Herschel Walker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Herschel Walker
Herschel Walker.jpg
Walker nel 2004.
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 185 cm
Peso 102 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Running back
Squadra Ritirato
Carriera
Giovanili
Stemma Georgia Bulldogs Georgia Bulldogs
Squadre di club
1983 - 1985 600px Rosso Blu e Bianco.png N.J. Generals (USFL)
1986 - 1989 Stemma Dallas Cowboys Dallas Cowboys
1989 - 1991 Stemma Minnesota Vikings Minnesota Vikings
1992 - 1994 Stemma Philadelphia Eagles Philadelphia Eagles
1995 Stemma New York Giants New York Giants
1996 - 1997 Stemma Dallas Cowboys Dallas Cowboys
Palmarès
Selezioni al Pro Bowl 2
All-Pro 2
Per maggiori dettagli vedi qui
Bob Bobsleigh pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Bob a due
Statistiche aggiornate al 18 febbraio 2014

Herschel Junior Walker (Wrightsville, 3 marzo 1962) è un ex giocatore di football americano, artista marziale misto ed ex bobbista statunitense. Al college ha giocato a football alla University of Georgia, venendo premiato tre volte come All-American e vincendo l'Heisman Trophy nel 1982. Walker iniziò la sua carriera nel football professionistico coi New Jersey Generals della United States Football League (USFL), prima di passare ai Dallas Cowboys della National Football League (NFL). Nella NFL giocò anche con Minnesota Vikings, Philadelphia Eagles e New York Giants. È stato indotto nella College Football Hall of Fame nel 1999.

Carriera nel football[modifica | modifica sorgente]

Carriera universitaria[modifica | modifica sorgente]

Walker giocò come running back per la University of Georgia, dove fu premiato tre volte come All-American e nel 1982 vinse l'Heisman Trophy[1], il massimo riconoscimento individuale a livello universitario, e il Maxwell Award. È l'unico giocatore della storia della NCAA ad essere finito ai primi tre posti nelle votazioni dell'Heisman in tutte le sue tre stagioni al college e l'unico ad essere finito nei primi dieci nelle yard corse in quei tre anni. Durante la sua stagione da freshman nel 1980, Walker stabilì il record NCAA per un giocatore al primo anno nelle yard corse e terminò terzo nelle votazioni dell'Heisman voting. Walker fu il primo "true freshman" ad essere inserito nel first-team All-American[2].

Walker fu il principale protagonista dei Georgia Bulldogs ad evitare la sconfitta e a vincere de facto il titolo nazionale con la vittoria su Notre Dame nello Sugar Bowl. Nel 1999, Walker fu indotto nella College Football Hall of Fame ed è largamente considerato uno dei migliori giocatori di football universitario di tutti i tempi[3].

United States Football League[modifica | modifica sorgente]

La United States Football League rules (diversamente dalla NFL) permetteva agli atleti di passare professionisti dopo la loro stagione da junior piuttosto che aspettare un ulteriore anno per aspettare la laurea. Inoltre, le regole gli consentirono di scegliere dove giocare, massimizzando gli introiti pubblicitari. He stated, "Non so se vorrei giocare nella NFL se non per le due squadre di New York o i Dallas Cowboys." Walker firmò coi New Jersey Generals nel 1983, posseduti dal magnate del petrolio dell'Oklahoma J. Walter Duncan, che dopo la stagione 1983 cedette la squadra all'altro miliardario Donald Trump. Walker attrasse solo una proposta di sponsorizzazione di rilievo, una partnership tra McDonald's e Adidas.

Walker guidò la USFL in yard corse nel 1983 e 1985, anno, quest'ultimo, in cui guadagnò oltre 4.000 yard totali in attacco. Egli stabilì un record per il football professionistico correndo 2.411 yard nel 1985, a una media di 5,50 yard a portata in 18 gare. Nei suoi tre anni di carriera nella USFL, Walker corse 5.562 yard su 1.143 possessi, a una media di 4,87 yard l'uno[4].

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Statistiche nella USFL
New Jersey Generals
Corse Ricezioni
ANNO TEN YARD MEDIA MAX TD RIC YARD TD
1983 412 1.812 4,4 80 17 53 489 1
1984 293 1.339 4,6 69 16 40 528 5
1985 438 2.411 5,5 88 21 37 467 1

National Football League[modifica | modifica sorgente]

Dallas Cowboys[modifica | modifica sorgente]

I Dallas Cowboys della National Football League, sospettando che la USFL non sarebbe durata a lungo, acquisirono i diritti su Walker scegliendolo nel Draft NFL 1985[5]. Quando la USFL fallì nel 1986, Walker si unì ai Cowboys come fullback. Durante questi due primi anni coi Cowboys, Herschel divise i possessi con Tony Dorsett, diventando il primo backfield composto da due vincitori dell'Heisman Trophy nella storia della NFL.

Walker nel 2010.

Walker si impose come uno dei migliori running back della NFL, ma quando Dorsett fu scambiato coi Denver Broncos nel 1988, Walker rimase l'unico punto di riferimento dell'attacco della squadra, raggiungendo i suoi primati nella NFL con 1.514 yard corse e 505 yard ricevute, giocando in sette diversi ruoli: halfback, fullback, tight end, H-back, wide receiver, sia a destra che a sinistra, e flanker. Egli divenne solamente il decimo giocatore nella storia della lega a raggiungere le 2.000 yard complessive tra corse e ricezioni in una stagione. In quegli anni venne convocato per due Pro Bowl consecutivi (1987 e 1988). Nel 1989, all'apice della sua carriera NFL, i Cowboys scambiarono Walker coi Minnesota Vikings per un totale di 5 giocatori (LB Jesse Solomon, DB Issiac Holt, RB Darrin Nelson, LB David Howard, DE Alex Stewart) e sei scelte del draft (che furono utilizzate per Emmitt Smith, Russell Maryland, Kevin Smith e Darren Woodson). Questa operazione segnò il punto di svolta per i Cowboys nel costruire la dinastia che avrebbe dominato in lungo e in largo la NFL nella prima metà degli anni novanta.

Minnesota Vikings[modifica | modifica sorgente]

Soprannominato "HWT" (Herschel Walker trade), lo scambio di Walker, considerato quanto i Vikings dovettero cedere per ottenere i servigi del giocatore, rimane largamente considerato una delle peggiori scelte della storia della NFL[6][7]. Gli allenatori dei Vikings accettarono con riluttanza la presenza di Walker dopo la scambio e le sue qualità non furono mai pienamente sfruttate[8]. Dal momento del suo arrivo a Minneapolis tuttavia, la "Herschel Mania" dilagò. Dopo un singolo allenamento da due ore a mezza e 12 sole giocate offensive con la nuova squadra, Walker ebbe un incredibile debutto contro i Green Bay Packers. Egli giocò la miglior gare per un giocatore dei Vikings dal 1983 e la prima gara da oltre 100 di un Viking dal 1987, correndo 148 yard su 18 possessi.

Herschel ricevette tre standing ovation dalla folla record di 62.075 spettatori del Metrodome, portando i Vikings alla prima vittoria dopo 4 sconfitte consecutive, che venivano inoltre da 14 sconfitte negli ultimi 18 incontri coi Packers. La sua produzione offensiva però in seguito declino. La squadra mise in discussione il suo talento e il suo impegno nel football. Walker si unì allora al programma statunitense degli Stati Uniti per il bob.

Walker giocò per i Vikings per due anni e mezzo, senza più superare la quota delle mille yard corse in stagione.

Philadelphia Eagles[modifica | modifica sorgente]

Dopo tre stagioni nel Minnesota, i Philadelphia Eagles firmarono Walker nel 1992 sperando fosse l'ingrediente finale mancante per raggiungere il Super Bowl. Quell'anno godette della miglior stagione da professionista dal 1988, correndo 1.070 yards. Nel 1994 divenne il primo giocatore della storia della NFL ad avere giocate singole da 90 o più yard sia su corsa che su ricezione che da ritorni da kick-off in una singola stagione. Walker trascorse tre stagioni a Philadelphia, lasciando gli Eagles dopo che questi acquisirono il free agent Ricky Watters.

New York Giants[modifica | modifica sorgente]

I New York Giants firmarono Walker nel 1995 come terzo running back della squadra, ma scoprirono presto che non era più sufficientemente elusivo per quel ruolo, né poteva giocare come fullback per le sue limitate abilità nei blocchi. Walker guidò i Giants con 45 ritorni da punt e kick-off a una media di 21,5 yard l'uno nella sua unica stagione con la squadra.

Ritorno ai Cowboys[modifica | modifica sorgente]

Walker terminò la sua carriera nel football facendo ritorno ai Cowboys. Nel 1996 giocò come ritornatore nei kickoff e come running back nei terzi down. Walker si ritirò alla fine della stagione 1997 venendo ricordato come uno dei giocatori più versatili di tutti i tempi, guadagnando oltre 8.000 yard su corsa, oltre 4.000 su ricezione e oltre 5.000 su ritorni da kickoff.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Statistiche nella NFL
Corse Ricezioni
ANNO SQUADRA TEN YARD MEDIA MAX TD RIC YARD TD
1986 DAL 151 737 4,9 84 12 76 837 2
1987 DAL 209 891 4,3 60 7 60 715 1
1988 DAL 361 1.514 4,2 38 5 53 505 2
1989 DAL 81 246 3,0 20 2 22 261 1
1989 MIN 169 669 4,0 47 5 18 162 2
1990 MIN 184 770 4,2 58 5 35 315 4
1991 MIN 198 825 4,2 71 10 33 204 0
1992 PHI 267 1.070 4,0 38 8 38 278 2
1993 PHI 174 746 4,3 35 1 75 610 3
1994 PHI 113 528 4,7 91 5 50 500 2
1995 NYG 31 126 4,1 36 0 31 234 1
1996 DAL 10 83 8,3 39 1 7 89 0
1997 DAL 6 20 3.3 11 0 14 149 2

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Carriera nel bob[modifica | modifica sorgente]

Walker si unì al programma statunitense degli Stati Uniti con la United States Bobsled and Skeleton Federation, guadagnando la qualificazione per i Giochi Olimpici Invernali del 1992. Giunse 7º nel bob a due con il compagno di squadra Brian Shimer.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Heisman Winners, heisman.com. URL consultato il 2 luglio 2014.
  2. ^ (EN) Utah Local News, The Salt Lake Tribune, 3 gennaio 2012. URL consultato il 18 febbraio 2014.
  3. ^ (EN) 25 Greatest Players in College Football, ESPN. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  4. ^ (EN) This is the USFL Yearly Leaders, THe USFL Fan Club. URL consultato il 18 febbraio 2014.
  5. ^ (EN) 1985 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 19 ottobre 2012.
  6. ^ (EN) The Herschel Walker Trade. URL consultato il 14 giugno 2013.
  7. ^ (EN) Herschel Walker and the Great Trade Robbery from Dallas To Minnesota. URL consultato il 14 giugno 2013.
  8. ^ (EN) History: Walker Trade, Scout.com. URL consultato il 18 febbraio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 28442560