Ovulo (botanica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ovuli all'interno di un ovario di Helleborus foetidus

Nelle piante il termine ovulo indica il macrosporangio (cioè lo sporangio della linea femminile) ed origina e contiene le cellule riproduttive femminili.

L'ovulo nelle piante è l'organo esclusivo delle Spermatofite. L'ovulo non si apre a maturità.

È rivestito da uno o due tegumenti non completamente saldati. La zona che rimane libera si chiama micropilo. La parte interna viene definita nocella. All’interno della nocella, che è diploide (2n), una sola cellula (cellula madre della macrospora) subisce meiosi, originando quattro spore aploidi, di cui in genere tre degenerano e una soltanto resta vitale. Questa macrospora non viene mai liberata e germina all’interno dell’ovulo dando origine ad un gametofito femminile (definito anche sacco embrionale) che si sviluppa interamente entro la parete della stessa macrospora chiusa nel macrosporangio (o ovulo). L'ovulo è collegato alla placenta all'interno dell'ovario mediante il funicolo. Il funicolo termina alla base dell'ovulo in una regione detta calaza ove si arrestano le ultime terminazioni del fascio vascolare.


botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica