Amadicia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Amador (La Ruota del Tempo))
Jump to navigation Jump to search

L'Amadicia è un regno nell'universo immaginario della saga fantasy de La Ruota del Tempo dello scrittore Robert Jordan. È una nazione che si trova nel sud del continente della Randland.

Stendardo dell'Amadicia: una foglia rossa di cardo disposta sopra una stella d'argento a sei punte, il tutto posto in un campo di cinque bande orizzontali, due d'oro e tre blu.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

L'Amadicia si trova nel sud del continente. Ad ovest confina con Tarabon, a nord con il Ghealdan, ad ovest con l'Altara (con il grande fiume Eldar a segnare il confine con questi due paesi) mentre a sud, lungo il fiume Sharia, confina con la desertica Costa delle Ombre, senza però raggiungere uno sbocco sul Mare delle Tempeste.

La capitale, Amador, si trova alle estreme pendici meridionali delle Montagne della Nebbia, lungo la principale via di comunicazione tra l'occidente e l'oriente del continente. Altre località sono Abila, Jeramel, Sienda e Mardecin.

I palazzi nobiliari dell'Amadicia hanno la caratteristica di essere di legno, costruiti su altissime piattaforme di pietra.

Storia, politica, società[modifica | modifica wikitesto]

L'Amadicia era formalmente un regno in cui, fino ai tempi recenti, il sovrano governava solo nominalmente, infatti questo paese era dominato totalmente dalla potente società guerriera dei Figli della Luce (conosciuti anche come Manti Bianchi), la cui sede principale si trovava nella Fortezza della Luce, posta proprio nella capitale del regno, Amador. I Manti Bianchi sono un ordine internazionale di tipo militare-religioso, piuttosto fanatico nel proclamarsi al servizio della Luce; essi hanno imposto alla popolazione amadiciana regole di vita e di abbigliamento piuttosto puritane, di conseguenza la popolazione si veste e si comporta in maniera particolarmente morigerata.

Poiché i Figli consideravano l'Unico Potere qualcosa di malefico, avevano posto fuorilegge sia il suo uso, che la sola presenza delle Aes Sedai nel paese. I Figli inoltre avevano tenuto una politica espansionistica verso il vicino e debole regno di Altara, che ha comportato lo scoppio di diverse guerre, anche con altri paesi, come il regno di Illian, intervenuto in difesa dell'Altara (quest'ultima venne perciò chiamata la Guerra dei Manti Bianchi).

Nel corso della saga l'Amadicia è stata infine conquistata ed annessa all'Impero Seanchan, re Ailron è morto in battaglia contro di loro aGeramel, una parte dei Figli si sono dichiarati vassalli sotto il comando dell'Alto Inquisitore Asunawa, mentre altri sono fuggiti sotto la guida di Galad Damodred.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Figli della Luce e Galad Damodred.

Personaggi Amadiciani[modifica | modifica wikitesto]

Fonti principali al di fuori della saga[modifica | modifica wikitesto]