Angelo Izzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo Izzo al momento dell'arresto per il massacro del Circeo (1º ottobre 1975)

Angelo Izzo (Roma, 28 agosto 1955) è un criminale italiano. È noto soprattutto per essere stato uno dei tre autori (insieme a Gianni Guido e Andrea Ghira) del cosiddetto "massacro del Circeo"[1]. Durante la sua vita in carcere si è dedicato all'attività di scrittore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Anni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Angelo Izzo nasce a Roma il 28 agosto 1955, primo di quattro figli.

Il padre è un costruttore e la madre resta in casa a occuparsi della famiglia nonostante abbia una laurea in lettere. Sin dai primi anni della sua adolescenza, Izzo conduce una vita agiata: infatti la sua famiglia abita al Trieste-Salario, quartiere della medio-alta borghesia romana, confinante con i Parioli, e viene iscritto alla scuola dei “figli di papà” della Roma che conta, il San Leone Magno. Gli anni scolastici sono contrassegnati da poco studio poiché egli preferisce dedicarsi all'attività sportiva (equitazione, vela e sci nautico), mettendo in mostra precocemente una passione forte per gli sport di contatto, le arti marziali e il rugby. Ben presto, incomincia a nascere in lui anche la passione per la politica, e a 13 anni, Izzo entra a far parte della Giovane Italia, un'associazione studentesca dell'allora Movimento Sociale Italiano.

Alla fine del 1969, Izzo viene espulso dal gruppo insieme ad Andrea Ghira, accusato di usare il cortile interno della sezione missina Trieste-Salario per nascondere ciclomotori rubati. Negli successivi, Izzo partecipa ad attività a metà strada fra eversione neonazista e criminalità ordinaria e ne racconterà al giudice Salvini nel 1995:

Angelo Izzo ha raccontato di aver preso direttamente parte, insieme al suo gruppo e ad altri elementi legati alla destra romana, dal 1972 al 1975 ad alcuni attentati (quali quello contro la Sezione del P.S.I. nel quartiere Trieste e quello in danno della scuola San Leone Magno frequentata dallo stesso Izzo e da Gianni Guido), a numerosissime rapine di autofinanziamento in danno di banche, gioiellerie e uffici postali, a traffici di sostanze stupefacenti coltivati anche d'intesa con la malavita comune e a numerosi stupri di gruppo operati con la stessa tecnica.

Sulle dichiarazioni il giudice ottiene significativi riscontri e può scrivere come Izzo fosse interno, già all'epoca, all'estrema destra neofascista: Izzo e i suoi camerati non erano dei semplici "pariolini" di scarso livello politico, ma un gruppo di persone da tempo e profondamente inserite nelle strutture eversive della destra romana dei primi anni '70 ed erano strettamente legati a personaggi del livello del prof. Paolo Signorelli e del prof. Enzo Maria Dantini[2].

La vita di Angelo Izzo è contrassegnata già nei primi anni della sua vita da uno stile estremo. Prima del massacro del Circeo, Izzo aveva infatti già violentato altre due donne (ricevendo una condanna molto blanda a due anni e mezzo con la condizionale) e il sesso violento era la cosa che lo interessava più di tutte. Iscritto alla facoltà di Medicina, frequentava le lezioni solo saltuariamente e, allo studio, preferiva frequentare bar e partecipare a festini organizzati in case di altri giovani “pariolini” di destra nei quali erano mescolati ideologia politica, droga e divertimento che, spesso, significava proprio violenza sulle donne. [3]

Il massacro del Circeo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: massacro del Circeo.
Gianni Guido (a sinistra) e Angelo Izzo durante il processo per il massacro del Circeo

Il 29 settembre 1975, Izzo, Guido e Ghira si incontrarono alle 16 con Donatella Colasanti e Rosaria Lopez, due ragazze (di 17 e 19 anni rispettivamente) conosciute qualche giorno prima tramite un amico comune (risultato poi estraneo ai fatti). Le due ragazze furono invitate al Circeo, nella villa di Ghira nella nota località "Punta Rossa". Una volta a destinazione, le due ragazze furono violentate, drogate, seviziate e massacrate per un totale di 35 ore. La Lopez fu infine portata nel bagno del primo piano della villa, dove fu picchiata e annegata nella vasca da bagno, mentre la Colasanti fu quasi strangolata con una cintura e picchiata selvaggiamente.

Le due vittime (credute morte entrambe dai tre aggressori) furono poi nascoste nel bagagliaio dell'auto del padre di Guido. I tre parcheggiarono in via Pola e si recarono a cenare. I lamenti della Colasanti, sopravvissuta alle violenze, attirarono l'attenzione di un metronotte, che diede l'allarme. Izzo e Guido furono arrestati entro poche ore, mentre Ghira si diede alla latitanza.

Il 29 luglio 1976, tutti e tre furono condannati in primo grado all'ergastolo. La condanna fu confermata anche nei successivi gradi di giudizio per Izzo, mentre a Guido e Ghira, condannato in contumacia, furono riconosciute le attenuanti generiche in appello, riducendo così la pena a 30 anni di carcere.[1]

Il carcere, le collaborazioni, le evasioni[modifica | modifica wikitesto]

Durante il suo periodo di detenzione, Izzo manifestò più volte interesse a collaborare con la magistratura fornendo, grazie a presunte confidenze ricevute da altri carcerati di estrema destra, proprie versioni sulle stragi di piazza Fontana, di Bologna e di piazza della Loggia, sugli omicidi di Mino Pecorelli, Fausto e Iaio e Piersanti Mattarella, sulla morte di Giorgiana Masi e su molti altri episodi di terrorismo e di mafia. A volte le sue dichiarazioni hanno trovato riscontro, altre volte no; Sulla violenza subita da Franca Rame fu il primo a parlarne, in aula nel 1987:

"Sia dal Bonazzi che dal Concutelli sentii dire che un episodio di violenza ai danni di Rame Franca fosse stato compiuto da alcuni tra i quali Angeli Angelo in esecuzione di un’azione studiata dai carabinieri".[4] Successivamente l'attrice, pubblicamente, anche in Tv e in interviste confermò lo stupro, avvenuto il 9 marzo 1973 (all'epoca sulla stampa era scritto che fosse solo vittima di percosse). Riguardo l'omicidio di Giorgiana Masi, Izzo ha riconosciuto le armi trovate, pochi giorni dopo l'omicidio della giovane, in piazza Augusto Imperatore, come appartenenti al suo gruppo e in disponibilità di Andrea Ghira. Effettivamente, per i controlli che si sono potuti fare su una delle armi, era così:

"L'arma calibro 22 aveva il numero di matricola limato, ma ancora visibile, e così fu possibile risalire al proprietario al quale era stata sottratta: un industriale dei Parioli. L'imprenditore confermò che era sua, specificò che la sera del 30 ottobre 1973 tre uomini gli erano entrati in casa razziando armi e argenteria per un valore di 10 milioni di lire, dopo aver immobilizzato le tre donne che in quel momento si trovavano nell'abitazione. Una delle donne riconobbe uno dei tre, Andrea Ghira, 20 anni, figlio di un imprenditore edile (...)".[5]

Izzo accusò Valerio Fioravanti e Gilberto Cavallini dell'omicidio Mattarella: seppur a livello processuale all'epoca venne ritenuta più valida la pista mafiosa, negli ultimi tempi è stata rivalutata quella neofascista (o che comunque vedeva un legame fra Cosa Nostra ed eversione). La moglie di Piersanti Mattarella aveva effettivamente riconosciuto Fioravanti e l'ipotesi è avvalorata anche dal libro Piersanti Mattarella di Giovanni Grasso, dove si ricostruisce che l'auto utilizzata dagli assassini aveva una targa composta, fatte da auto rubate dai NAR; Izzo, inoltre si è anche autoaccusato dell'omicidio di Amilcare Di Benedetto, ucciso quattro mesi prima del massacro del Circeo, il cui corpo però non è mai stato ritrovato.[1][6]

Riguardo alle dichiarazioni sull'estrema destra, se durante i processi degli anni '80 non avevano avuto riscontri o non erano state particolarmente considerate di giudici, con gli anni '90, sovente hanno trovato conferme da parte dell'autorità giudiziaria. Scrive il G.I. Salvini: Paradossalmente non solo il più esatto inquadramento del ruolo svolto da Angelo Izzo nell'eversione di destra ma anche importanti elementi autonomamente raccolti nel corso di questa istruttoria consentono di affermare che la sottovalutazione delle sue prime dichiarazioni era del tutto fuor di luogo[7].

