Boavista Futebol Clube

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la squadra brasiliana di Saquarema nello stato di Rio de Janeiro, vedi Boavista Sport Club.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la squadra capoverdiana, vedi Boavista Futebol Clube (Capo Verde).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la sezione di calcio a 5 della polisportiva, vedi Boavista Futebol Clube (calcio a 5).
Boavista FC
Calcio Football pictogram.svg
Boavista F.C. logo.svg
Panteras (Pantere)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px chequered White Black.svg Bianco, nero
Simboli una pantera
Inno Hino do Boavista
Dati societari
Città Porto
Nazione Portogallo Portogallo
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Portugal.svg FPF
Campionato Primeira Liga
Fondazione 1903
Presidente Portogallo João Loureiro
Allenatore Portogallo Jorge Simão
Stadio Estádio do Bessa Século XXI
(28.263 posti)
Sito web www.boavistafc.pt
Palmarès
Campionato portoghese Coppa PortogalloCoppa PortogalloCoppa PortogalloCoppa PortogalloCoppa Portogallo Supercoppa PortogalloSupercoppa PortogalloSupercoppa Portogallo
Primeira Liga 1
Trofei nazionali 5 Coppe di Portogallo
3 Supercoppe di Portogallo
Si invita a seguire il modello di voce

Il Boavista Futebol Clube, noto semplicemente come Boavista (boɐ'viʃtɐ), è una società polisportiva portoghese di Porto, con sede nella freguesia di Ramalde, fondata il 1º agosto 1903 e famosa essenzialmente per la sua squadra di calcio, che si affianca alle sezioni di pallavolo, scacchi, ginnastica e ciclismo.

Nella sua storia ha partecipato 51 volte alla massima divisione del campionato portoghese di calcio, vincendo il titolo nel 2000-2001, peraltro il secondo campionato vinto da una squadra diversa da quelle della storica "triade" Porto-Benfica-Sporting nella storia del calcio lusitano, dopo quello vinto dal Belenenses nel 1945-1946; a esso si aggiungono cinque coppe di Portogallo e tre supercoppe.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2008 la squadra è stata condannata alla retrocessione in seconda divisione per via del suo coinvolgimento nello scandalo Fischietto d'oro, relativo ad alcuni episodi di corruzione arbitrale risalenti alla stagione 2003-2004[1].

Nella stagione 2008-2009 è retrocessa in Segunda Divisão, la terza serie portoghese.

Il 21 febbraio 2013 il Consiglio di giustizia della Federazione portoghese ha ribaltato la sentenza che, nel maggio 2008, aveva provocato la retrocessione del club. Il Boavista pertanto, nella stagione 2013-2014, potrebbe iscriversi comunque al torneo di Primeira Liga e ricevere probabilmente un risarcimento in denaro[2]. Il 1º aprile 2014, è stato concesso il via libera per l'iscrizione dei bianconeri nella massima serie per il 2014-15.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Boavista Futebol Clube
  • 1934-35: Green Arrow Up.svg 1° in Segunda Liga Grupo 4. Promosso in Primeira Liga Experimental
  • 1935-36: Red Arrow Down.svg 6° in Primeira Liga Experimental. Retrocesso in Segunda Liga
  • 1936-37: 1° in Segunda Liga Grupo 2.
  • 1937-38: 1° in Segunda Liga Grupo 1.
  • 1938-39: 2° in Segunda Liga Grupo DL.

  • 1939-40: Green Arrow Up.svg 1° in Segunda Liga Grupo DL. Promosso in Primeira Divisão
  • 1940-41: Red Arrow Down.svg 8° in Primeira Divisão. Retrocesso in Segunda Liga
  • 1941-42: 2° in Segunda Liga Grupo 2.1.
  • 1942-43: 2° in Segunda Liga Grupo 2.2.
  • 1943-44: 2° in Segunda Liga Grupo 2.2.
  • 1944-45: Green Arrow Up.svg 1° in Segunda Liga Grupo 2. Promosso in Primera Divisão
  • 1945-46: 11° in Primeira Divisão.
  • 1946-47: 9° in Primeira Divisão.
  • 1947-48: 9° in Primeira Divisão.
  • 1948-49: Red Arrow Down.svg 14° in Primeira Divisão. Retrocesso in Segunda Liga

  • 1949-50: Green Arrow Up.svg 2° in Segunda Liga Grupo B. Promosso in Primeira Divisão
  • 1950-51: 10° in Primeira Divisão.
  • 1951-52: 5° in Primeira Divisão.
  • 1952-53: 9° in Primeira Divisão.
  • 1953-54: 11° in Primeira Divisão.
  • 1954-55: Red Arrow Down.svg 13° in Primeira Divisão. Retrocesso in Segunda Liga
  • 1955-56: 1° in Segunda Liga Norte.
  • 1956-57: 6° in Segunda Liga Norte.
  • 1957-58: 3° in Segunda Liga Norte.
  • 1958-59: Green Arrow Up.svg 2° in Segunda Liga Norte. Promosso in Primeira Divisão

  • 1959-60: Red Arrow Down.svg 14° in Primeira Divisão. Retrocesso in Segunda Liga
  • 1960-61: 3° in Segunda Liga Norte.
  • 1961-62: 5° in Segunda Liga Norte.
  • 1962-63: 11° in Segunda Liga Norte.
  • 1963-64: 9° in Segunda Liga Norte.
  • 1964-65: 10° in Segunda Liga Norte.
  • 1965-66: Red Arrow Down.svg 14° in Segunda Liga Norte. Retrocesso in Tercera Divisão
  • 1966-67: 1° in Tercera Divisão Grupo 2.
  • 1967-68: Green Arrow Up.svg 1° in Terceira Divisão Grupo 2. Promosso in Segunda Liga
  • 1968-69: Green Arrow Up.svg 1° in Segunda Liga. Promosso in Primeira Divisão



  • 1989-90: 8° in Primeira Divisão.
  • 1990-91: 4° in Primeira Divisão.
  • 1991-92: 3° in Primeira Divisão; vince la Taça de Portugal (4º titolo).
  • 1992-93: 4° in Primeira Divisão;vince la Supertaça Cândido de Oliveira (1º titolo).
  • 1993-94: 4° in Primeira Divisão.
  • 1994-95: 9° in Primeira Divisão.
  • 1995-96: 4° in Primeira Divisão.
  • 1996-97: 7° in Primeira Divisão; vince la Taça de Portugal (5º titolo).
  • 1997-98: 6° in Primeira Divisão; vince la Supertaça Cândido de Oliveira (2º titolo).
  • 1998-99: 2° in Primeira Divisão.


  • 2009-10: 7° in Segunda Divisão Norte.
  • 2010-11: 2° in Segunda Divisão Centro.
  • 2011-12: 4° in Segunda Divisão Centro.
  • 2012-13: 10° in Segunda Divisão Norte.
  • 2013-14: Green Arrow Up.svg 4° in Segunda Divisão. Ripescato in Primeira Liga per ampliamento campionato e ribaltamento della sentenza su fischietto d'oro[3]
  • 2014-15: 13° in Primeira Liga.
  • 2015-16: 14° in Primeira Liga.
  • 2016-17: 9° in Primeira Liga.
  • 2017-18: 8° in Primeira Liga.
  • 2018-19: 8° in Primeira Liga.

Giocatori celebri[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Boavista F.C.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2000-2001
1974-1975, 1975-1976, 1978-1979, 1991-1992, 1996-1997
1979, 1992, 1997
1936-1937, 1949-1950

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 1975-1976, 1998-1999, 2001-2002
Terzo posto: 1988-1989, 1991-1992
Finalista: 1992-1993
Semifinalista: 1953-1954, 1990-1991, 2000-2001, 2004-2005
Finalista: 2001
Semifinalista: 2002-2003

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni alle competizioni UEFA per club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche nelle competizioni UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Tabella aggiornata alla fine della stagione 2018-2019.

Competizione Partecipazioni G V N P RF RS
UEFA Champions League 3 24 7 8 9 27 32
Coppa delle Coppe 5 18 6 7 5 26 17
Coppa UEFA/UEFA Europa League 12 58 25 10 23 74 65

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2018-2019[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 19 gennaio 2019.[4][5]

N. Ruolo Giocatore
1 Brasile P Rafael Bracalli
2 Portogallo D Gonçalo Cardoso
3 Brasile D Raphael Silva
4 Nigeria C Nwankwo Obiora
5 Portogallo D Talocha
6 Brasile D Jubal
7 Ucraina A Jeka
8 Brasile C Gustavo Sauer
9 Angola A Mateus
10 Portogallo C Fábio Espinho
11 Gambia A Yusupha Njie
12 Brasile C Perdigão
13 Brasile P Assis
14 Spagna A Alberto Bueno
N. Ruolo Giocatore
17 Portogallo C Carraça
18 Portogallo A André Claro
20 Portogallo D Eduardo Machado
21 Algeria C Aymen Tahar
22 Francia D Stéphane Sparagna
23 Brasile C Rafael Costa
27 Brasile D Neris
28 Argentina A Federico Falcone
31 Brasile A Índio
33 Portogallo A Rafael Lopes
42 Senegal C Idrissa Mandiang (capitano)
88 Portogallo C Samu
90 Brasile P Helton Leite

Rose delle stagioni precedenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calciopoli portoghese Boavista in Serie B, gazzetta.it, 10 maggio 2008.
  2. ^ (PT) Conselho de Justiça anula punições ao Boavista, abola.pt, 21 febbraio 2013. URL consultato il 21 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2013).
  3. ^ http://www.theportugalnews.com/news/boavista-back-in-the-top-flight/28255
  4. ^ Copia archiviata, su boavistafc.pt. URL consultato il 1º aprile 2019 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2018).
  5. ^ http://ligaportugal.pt/pt/liga/clube/20182019/liganos/53

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN268837529
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio