Chiesa cattolica in Kosovo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa cattolica in Kosovo
Emblem of the Holy See usual.svg
Anno2012
Cattolici66.800
Popolazione2.16 milioni
Parrocchie24
Presbiteri62
Religiosi8
Religiose85
Delegato apostolicoJean-Marie Speich

La Chiesa cattolica in Kosovo al termine dell'anno 2012 su una popolazione di 2.160.000 persone contava 66.800 battezzati, corrispondenti al 3,1% del totale.

Organizzazione territoriale[modifica | modifica wikitesto]

Cattolici in Kosovo (dati aggiornati al 2011)

Il territorio è costituito da un'unica diocesi di rito romano, la diocesi di Prizren-Pristina, comprendente 25 parrocchie. È retta dal vescovo Dodë Gjergji, che è membro di diritto della Conferenza episcopale internazionale dei Santi Cirillo e Metodio, che raggruppa gli episcopati di Serbia, Montenegro, Kosovo e Macedonia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Conflitto del Kosovo (1998-1999)[modifica | modifica wikitesto]

Durante la guerra in Kosovo diverse delle chiese cattoliche albanesi vennero vandalizzate. La chiesa cattolica di Sant'Antonio, situata a Gjakova, fu fra quelle più gravemente danneggiate dai soldati serbi jugoslavi[1]. A Pristina gli ufficiali serbi jugoslavi presero possesso della Chiesa cattedrale per uso militare, allontanando le suore e il parroco. Installando un radar aereo sul campanile, provocarono il bombardamento della chiesa e delle case circostanti da parte della NATO[2]

La Chiesa cattolica in Kosovo oggi[modifica | modifica wikitesto]

Secondo alcune stime, i fedeli cattolici in Kosovo sarebbero in aumento: molti kosovari, anche di famiglia musulmana, si sarebbero convertiti al cattolicesimo.[3] Secondo alcune testimonianze, Ibrahim Rugova, primo presidente della Repubblica Albanese del Kosovo, si sarebbe avvicinato al cattolicesimo,[4] fatto negato però da molte delle persone vicine a Rugova e dai rappresentanti della Chiesa cattolica in Kosovo.[5][6]

Il 26 novembre 2019, un terremoto ha colpito l'Albania. La Chiesa cattolica in Kosovo ha celebrato la messa il 1 ° dicembre in tutto il paese e ha raccolto donazioni di beneficenza dalle parrocchie per le vittime del terremoto e le loro famiglie.[7][8]

Rappresentanza diplomatica[modifica | modifica wikitesto]

La Santa Sede non ha ancora riconosciuto ufficialmente l'indipendenza del Kosovo, per cui non sono mai state allacciate relazioni diplomatiche a livello di nunziatura. Il 10 febbraio 2011 è stato nominato delegato apostolico per il Kosovo Juliusz Janusz, nunzio apostolico in Slovenia, con la precisazione che tale incarico non è di natura diplomatica, ma risponde ad esigenze pastorali interne alla Chiesa cattolica.[9]

Delegati apostolici[modifica | modifica wikitesto]

  • Juliusz Janusz (10 febbraio 2011 - 21 settembre 2018 dimesso)
  • Jean-Marie Speich, dal 19 marzo 2019

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo