae.

L'odierna geografia ecclesiastica riflette in larga misura la configurazione politica della Germania dopo il congresso di Vienna del 1814-1815.

Provincia ecclesiastica di Amburgo[modifica | modifica wikitesto]

Provincia ecclesiastica di Bamberga[modifica | modifica wikitesto]

Provincia ecclesiastica di Berlino[modifica | modifica wikitesto]

Provincia ecclesiastica di Colonia[modifica | modifica wikitesto]

Provincia ecclesiastica di Friburgo[modifica | modifica wikitesto]

Provincia ecclesiastica di Monaco e Frisinga[modifica | modifica wikitesto]

Provincia ecclesiastica di Paderborn[modifica | modifica wikitesto]

Immediatamente soggetti alla Santa Sede[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente due circoscrizioni ecclesiastiche della Germania sono rette da cardinali: l'arcidiocesi di Colonia, retta dal cardinale Rainer Maria Woelki, e l'arcidiocesi di Monaco e Frisinga, retta dal cardinale Reinhard Marx.

Diocesi nel Sacro Romano Impero[modifica | modifica wikitesto]

Mappa delle circoscrizioni ecclesiastiche tedesche fino alla fine dell'ancien régime (tratteggio in nero), e dopo il congresso di Vienna (sezioni colorate).

Elenco delle diocesi del Sacro Romano Impero della Nazione Germanica prima della sua fine.

Nunziatura apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Nunziatura apostolica in Germania.

Conferenza episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Elenco dei Presidenti della Conferenza dei vescovi di Fulda (fino al 1965):

Elenco dei Presidenti della Conferenza episcopale tedesca (dal 1965):

Elenco dei Vicepresidenti della Conferenza episcopale tedesca (dal 1965):

Elenco dei Segretari generali della Conferenza episcopale tedesca (dal 1965):

Elenco dei Presidenti della Conferenza dei vescovi di Berlino (1976 - 1990):

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]