Partito di Centro (Svezia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito di Centro
Centerpartiet
Leader Maud Olofsson
Stato Svezia Svezia
Fondazione 1913
Sede Stora Nygatan, 4
Gamla stan, Stoccolma
Ideologia Liberalismo
Liberalismo sociale
Liberalismo verde
Ruralismo
Collocazione Centro
Coalizione Alleanza per la Svezia
Partito europeo Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori
Gruppo parlamentare europeo Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa
Affiliazione internazionale Internazionale Liberale
Seggi Riksdag
23 / 349
Seggi Europarlamento
1 / 20
Sito web centerpartiet.se

Il Partito di Centro (in svedese Centerpartiet, abbreviato semplicemente con C) è un partito politico svedese.

Il Cp è un partito social-liberale e centrista di ispirazione "eco-umanista" fondato nel 1913 dalla scissione della sinistra agraria dei Partito Popolare Liberale. Si tratta dunque di un partito della tradizione dei partiti "agrari-centristi" della Scandinavia.

Il Partito è stato fondato con il nome di Bondeförbundet (Lega degli agricoltori), ruralista. Il Cp, infatti, nasce come difensore delle istanze del mondo rurale ed agricolo. Il nome è stato cambiato in Centerpartiet nel 1957. La Lega degli agricoltori è stata la più fedele alleata del Partito Socialdemocratico, con il quale era stato al governo tra il 1936 ed il 1945 e tra il 1951 ed il 1957, contribuendo alla creazione delle politiche di welfare.

Dal 1957, però, il Centerpartiet, mutando nome, scelse anche l'alleanza con i partiti "borghesi" o "non-socialisti". Il Cp è stato, così, di nuovo al governo dal 1976 al 1982 e dal 1991 al 1994. Nel 1976, Thorbjörn Fälldin, capo del partito, fu eletto primo ministro.

È membro dell'ELDR, il Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori e siede, nel Parlamento europeo, nei banchi dell'ADLE, l'Alleanza dei Democratici e Liberali per l'Europa.

Alle politiche del 2006 il Cp si presentò con una coalizione moderata, l'Alleanza per la Svezia (Partito moderato, Partito Popolare Liberale, Cristiano-democratici), in alternativa al Partito Socialdemocratico Svedese. Il risultato elettorale sorrise ai centristi, che passarono dal 6,2% al 7,9%, da 22 a 29 seggi. In questo modo il partito divenne il terzo del panorama politico, dopo socialdemocratici e moderati, superando gli alleati liberali, che scesero dal 13,3% al 7,5%. I centristi entrarono a far parte del governo guidato dal moderato Fredrik Reinfeldt. Alle elezioni del 2010 i centristi scesero sotto il 7% (6,6%), ottenendo 23 seggi e venendo superati anche dai Liberali popolari e dai Verdi, oltre che da Moderati e Socialdemocratici. L'Alleanza per la Svezia ottenne 173 seggi su 349 e il governo Reinfeldt rimase in carica grazie all'astensione della destra radicale dei Democratici Svedesi[1].[2]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sei mesi di governo di minoranza: il caso Svezia 0 | Termometro Politico
  2. ^ La Svezia verso un governo di minoranza | Il Post