Jordy Nelson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jordy Nelson
Jordy Nelson (cropped).jpg
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 191 cm
Peso 98 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Wide receiver
Squadra Stemma Green Bay Packers Green Bay Packers
Carriera
Giovanili
2003-2007 Stemma Kansas State Wildcats Kansas State Wildcats
Squadre di club
2008- Stemma Green Bay Packers Green Bay Packers
Palmarès
Super Bowl 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 15 maggio 2014

Jordy Ray Nelson (Manhattan, 31 maggio 1985) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di wide receiver per i Green Bay Packers della National Football League (NFL). Al college giocò a football per la Kansas State University venendo nominato All-American. Nelson fu scelto nel corso del secondo giro del Draft NFL 2008 dai Packers.

Carriera universitaria[modifica | modifica wikitesto]

Nelson iniziò a giocare coi Kansas State Wildcats come defensive back ma fu quasi subito spostato nel ruolo di ricevitore. Nel suo ultimo anno al college, Nelson fu uno dei migliori ricevitore della nazione e fu inserito tra gli All-American dopo aver ricevuto 122 passaggi per 1.606 yard ed 11 touchdown.

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Green Bay Packers[modifica | modifica wikitesto]

Stagione 2008[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 aprile 2008, primo giorno del Draft NFL, Nelson fu scelto dai Green Bay Packers con la 5ª scelta del secondo giro (36° assoluta)[1]. Nelson fu il terzo ricevitore scelto nel draft. Egli segnò il suo primo touchdown su ricezione il 14 settembre 2008, su un passaggio da 29 yard dal quarterback Aaron Rodgers. La sua seconda ricezione da touchdown venne nella settimana 14 contro gli Houston Texans. Nelson terminò la sua annata da rookie con 33 ricezioni per 366 yards e 2 touchdown.

Stagione 2009[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009, Nelson giocò 13 partite per Packers, ricevendo 22 palloni per 320 yard e 2 touchdown. Egli inoltre si vide in azione come ritornatore dei punt.

Stagione 2010[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2010 stabilì i record in carriera per yard ricevute (582) e prese (45), segnando altri 2 touchdown su passaggio per il terzo anno consecutivo[2]. Dopo l'infortunio di Aaron Rodgers contro i Detroit Lions il 12 dicembre 2010, fu rivelato che Nelson servì anche come terzo quarterback di emergenza per i Packers.

Nei playoff 2010-11, dopo che fornì ottime prestazioni contro Atlanta e Chicago[3], Nelson ricevette un passaggio da 29 yard trasformandolo in touchdown su una situazione di terzo&1 marcato da William Gay, aprendo le marcature nel Super Bowl XLV[4]. Nel resto della partita, Nelson faticò e non segnò altri touchdown. Ad ogni modo, egli recuperò un passaggio corto all'inizio dell'ultimo quarto avanzando di 38 yard e arrivando sulla linea delle 2 yard degli Steelers[5]. Nelson fu il miglior ricevitore della partita con 9 ricezioni per 140 yard (entrambi record in carriera)[6], oltre ad aver guadagnato altre 19 yard su ritorno da un kick.[7]. I Packers vinsero 31-25 su Pittsburgh e Nelson vinse il suo primo titolo NFL.

Stagione 2011[modifica | modifica wikitesto]

Nelson nel 2011.

Nella stagione 2011, dopo la prestazione al Super Bowl, il minutaggio e le cifre nelle statistiche di Jordy aumentarono sensibilmente. Egli la stagione regolare con i record in carriera di touchdown (15), ricezioni (68) e yard ricevute (1.263). Jordy ebbe tre ricezioni da TD nella gara finale della stagione contro i Detroit Lions, piazziandosi al terzo posto nella storia della franchigia per passaggi da TD segnati in una stagione dopo Sterling Sharpe (18) e Don Hutson (17). I Packers chiusero col miglior record della lega (15-1) ma furono eliminati subito dai New York Giants nel divisional round dei playoff. A fine stagione, Nelson fu votato all'80º posto nella NFL Top 100, l'annuale classifica dei migliori cento giocatori della stagione[8].

Stagione 2012[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 settembre, nella seconda gara della stagione, Nelson guidò i Packers con 6 passaggi ricevuti per 84 yard nella vittoria contro gli storici rivali dei Chicago Bears[9]. Nella settimana 4 i Packers superarono 28-27 i New Orleans Saints con Jordy che guidò ancora la squadra con 93 yard ricevute e un touchdown[10].

Nella settimana 6 Nelson disputò una partita strepitosa in cui segnò 3 touchdown e ricevette 121 yard coi Packers che sconfissero nettamente gli imbattuti Houston Texans[11]. Nel turno successivo, Jordy giocò un'altra gara notevole coi Packers che superarono i St. Louis Rams ricevendo 122 yard e segnando un altro touchdown[12].

Nella settimana 12 Nelson segnò l'unico touchdown di Packers nella sconfitta contro i Giants, interrompendo una striscia di 5 vittorie consecutive[13].

Dopo aver perso diverse partite per infortunio, Nelson tornò nell'ultimo turno di campionato, ricevendo 87 yard e segnando un touchdown, coi Packers che furono sconfitti dai Minnesota Vikings, concludendo col terzo record della NFC e venendo costretti a giocare il turno delle wild card[14].