La giornalista Sciarelli nel suo libro "Tre bravi ragazzi" liquida in poche righe l'appartenenza politica di Izzo: "Ogniqualvolta Izzo entra in un nuovo carcere, così come farà Guido, si qualifica come detenuto di destra. Ma se riesce a infinocchiare i carcerati per reati comuni, non riesce a convincere quelli per reati politici"[8]. In realtà, dagli atti processuali, emerge uno spaccato completamente opposto. Il ruolo di Izzo interno del neofascismo, durante la carcerazione, è facilmente dimostrabile perché Izzo partecipa a "Quex", periodico clandestino della destra rivoluzionaria, insieme a Tuti, Bonazzi, Murelli, Zani. Izzo in carcere si lega a numerosi neofascisti, ad esempio Fioravanti, Bonazzi, Calore[9], Latini, Viccei[10], come si evidenzia, nelle tante dichiarazioni raccolte dai magistrati.

Izzo provò anche varie volte a evadere. Nel gennaio 1977 tentò di evadere dal carcere di Latina assieme a Guido, prendendo in ostaggio il maresciallo delle guardie carcerarie, ma il tentativo non riuscì. Nel gennaio 1986 gli venne attribuito un tentativo di evasione dal supercarcere di Paliano. Il 25 agosto 1993, approfittando di un permesso premio, si allontanò dal carcere di Alessandria e riuscì a espatriare in Francia. Venne poi catturato a Parigi a metà settembre ed estradato in Italia.[1]

Il rilascio in semilibertà e il "massacro di Ferrazzano"[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2004, ottenne la semilibertà dal carcere di Campobasso, su disposizione dei giudici di Palermo, per andare a lavorare nella cooperativa "Città futura".[11] Il 28 aprile 2005, Izzo uccise Maria Carmela e Valentina Maiorano, all'epoca sotto protezione a Ferrazzano (in provincia di Campobasso) e rispettivamente moglie e figlia di Giovanni Maiorano, ex affiliato (poi pentito) della Sacra corona unita che Izzo conobbe in carcere. Il delitto fu rivelato il 30 aprile da Guido Palladino e Luca Palaia, inizialmente arrestati per traffico illecito di armi.[12][13] La concessione della semilibertà, fortemente criticata dopo l'omicidio, fu causa di una polemica tra i Tribunali di Sorveglianza di Campobasso e di Palermo, i quali si attribuirono a vicenda parte della paternità di tale decisione.[14]

Palladino patteggiò tre anni e due mesi di reclusione per concorso in occultamento di cadavere,[13] mentre Palaia fu condannato a 24 anni per concorso in omicidio, occultamento e tentativo di distruzione dei cadaveri,[15] aumentati a 30 in appello e confermati in Cassazione.[16] Izzo, infine, fu condannato nuovamente all'ergastolo,[12] con sentenza confermata nei due successivi gradi di giudizio.[16]

Il matrimonio con Donatella Papi[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2009, la giornalista Donatella Papi dichiarò di volerlo sposare e di lottare perché si riaprissero entrambi i processi che lo hanno portato all'ergastolo, scatenando nuove polemiche.[17] I due si sposarono il 10 marzo 2010 nel carcere di Velletri.[18] La relazione sembrò essere già terminata dopo circa un anno: la giornalista disse che Izzo le aveva confidato di essere responsabile "di altri fatti gravissimi per la nostra Repubblica", aggiungendo che, pur rimanendo dell'idea che non fosse responsabile dei delitti per cui fu condannato, "io mi fermo qui, perché non mi voglio fare complice di cose che non condivido".[19] Tuttavia, in occasione dell'assoluzione nel processo per diffamazione delle due vittime di Ferrazzano, la Papi dichiarò che la crisi fra i due era rientrata.[20]

Le ultime vicende giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Izzo fu inoltre rinviato a giudizio per altri due fatti legati al "massacro di Ferrazzano". Il primo processo si basò su una denuncia per diffamazione presentata da Giovanni Maiorano, con il quale Izzo affermò – durante un interrogatorio – di aver avuto rapporti sessuali.[21] Izzo fu condannato in primo grado al pagamento di 2.300 euro,[22] ma il 29 settembre 2011 fu assolto "perché il fatto non costituisce reato".[23][24]

Il secondo processo riguardava delle presunte false attestazioni, relative al rapporto di lavoro che consentì a Izzo di uscire dal carcere in regime di semilibertà:[22] Il processo di primo grado si concluse con una condanna a un anno e sei mesi di reclusione, ma fu completamente assolto in appello, assieme all'allora direttore della cooperativa Dario Saccomani (anche lui condannato in primo grado a un anno di carcere).[25]

Il 21 febbraio 2013, il tribunale di Campobasso impose a Izzo l'isolamento diurno per tre anni, in seguito al cumulo dei due ergastoli che sta ancora scontando.[26]

L'attività di scrittore[modifica | modifica wikitesto]

Izzo ha sempre mantenuto una vocazione per la scrittura, resa nota dopo il secondo arresto nel 2005, Izzo ha dichiarato di aver scritto in carcere già dal 1975.

Nel giugno 2005 viene resa pubblica da un operatore culturale del carcere di Campobasso, l'esistenza di un manoscritto di Angelo Izzo, The Mob, 400 pagine suddivise in 21 capitoli; descrizione della follia di un pugno di giovani pariolini che sovverte la capitale. I capitoli suddividono diverse esperienze del giro di viale Pola e corso Trieste: dall'eroina alle prime esperienze omosessuali, dallo stupro alla rapina a mano armata, fino all'omicidio.[27][28][29]

Nell'estate 2014 lo stesso operatore riferisce di una raccolta di novelle dal titolo Decamerone 1975: un gruppo di giovani neofascisti di provenienza nazionalpopolare, che per dieci giorni si trattengono fuori Roma (in una villa privata a San Felice Circeo) per sfuggire al terrorismo rosso che in quel periodo imperversava nella città e alla mancanza temporanea di stupefacenti di qualità, e che a turno si raccontano delle novelle di taglio spesso umoristico e con frequenti richiami all'erotismo bucolico del tempo.

Il romanzo The Mob, anche a causa di capitoli riguardanti stragi e complotti della prima repubblica ancora irrisolti o nell'ombra dei segreti di stato, non è mai stato pubblicato. La rivista Panorama pubblicò alcuni capitoli del manoscritto in uno speciale dal titolo Stupro e torturo. Io, Angelo Izzo, vivo così.[30]

Influenze nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Angelo Izzo viene citato nel singolo Killer Star di Immanuel Casto[31].

Angelo Izzo viene citato anche dal rapper torinese Blue Virus in tre sue canzoni: Sedativo, 113 e Tu Sei.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Il massacro del 1975 al Circeo, in Corriere della Sera, 14 giugno 2005. URL consultato il 22 novembre 2009.
  2. ^ G.I. Salvini, Sentenza ordinanza Piazza Fontana 1995.
  3. ^ http://www.criminiseriali.it/articoli1/Tesi%20corso%20specialistico%20-%20Angelo%20Izzo.pdf Federica Favarato "Angelo Izzo - Biografia di un serial killer". Centro Studi & Ricerche in Psicologia Clinica e Criminologia, Napoli 2010
  4. ^ Luca Innocenti, Sciabole e tritolo, Fuori|Onda.
  5. ^ Concetto Vecchio, Giorgiana Masi, Indagine su un mistero italiano, Feltrinelli.
  6. ^ Giovanni Bianconi, Violenze, bugie e trame in carcere. Una vita dal massacro ai depistaggi, in Corriere della Sera, 1º maggio 2005. URL consultato il 22 novembre 2009.
  7. ^ G.I. Salvini, Sentenza Ordinanza Piazza Fontana 1995 pag 338.
  8. ^ Federica Sciarelli, Tre bravi ragazzi.
  9. ^ Dichiarazioni di Sergio Calore del 27.11.1981, su 4agosto1974.wordpress.com.
  10. ^ Verbale di confronto fra Viccei e Izzo del 9.5.1985, su 4agosto1974.wordpress.com.
  11. ^ «Sapeva lavorare con i disagiati», in La Gazzetta del Mezzogiorno, 02 Maggio 2005.
  12. ^ a b Angelo Izzo condannato all'ergastolo, in Corriere della Sera, 13 gennaio 2007. URL consultato il 22 novembre 2009.
  13. ^ a b Legate e poi soffocate con due sacchetti, in Corriere della Sera, 12 gennaio 2007. URL consultato il 22 novembre 2009.
  14. ^ Francesco Viviano, L'abbiamo messo in semilibertà su consiglio di chi ora ci accusa, in la Repubblica, 4 maggio 2005, p. 10. URL consultato il 22 novembre 2009.
  15. ^ Luca Palaia, complice di Izzo, condannato a 24 anni, in Quotidiano.net, 22 settembre 2007. URL consultato il 22 novembre 2009.
  16. ^ a b Cassazione: delitti Ferrazzano, 30 anni a Luca Palaia, in Adnkronos, 16 aprile 2009. URL consultato il 2 aprile 2012.
  17. ^ Donatella Papi: «Sposo Izzo per dimostrare la sua innocenza», in Corriere della Sera, 20 novembre 2009. URL consultato il 2 aprile 2012.
  18. ^ Si è sposato Angelo Izzo, il massacratore del Circeo, in Corriere della Sera, 10 marzo 2010. URL consultato il 10 marzo 2010.
  19. ^ Nozze Izzo-Papi, già finito il matrimonio tra il mostro del Circeo e la giornalista, in Corriere della Sera, 11 aprile 2011. URL consultato l'11 aprile 2011.
  20. ^ Diffamazione, assolto Izzo. La moglie: "Riaprire caso omicidio", in Primonumero.it, 29 settembre 2011. URL consultato il 18 dicembre 2013.
  21. ^ Izzo dovrà rispondere anche del reato di diffamazione, in Il Tempo, 4 giugno 2007. URL consultato il 18 dicembre 2013.
  22. ^ a b «Il mostro di Ferrazzano» ieri nuovamente in Tribunale, in Il Tempo, 15 ottobre 2010. URL consultato il 18 dicembre 2013.
  23. ^ Izzo: assolto da diffamazione contro vittime Ferrazzano, in ANSA, 29 settembre 2011. URL consultato il 18 dicembre 2013.
  24. ^ Massacro di Ferrazzano. Izzo non ha diffamato le sue vittime, in Il Tempo, 30 settembre 2011. URL consultato il 18 dicembre 2013.
  25. ^ Izzo ai giudici: «Meritavo di uscire dal carcere. Avevo buone intenzioni», in Il Tempo, 20 giugno 2012. URL consultato il 18 dicembre 2013.
  26. ^ Izzo, il giudice ordina tre anni di isolamento, in Corriere della Sera, 21 febbraio 2013. URL consultato il 18 dicembre 2013.
  27. ^ CAMPOBASSO: 'THE MOB', NEL LIBRO-CONFESSIONE DI IZZO UNA LUNGA SCIA DI STUPRI, su www1.adnkronos.com. URL consultato il 30 agosto 2015.
  28. ^ Tgcom - Izzo, "La società mi deve aiutare" Ecco il primo capitolo del suo libro, su www.tgcom24.mediaset.it. URL consultato il 30 agosto 2015.
  29. ^ Repubblica.it  » cronaca  » Izzo stava scrivendo un libro sul massacro del Circeo, su www.repubblica.it. URL consultato il 30 agosto 2015.
  30. ^ Ruben De Luca e Vincenzo Maria Mastronardi, I serial killer, Newton Compton Editori, 29 ottobre 2013, ISBN 9788854162167. URL consultato il 30 agosto 2015.
  31. ^ IMMANUEL CASTO: guarda il video di "Killer Star" il nuovo singolo!, Rock Rebel Magazine, 19 settembre 2011. URL consultato il 5 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2015).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN73611040
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie