Oleaceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Oleaceae
Ligustrum vulgaris (zoom).jpg
Ligustrum vulgare
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Scrophulariales
Famiglia Oleaceae
Classificazione APG
Ordine Lamiales
Famiglia Oleaceae
Generi

Le Oleaceae sono una famiglia di piante dell'ordine Scrophulariales (Lamiales secondo la classificazione APG II).
Comprende 27 generi e un numero di specie variabile da 400 a 900 a seconda degli autori. Le specie sono legnose (alberi, arbusti, liane) e distribuite nelle regioni temperate e tropicali calde.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Le foglie sono opposte, prive di stipole. Il lembo è spesso intero (foglie semplici), in alcuni generi (Jasminum, Fraxinus) sono composte.

I fiori sono per lo più ermafroditi (unisessuali in Fraxinus) portati solitari o in grappoli ascellari o terminali.
Hanno calice e corolla composti di quattro pezzi entrambi saldati alla base (corolla gamopetala, calice gamosepalo). Eccezioni: i generi Fraxinus, che ha corolla dialipetala, e Jasminum, che ha corolla di 5 pezzi.
L'ovario è supero. Gli stami sono due.

Le Oleacee producono frutti diversi a seconda dei generi:

Mentre l'aspetto dei frutti è molto variabile, il numero di semi è costante: potenzialmente due, che spesso si riducono a uno solo per aborto sistematico del secondo seme (p.es. nelle olive).

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Le Oleacee sono presenti in tutti e cinque i continenti.

Tra le Oleacee spontanee in Italia si annoverano Fraxinus ornus (nei boschi mediterranei e submediterranei), Fraxinus angustifolia var. oxycarpa (nei boschi ripali), Olea europaea var. sylvestris (olivastro), Phillyrea latifolia e Phillyrea angustifolia (specie arbustive tipiche della macchia mediterranea) e altre minori, tra cui la rara Fontanesia.

Importanza economica[modifica | modifica sorgente]

La famiglia delle Oleacee comprende piante di grande interesse economico, la più famosa delle quali è l’olivo (Olea europaea subsp. europaea), originario del bacino del Mediterraneo, di grande importanza alimentare per i frutti (olive) e per l'olio che se ne estrae.

L'olivo è marginalmente utilizzato anche per il suo legno. Assai più importante è il frassino (Fraxinus).

Il frassino è utilizzato anche per l'industria alimentare, specificamente per l'estrazione della manna.

Molte oleacee sono utilizzate per scopi ornamentali. Le più note sono il gelsomino (Jasminum), la forsizia (Forsythia), il lillà (Syringa) e il ligustro (Ligustrum) - a cui si aggiungono Chionanthus, Osmanthus, Phillyrea e altre. Il frassino è usato come albero in parchi, giardini e alberature stradali.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

Tradizionalmente (sistema Cronquist) le Oleacee vengono inserite nell'ordine delle Scrophulariales. Secondo l'interpretazione filogenetica quest'ordine non ha validità e le Oleacee vengono collocate nell'ordine delle Lamiales.

Qualche studioso ha anche proposto di costituire un ordine separato, le Oleales, comprendente solo questa famiglia.

Sempre secondo la classificazione APG, le Oleacee si dividono in cinque tribù, delle quali una, le Oleae, riunisce circa i tre quarti dei generi.

Le altre tribù sono le Fontanesieae (con il solo genere Fontanesia), le Forsythieae, le Myxopyreae e le Jasmineae.

Generi[modifica | modifica sorgente]

Le Oleacee comprendono da 24 a 28 generi, secondo gli autori, di cui è possibile scorrere l'elenco nella voce appositamente dedicata.

Qui menzioniamo solo i seguenti:

  • Chionanthus, uno dei generi più ricchi di specie, è rappresentato in tutti i continenti esclusa l'Europa;
  • Fontanesia, è una rarità della flora italiana, presente solo in Sicilia;
  • Forsythia (Forsizia) comprende arbusti molto apprezzati per scopi ornamentali;
  • Fraxinus (Frassino) comprende numerose specie di alberi a diffusione circumboreale, importanti componenti delle foreste dei climi temperati;
  • Jasminum (Gelsomino) è il genere più ricco di specie della famiglia (circa 200), spontaneo in Asia, Africa, Australia ed è molto apprezzato come rampicante ornamentale per i fiori intensamente profumati;
  • Ligustrum (Ligustro) è spontaneo in Europa, Asia, America e Australia e largamente impiegato per ornamento;
  • Olea è il genere che ha dato il nome alla famiglia; oltre all'Olivo propriamente detto (Olea europaea) comprende numerose specie selvatiche della flora dell'Asia meridionale (soprattutto India) e altre della flora spontanea della regione mediterranea, del Sudafrica e dell'Oceania;
  • Phillyrea (Fillirea) è un importante componente della macchia mediterranea;
  • Syringa (Lillà) è spontaneo nelle regioni temperate d'Europa e d'Asia ed è usato per scopi ornamentali anche in climi freddi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica