Chiesa cattolica in Spagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa cattolica in Spagna
Emblem of the Holy See usual.svg
Catedral de Santiago de Compostela agosto 2018 (cropped).jpg
La cattedrale di Santiago di Compostela, uno dei principali luoghi di culto e di pellegrinaggio della Spagna
Anno2022[1]
Cristiani
Ichthus.svg
71,00%[1]
Cattolici68,00%[1]
Popolazione46.719.142[1]
Parrocchie22.890
Presbiteri16.689
Seminaristi1.866
Diaconi permanenti380
Religiosi11.936
Religiose50.337
PrimateFrancisco Cerro Chaves
Presidente della
Conferenza episcopale
cardinale Juan José Omella
Nunzio apostolicoBernardito Cleopas Auza
CodiceES

La Chiesa cattolica in Spagna è parte della Chiesa cattolica universale, sotto la guida spirituale del papa e della Santa Sede. Si tratta dell'ottava nazione per numero di cattolici dopo Brasile, Messico, Filippine, Stati Uniti d'America, Italia, Francia e Colombia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Organizzazione ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

Province e diocesi in Spagna.

Il territorio è suddiviso in 71 diocesi, di cui 14 sedi metropolitane:

Fino al 1963 era assegnato ad un prelato spagnolo il titolo, solo ad honorem, di patriarca delle Indie occidentali.

Nel 2016 papa Francesco ha eretto l'ordinariato di Spagna per i fedeli di rito orientale, prima circoscrizione ecclesiastica spagnola per fedeli delle Chiese sui iuris residenti nel Paese.

Attualmente sono 3 le circoscrizioni ecclesiastiche spagnole rette da cardinali:

Nunziatura apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Nunziatura apostolica in Spagna.

Conferenza episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Logo della Conferenza episcopale spagnola.

Elenco dei presidenti della Conferenza episcopale spagnola:

Elenco dei vicepresidenti della Conferenza episcopale spagnola:

Elenco dei segretari generali della Conferenza episcopale spagnola:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Most Christian Countries 2022, su worldpopulationreview.com. URL consultato il 4 marzo 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]