Marco Cé

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marco Cé
cardinale di Santa Romana Chiesa
Coat of arms of Marco Ce.svg
Christus ipse pax
Titolo Cardinale presbitero di San Marco
Incarichi attuali Patriarca emerito di Venezia
Nato Izano, 8 luglio 1925 (1925-07-08) (88 anni)
Ordinato presbitero 27 marzo 1948 dall'arcivescovo Luigi Traglia (poi cardinale)
Consacrato vescovo 17 maggio 1970 dal vescovo Carlo Manziana
Elevato patriarca 7 dicembre 1978
Creato cardinale 30 giugno 1979 da papa Giovanni Paolo II

Marco Cé (Izano, 8 luglio 1925) è un cardinale e patriarca cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Arme del cardinale Cè all'ingresso della basilica di San Marco a Roma

Ministero sacerdotale[modifica | modifica sorgente]

Nasce ad Izano (Cremona) l'8 luglio 1925 da una famiglia di agricoltori.

Riceve l'ordinazione sacerdotale il 27 marzo 1948 dalle mani dell'arcivescovo Luigi Traglia, vicegerente di Roma, città in cui si trova per compiere gli studi teologici presso la Pontificia Università Gregoriana e il Pontificio Istituto Biblico, dove consegue la laurea in teologia dommatica e la licenza in Sacra Scrittura.

In seguito, insegna al seminario diocesano di Crema, dove dal 1958 assume l'incarico di rettore. Nella sua diocesi di origine ha presieduto sin dalla sua fondazione la Commissione Liturgica seguendo l'attuazione della riforma liturgica di Paolo VI.

Vescovo ausiliare[modifica | modifica sorgente]

Eletto vescovo titolare di Vulturia e vescovo ausiliare di Bologna il 22 aprile 1970 da papa Paolo VI, viene ordinato nella cattedrale di Crema il 17 maggio dello stesso anno (giorno di Pentecoste) dal vescovo Carlo Manziana; inizia il suo ministero episcopale il 29 giugno 1970 durante la solenne concelebrazione tenutasi nella basilica di San Petronio,

Dopo sei anni di permanenza nell'arcidiocesi di Bologna (in cui ricoprirà l'incarico di vicario generale) viene nominato assistente ecclesiastico generale dell'Azione Cattolica.

Patriarca di Venezia[modifica | modifica sorgente]

Il 7 dicembre 1978 papa Giovanni Paolo II lo nomina patriarca di Venezia, succedendo così al cardinale Albino Luciani, eletto il 26 agosto 1978 al soglio di Pietro con il nome di papa Giovanni Paolo I e prematuramente scomparso dopo soli 33 giorni di pontificato.

È stato creato e pubblicato cardinale da papa Giovanni Paolo II nel concistoro del 30 giugno 1979 e ha ricevuto il titolo di San Marco. Era il più giovane cardinale italiano vivente.

Il 3 marzo 2002 accoglie il suo successore, il patriarca Angelo Scola.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Successione apostolica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Successione apostolica.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo titolare di Vulturia Successore BishopCoA PioM.svg
Luigi Bongianino 22 aprile 1970 - 7 dicembre 1978 Paolo Romeo
Predecessore Patriarca di Venezia Successore PatriarchNonCardinal PioM.svg
Albino Luciani 7 dicembre 1978 - 3 marzo 2002 Angelo Scola
Predecessore Cardinale presbitero di San Marco Successore CardinalCoA PioM.svg
Albino Luciani dal 30 giugno 1979 in carica

Controllo di autorità VIAF: 89494164