Stagione 2013[modifica | modifica wikitesto]

Per il secondo anno consecutivo i Packers persero al debutto contro i 49ers, con Nelson che ricevette 130 yard e un touchdown [15]. La settimana successiva segnò altri due touchdown nella vittoria sui Washington Redskins[16]. La quarta marcatura stagionale la segnò nella settimana 6 contro i Baltimore Ravens campioni in carica, in cui terminò con 113 yard ricevute[17], e la quinta la domenica seguente contro i Browns[18]. Nella vittoria sui Vikings della settimana 8 guidò i Packers con 123 yard ricevute e segnò altre due marcature[19]. Tornò a segnare nella settimana 15 in trasferta contro i Dallas Cowboys coi Packers che passarono da uno svantaggio di 26-3 alla fine del primo tempo alla vittoria in rimonta per 37-36[20]. Fu la prima vittoria di Green Bay a Dallas dalla stagione 1989. La stagione regolare di Nelson terminò con i primati in carriera di ricezioni (85) e yard ricevute (1.314) giocando per la prima volta tutte le 16 gare come titolare.

Nel primo turno di playoff, i Packers al Lambeau Field disputarono una delle migliori prestazioni dell'anno ma furono infine sconfitti come l'anno precedente dai San Francisco 49ers. Nelson concluse quella gara guidando la sua squadra con 62 yard ricevute e 1 touchdown[21]. A fine anno fu votato all'83º posto nella NFL Top 100[22].

Stagione 2014[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 luglio 2014, Nelson firmò con i Packers un prolungamento contrattuale quadriennale del valore di 39 milioni di dollari[23]. Nella settimana 2 trascinò i suoi a rimontare uno svantaggio di 18 punti contro i Jets ricevendo un record in carriera di 209 yard e segnando un touchdown[24]. Tornò a segnare due settimane ricevendo due settimane dopo ricevendo 2 touchdown da Aaron Rodgers nella vittoria al Soldier Field di Chicago[25].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Franchigia[modifica | modifica wikitesto]

Green Bay Packers: Super Bowl XLV
Green Bay Packers: 2010

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra P PT Ric Yard Media Max TD FUM
2008 Green Bay Packers 16 2 33 366 11,1 29 2 0
2009 Green Bay Packers 13 0 22 320 14,5 51 2 4
2010 Green Bay Packers 16 4 45 582 12,9 80 2 6
2011 Green Bay Packers 16 9 68 1.263 18,6 93 15 0
2012 Green Bay Packers 12 10 49 745 15,2 73 7 0
2013 Green Bay Packers 16 16 85 1.314 15,5 76 8 0
Totale 89 41 302 4.590 15,2 93 36 10

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 2008 National Football League Draft, Pro Football Hall Hall of Fame. URL consultato il 30 settembre 2012.
  2. ^ (EN) Jordy Nelson stats, news.
  3. ^ (EN) "Packers’ Nelson has gone from small-town Kansas to Super stage".
  4. ^ (EN) "Live Analysis: Super Bowl XLV, Steelers vs. Packers".
  5. ^ (EN) ,"Packers' underrated Nelson nearly winds up MVP".
  6. ^ (EN) "Green And Golden: Behind the poise and precision of quarterback Aaron Rodgers and the gutsy contributions of a host of role players, the Packers burnished their championship legacy with a memorable 31--25 victory over Pittsburgh in Super Bowl XLV".
  7. ^ (EN) "Super Bowl XLV boxscore on NFL.com".
  8. ^ (EN) NFL.com - Top 100 Players of 2012.
  9. ^ (EN) Game Center: Chicago 10 Green Bay 23, NFL.com, 13 settembre 2012. URL consultato il 14 settembre 2012.
  10. ^ (EN) Game Center: New Orleans 27 Green Bay 28, NFL.com, 30 settembre 2012. URL consultato il 1 ottobre 2012.
  11. ^ (EN) Game Center: Green Bay 42 Houston 24, NFL.com, 14 ottobre 2012. URL consultato il 15 ottobre 2012.
  12. ^ (EN) Game Center: Green Bay 30 St. Louis 20, NFL.com, 21 ottobre 2012. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  13. ^ (EN) Game Center: Green Bay 10 New York 38, NFL.com, 25 novembre 2012. URL consultato il 27 novembre 2012.
  14. ^ (EN) Game Center: Green Bay 34 Minnesota 37, NFL.com, 31 dicembre 2012. URL consultato il 31 dicembre 2012.
  15. ^ (EN) Game Center: Green Bay 28 San Francisco 34, NFL.com, 8 settembre 2013. URL consultato il 9 settembre 2013.
  16. ^ (EN) Game Center: Washington 20 Green Bay 38, NFL.com, 15 settembre 2013. URL consultato il 16 settembre 2013.
  17. ^ (EN) Game Center: Green Bay 19 Baltimore 17, NFL.com, 13 ottobre 2013. URL consultato il 14 ottobre 2013.
  18. ^ (EN) Game Center: Cleveland 13 Green Bay 31, NFL.com, 20 ottobre 2013. URL consultato il 21 ottobre 2013.
  19. ^ (EN) Game Center: Green Bay 44 Minnesota 31, NFL.com, 27 ottobre 2013. URL consultato il 28 ottobre 2013.
  20. ^ (EN) Game Center: Green Bay 37 Dallas 36, NFL.com, 15 dicembre 2013. URL consultato il 16 dicembre 2013.
  21. ^ (EN) Phil Dawson kicks Niners to Divisional Round, NFL.com, 5 gennaio 2014. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  22. ^ (EN) The Top 100 Players of 2014, NFL.com, 14 maggio 2014. URL consultato il 15 maggio 2014.
  23. ^ (EN) Jordy Nelson, Packers strike 4-year, $39M extension, NFL.com, 26 luglio 2014. URL consultato il 26 luglio 2014.
  24. ^ (EN) Game Center: Kansas City 17 Denver 24, NFL.com, 14 settembre 2014. URL consultato il 15 settembre 2014.
  25. ^ (EN) Game Center: Green Bay 38 Chicago 17, NFL.com, 28 settembre 2014. URL consultato il 29 settembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]