Giovanna di Dammartin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanna di Dammartin, o Giovanna d'Aumale. Jeanne in francese, Juana in spagnolo e asturiano, Joana in galiziano, in portoghese, in catalano e in basco, Chuana in aragonese, Joan in inglese e Johanna in tedesco e in fiammingo (1220Abbeville, 16 marzo 1279), fu regina consorte di Castiglia e León dal 1237 al 1252, contessa di Aumale, dal 1239, e anche contessa di Ponthieu (contea nel dipartimento della Somme le cui città principali erano Abbeville e Montreuil-sur-Mer), dal 1250, alla sua morte.

Blasone della famiglia Dammartin
Blasone dei conti di Ponthieu
Aumale su una carta geografica della Normandia storica.
Blasone dei conti di Aumale.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Era la figlia primogenita del conte di Aumale, Simone di Dammartin (?- 21 settembre 1239) e della contessa di Ponthieu, Maria di Ponthieu (1199-settembre 1250), figlia del conte di Ponthieu, Guglielmo II Talvas, e di Alice o Adele di Francia.[1]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Il cronista, Rodrigo Jimenez de Rada, nel suo De Rebus Hispaniæ la cita per descrivere la madre Maria (Mariam…mater Joannæ Reginæ Castellæ et Legionis).
Nelle cronache di Alberic de Trois-Fontaines[2], viene citata come una delle figlie di Simone di Dammartin (comes de Pontivo Symon) e moglie di Ferdinando III di Castiglia (rex Castelle de Hispanie Fernandus).

Il contratto di matrimonio tra Ferdinando (Ferrandi…regis Castelle et Toleti, Legionis et Galicie) e Giovanna (donna Johanna) viene citato in un documento redatto dal re di Francia, Luigi IX il Santo, del gennaio 1238[1].
Giovanna, il 20 novembre del 1237, sposò, a Burgos, il re di Castiglia e di León, Ferdinando III[1][3], figlio del re del León, Alfonso IX e di Berenguela di Castiglia, figlia del re di Castiglia Alfonso VIII e di Eleonora Plantageneta.

Nel 1239, alla morte del padre, Giovanna ereditò il titolo di contessa di Aumale[1], che dopo la morte del marito passò al figlio primogenito, Ferdinando di Ponthieu (12391264).

Nel 1251, dopo la morte della madre (1250), Giovanna divenne contessa di Ponthieu[1].

Dopo che, nel 1252, era rimasta vedova, Giovanna ritornò in Francia, nel suo feudo di Ponthieu[1].

Nel 1259, alla morte della cugina prima, Matilde, contessa di Boulogne, ed essendo la contea senza eredi diretti[4], Giovanna ed il figlio Ferdinando avanzarono delle pretese alla contea, ma il Parlamento di Parigi si pronunciò, nel 1262, a favore di un altro pretendente, Adelaide di Brabante, vedova di Guglielmo X di Clermont, conte d'Alvernia.

Tra il 1260 ed il 1261, Giovanna si sposò, per la seconda volta, con Giovanni de Nesle Signore di Falvy et de La Hérelle[1].

Giovanna morì nel 1279, ad Abbeville, nella sua contea di Ponthieu e fu sepolta nel monastero di Valoires[1].

Figli[modifica | modifica sorgente]

Ferdinando e Giovanna ebbero cinque figli:[5][6][7]

Giovanna a Giovanni di Nesle diede due figli:[5][7][6]

  • Guido di Nesle, signore di Harcelaines et de Hocquincourt
  • Ida o Filippa di Nesle, sposata con Roberto VII Bertrand, signore di Bricquebec.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h (EN) Nobiltà della Francia del Nord
  2. ^ Alberic de Trois-Fontaines è un monaco Cistercense e cronista medioevale, della prima metà del XIII secolo, che scrisse una cronaca, dalla Creazione al 1241.
  3. ^ Ferdinando III era rimasto vedovo, nel 1235, di Elisabetta Hohenstaufen (detta Beatrice di Svevia alla corte di Castiglia) figlia del duca di Svevia e re di Germania, Filippo di Svevia (1179-1208, figlio del Barbarossa) e di Irene Angelo (1181-1208, figlia dell'imperatore di Costantinopoli, Isacco II Angelo) e, rimasta orfana, educata alla corte del cugino, il re di Sicilia, Federico II.
  4. ^ Dei quattro figli, che Matilde aveva avuto da due diversi mariti, tre le erano premorti ed il quarto rinunciò a tutti i feudi francesi, per poter continuare a vivere in Inghilterra.
  5. ^ a b (EN) Dinastie reali di Castiglia
  6. ^ a b (EN) Casa d'Ivrea-genealogy
  7. ^ a b (DE) Ferdinando III genealogie mittelalter

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]