Alfredo De Marsico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfredo De Marsico

Ministro di grazia e giustizia
Durata mandato 5 febbraio 1943 –
25 luglio 1943
Presidente Benito Mussolini
Predecessore Dino Grandi
Successore Gaetano Azzariti

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature II
Gruppo
parlamentare
PNM, poi Gruppo Misto
Circoscrizione Campania
Collegio Napoli
Sito istituzionale

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XXVII, XXVIII, XXIX, XXX
Gruppo
parlamentare
PNF

Consigliere nazionale del Regno d'Italia
Legislature XXX
Gruppo
parlamentare
Corporazione delle professioni e delle arti

Dati generali
Partito politico Partito Nazionale Fascista, Partito Nazionale Monarchico
Titolo di studio Laurea Giurisprudenza
Professione giurista, avvocato, docente universitario

Alfredo De Marsico (Sala Consilina, 29 maggio 1888Napoli, 8 agosto 1985) è stato un avvocato, giurista e politico italiano, fu ministro della giustizia nel governo Mussolini.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Frequentò le elementari e le medie a Rossano dove, nei registri di classe del regio ginnasio, si legge: de Marsico Alfredo in italiano scritto 7; a voce 10[1]. All'epoca non era in uso il termine orale.

Laureatosi in giurisprudenza, nel 1909, all'Università di Napoli[2], esordì il 5 dicembre dello stesso anno in sostituzione dell'avvocato Domenico Sandulli avanti la Corte di Assise di Avellino, in un processo a carico di un imputato di duplice omicidio. Il 19 luglio 1911 fu iniziato in Massoneria nella Loggia Giuseppe Mazzini di Sala Consilina[3]. Divenne procuratore dal 1911 al 1917, anno in cui fu iscritto nell'Albo degli avvocati. Pareggiato in Diritto e Procedura Penale già nel maggio del 1915, divenne poi professore ordinario presso le Università di Camerino (1922), Cagliari e Bari (1926), Bologna (1931), Napoli (1935) ed infine alla Sapienza di Roma (1938), cattedra che abbandonerà nel 1960.

Nel fascismo[modifica | modifica wikitesto]

Eletto deputato alla Camera per la prima volta nel 1924 tra le file del Listone Mussolini[2], varò una legge sulla riforma del codice penale e collaborò alla stesura del Codice Rocco. Fu rieletto alla Camera nel 1929, e confermato nel 1934. Nel 1939 divenne consigliere nazionale della Camera dei Fasci e delle Corporazioni. Dal 1925 al 1942 fece parte della commissione parlamentare per la riforma dei codici[2] mentre il 6 febbraio 1943, entrò nel governo Mussolini in qualità di Ministro di Grazia e Giustizia, subentrando in tale carica a Dino Grandi.

Membro del Gran Consiglio del Fascismo, il 25 luglio del 1943 votò in favore della mozione Grandi che determinò l'arresto di Benito Mussolini[2]. Condannato a morte, in contumacia nel processo di Verona del 1944[2], durante gli ultimi mesi di guerra risiedette a Salerno, ormai liberata dalle truppe anglo-statunitensi.

Nella repubblica[modifica | modifica wikitesto]

Per la sua adesione al fascismo, terminata la seconda guerra mondiale, fu privato della cattedra per sette anni e allontanato dall'attività forense per quattro[2]. Nel 1953 fu eletto, come indipendente, senatore tra le file del Partito Nazionale Monarchico, per passare nel novembre 1954 nel Partito Monarchico Popolare di Achille Lauro, fino al 1958[2]. Venne nominato nel 1964 professore emerito dell'Università La Sapienza di Roma. Numerose furono le onorificenze ricevute dal De Marsico in quel periodo: venne nominato, ad esempio, cittadino onorario di Avellino, cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro e gli fu consegnata una medaglia d'oro dall'Ordine degli avvocati di Lucerna.

La rinomata attività forense, che coprì un arco di oltre mezzo secolo, si concluse con la partecipazione al collegio difensivo che, dinanzi alla Corte d'assise d'appello di Potenza, affrontò il clamoroso caso della strage di via Caravaggio[4].

Fu, inoltre, otto volte presidente dell'Ordine degli avvocati di Napoli, di cui tenne la guida fino al 1980. Dopo la morte, venne posto in suo onore un busto in Castel Capuano e la cerimonia fu accompagnata dal discorso funebre del presidente dell'Ordine, l'avvocato Renato Orefice. Nel 1995, un decennio dopo la morte, un altro busto in bronzo fu collocato nella sala del Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Napoli.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La rappresentanza nel diritto processuale penale, Milano, Società Editrice Libraria, 1915.
  • Principi informatori del diritto penale internazionale. Discorso inaugurale dell'anno accademico 1928-29 nella R. Università di Bari, Bari, Laterza & Polo, 1929.
  • Coscienza e volontà nella nozione del dolo, Napoli, Morano, 1930.
  • Studi di diritto penale, Napoli, Morano, 1930.
  • Il pensiero di Alessandro Stoppato negli attuali orientamenti del diritto penale, Padova, CEDAM, 1933.
  • Il codice penale illustrato articolo per articolo, con altri, 3 voll., Milano, Società Editrice Libraria, 1934-1936.
  • L'unità del diritto penale, Roma, Foro italiano, 1935.
  • Orazio, in "L'eloquenza", anno XXV, fasc. 7-8-9, V. 2, 1935.
  • Diritto penale : parte generale, Napoli, E. Jovene, 1935.
  • Lezioni di diritto processuale penale, Napoli, E. Jovene, 1936.
  • Il dolo nei reati di falsità in atti, Napoli, Jovene, 1937.
  • Le conseguenze del reato nel diritto penale sostantivo e processuale : lezioni universitarie (1937-38), Napoli, E. Jovene, 1938.
  • Eventi ed artefici, Napoli, A. Morano, 1938.
  • Delitti contro il patrimonio: lezioni universitarie 1939-40, raccolte da Elio Positano, Napoli, E. Jovene, 1940.
  • Dogmatica e politica nella scienza del processo penale, Torino, Unione Tipografico-Editrice Torinese, 1941.
  • Voci e volti di ieri, Bari, Laterza, 1948.
  • Nuovi studi di diritto penale, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 1951.
  • Penalisti italiani, Napoli, E. Jovene, 1960.
  • Eventi ed artefici : seconda serie, Napoli, A. Morano, 1965.
  • Sul peculato per distrazione con particolare riguardo al peculato bancario, 1968.
  • La lotta contro il dolore e la legge penale, 1971.
  • Arringhe, 5 voll., Napoli, Jovene, 1975-2000.
  • Prefazioni, Fasano, Schena Editore, 1978.
  • Discorsi e scritti, Napoli, Consiglio dell'Ordine degli avvocati e dei procuratori, 1980.
  • Biblioteche forensi e cultura, Napoli, Giannini, 1982.
  • Le toghe d'Italia, 2 voll., Bari, Laterza, 1982.
  • 25 luglio 1943, memorie per la storia, Bari, Laterza, 1983.
  • Il sole tramonta sul tavolo di questa Corte d'assise : pagine da un diario epistolare, Fasano, Schena, 1989.
  • Mio padre racconta, a cura di Maria Antonietta Stecchi De Bellis, Bari, G. Laterza, 1996.
  • Discorsi sull'unità d'Italia, Fasano, Schena, 1997.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sulla precoce abilità oratoria di De Marsico scrive anche Sandro Setta nella scheda del Dizionario Biografico degli Italiani (Collegamenti esterni): «istintivamente portato all'oratoria, pronunziò il suo primo discorso a 17 anni, per l'inaugurazione ad Avellino di un monumento a F. De Sanctis (1905)».
  2. ^ a b c d e f g Fonte: Dizionario Biografico degli Italiani, riferimenti in Collegamenti esterni.
  3. ^ Vittorio Gnocchini, L'Italia dei Liberi Muratori, Erasmo ed., Roma, 2005, p. 100.
  4. ^ Accademia.edu

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aldo Cafiero, Commemorazione di Alfredo De Marsico : Castel Capuano, 21 dicembre 1995, Napoli, Giannini, 1996.
  • Vittorio Valentino, Ricordo di Alfredo De Marsico, giurista, avvocato, oratore, gloria della scuola forense napoletana : Napoli, novembre 1995, Napoli, Giannini, 1996.
  • Carla Masi Doria e Massimo di Lauro (a cura di), Alfredo de Marsico : l'avvocato, lo scienziato del diritto, l'uomo delle istituzioni, Atti del Convegno di Napoli, Napoli, Jovene, 2006. ISBN 88-243-1668-9
  • Giuseppe D'Amico, Alfredo De Marsico : il mago della parola, Battipaglia, Laveglia&Carlone, 2010. ISBN 978-88-86854-51-1

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro di grazia e giustizia del Regno d'Italia Successore Flag of Italy (1861-1946).svg
Dino Grandi 5 febbraio 1943 - 25 luglio 1943 Gaetano Azzariti
Controllo di autorità VIAF: (EN64019510 · LCCN: (ENn83067358 · SBN: IT\ICCU\CFIV\097254 · ISNI: (EN0000 0000 8344 1768 · GND: (DE132934396 · BNF: (FRcb120255295 (data) · BAV: ADV10074161