Krisztián Németh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo calciatore slovacco, vedi Krisztián Németh (calciatore slovacco).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Krisztián Németh
Dati biografici
Nazionalità Ungheria Ungheria
Altezza 179 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Squadra Roda JC Roda JC
Carriera
Giovanili
2003-2005
Gyori ETO Győri ETO
Squadre di club1
2005-2007 MTK Budapest MTK Budapest 37 (14)
2007-2009 Liverpool Liverpool 0 (0)
2009 Blackpool Blackpool 1 (0)
2009 Liverpool Liverpool 0 (0)
2009-2010 AEK Atene AEK Atene 19 (3)
2010-2011 Olympiakos Olympiakos 16 (1)
2011-2012 MTK Budapest MTK Budapest 1 (1)
2012 RKC Waalwijk RKC Waalwijk 17 (4)
2012- Roda JC Roda JC 44 (10)
Nazionale
2005-2006
2006-2008
2009-
2009-
2010-
Ungheria Ungheria U-17
Ungheria Ungheria U-19
Ungheria Ungheria U-20
Ungheria Ungheria U-21
Ungheria Ungheria
9 (11)
8 (12)
4 (3)
7 (3)
13 (1)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 23 novembre 2013

Krisztián Németh (ˈkɾistiaːn ˈneːmɛt; Győr, 5 gennaio 1989) è un calciatore ungherese, attaccante del Roda JC e della Nazionale ungherese.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Győr, Németh ha cominciato e giocare a calcio nel club della sua città, il Győri ETO F.C., giocando nelle giovanili dal 2003 al 2005.

MTK Budapest[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 ha firmato per l'MTK Budapest, segnando 18 volte in 37 partite, e contribuendo in maniera importante alla corsa al titolo persa per poco dalla sua squadra nella stagione 2006-07.

Liverpool[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine della stagione ha firmato un contratto triennale con il Liverpool insieme al compagno András Simon. Il club ha dichiarato di aver visto in lui un grande talento ed un grande a brillante futuro nel Merseyside[1]. Nonostante sia utilizzato soprattutto come attaccante, spesso gioca più lontano dalla porta, dove provvede a recuperare palloni e servire il suo vero marchio di fabbrica: i passaggi in profondità. Si può dire, quindi, che sia più una mezzapunta con l'indole da trequartista che un centravanti bomber.

Németh ha segnato una doppietta nel suo debutto con la squadra-riserve del Liverpool il 27 novembre 2007 contro il Manchester City[1]. Una settimana dopo ha segnato un'altra doppietta alle riserve dell'Everton[1][2]. Ha segnato poi il quinto gol in tre partite contro le riserve del Middlesbrough, proiettando il Liverpool in testa alla classifica del campionato riserve. In un'altra partita, con un gran pallonetto, ha permesso al Liverpool di battere le riserve del Sunderland e di guadagnare 5 punti di vantaggio sulla seconda in classifica.

Nell'aprile 2008, Németh ha segnato l'unico gol dell'1-0 alle riserve del Blackburn che ha consegnato al Liverpool il campionato delle riserve[1][3]. Il 7 maggio ha aperto il 3-0 alle riserve dell'Aston Villa che ha sigillato il titolo appena conquistato. Grazie alle sue mirabolanti prestazioni è stato nominato capocannoniere del campionato riserve nella stagione 2007-08; per la stessa stagione è stato anche votato Miglior Giocatore Riserva dai tifosi del Liverpool.

Il 30 luglio Németh è subentrato nel secondo tempo in un'amichevole precampionato contro il Villareal, prima partita con la prima squadra dei Reds: sfiorando la traversa, stava per dare il vantaggio alla sua squadra. Il 2 agosto ha giocato allo stesso modo (entrando nel secondo tempo) in un'altra amichevole contro i Rangers. Al 58' un suo tiro-cross ha creato l'occasione perfetta per il tap-in del compagno Yossi Benayoun, mentre al 70' si è procurato il rigore trasformato poi da Xabi Alonso.

Lo stesso 2 agosto il c.t. ungherese Erwin Koeman ha sollecitato il giocatore ad andare a giocare in prestito in Championship per fare più esperienza e giocare con più continuità. Németh ha poi rifiutato l'offerta del Leeds, club di League One, affermando di voler rimanere nella prima squadra e nei piani del coach Rafa Benitez.

Se prima, in quanto membro della squadra riserve, non aveva un numero ufficiale in prima squadra, per la nuova stagione gli è stato dato il numero 29, accogliendolo ufficialmente nel team principale[4].

Il 26 gennaio 2009, però, ha firmato un contratto mensile con il Blackpool, trasferendosi in prestito al club di Championship[5][6]. Il giorno dopo ha esordito con i Seasiders contro il Queens Park Rangers, entrando al 59esimo minuto e servendo in maniera eccepibile ma purtroppo vana il compagno David Fox. Dopo la sconfitta finale per 0-3, si è anche scoperto che, appena 1 minuto dopo l'ingresso in campo di Németh, questi si era fratturato l'osso della guancia urtando violentemente un difensore avversario[7][8].

Rientrato a Liverpool, non giocò per il resto della stagione, osservando dalla panchina le amichevoli precampionato contro il San Gallo, il Rapid Vienna e la Thailandia, segnando una doppietta al Singapore[9].

AEK Atene[modifica | modifica wikitesto]

Prima dell'inizio ufficiale della nuova stagione (2009-10), Németh decide di lasciare temporaneamente Liverpool per fare esperienza, e il 25 agosto viene annunciato il suo prestito annuale all'AEK di Atene[10]. Il primo impatto è stato molto positivo, caricandolo per le sfide future; ha poi dichiarato: "Sono arrivato in un grande club e in una grande città." e "Spero di vincere il campionato".

Il 30 agosto ha debuttato ufficialmente entrando all'inizio del secondo tempo contro l'Atromitos. Dopo una gran corsa serve un assist d'oro per Ismael Blanco, che segna l'unico gol del match. Il suo essere pericolo costante per la retroguardia avversaria, viene nominato Miglior Giocatore della Settimana dalla Souper Ligka Ellada.

Il 20 settembre segna il suo primo gol per l'AEK, nell'1-1 contro il PAS Giannina. Tre giorni dopo segna nel 1-2 inflitto agli eterni rivali dell'Olympiakos.

Dopo essere ritornato dai Mondiali Under-20, ha giocato ogni partita prima della pausa internazionale, fra cui va notato un 3-1 al Larissa il 9 novembre, dove ha segnato un gol di testa dopo essere entrato nel 2º tempo[11].

Nella seconda metà della stagione, Németh ha stentato giocando di meno a causa di un infortunio alla caviglia rimediato durante i suoi impegni nazionali. Ciò lo ha tenuto lontano dai campi da gioco fino alle gare finali, nelle quali ha giocato soprattutto da subentrante. Nella partita finale della stagione contro l'Asteras Tripolis ha servito entrambi gli assist per la vittoria per 2-0, che ha assicurato ai Giallo-Neri l'ingresso nei play-off come terza classificata. Il secondo posto stagionale dell'AEK è anche merito di Németh, il cui contributto non è stato tanto in gol quanto in assist.

Olympiakos[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 agosto 2010 passa all'Olympiakos per 1,2 milioni di euro. Nel contratto è inoltre inserita una clausa secondo la quale al Liverpool spetta il 25% di qualsiasi futura vendita.

Ritorno all'MTK Budapest e Olanda[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un solo gol segnato in 16 presenze, nell'estate 2011 ritorna al MTK Budapest. Segna il suo primo gol alla sua unica presenza, poiché nel gennaio 2012 passa in Olanda al RKC Waalwijk. Segna il suo primo gol il 24 febbraio nella vittoria per 1-0 contro il Vitesse Arnhem. Conclude la stagione con 17 presenze e 4 gol.
In estate passa al Roda JC debuttando l'11 agosto nel 1-1 contro il PEC Zwolle. Segna il suo primo gol con la nuova maglia il 31 agosto nel 3-0 contro il Willem II. Conclude la sua seconda stagione in Olanda con 23 presenze e 3 gol.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Under-17[modifica | modifica wikitesto]

Németh era membro della squadra ungherese under-17 che ha conquistato la partecipazione agli europei di categoria del 2006, in Lussemburgo. Una sua grande prestazione contro la Svezia il 30 marzo ha garantito, dopo il 4-0, l'ingresso dell'Ungheria nelle fasi finali[12]. Arrivati però al campionato l'Ungheria è stata eliminata nella fase a gironi, nonostante due gol di Németh. È stato incluso nel "Dream Team" ungherese under-17 del 2006 e nel "Dream Team" europeo under-18 l'anno dopo. Nel 2008, poi, ha fatto parte del "Dream Team" ungherese under-19.

Under-19[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2008 un suo gol contro il Portogallo ha portato la sua nazionale agli Europei di categoria del 2008. Prima del loro inizio, però, è stato convocato in prima squadra[1] per un 1-1 contro la Croazia, sedendo in panchina per tutto il match. Il 14 luglio, al 10' del primo tempo, segna il primo gol dell'Europeo nella vittoria per 1-0 contro la Bulgaria, e gioca anche nella successiva partita contro la Spagna il 17 luglio, che garantisce ai magiari il passaggio del turno, e nella semifinale persa 1-0 contro l'Italia[13][14]. Segna poi 7 gol in un mini-torneo Under-19 a Cipro.

Under-20[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 2009 è stato chiamato nella nazionale under-20 per il Mondiale Under-20. Ha giocato in due delle tre partite della fase a gironi, segnando nell'ultima sfida contro gli Emirati Arabi Uniti insieme a Vladimir Koman e garantendo all'Ungheria il passaggio del turno come prima squadra classificata nel girone F[15]. Dopo aver sbagliato un rigore negli ottavi contro la Repubblica Ceca, il 9 ottobre ha offerto una brillante prestazione contro l'Italia. Dopo l'1-1 dei tempi regolamentari, al 112' segna il 2-1, ma gli avversari pareggiano ancora dopo appena 1'. A 3' dai calci di rigore, raccoglie un lancio perfetto di Koman ed insacca la rete del definitivo 3-2, che proietta la nazionale ungherese in semifinale[16]. Nel match viene sostituito a metà partita, e la nazionale perde 3-2 contro gli africani del Ghana[17]. Nella finale per il terzo e quarto posto contro la Costa Rica, sotto per 1-0, al 90' si guadagna un calcio di rigore trasformato dal compagno Koman. Ai rigori, poi, fa il suo dovere regalando ai magiari il 3º posto[18].

Under-21[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 novembre 2009 segna il suo primo gol con la maglia dell'Under-21 nelle qualificazioni per l'europeo under-21 del 2011 in Danimarca. Nella città natale di Győr, infatti, segna il primo dei 2 gol all'Italia nel 2-0 finale[19].

Nazionale maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 maggio, Németh è stato convocato per le amichevoli contro Germania e Olanda. Il debutto internazionale con l'Ungheria è 15 giorni dopo la convocazione, il 29 maggio, quando entra al 61esimo della sfida contro la Germania.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Totale
Comp Pres Reti Pres Reti
2005-2006 Ungheria MTK Budapest NB1 12 2 12 2
2006-2007 NB1 25 12 25 12
2007-2008 Inghilterra Liverpool PL 0 0 0 0
ago. 2008-gen. 2009 PL 0 0 0 0
feb.-mar. 2009 Inghilterra Blackpool FLC 1 0 1 0
apr.-giu. 2009 Inghilterra Liverpool PL 0 0 0 0
Totale Liverpool 0 0 0 0
2009-2010 Grecia AEK Atene SLG 17 3 17 3

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

  • Campionato inglese riserve: 1
Liverpool: 2007-2008
Olympiakos: 2010-2011

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior giovane ungherese dell'anno: 1
2006
  • Miglior giovane del Liverpool dell'anno:1
2008
  • Miglior riserva del Liverpool: 1
2007-08
  • Componente del "Dream Team" ungherese: 1
2006
  • Componente del "Dream Team" europeo Under-18: 1
2007

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Krisztian Nemeth, Liverpool F.C.. URL consultato il 5 dicembre 2009.
  2. ^ Paul Hassall, NEMETH DOUBLE EARNS DERBY DELIGHT, Liverpool F.C., 4 dicembre 2007. URL consultato il 26 gennaio 2009.
  3. ^ RESERVES CROWNED NATIONAL CHAMPIONS, Liverpool F.C.. URL consultato l'8 maggio 2008.
  4. ^ Jimmy Rice, TRIO HANDED FIRST-TEAM SQUAD NUMBERS, Liverpool F.C., 6 agosto 2008. URL consultato il 6 agosto 2008.
  5. ^ Jimmy Rice, NEMETH AND LINDFIELD ON THE MOVE, Liverpool F.C., 26 gennaio 2009. URL consultato il 26 gennaio 2009.
  6. ^ Seasiders Make Move For Nemeth, Blackpool F.C., 26 gennaio 2009. URL consultato il 26 gennaio 2009.
  7. ^ Steve Canavan, Freash striker blow for Pool, Blackpool Gazette, 28 gennaio 2009. URL consultato il 28 gennaio 2009.
  8. ^ Nemeth Sustains Injury On Pool Debut, Blackpool F.C., 28 gennaio 2009. URL consultato il 28 gennaio 2009.
  9. ^ RAFA: NEMETH IS A GREAT FINISHER, liverpool.tv. URL consultato il 26 luglio 2009.
  10. ^ Liverpool loan Nemeth to Athens, BBC Sport, 26 agosto 2009. URL consultato il 26 agosto 2009.
  11. ^ AEK claim home win, FIFA. URL consultato il 5 dicembre 2009.
  12. ^ Prolific Nemeth the Hungary hero, UEFA, 30 marzo 2006. URL consultato il 26 gennaio 2009.
  13. ^ Andrew Haslam, Németh raises Hungary hopes, UEFA, 14 luglio 2008. URL consultato il 26 gennaio 2009.
  14. ^ Andrew Haslam, Struncovy Sady, Forestieri fires Italy into final, UEFA, 23 luglio 2008. URL consultato il 26 gennaio 2009.
  15. ^ Hungary win to top group, FIFA. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  16. ^ The spectacle of Suez, FIFA. URL consultato il 9 ottobre 2009.
  17. ^ Quansah fires Ghana to final, FIFA. URL consultato il 13 ottobre 2009.
  18. ^ Hungary win battle for bronze, FIFA. URL consultato il 18 ottobre 2009.
  19. ^ Jimmy Rice, Nemeth stuns Italy, 14 novembre 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]