Peppe Barra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando lo storico Giuseppe Barra, vedi Giuseppe Barra (storico).
Peppe Barra
Peppe Barra
Peppe Barra
Nazionalità Italia Italia
Genere Canzone napoletana
Periodo di attività 1971 – in attività
Album pubblicati 9 (solista)
2 (con Concetta Barra)
9 (con la NCCP)
Studio 9 (solista)
2 (con Concetta Barra)
9 (con la NCCP)
Sito web

Peppe Barra (Roma, 24 luglio 1944) è un cantante e attore teatrale italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Giuseppe Barra nasce a Roma in piazza Dei Crociferi, il 24 luglio 1944 e cresce a Procida, isola natia dei suoi genitori, Giulio fantasista e Concetta, attrice e cantante. Da giovane a Napoli frequenta varie scuole di teatro e dizione iniziando così la sua carriera di attore. Inizia a recitare lavorando nel teatro di ricerca con Gennaro Vitiello e subito dopo come professionista al Teatro Esse; con Roberto De Simone fonda successivamente la Nuova Compagnia di Canto Popolare. Nella seconda metà degli anni settanta è protagonista della Gatta Cenerentola, l’opera teatrale di De Simone tratta da una fiaba dal Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile. Dopo aver lasciato la NCCP nel 1978, partecipa alla Serata d’onore con Eduardo De Filippo, una programma televisivo dedicato all'autore napoletano, condotta da Vittorio Gassman. Nello stesso anno interpreta la parte di Giardino, nel film Giallo Napoletano. Nel 1980 vince il premio IDI Saint Vincent come attore e l'anno dopo il premio Maschera d’oro; partecipa inoltre al film La pelle in cui interpreta un sarto. Nel 1982 in occasione del Carnevale di Venezia, Maurizio Scaparro lo invita ad esibirsi in un assolo: nasce così Peppe e Barra, scherzo in musica in due tempi, dove compare la madre Concetta Barra, che da allora parteciperà a tutti gli spettacoli del figlio. Nasce anche la compagnia teatrale Peppe & Barra che nel 1983 incide un omonimo disco per la Fonoprint. Sempre nello stesso anno Barra interpreta Sancho Panza nei frammenti teatrali del Don Chisciotte, diventato poi uno sceneggiato.

Barra in concerto

Nel 1988 esce un altro disco della compagnia Peppe e Barra intitolato Peppe e Concetta Barra n.1. Agli inizi degli anni novanta Barra incide un disco come solista intitolato Mo' Vene con cui vince la targa Tenco come migliore interprete per l’anno in corso. Il 3 gennaio 1994 al Teatro Mercadante, per un concerto in omaggio ad Eduardo Caliendo, si riunisce la Nuova Compagnia di Canto Popolare. Dopo aver registrato per la Rai venti favole dal Pentamerone di Giambattista Basile, Barra esprime questa esperienza nello spettacolo teatrale Lengua Serpentina. Per questo spettacolo, il Festival delle Cinque Terre di Riomaggiore gli consegna il Premio Dioniso nel 2000. Fabrizio De André gli chiede l’adattamento e l’interpretazione in napoletano del suo brano Bocca di rosa che verrà poi inserito nell’LP Canti Randagi. Nel 1999, dopo la scomparsa del cantautore, Genova organizza il suo Tributo a De André, e la famiglia De André vuole la presenza di Peppe Barra nella serata. Nel dicembre del 2000 interpreta il ruolo di Mister Peachum ne L’opera da tre soldi e l'anno successivo esce il suo secondo disco, Guerra. È anche direttore artistico della Rassegna internazionale della musica etnica, mentre a teatro rappresenta Il borghese gentiluomo. Nel 2002 dopo aver partecipato nel film Pinocchio di Roberto Benigni interpretando la parte del Grillo Parlante, riprende gli incontri con gli studenti nelle università. Nel 2003 scrive con Massimo Andrei una fiaba in lingua italonapoletana intitolata Le vecchie vergini, e al teatro Trianon rappresenta La cantata dei pastori. Dopo aver partecipato al capodanno 2004 in Piazza del Plebiscito, parte per New York dove rappresenta l’Italia in qualità di artista cantante e attore con la consegna della cittadinanza onoraria. Nel 2009, Barra pubblica l'album N’attimo, prodotto dalla Marocco Music; il CD è stato stampato dalla Greendigital in versione ecocompatibile. Nel settembre del 2012 ha ricevuto a Grottolella in provincia di Avellino il Premio Armando Gill alla carriera.

Spettacoli[modifica | modifica sorgente]

Una fotografia del 1988.
  • La canzone di Zeza (1974)
  • La Cantata dei Pastori (1975)
  • La gatta Cenerentola (1976)
  • La Cantata dei Pastori (1977)
  • Li zite 'ngalera (Gli sposi sulla nave) (1978/1979)
  • La festa di Piedigrotta (1978/1979)
  • L'opera buffa del Giovedì Santo (1980/1981)
  • Eden Teatro (1981)
  • Peppe & Barra (1982)
  • Don Chisciotte (1983)
  • Senza mani e senza piedi (1984)
  • Zeza (1984)
  • Sempresì, ovvero il segreto per essere felici (1985)
  • Varietà c'est moi (1986)
  • Nel regno di Pulcinella (1987)
  • Signori, io sono il comico (1987)
  • Il principe di Sansevero
  • La festa del principe (1988)
  • Cantata a Viviani (1988)
  • Il re applaude
  • Il matrimonio di Vicenzella (1989)
  • La Cantata dei Pastori (1990)
  • Na Santarella (1991)
  • Salomè - Conversazioni con la mamma (1991)
  • I fantasmi di monsignor Perrelli (1991)
  • Katakatascia (1992)
  • Flik e Flok (1992)
  • Ricordi d'amore (1993)
  • Nerone (1994)
  • La zia di Carlo (1994/1995)
  • Una tragedia tutta da ridere (1996)
  • Lengua serpentina (1997)
  • La Ballata di Donna Lucrezia (1998)
  • L'operetta (1999)
  • Napoli, dal ‘600 ai giorni nostri (2000)
  • L'opera da tre soldi (2000)
  • I ragazzi irresistibili (2000)
  • Il borghese gentiluomo (2000/2001)
  • La compagnia d'opera buffa napoletana (2001)
  • Suonno (2001/2002)
  • Peppe Barra racconta (2002/2003)
  • Don Giovanni (2002/2003)
  • Marea Mare (2003)
  • Socrate immaginario (2003)
  • La Cantata dei Pastori (2003)
  • Arianna a Nasso (2004)
  • Ritmallah (2004)
  • Le follie del monsignore (2004)
  • Cantata dei Pastori (2004/2005)
  • La mandragola (2005/2006)
  • Come si rapina una banca (2006)
  • Decamerone (2006/2007)
  • La Cantata dei Pastori (2007/2008)
  • Amore e Psiche (2008)

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Copertina interna dell'album Guerra.

Solista[modifica | modifica sorgente]

  • Mo vene (1992)
  • M'aggia curà (1995)
  • Il borghese gentiluomo (2001)
  • Guerra (2001)
  • Peppe Barra in concerto (2003)
  • La Cantata dei Pastori (2004)
  • Matina (2005)
  • Decamerone (2006)
  • N'attimo (2009)
  • Ci vediamo poco fa (2011)

Con Concetta Barra[modifica | modifica sorgente]

  • Peppe e Barra (1983)
  • Peppe e Concetta Barra N.1 (1988)

Con la NCCP[modifica | modifica sorgente]

  • Cicerenella (1972)
  • Lo Guarracino (1972)
  • La serpe a Carolina (1972)
  • NCCP (1973)
  • Li sarracini adorano lu sole (1974)
  • Tarantella ca nun va bbona (1975)
  • La gatta Cenerentola (1976)
  • 11 mesi e 29 giorni (1977)
  • La cantata dei pastori (1977)
  • Aggio girato lu munno (1978)

Collaborazioni[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Barra durante uno spettacolo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]