Tramon Williams

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tramon Williams
Tramon Williams.jpg
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 180 cm
Peso 87 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Cornerback
Squadra Stemma Green Bay Packers Green Bay Packers
Carriera
Giovanili
Louisiana Tech
Squadre di club
2006 Stemma Houston Texans Houston Texans
2006- Stemma Green Bay Packers Green Bay Packers
Statistiche aggiornate al 6 gennaio 2014

Tramon Vernell Williams (Houma, 16 marzo 1983) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di cornerback per i Green Bay Packers della National Football League (NFL). Dopo non essere stato selezionato nel Draft NFL 2006 firmò con gli Houston Texans . Al college ha giocato a football a Louisiana Tech.

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Houston Texans[modifica | modifica wikitesto]

Williams firmò con gli Houston Texans in qualità di free agent non scelto nel draft il 2 maggio 2006 ma venne rilasciato nel corso degli ultimi tagli del roster nella pre-stagione.

Green Bay Packers[modifica | modifica wikitesto]

Williams giunse a un accordo contrattuale coi Green Bay Packers il 29 novembre 2006.

Williams nel 2011.

Dopo essere rimasto inattivo nel corso della stagione 2006, dal 2007 al 2009 si assicurò un posto fisso nel roster giocando come titolare un totale di 20 partite nell'arco di tre anni (19 delle quali nel 2008 e 2009). I suoi progressi furono tali che nel corso della stagione 2009 si assicurò il posto da titolare fisso al lato opposto dell'altro cornerback Charles Woodson, soppiantando Al Harris, infortunatosi a metà stagione. Quello fu il suo primo anno sotto la supervisione del nuovo coordinatore difensivo Dom Capers e dell'allenatore dei cornerback Joe Whitt Jr.

Dal momento che Harris non si era completamente ristabilito dall'infortunio al legamento crociato anteriore patito nell'annata precedente, Williams partì nuovamente titolare nella stagione 2010. Dopo un'ottima stagione regolare[1], Williams iniziò i playoff con un intercetto su Michael Vick nella end zone con 30 secondi rimanenti sul cronometro, assicurando ai Packers la vittoria sui Philadelphia Eagles nel primo turno della off-season[2]. Nella seconda gara di playoff in trasferta contro gli Atlanta Falcons, Williams mise a segno due intercetti nel primo tempo. Il primo dei due salvò i Packers dal subire un probabile touchdown. Successivamente, con un minuto alla fine del secondo quarto e i Falcons intenti a cercare di portarsi nella posizione utile per calciare un field goal, Williams si avventò sul passaggio di Matt Ryan a Roddy White e corse per 70 yard fino a segnare il primo touchdown della carriera.

Il 20 gennaio 2011, Williams fu convocato per il suo primo Pro Bowl dopo l'infortunio del cornerback degli Eagles Asante Samuel. A causa della presenza dei Packers nel Super Bowl, dovette però rinunciare.

Il 6 febbraio 2011, giorno del Super Bowl XLV, Williams partì come titolare nella vittoria di Green Bay sui Pittsburgh Steelers 31-25 che riportò il Lombardi Trophy nel Wisconsin dopo 14 anni[3].

Nella stagione 2011, Williams giocò come titolare 15 gare terminando l'annata con i proprio primati in carriera di tackle (64) e passaggi deviati (22) oltre a 4 intercetti. I Packers conclusero la stagione regolare col miglior record della lega, 15-1, ma non riuscirono a bissare il titolo dell'anno precedente a causa dell'eliminazione da parte dei New York Giants nel divisional round dei playoff.

Il 13 settembre 2012, nella seconda gara della stagione contro gli storici rivali dei Chicago Bears, Williams mise a segno due intercetti su Jay Cutler[4]. La sua stagione si concluse giocando tutte le 16 gare come titolare, mettendo a segno 52 tackle e 2 intercetti.

Il primo intercetto della stagione 2013, Williams lo fece registrare nella settimana 10 contro gli Eagles mentre il secondo due settimane dopo contro i Lions, ma i Packers furono sconfitti in entrambi i casi[5]. Tornò a mettere a segno un intercetto nella settimana 15 in trasferta contro i Dallas Cowboys coi Packers che passarono da uno svantaggio di 26-3 alla fine del primo tempo alla vittoria in rimonta per 37-36[6]. Fu la prima vittoria di Green a Dallas dalla stagione 1989. Nel primo turno di playoff, i Packers al Lambeau Field disputarono una delle migliori prestazioni dell'anno ma furono infine sconfitti come l'anno precedente dai San Francisco 49ers, in una gara in cui Tramon intercettò Colin Kaepernick[7].

Vittorie e premi[modifica | modifica wikitesto]

Franchigia[modifica | modifica wikitesto]

Green Bay Packers: Super Bowl XLV
Green Bay Packers: 2010

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2010

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra P PT Tack Ast Sack Int Yard Media Max TD PD FF FR
2006 Stemma Green Bay Packers Green Bay Packers 0 0 0 0 0 0 0 0.0 0 0 0 0 0
2007 Stemma Green Bay Packers Green Bay Packers 16 1 17 1 0 1 22 22.0 22 0 4 0 0
2008 Stemma Green Bay Packers Green Bay Packers 16 9 57 5 0 5 78 15.6 39 0 14 2 0
2009 Stemma Green Bay Packers Green Bay Packers 16 10 55 9 1 4 92 23.5 67 0 15 0 0
2010 Stemma Green Bay Packers Green Bay Packers 16 16 57 7 1 6 87 14.5 64 0 20 1 0
2011 Stemma Green Bay Packers Green Bay Packers 15 15 64 11 0 4 92 23.0 43 1 22 0 0
2012 Stemma Green Bay Packers Green Bay Packers 16 16 61 9 0 2 38 19.0 38 0 16 0 0
2013 Stemma Green Bay Packers Green Bay Packers 16 16 83 22 2.5 3 10 3.3 10 0 11 2 0
Totale 111 83 394 64 4.5 25 421 - 67 1 102 5 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gamelogs: 2010.
  2. ^ (EN) A Packers Cornerback Is Overlooked No Longer.
  3. ^ (EN) "Super Bowl XLV Box Score".
  4. ^ (EN) Game Center: Chicago 10 Green Bay 23, NFL.com, 13 settembre 2012. URL consultato il 14 settembre 2012.
  5. ^ (EN) Game Center: Green Bay 10 Detroit 40, NFL.com, 28 novembre 2013. URL consultato il 28 novembre 2013.
  6. ^ (EN) Game Center: Green Bay 37 Dallas 36, NFL.com, 15 dicembre 2013. URL consultato il 16 dicembre 2013.
  7. ^ (EN) Phil Dawson kicks Niners to Divisional Round, NFL.com, 5 gennaio 2014. URL consultato il 6 gennaio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]