Partito di Centro (Svezia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito di Centro
Centerpartiet
Leader Maud Olofsson
Stato Svezia Svezia
Fondazione 1913
Sede Stora Nygatan, 4
Gamla stan, Stoccolma
Ideologia Liberalismo
Liberalismo sociale
Liberalismo verde
Ruralismo
Collocazione Centro
Coalizione Alleanza per la Svezia
Partito europeo Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori
Gruppo parlamentare europeo Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa
Affiliazione internazionale Internazionale Liberale
Seggi Riksdag
23 / 349
Seggi Europarlamento
1 / 20
Sito web centerpartiet.se

Il Partito di Centro (in svedese Centerpartiet, abbreviato semplicemente con C) è un partito politico svedese.

Il Cp è un partito social-liberale e centrista di ispirazione "eco-umanista" fondato nel 1913 dalla scissione della sinistra agraria dei Partito Popolare Liberale. Si tratta dunque di un partito della tradizione dei partiti "agrari-centristi" della Scandinavia.

Il Partito è stato fondato con il nome di Bondeförbundet (Lega degli agricoltori), ruralista. Il Cp, infatti, nasce come difensore delle istanze del mondo rurale ed agricolo. Il nome è stato cambiato in Centerpartiet nel 1957. La Lega degli agricoltori è stata la più fedele alleata del Partito Socialdemocratico, con il quale era stato al governo tra il 1936 ed il 1945 e tra il 1951 ed il 1957, contribuendo alla creazione delle politiche di welfare.

Dal 1957, però, il Centerpartiet, mutando nome, scelse anche l'alleanza con i partiti "borghesi" o "non-socialisti". Il Cp è stato, così, di nuovo al governo dal 1976 al 1982 e dal 1991 al 1994. Nel 1976, Thorbjörn Fälldin, capo del partito, fu eletto primo ministro.

È membro dell'ELDR, il Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori e siede, nel Parlamento europeo, nei banchi dell'ADLE, l'Alleanza dei Democratici e Liberali per l'Europa.

Alle politiche del 2006 il Cp si presentò con una coalizione moderata, l'Alleanza per la Svezia (Partito Moderato, Partito Popolare Liberale, Cristiani Democratici), in alternativa al Partito Socialdemocratico. Il risultato elettorale sorrise ai centristi, che passarono dal 6,2% al 7,9%, da 22 a 29 seggi. In questo modo il partito divenne il terzo del panorama politico, dopo socialdemocratici e moderati, superando gli alleati liberali, che scesero dal 13,3% al 7,5%. I centristi entrarono a far parte del governo guidato dal moderato Fredrik Reinfeldt. Alle elezioni del 2010 i centristi scesero sotto il 7% (6,6%), ottenendo 23 seggi e venendo superati anche dai Liberali popolari e dai Verdi, oltre che da Moderati e Socialdemocratici. L'Alleanza per la Svezia ottenne 173 seggi su 349 e il governo Reinfeldt rimase in carica grazie all'astensione della destra radicale dei Democratici Svedesi[1].[2]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sei mesi di governo di minoranza: il caso Svezia 0 | Termometro Politico
  2. ^ La Svezia verso un governo di minoranza | Il Post