Diocesi di Görlitz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diocesi di Görlitz
Dioecesis Gorlicensis
Chiesa latina
Goerlitz Kathedrale St Jakobus.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Berlino
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Vescovo Wolfgang Ipolt
Sacerdoti 48 di cui 46 secolari e 2 regolari
599 battezzati per sacerdote
Religiosi 2 uomini, 44 donne
Diaconi 8 permanenti
Abitanti 696.305
Battezzati 28.795 (4,1% del totale)
Superficie 9.500 km² in Germania
Parrocchie 19 (3 vicariati)
Erezione 28 giugno 1972
Rito romano
Cattedrale San Giacomo
Santi patroni Edvige di Andechs
Indirizzo Carl-von-Ossietzky-Strasse 41/43, D-02826 Görlitz, Bundesrepublik Deutschland
Sito web www.bistum-goerlitz.de
Dati dall'Annuario pontificio 2017 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Germania

La diocesi di Görlitz (in latino: Dioecesis Gorlicensis) è una sede della Chiesa cattolica in Germania suffraganea dell'arcidiocesi di Berlino. Nel 2016 contava 28.795 battezzati su 696.305 abitanti. È retta dal vescovo Wolfgang Ipolt.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende porzioni del Brandeburgo e della Sassonia al confine con la Polonia.

Sede vescovile è la città di Görlitz in Sassonia, dove si trova la cattedrale di San Giacomo.

Il territorio si estende su 9.500 km² ed è suddiviso in 19 parrocchie raggruppate in 3 decanati: Cottbus-Neuzelle, Lübben-Senftenberg e Görlitz-Wittichenau.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'amministrazione apostolica di Görlitz fu eretta il 28 giugno 1972 con il decreto Quo aptius spiritualibus della Congregazione per i Vescovi e comprendeva la porzione dell'arcidiocesi di Breslavia rimasta in territorio tedesco dopo la variazione dei confini seguita alla seconda guerra mondiale.

Facendo seguito alla convenzione del 4 maggio 1994 tra la Santa Sede e i lander del Brandeburgo e della Sassonia[1], il 27 giugno 1994 l'amministrazione apostolica è stata elevata a diocesi con la bolla Solet usque di papa Giovanni Paolo II e resa suffraganea dell'arcidiocesi di Berlino. Contestualmente sono stati ridefiniti i confini con le vicine sedi di Berlino e di Magdeburgo.

In base alla convenzione del 4 maggio, il diritto di elezione dei vescovi spetta al capitolo della cattedrale su un elenco di tre nomi proposto dalla Santa Sede, in conformità all'articolo 6 del concordato con la Prussia del 1929.[2]

Con il breve apostolico Semper studuit del 21 settembre 1994,[3] santa Edvige di Andechs è stata proclamata patrona della diocesi.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi nel 2016 su una popolazione di 696.305 persone contava 28.795 battezzati, corrispondenti al 4,1% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1980 70.000 1.000.000 7,0 88 81 7 795 5 8 219 59
1990 60.000 930.000 6,5 77 73 4 779 7 4 173 57
1999 49.200 920.000 5,3 68 62 6 723 5 6 130 57
2000 49.200 920.000 5,3 66 60 6 745 5 6 115 57
2001 48.500 920.000 5,3 63 58 5 769 6 8 106 55
2002 48.500 910.000 5,3 66 61 5 734 6 6 104 55
2003 48.000 905.000 5,3 58 54 4 827 6 5 97 55
2004 35.000 890.000 3,9 57 55 2 614 6 3 91 52
2006 32.203 792.824 4,1 59 57 2 545 4 3 81 46
2013 28.503 829.200 3,4 50 47 3 570 5 5 53 20
2016 28.795 696.305 4,1 48 46 2 599 8 2 44 19

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AAS 87 (1995), pp. 138-145.
  2. ^ Convenzione, art. 3.
  3. ^ AAS 87 (1995), pp. 232-233.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN147387009 · GND (DE1081396482 · WorldCat Identities (EN147387009
Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi