Aram Quartet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aram Quartet
Paese d'origineItalia Italia
GenerePop
Pop rock
Periodo di attività musicale2008 – 2010
EtichettaSony/BMG
Album pubblicati1
Studio1

Aram Quartet è stato un quartetto canoro italiano, tutti pugliesi arrivato alla notorietà per aver vinto nel 2008 la prima edizione della versione italiana del talent show X Factor. Il nome del gruppo, ARAM, è un acronimo formato dalle iniziali dei quattro nomi anagrafici dei componenti. Il gruppo si è sciolto nell'estate del 2010.[1][2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 si presentano ai provini della prima edizione italiana del famoso talent show musicale di origine inglese X Factor. Selezionati per partecipare, finiscono nella squadra dei gruppi guidata da Morgan e dal vocal coach Gaudi. Grazie al favore del pubblico, sono gli unici concorrenti a non finire mai in ballottaggio nel corso delle puntate. In finale, dove presentano il singolo Chi (Who), si classificano primi davanti a Giusy Ferreri, aggiudicandosi un contratto con la Sony BMG dal valore commerciale di € 300.000 per la produzione di un album di inediti. Il 18 luglio 2008 viene pubblicato l'EP d'esordio ChiARAMente, contenente alcune cover interpretate durante lo show.[3][4][5] Il gruppo salentino presenta anche una canzone per il 59º Festival di Sanremo, ma viene escluso.[6]

Il 17 aprile 2009 esce quindi l'album di inediti, dal titolo Il pericolo di essere liberi, anticipato dal singolo Il pericolo è il mio mestiere, ma scaduto il contratto con la Sony BMG, nel 2010 il gruppo si scioglie, e i membri seguono ognuno una strada diversa.[1][7][8]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo ITA Certificazione
2009 Il pericolo di essere liberi 27[9]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo ITA Certificazione
2008 ChiARAMente 9[10]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo ITA Certificazione
2008 Chi (Who) 5[11]
2009 Il pericolo è il mio mestiere 39[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica