Pignatta (cucina)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pignatta con stufato

La pignatta è un tipo di pentola in terracotta[1]. Può avere molte misure ma la sua forma è sempre panciuta, con il fondo piatto e uno o due manici. L'interno, e spesso anche l'esterno, è smaltato per garantire l'impermeabilità ed evitare che gli alimenti impregnino la porosità della terracotta lasciando odori e sapori. Se è a bordi bassi e con un solo manico si chiama tegame di terracotta.

Reperti risalenti al neolitico testimoniano come le pentole in terracotta (olle), con quelle in pietra ollare, furono i primi contenitori usati per cucinare. Era ampiamente diffusa nel passato tra i ceti popolari, e il suo utilizzo è espressamente richiesto per la cottura di molti piatti tradizionali italiani.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Cottura su fornello a gas con retino frangifiamma
  • basso costo
  • distribuzione del calore per l'alto spessore del materiale
  • riscaldamento lento, ma anche alta inerzia termica, ossia la capacità di mantenere il calore per un certo periodo quando viene tolta dal fuoco
  • rischio di rottura per urto
  • rischio di rottura per sbalzo eccessivo di temperatura, specie a contatto con fonti dirette di calore. Si presta bene alle cotture prolungate su fonti di calore indirette, come la stufa. Il rischio di rottura in caso di cottura su fornelli a gas può essere ridotto grazie all'uso di appositi retini frangifiamma.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pignatta in Vocabolario – Treccani

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cucina