Immanuel Casto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Immanuel Casto
Immanuel Casto, Cartoomics 2015 (cropped).jpg
Immanuel Casto al Cartoomics del 2015
NazionalitàItalia Italia
GenereMusica elettronica
Electroclash[1][2]
Periodo di attività musicale2005 – in attività
EtichettaFreak & Chic, JLe Management
Album pubblicati5
Studio3
Raccolte2
Sito ufficiale

Immanuel Casto, pseudonimo di Manuel Cuni (Villa di Serio, 16 settembre 1983), è un cantautore e autore di giochi italiano.

È soprannominato «Il Casto Divo» o anche «Il principe del Porn Groove».[3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prime pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nato in provincia di Bergamo, nel 2002 si è trasferito a Bologna per lavorare come direttore artistico in un'agenzia di comunicazione.[4] Tra il 2003 e il 2004, sotto lo pseudonimo di Immanuel, ha autoprodotto e distribuito gratuitamente le prime pubblicazioni musicali, On the Road, Voyeur e Vento di erezioni, caratterizzati da sonorità legate alla musica elettronica e tematiche incentrate sulla sessualità raccontata ironicamente. Nel 2005 è stato pubblicato l'album Deflorato, con riferimenti musicali ai brani dance anni settanta.

Nel 2006 ha pubblicato il videoclip di Che bella la cappella, brano dai doppisensi religioso-erotici.[5] Nello stesso periodo ha partecipato a trasmissioni radiofoniche online, oltre ad aver presentato l'album Feel the Porn Groove, e ha lanciato il sottogenere porn groove,[6] caratterizzato dall'uso di musica dance per accompagnare testi espliciti riguardanti sesso, pratiche sessuali estreme e prostituzione.[7]

Nel 2008 è stato pubblicato il brano Anal Beat, con sonorità strettamente dance anni ottanta. Successivamente ha ricevuto l'invito per la partecipazione a un backstage per MTV che confluisce in uno speciale del programma, Loveline, mentre il quotidiano spagnolo El País gli dedica un articolo.[8] Nello stesso anno è stato pubblicato l'EP Io batto. Dopo il videoclip del brano 50 bocca/100 amore, Immanuel Casto ha firmato un contratto con la JLe Management. Nel giugno dello stesso anno si è esibito al Gay pride nazionale, chiudendo il concerto in compagnia di Alessandro Fullin e Fabio Canino. Successivamente ha pubblicato la raccolta The Hits.

Adult Music e Porn Groove 2004/2009[modifica | modifica wikitesto]

Immanuel Casto nel 2006 durante le riprese del videoclip di Che bella la cappella

Con l'inizio del 2009 il cantante ha programmato il primo tour nazionale; nello stesso periodo è stato pubblicato il singolo Touché (Par l'amour), in vendita per la prima volta, tramite distribuzione digitale, da un'etichetta discografica. Nel relativo videoclip, Immanuel Casto è accompagnato da un corpo di ballo femminile, le Beat Girls, mentre la produzione del brano è stata affidata al musicista Stefano "Keen" Maggiore. Questo singolo è andato in programmazione in radio e su All Music, oltre ad essere recensito da TGcom24 con un'intervista sui progetti futuri del cantante.[9]

Nel 2010 vengono pubblicati i singoli Escort 25 e Crash (quest'ultimo con la partecipazione vocale di Romina Falconi), i quali hanno anticipato la pubblicazione del primo album ufficiale Adult Music, uscito nella primavera del 2011 e distribuito dalla Universal Music Group. A novembre 2011 è uscita per il download digitale la raccolta Porn Groove 2004/2009, che racchiude riarrangiamenti di gran parte delle prime pubblicazioni del cantautore.

Dal 15 novembre 2010 a metà dicembre 2010 è stato tra gli ospiti fissi nella trasmissione televisiva Loveline in onda su MTV Italia. Nel 2012 ha firmato la colonna sonora Porn to Be Alive per la webserie Kubrick: una storia porno, prodotta da Magnolia Fiction, e il brano A pecorina nel presepe, frutto di una collaborazione con Paolo Tuci.

Freak & Chic[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile del 2013 si è esibito per la prima volta in Rai nel programma Aggratis! cantando Crash.[10] Nel mese di giugno ritorna ad Aggratis! per cantare il singolo Zero carboidrati per poi esibirsi nella serata conclusiva del Palermo pride nazionale, alla presenza di oltre 40.000 spettatori.[11]

Il 13 settembre 2013 Immanuel Casto ha pubblicato il secondo album in studio Freak & Chic,[12] anticipato nel mese di maggio dal singolo Tropicanal.[13] A promuovere l'album sono stati anche i singoli Sexual Navigator e Sognando Cracovia, quest'ultimo realizzato in duetto con Romina Falconi e che ha dato il nome alla tappa conclusiva del tour.

The Pink Album[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 giugno 2015 è stata annunciata l'uscita di un nuovo singolo, intitolato Deepthroat Revolution e pubblicato una settimana più tardi.[14] Ad esso ha fatto seguito l'annuncio del terzo album in studio The Pink Album, uscito il 25 settembre e anticipato anche dal singolo Da grande sarai fr**io.[15] Il 28 settembre 2016 è stato presentato il videoclip del quarto singolo dell'album, Alphabet of Love, presso Pornhub, rendendo Casto il primo artista europeo a presentare un singolo in collaborazione con il popolare sito pornografico.[16]

L'età del consenso[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 aprile 2018 il cantautore ha annunciato l'uscita della raccolta celebrativa L'età del consenso, in uscita il 14 settembre dello stesso anno. L'album contiene diciassette brani già pubblicati e due brani inediti. Il 5 giugno 2018 è stato pubblicato il singolo inedito Piromane, ennesima collaborazione con Romina Falconi.[17] A seguito della pubblicazione è partito un tour di concerti in Italia.[18]

Giochi da tavolo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 ha ideato il gioco di carte Squillo, nel quale i partecipanti si debbono immedesimare in sfruttatori dediti allo spaccio e al sesso estremo.[19] Durante la prevendita, prima che il gioco venisse distribuito, il 9 ottobre 2012 la senatrice Emanuela Baio Dossi, ritenendo che il gioco promuovesse la mercificazione del corpo femminile, l'uso di eroina, di antidepressivi e pratiche sessuali disumane, ne ha richiesto la rimozione dal mercato in una seduta parlamentare.[19][20][21][22]

A seguito del grande successo della prima edizione[23] sono state prodotte e commercializzate cinque successive espansioni: Squillo - Bordello d'oriente (2013) in cui i giocatori devono gestire prostitute orientali; Squillo - Marchettari sprovveduti (2014) in cui sono presenti prostituti di sesso maschile; la serie Squillo Time Travels con tre capitoli dedicati rispettivamente all'antica Grecia (Satiri e Baccanti, 2015), al medioevo (Megere e Meretrici, 2016) e al futuro (Deep Space 69, 2017).

Nel 2014 è stato pubblicato Jenus - Il gioco, tratto dall'omonimo fumetto di Alessandro Mereu,[24] e l'anno successivo l'espansione Angeli e demoni.

Nel 2016 Immanuel Casto ha pubblicato Witch & Bitch ideato con Marco Albiero,[25] anch'esso al centro di polemiche poiché Mario Adinolfi riconosciutosi nella carta "Omofobo" ha minacciato di denunciare gli autori.[26]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Immanuel Casto.
Album in studio
Raccolte

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

  • 2009 – Immanuel Live 09
  • 2010/11 – Adult Music Tour
  • 2011/12 – Killer Star Tour
  • 2013 – Freak & Chic Tour
  • 2014/15 – Sognando Cracovia Tour (con Romina Falconi)
  • 2015/16 – The Pink Tour
  • 2018 – L'età del consenso Tour

Giochi[modifica | modifica wikitesto]

Squillo – Trilogia del piacere
  • Squillo, Raven Distribution, Freak & Chic, 2012 (disegni di Martina Poli).
  • Squillo - Bordello d'oriente, Raven Distribution, Freak & Chic, 2013 (disegni di Martina Poli).
  • Squillo - Marchettari sprovveduti, Raven Distribution, Freak & Chic, 2014 (disegni di Martina Poli).
Squillo Time Travels
  • Squillo Time Travels – Satiri e Baccanti, Raven Distribution, Freak & Chic, 2015 (disegni di Jacopo "Dronio" Camagni).
  • Squillo Time Travels – Megere e Meretrici, Raven Distribution, Freak & Chic, 2016 (disegni di Jacopo "Dronio" Camagni).
  • Squillo Time Travels – Deep Space 69, Raven Distribution, Freak & Chic, 2017 (disegni di Jacopo "Dronio" Camagni e Marco Albiero).
Jenus - Il gioco (basato sul fumetto Jenus di Don Alemanno)
  • Jenus - Il gioco, Raven Distribution, Freak & Chic, 2014 (disegni di Don Alemanno).
  • Jenus - Il gioco. Espansione Angeli e demoni, Raven Distribution, Freak & Chic, 2015 (disegni di Don Alemanno).
Altri giochi
  • Witch & Bitch - Il gioco, Freak & Chic, 2016 (disegni di Marco Albiero).
  • Machete - The Game, Freak & Chic, 2016 (disegni di Diego Flower Boscolo).
  • Red Light - A Star Is Porn, Freak & Chic, Pornhub, Manara, 2018 (disegni di Milo Manara).

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Squillo – The Comic
  • Squillo – The Comic n. 0, Freak & Chic, Magic Press, 2014 (disegni di Matt Core).
  • Squillo – The Comic n. 1, Freak & Chic, Magic Press, 2016 (disegni di Matt Core).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giacomo Rivoira, Freak & Chic, Storia della Musica. URL consultato il 20 maggio 2016.
  2. ^ Antonio Lo Giudice, Immanuel Casto, Sound & Vision, 3 dicembre 2015. URL consultato il 20 maggio 2016.
  3. ^ Giovanni Ferrari, Immanuel Casto: "Sono pronto per Sanremo", Panorama, 25 novembre 2014. URL consultato l'11 dicembre 2015.
  4. ^ Mr Muzik Off: Immanuel Casto presenta il suo "Killer Star", Gazzetta di Modena, 3 dicembre 2011. URL consultato il 1º ottobre 2015.
  5. ^ Veronica Valli, Casto, principe del porno-groove «Ruby? Siamo nella società del sesso», Il Corriere del Mezzogiorno, 29 ottobre 2010.
  6. ^ Cosa si fa questa sera? L'Adult music tour di Casto, la Repubblica, 9 ottobre 2010. URL consultato il 30 ottobre 2011.
  7. ^ Fulvio Paloscia, Io, cantautore molto ironico del sesso spinto, la Repubblica, 30 gennaio 2009. URL consultato il 10 aprile 2010.
  8. ^ (ES) ¿A qué suena el porno pop?, El País. URL consultato il 26 gennaio 2010.
  9. ^ Immanuel, casto ma non troppo, TGcom24. URL consultato il 26 gennaio 2010.
  10. ^ #Aggratis anticipazioni 26 giugno: Ospiti Immanuel Casto, Lory Del Santo e Selvaggia Lucarelli, su lanostratv.it. URL consultato il 30 settembre 2014.
  11. ^ Immanuel Casto chiude il Pride Il "Porn Groove" sbarca a Palermo, su palermo.blogsicilia.it. URL consultato il 5 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2013).
  12. ^ Freak & Chic, iTunes. URL consultato il 16 giugno 2014.
  13. ^ Tropicanal - Single, iTunes. URL consultato il 16 giugno 2014.
  14. ^ Massimiliano Longo, IMMANUEL CASTO sta per tornare con il singolo "DeepThroat Revolution" e una biografia, aLLMusicItalia, 19 settembre 2015. URL consultato il 21 agosto 2015.
  15. ^ Michele Monina, Immanuel Casto, il nuovo video 'Da grande sarai frocio': "Gay è bello, dai libero sfogo a quell'istinto ricchioncello", il Fatto Quotidiano, 17 settembre 2015. URL consultato il 19 settembre 2015.
  16. ^ Immanuel Casto, collaborazione con Pornohub per il video del nuovo singolo, TGcom24, 15 settembre 2016. URL consultato il 5 ottobre 2016.
  17. ^ Immanuel Casto: "La vera Età del Consenso è la propria consapevolezza", Gay.it, 2 maggio 2018. URL consultato il 2 maggio 2018.
  18. ^ Le date dei concerti di Immanuel Casto, OnStage, 18 aprile 2018. URL consultato il 29 aprile 2018.
  19. ^ a b Il gioco di ruolo con le squillo fa scandalo, su giornalettismo.com, 31 ottobre 2012. URL consultato il 20 novembre 2012.
  20. ^ Legislatura XVI - Senato della Repubblica Italiana - Resoconto stenografico della seduta n. 810 del 9 ottobre 2012 - Per il ritiro dal mercato del gioco «Squillo»
  21. ^ L'intervento ha determinato la sospensione, per alcuni giorni, della prevendita telematica che avveniva sul sito web dedicato al gioco
  22. ^ Legislatura XVI - Senato della Repubblica Italiana - Resoconto stenografico della seduta n. 816 del 18 ottobre 2012 - Per il ritiro dello spot promozionale del gioco "Squillo"
  23. ^ “Squillo”, il gioco da tavolo per 'papponi' diventa un cult.
  24. ^ Recensione di Jenus. Il gioco
  25. ^ "Witch & Bitch", il nuovo gioco da tavolo ideato da Immanuel Casto e Marco Albiero
  26. ^ Adinolfi: "Io non sono omofobo, vi denuncio"

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]