Phillyrea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Fillirea
Phillyrea latifolia in fiore
Phillyrea latifolia in fiore
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Scrophulariales
Famiglia Oleaceae
Tribù Oleaee
Genere Phillyrea
L., 1753
Classificazione APG
Ordine Lamiales
Famiglia Oleaceae
Specie

Il genere Phillyrea (in italiano Fillirea) comprende arbusti e piccoli alberi sempreverdi della famiglia delle Oleacee.

Alcune specie sono tipici componenti della macchia mediterranea.

Areale[modifica | modifica sorgente]

Il genere Phillyrea è limitato al bacino del Mar Mediterraneo e all'Armenia.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La Phillyrea è una pianta legnosa che può raggiungere in alcune specie l'altezza di 6-7 m (piccolo albero).

Le foglie sono semplici, opposte, sempreverdi.

I fiori sono dioici, piccoli, bianchi, con 4 sepali e 4 petali riuniti parzialmente in un breve tubo. I fiori sono raccolti in brevi grappoli ascellari.

I frutti sono drupe carnose, nere a maturazione, vagamente simili alle olive, ma più piccoli, più rotondi e riuniti in grappoli.

Specie[modifica | modifica sorgente]

La classificazione del genere Phillyrea è resa complessa dalla presenza di numerosi sinonimi. Inoltre, alcune specie asiatiche attribuite nell'Ottocento a questo genere sono state spostate successivamente in altri generi, in particolare nei generi Ligustrum e Olea.

Ulteriore elemento di complessità è la presenza di ibridi naturali.

In Italia sono diffuse le due specie Phillyrea latifolia (a foglie larghe) e Phillyrea angustifolia (a foglie strette), entrambe già descritte da Linneo.

Phillyrea media viene frequentemente considerata solo una varietà o sottospecie di Phillyrea latifolia.

Phillyrea decora (che alcuni trasferiscono nel genere Osmanthus), endemismo dell'Armenia, viene apprezzata come specie ornamentale.

Altre specie sono proprie della Penisola Iberica o della Francia meridionale.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]