Mohammed Abdul

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mohammed Abdul
Nome orig. モハメド アヴドゥル (Mohamedo Avudōru)
Lingua orig. Giapponese
Autore Hirohiko Araki
Editore Shueisha
1ª app. 1987 – 2005
Editore it. Star Comics
Specie umano
Sesso Maschio
Luogo di nascita il Cairo, Egitto
Data di nascita  ?
Abilità
  • Magican Red, potere stand

Mohammed Abdul (アヴドゥル モハメド Avudōru Mohamedo?) chiamato più comunemente solo Abdul, è uno dei personaggi principali di Stardust Crusaders, terza serie del manga Le bizzarre avventure di JoJo di Hiroiko Araki.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Il Cairo, Egitto, Abdul è un indovino di professione. È uno dei primi a venire a contatto con Dio Brando dopo la sua resurrezione; alla sua vista Abdul scappa terrorizzato, evitando così di venir schiavizzato dal vampiro.

Abdul fa la sua prima apparizione quando accompagna Joseph Joestar in Giappone per liberare il nipote Jotaro Kujo, "posseduto" da uno spirito. Durante quell'incontro Abdul mostrerà a Jotaro il suo Magican Red, spiegandogli la vera origine degli Stand ed insegnandogli a controllare il suo Star Platinum. Prima di questi eventi, però, Abdul ha fatto la conoscenza in Egitto del cane Iggy, anch'egli portatore di Stand, che in seguito si unirà al gruppo.

Dopo aver liberato Jotaro e, in seguito, anche Noriaki Kakyoin (studente giapponese soggiogato al volere di Dio dal germoglio di carne), Abdul guida la banda in Egitto, alla ricerca di Dio, l'unico modo per salvare la mader di Jotaro, la signora Holly. Durante la loro sosta a Hong Kong, vengono attaccati dallo spadaccino francese Jean Pierre Polnareff; lui e Abdul hanno uno scontro all'ultimo sangue, vinto da quest'ultimo. La lealtà dimostrata da Polnareff nello scontro però spinge Abdul a non ucciderlo e a liberare anche lui dal germoglio di carne che lo aveva costretto ad attaccarli.

Arrivati in India, Polnareff trova finalmente J.Gail, l'uomo che uccise sua sorella. Abdul gli sconsigliò di attaccare a testa bassa, ma J.P. ignorò il suo consiglio e cadde in una trappola tesagli da J.Gail e dal suo socio, il cowboy Hol Horse. Abdul intervenne giusto in tempo per salvargli la vita, rimettendoci però la sua; colpito alla schiena dallo stand di J.Gail, non fece in tempo ad evitare il proiettile di Hol Horse, che lo colpì in testa. La sua morte ferì molto Polnareff, che si sentì in colpa per molto tempo... almeno fino al nuovo incontro con l'indovino.

Abdul, infatti, non era morto, la pallottola-stand colpì la sua testa solo di striscio, ma Joestar e gli altri pensarono bene di tenere il silenzio sulle sue condizioni, in modo che i nemici lo credessero morto il tempo necessario per permettere ad Abdul di guarire dalle ferite. Tennero all'oscuro anche Polnareff per evitare che si tradisse e facesse trapelare la cosa.

Abdul nel frattempo si occupò dell'acquisto di un sottomarino (fingendosi un miliardario arabo) con il quale la compagnia arrivò finalmente in Egitto.

Mohammed Abdul incontrerà la morte proprio appena entrato nel palazzo di Dio Brando: il suo corpo verrà vaporizzato dallo stand di Vanilla Ice, Cream, sacrificandosi per salvare Polnareff e Iggy.

Personalità[modifica | modifica sorgente]

In virtù della sua età e della sua esperienza, Abdul è un personaggio saggio e carismatico.

Inoltre è il membro più equilibrato del gruppo, non essendo istintivo come Polnareff o Joestar ma nemmeno freddo come Jotaro e Kakyoin.

Il suo sacrificio ci fa capire come si ama una persona generosa e altruista, pronta ad aiutare il prossimo senza pensare alle conseguenze per se stesso.

La persona con cui va più d'accordo del gruppo è Joseph Joestar.

Stand[modifica | modifica sorgente]

Il suo stand è Magician Red e rappresenta Il Bagatto o Mago, la prima carta degli arcani maggiori dei tarocchi.

Si manifesta come un ibrido uomo/uccello in grado di manipolare il fuoco. Il suo colpo più potente è il Cross Fire Hurricane, capace di lanciare numerose fiamme a forma di croce egiziana.