Pietro La Fontaine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietro La Fontaine
cardinale di Santa Romana Chiesa
Pietro La Fontaine 1922.jpg
Pietro La Fontaine fotografato nel 1922
CardinalCoA PioM.svg
Nato 29 novembre 1860 a Viterbo
Ordinato presbitero 23 dicembre 1883
Consacrato vescovo 23 dicembre 1906 dal cardinale Pietro Respighi
Elevato patriarca 5 marzo 1915
Creato cardinale 4 dicembre 1916 da papa Benedetto XV
Deceduto 9 luglio 1935 a Paderno del Grappa

Pietro La Fontaine (Viterbo, 29 novembre 1860Paderno del Grappa, 9 luglio 1935) è stato un cardinale e patriarca cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque a Viterbo il 29 novembre 1860; il padre, Francesco, era un orologiaio di origine svizzera, mentre la madre, Maria Bianchini, era una benestante borghese viterbese. Fu ordinato sacerdote nel 1883 dall'arcivescovo ad personam di Viterbo e Tuscania Giovanni Battista Paolucci; in seguito rimase per oltre vent'anni nel capoluogo della Tuscia, ove arrivò a guidare il locale seminario diocesano, fino a quando fu nominato vescovo di Cassano all'Ionio nel 1906. Diventò segretario della Congregazione dei Riti e arciprete della basilica lateranense nel 1910 per opera di papa Pio X.

Fu nominato patriarca di Venezia il 5 marzo 1915 da papa Benedetto XV, che lo elevò poi alla porpora cardinalizia, creandolo cardinale presbitero nel concistoro del 4 dicembre 1916 con titolo dei Santi Nereo ed Achilleo; nel 1921 optò per il titolo dei Santi XII Apostoli. Partecipò al conclave del 1922, durante il quale venne eletto papa Pio XI. Quest'ultimo gli affidò negli anni successivi numerosi importanti incarichi come legato pontificio.

Va notato come, in quel celebre, difficilissimo conclave, La Fontaine sia stato più volte ad un passo dall'elezione per la grande stima di cui godeva, dovuta alla sua bontà d'animo e agli enormi sacrifici personali che si era imposto sia negli ultimi anni della prima guerra mondiale sia nell'immediato dopoguerra per portare aiuto ai meno abbienti[1]. Morì nel seminario minore di Fietta di Paderno del Grappa. Nel 1960 venne aperta la causa di beatificazione[2][3].

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Successione apostolica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Successione apostolica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L'argomento è ampiamente trattato nella bella biografia di G. Vian: Pietro La Fontaine, Dizionario Biografico degli Italiani, Treccani, 2000, opera che è anche provvista di una ricchissima appendice bibliografica
  2. ^ L'iniziativa di aprire la causa di beatificazione fu assunta dall'allora patriarca di Venezia cardinale Urbani, anche se notoriamente il vero promotore era stato papa Giovanni XXIII, che, durante gli anni veneziani, aveva straordinariamente apprezzato la figura e le opere del La Fontaine
  3. ^ La città di Viterbo non ha mai dimenticato questo prestigioso porporato suo figlio: negli anni '50 gli fu intitolata una importante via del centro storico (Via Cardinal La Fontaine), ed inoltre, nel 1960 in occasione del centenario della nascita, fu posta dall'Amministrazione Comunale una lapide sulla sua casa natale.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Dati riportati su [1]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Cassano all'Ionio Successore BishopCoA PioM.svg
Antonio Maria Bonito 6 dicembre 1906 - 1º aprile 1910 Giuseppe Rovetta
Predecessore Vescovo titolare di Caristo Successore BishopCoA PioM.svg
Pacificio Fiorani 1º aprile 1910 - 5 marzo 1915 Paul-Gaston Laperrine d'Hautpoul
Predecessore Segretario della Congregazione dei riti Successore Coat of arms of the Vatican City.svg
 ? 1º aprile 1910 - 5 marzo 1915  ?
Predecessore Patriarca di Venezia Successore PatriarchNonCardinal PioM.svg
Aristide Cavallari 5 marzo 1915 - 9 luglio 1935 Adeodato Giovanni Piazza
Predecessore Cardinale presbitero dei Santi Nereo e Achilleo Successore CardinalCoA PioM.svg
Anton Hubert Fischer 7 dicembre 1916 - 7 marzo 1921 Dennis Joseph Dougherty
Predecessore Cardinale presbitero dei Santi XII apostoli Successore CardinalCoA PioM.svg
José Sebastião d'Almeida Neto 7 marzo 1921 - 9 luglio 1935 Ignace Gabriel I Tappouni

Controllo di autorità VIAF: 29434124 LCCN: nr96028232