South Park - Il film: più grosso, più lungo & tutto intero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
South Park - Il film: più grosso, più lungo & tutto intero
Spifpgpleti.png
Satana e Saddam in una scena del film
Titolo originale South Park: Bigger, Longer & Uncut
Paese di produzione USA
Anno 1999
Durata 82 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85:1
Genere animazione, commedia, musicale
Regia Trey Parker
Soggetto Trey Parker, Matt Stone
Sceneggiatura Trey Parker, Matt Stone, Pam Brady
Art director J.C. Wegman
Montaggio John Venzon
Musiche Marc Shaiman
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Premi

South Park - Il film: più grosso, più lungo & tutto intero (South Park: Bigger, Longer & Uncut) è il titolo del film del 1999 tratto dalla celebre serie animata South Park, e diretto da Trey Parker, regista e ideatore (assieme a Matt Stone) della stessa serie.

Il film detiene il record sul Guinness dei primati come il film d'animazione in cui è presente il maggior numero di parolacce ed elementi offensivi.[1] South Park - Il film contiene infatti 399 termini offensivi (tra cui 146 volte il termine "fuck" o suoi derivati), 221 atti di violenza e 199 gesti offensivi.[1] Tra i termini offensivi è stato anche incluso il nome di Barbra Streisand.

Trama[modifica | modifica sorgente]

In una tranquilla domenica mattina, i quattro giovani protagonisti della serie (Eric, Stan, Kyle e Kenny), nonostante l'opposizione delle loro madri, vanno a vedere Culi di fuoco, un volgarissimo film canadese interpretato dai loro idoli Trombino e Pompadour. All'uscita del cinema i ragazzi iniziano ad imitare i due personaggi nel comportamento e nel linguaggio, scandalizzando le mamme e gli insegnanti; quando Kenny, dopo essersi incendiato un peto come fanno i due protagonisti del film, si ustiona orribilmente, la situazione precipita.

Le mamme di South Park iniziano a boicottare tutto ciò che è canadese, fino ad arrivare al punto in cui Sheila Broflovski, madre di Kyle, spinge l'allora presidente Bill Clinton a dichiarare guerra al Canada, accusato di traviare la gioventù americana. Trombino e Pompadour vengono arrestati e il Canada per rappresaglia inizia ad eliminare alcune star di Hollywood. A causa del suo turpiloquio, Cartman viene usato come cavia per un chip sperimentale, il "V-Chip" inventato dal Dr. Vosknocker (un personaggio creato apposta per il film che non apparirà più nella serie regolare): il chip si innesta sotto pelle e genera una scossa elettrica ogni volta che il possessore si lascia sfuggire una parolaccia, costringendolo così a non imprecare più.

Intanto Stan teme di perdere la sua adorata Wendy Testaburger a causa del nuovo arrivato della scuola, Gregory (altro personaggio ideato solo per il film), un ragazzo perfettino che sembra aver messo gli occhi su di lei. Dopo uno scambio di opinioni con Chef, Stan si convince che per riconquistare Wendy deve trovare la clitoride, punto debole di ogni donna. Kenny, come sempre, muore, stavolta a causa dell'idiozia dei dottori di South Park, e finisce all'inferno.

Qui scopre che Satana e il suo amante Saddam Hussein sono in procinto di scatenare i demoni dell'inferno sulla Terra, in seguito ad una profezia che indica la morte di Trombino e Pompadour come l'ultima condizione che permetta l'invasione di compiersi. Sulla terra, la guerra fra USA e Canada scoppia, e tutti i maschi adulti di South Park sono chiamati alle armi; Stan, Kyle e Cartman, intanto, formano un gruppo clandestino chiamato "La Resistance" nel tentativo di liberare Trombino e Pompadour, che verranno giustiziati durante uno show in onore delle truppe USA.

Provano così ad entrare nell'accampamento con l'aiuto di un ragazzino francofono detto "La Talpa" (un altro personaggio che, a parte un cameo, non ha mai avuto un ruolo nella serie TV) ma falliscono. All'inferno, Kenny cerca inutilmente di convincere Satana a rinunciare all'invasione, ma lui è totalmente succube del suo amante Saddam. A quel punto, sulla Terra la guerra ormai infuria e tra le vittime, ci sono anche Trombino e Pompadour, che vengono uccisi dalla madre di Kyle: i demoni infernali sono dunque liberi di invadere la Terra.

Tutto sembra ormai perduto, ma due eventi riescono a ristabilire la normalità: Kenny, tornato sulla terra quando il portale infernale si è aperto, riesce a convincere Satana a ribellarsi alla volontà di Saddam e non perseguire il suo piano di conquista del mondo; il V-chip di Cartman si è guastato nel tentativo di salvare Trombino e Pompadur e le scosse elettriche si dirigono all'esterno del suo corpo, anziché contro di lui, e sono in grado di respingere i demoni. A quel punto Cartman pronuncia una lunghissima sequela di insulti e volgarità per sovraccaricare il chip, e così facendo genera un'enorme onda di energia che mette KO Saddam. Il colpo di grazia però lo darà Satana, che capisce che Saddam lo stava sfruttando e lo getta nel fuoco.

Il finale si dimostra felice per tutti:

  • La madre di Kyle, dopo aver visto gli orrori della guerra e dell'invasione demoniaca, si ravvede e perde il suo modo di fare bigotto (almeno per un po'), capendo di aver trascurato il figlio.
  • Stan trova (dopo una ricerca su internet che ha coinvolto alcuni filmati porno con la madre di Cartman come protagonista) una clitoride gigante e parlante che gli spiega come riconquistare Wendy.
  • Satana, che tutto sommato nel mondo di South Park è un bravo ragazzo, in segno di ringraziamento usa i suoi poteri per esaudire un desiderio di Kenny e far tornare tutto com'era prima della guerra, resuscitando così i personaggi morti nel conflitto (inclusi Trombino e Pompadour).
  • Kenny guadagna l'ingresso in paradiso per aver salvato il mondo, ma prima di congedarsi dai suoi amici si toglie il cappuccio e pronuncia alcune parole, cose che mai aveva fatto nella serie.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato distribuito nelle sale statunitensi il 30 giugno 1999, mentre in italia è uscito un anno dopo: il 12 maggio 2000. Gli episodi 10 e 11 della quarta stagione della serie televisiva risultano un sequel del film, raccontano, infatti, del ritorno di Saddam da Satana che nel frattempo si è ricreato una vita con Chris, un omosessuale morto per un incidente su delle scale mobili.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Il 15 giugno 1999 è stata pubblicata la colonna sonora del film, prodotta da Darren Higman.[2] La canzone Blame Canada è stata candidata per il Premio Oscar alla miglior canzone 2000.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Mountain Town - 4:27 (Stan Marsh, Kenny McCormick, Kyle Broflovski, Eric Cartman, Sharon Marsh e Sheila Broflovski)
  2. Uncle Fucka - 1:06 (Trombino e Pompadour)
  3. It's Easy, Mmmkay - 1:54 (Signor Mackey, Stan Marsh, Eric Cartman, Kyle Broflovski, Gregory e Wendy Testaburger)
  4. Blame Canada - 1:35 (Sheila Broflovski, Sharon Marsh, Liane Cartman e Carol McCormick)
  5. Kyle's Mom is a Bitch - 1:15 (Eric Cartman e Marc Shaiman)
  6. What Would Brian Boitano Do? - 1:34 (Stan Marsh, Kyle Broflovski ed Eric Cartman)
  7. Up There - 2:23 (Satana)
  8. La Resistance Medley - 1:52 (Howard McGillin e la gente di South Park)
  9. Eyes of a Child - 3:39 (Michael McDonald)
  10. I Can Change - 2:05 (Saddam Hussein)
  11. I'm Super - 1:26 (Gran Gay Al)
  12. Mountain Town (Reprise) - 1:02 (la gente di South Park)
  13. Good Love - 3:31 (Chef)
  14. Shut Yo Face (Uncle Fucka) - 3:59 (Trick Daddy featuring Trina & Tre +6)
  15. Riches to Rags (Mmmkay) - 4:31 (Nappy Roots)
  16. Kyle's Mom's a Big Fat Bitch - 3:54 (Joe C. featuring Kid Rock)
  17. What Would Brian Boitano Do? Pt. II - 2:14 (D.V.D.A)
  18. I Swear It (I Can Change) - 2:44 (Violent Femmes)
  19. Super - 4:03 (RuPaul)
  20. O Canada - 1:10 (Geddy Lee e Alex Lifeson featuring Trombino e Pompadour)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Trivia for South Park: Bigger Longer & Uncut (1999), IMDb. URL consultato il 21-11-2010.
  2. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, South Park: Bigger, Longer & Uncut Original Soundtrack, allmusic. URL consultato il 21-11-2010.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema