Torpignattara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Particolare del tamburo in calcestruzzo del mausoleo di Elena. Nel conglomerato sono visibili delle anfore in terracotta, dette volgarmente "pignatte", da cui il toponimo Torre delle pignatte e poi "Torpignattara".
« Quando ch'ebbero lasciato alle spalle, passa passo, Porta Furba e si furono bene internati in mezzo a una Shangai di orticelli, strade, reti metalliche, villaggetti di tuguri, spiazzi, cantieri, gruppi di palazzoni, marane, e quasi erano arrivati alla Borgata degli Angeli, che si trova tra Tor Pignattara e il Quadraro (...) »
(Pier Paolo Pasolini, Ragazzi di vita)

Torpignattara (conosciuta anche come Tor Pignattara[1]) è la zona urbanistica 6a del Municipio Roma V (ex Municipio Roma VI) di Roma Capitale. Si estende sul quartiere Q. VII Prenestino-Labicano.

Popolazione: 47.695 abitanti[2].

Confini[modifica | modifica wikitesto]

I confini della zona urbanistica racchiudono tutta l'area del Pigneto, nei limiti della ferrovia Roma-Sulmona-Pescara a nord, quindi via di Portonaccio, via di Acqua Bullicante, via Teano, via Cori, via Norma, via Terracina, via Minturno, via Labico, via Policastro, via di Acqua Bullicante a est, via Casilina a sud, quindi il tratto della FR4 fino al ponte sul viale dello Scalo San Lorenzo a ricongiungersi con la ferrovia Roma-Sulmona-Pescara.

La parte storica di Torpignattara, invece, si estende a cavallo della via Casilina anche sul quartiere Q. VIII Tuscolano (zona urbanistica 6c Quadraro), da via Policastro e via Labico a nord fino a viale dell'Acquedotto Alessandrino a sud; da viale Filarete a ovest, fino a via dei Gordiani a est.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il sarcofago di Elena, oggi ai Musei Vaticani, proveniente dal Mausoleo di Torpignattara.
Tratto dell'Acquedotto alessandrino, nei pressi della via omonima
La Chiesa di San Marcellino e Pietro ad Duas Lauros, sotto la quale si estendono le Catacombe omonime.

In passato l'odierno territorio di Torpignattara ebbe varie denominazioni, tra cui quella di "Ad duas lauros", "In comitatu" e "Sub Augusta".

La prima, Ad duas lauros, la si deve allo scrittore latino cristiano Tertulliano (150 – 220) che, nel ricordare i sediziosi, certamente non cristiani, che avevano congiurato contro l'imperatore si rivolge ai pagani con una domanda: «Inter duas lauros obsident Caesarem?» ("presso i due allori tendono l'agguato all'Imperatore?"). Infatti, in questa località vi era la residenza o villa imperiale, che esisteva ancora successivamente, in piena epoca cristiana.

L'imperatore Valentiniano III, fu ucciso nel 455, durante una congiura, proprio in questa località mentre era impegnato in esercizi di tiro con l'arco nella piazza d'armi della sua residenza "ad duas lauros"[3]. La località comprendeva, oltre la residenza imperiale, anche le ville, i castra (accampamenti militari) e il campus martius, dove si svolgevano regolarmente gli addestramenti e le esercitazioni dei reparti militari.

Tra il 1943 ed il 1945, Torpignattara fu protagonista della Resistenza contro l'occupazione tedesca di Roma. Questa era così intensa che i soldati della Wehrmacht spesso rinunciavano ad addentrarsi per le vie della zona a causa delle continue scorribande partigiane. Dalla via Casilina entrarono gli Alleati dichiarando Roma città aperta.

Negli anni sessanta Torpignattara è uno degli scenari dei romanzi di Pier Paolo Pasolini. In via di Torpignattara si trovava la trattoria frequentata da Pasolini, Ninetto Davoli e Franco e Sergio Citti, che vivevano in zona.

Toponomastica[modifica | modifica wikitesto]

L'ex Cinema Impero costruito in stile razionalista nel 1937 dall'architetto Mario Messina[4].

Il nome deriva da una denominazione popolare attribuita al mausoleo di Elena, fatto erigere dal figlio, l'imperatore Costantino I, tra il 326 e il 330 d.C. Tale mausoleo sorge all'interno di un'area anticamente denominata Ad duas lauros che comprende, tra l'altro, i resti interrati di una basilica addossata al mausoleo e, nel sottosuolo, le catacombe dei Santi Marcellino e Pietro. La struttura del tamburo superiore, in parte crollata, è costituita da calcestruzzo nel quale sono incorporate delle anfore (dette pignatte) che avevano lo scopo di alleggerire la costruzione.

La fantasia popolare ha dapprima coniato il termine "torre delle pignatte" per indicare il monumento e la zona circostante; poi, con il tempo, il termine si è trasformato in "Torpignattara" o "Tor Pignattara", tutt'oggi in uso.

Odonomastica[modifica | modifica wikitesto]

La zona presenta una odonomastica a tematiche diverse. La via principale è l'omonima via di Tor Pignattara.

Città[modifica | modifica wikitesto]

I nomi delle strade tra via Casilina, via di Acqua Bullicante e via Prenestina, che mettono in comunicazione la Marranella con Centocelle si riferiscono alle città alle quali si accede attraverso via Casilina:

Aviatori[modifica | modifica wikitesto]

Le strade comprese nel quadrante a sud di via Casilina e ad est di via di Torpignattara avrebbero dovuto dare accesso al vicino Aeroporto di Centocelle e quindi furono intitolate ad aviatori italiani[5]:

Ideatori e costruttori di opere militari[modifica | modifica wikitesto]

Le strade comprese nel quadrante a sud di via Casilina e ad ovest di via di Torpignattara sono intitolate ad ideatori e costruttori di fortificazioni e opere militari in genere:

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Parchi e giardini[modifica | modifica wikitesto]

Villa De Sanctis, sullo sfondo il mausoleo di Elena

Il quartiere ospita un solo parco urbano, il Parco Casilino-Labicano, meglio conosciuto come Villa De Sanctis, istituito nel 1994, oltre a diversi giardini pubblici, di modesta estensione: Il Parco dell'Acquedotto Alessandrino[6], il Parco Ex-Snia o Parco delle Energie (via Prenestina, 175), il Parco Almagià (via Zenodossio) e i giardini pubblici di Largo Raffaele Pettazzoni[7].

Nei dintorni del quartiere sono situati altri parchi pubblici, facilmente raggiungibili: Villa Gordiani (lungo via Prenestina), il Parco Pasolini, nei pressi della Stazione Prenestina (a viale della Venezia Giulia), e il Parco di Centocelle.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2011 è presente sul territorio una squadra di calcio, la ASD Tor Pignattara, che parteciperà al campionato di prima categoria laziale a partire dalla stagione 2014-2015. Il campo da gioco è il "Certosa", storico impianto del quartiere.

Zone limitrofe[modifica | modifica wikitesto]

La zona confina:

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]

Segnale della fermata Tor Pignattara della Ferrovia Roma-Giardinetti
Ferrovia Roma-Pantano.svg
 È raggiungibile dalle stazioni: FilareteTor Pignattara e Berardi.

105  È raggiungibile dalla fermata ATAC Berardi
409  È raggiungibile dalla fermata ATAC Maranella
554  È raggiungibile dalla fermata ATAC Berardi
558  È raggiungibile dalla fermata ATAC Balzani

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stefania Ficacci, Tor Pignattara. Fascismo e resistenza di un quartiere, Milano, Franco Angeli, 2006, ISBN 978-88-464-8297-6.
  2. ^ Roma Capitale - Dipartimento risorse tecnologiche - servizi delegati - statistica. Iscritti in anagrafe al 31-12-2010.
  3. ^ Hermann Schreiber, I Vandali, Milano, Rizzoli, 1984. ISBN 978-88-173-9700-1
  4. ^ Esiste un identico e omonimo cinema ad Asmara, tuttora in funzione, progettato dallo stesso Mario Messina e costruito nel 1937
  5. ^ Stefania Ficacci, Tor Pignattara: fascismo e Resistenza di un quartiere romano (PDF), Milano, FrancoAngeli, 2007, p. 12, ISBN 978-88-464-8297-6. URL consultato il 17 aprile 2013.
  6. ^ Gajano Saffi, il parco dell'Acquedotto Alessandrino, Roma. URL consultato il 25 marzo 2010.
  7. ^ Parchi e giardini su www.pigneto.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Sirleto, La storia e le memorie, Roma, Viavai, 2001.
  • Stefania Ficacci, Tor Pignattara. Fascismo e resistenza di un quartiere, Milano, Franco Angeli, 2006, ISBN 978-88-464-8297-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 41°52′45.39″N 12°32′37.41″E / 41.879275°N 12.543726°E41.879275; 12.543726

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma