Matilde II di Boulogne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statua di Matilde nella cattedrale di Chartres.

Matilde de Dammartín, o Matilde di Boulogne, in francese Mathilde de Dammartin, in inglese Matilda II, Countess of Boulogne, in tedesco Mathilde von Boulogne, in olandese Mathildis II van Boulogne, in spagnolo Matilde de Dammartíne in portoghese Matilde II de Bolonha (ultima decade del XII secolo – 14 gennaio 1259), fu contessa di Aumale (1217 al 1234) e contessa di Dammartin e di Boulogne dal 1217 al 1259; fu regina consorte di Portogallo (1248-1253).

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Rinaldo di Dammartin (Renaud de Dammartin) e di Ida di Lorena o Ida delle Fiandre.[1][2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Durante la battaglia di Bouvines, 27 luglio 1214, suo padre, che era shierato nell'esercito alleato, guidato dall'imperatore Ottone IV, fu vinto, arrestato e incarcerato dai Francesi.

Il re di Francia, Filippo Augusto prese il controllo diretto della contea di Boulogne e, nel 1216, secondo un contratto stipulato a Compiegne, nel 1201 e rinnovato nel maggio 1210 a Saint-Germain-en-Laye fece sposare Matilde, l'erede della contea di Boulogne con suo figlio, Filippo Hurepel[1] (1200-1234), avuto dalla terza moglie, Agnese di Merania.

Nel 1217, alla morte del padre nel carcere in cui era rinchiuso da circa 3 anni, Matilde, unica erede, divenne contessa titolare di Boulogne e di Dammartin.

Alla morte di Filippo Augusto, nel 1223, Luigi VIII divenne re di Francia, la contea di Dammartin fu riconsegnata a Matilde e Filippo Hurepel, mentre la contea di Boulogne fu amministrata da loro in nome del re. Approfittando del periodo di pace, che ridiede prosperità alla contea, Matilde e Filippo restaurarono e migliorarono le fortificazioni esistenti e ne fecero costruire di nuove.

Bianca di Castiglia, nel 1226, alla morte del marito, il re di Francia, Luigi VIII, era divenuta reggente del regno in quanto tutrice del figlio minorenne, Luigi il Santo e anche quando Luigi divenne maggiorenne Bianca rimase la sua principale consigliera. e l'anno dopo (1227), riconsegnò ai conti Maria e Filippo, anche la contea di Boulogne

Blasone della famiglia Dammartin

Nel 1234, Filippo Hurepel morì lasciando Matilde vedova.

Bianca, cognata di Matilde, gli combinò il matrimonio con il figlio di sua sorella, Urraca di Castiglia (il secondogenito del re del Portogallo, Sancho II), Alfonso, che da alcuni anni viveva in Francia.

Alfonso sposò Matilde nel 1235, divenendo conte consorte di Boulogne e il cronista, Rodrigo Jimenez de Rada, nel suo De Rebus Hispaniæ ricorda il matrimonio di Aldefonsum, figlio di Aldefonsum e sua moglie con Matillam…de partibus Franciæ, Boloniæ Comitissam[1].

Nel 1237 la contea di Boulogne divenne vassalla della contea d'Artois concessa come patrimonio a Roberto I d'Artois, fratello di Luigi il Santo.

Nel 1243, il partito della destituzione del re del Portogallo, Sancho II, cominciò ad offrire ad Alfonso la corona e a proporlo come salvatore della patria.

Nel settembre dello stesso anno, Alfonso, a Parigi, accettò le condizioni dell'arcivescovo di Braga e, all'inizio del 1246, marciò su Lisbona, che gli aprì le porte.
Alfonso, pur governando il regno dal 1247 divenne il re Alfonso III e Matilde divenne regina, il 4 gennaio 1248 dopo la morte del fratello Sancho II.

Divenuto re di Castiglia, Alfonso X, nel 1253, invase il Portogallo e si appropriò della regione dell'Algarve.

Alfonso III cedette ma, pur essendo ancora sposato con Matilde, riuscì ad ottenere la mano della figlia illegittima di Alfonso X, Beatrice, con la clausola che quando il primo figlio della coppia avrebbe compiuto sette anni, l'Algarve sarebbe tornato al Portogallo.
Alfonso III divorziò da Matilde, rinunciando ai suoi possedimenti francesi, e nello stesso anno sposò Beatrice.

Matilde, rimpianta perché il suo governo corrispose ad un periodo di pace e prosperità, morì nel gennaio del 1259.
Dei quattro figli, avuti dai due mariti, tre le erano premorti ed il quarto rinunciò a tutti i feudi francesi, per poter continuare a vivere in Inghilterra.
Si fecero avanti quattro pretendenti:

  • un ramo della famiglia Dammartin, che alla morte di Filippo Hurepel, nel 1234, aveva già ricevuto la contea di Aumale[3].
  • Enrico III di Brabante, nipote della zia di Matilde, Matilde d'Alsazia (la nonna di Enrco III)
  • Adelaide di Brabante, figlia della zia di Matilde, Matilde d'Alsazia
  • il re di Francia in quanto nipote di Filippo Hurepel.

Finalmente il Parlamento di Parigi si pronunciò, nel 1262, a favore di Adelaide di Brabante, vedova di Guglielmo X di Clermont, conte d'Alvernia.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Matilde e Filippo ebbero due figli[4]:

  • Giovanna (1219- 14 gennaio 1252, che, nel 1236 circa sposò Gaucher di Châtillon († Munyat Abu Abdallah, Egitto, 6 aprile 1251), signore di Montjay, senza discendenza.
  • Alberico (1222- dopo il 1284, conte di Clermont, di Dammartin, e d'Aumâle che lasciò tutti i suoi titoli e possedimenti alla sorella, per potersi stabilire in Inghilterra.

Matilde e Alfonso ebbero due figli[5][6][7]:

  • Roberto (1239-morto giovane);
  • Un secondo maschio (1240-morto giovane).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Nobiltà della regione di Parigi
  2. ^ (EN) Nobiltà fiamminga
  3. ^ La contea di Aumale era stata data allo zio di Matilde, Simone di Dammartin, e, nel 1239, alla sua morte, era passata alla figlia, Giovanna di Dammartin, e al nipote, Ferdinando di Ponthieu
  4. ^ (EN) Re di Francia capetingi
  5. ^ (EN) Portogallo
  6. ^ (EN) Capetingi
  7. ^ (DE) Alfonso III di Portogallo genealogie mittelalter

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edgar Prestage, Il Portogallo nel medioevo, in Storia del mondo medievale, vol. VII, 1999, pp. 576–610

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Contessa di Boulogne
sino al 1234 col marito Filippo Hurepel
poi (1235-1253) col marito Alfonso
Successore
Rinaldo di Dammartin 1217-1259 Adelaide di Brabante
dal 1262
Predecessore Armoiries Portugal 1247.svg
regina consorte del Portogallo
Successore Flag of Portugal.svg
Mencía López de Haro 1248 - 1253 Beatrice di Castiglia