Giovedì santo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Giovedì Santo)

1leftarrow.pngVoce principale: Triduo Pasquale.

Giovedì santo
L'Ultima Cena di Duccio di Buoninsegna
Tipo di festa Religiosa
Data imprecisata
Celebrata in stati con comunità cattoliche
Religione Cattolica
Oggetto della celebrazione Ultima cena
Feste correlate Settimana santa;Pasqua
Tradizioni religiose Santo Sepolcro

Con la denominazione di giovedì santo nella quasi totalità delle confessioni cristiane si indica il giovedì precedente la Domenica di Pasqua. Tale giovedì:

  • nell'Anno liturgico romano della Chiesa cattolica è inoltre denominato sia Giovedì della Cena del Signore[1]nell'ambito della forma ordinaria, sia Feria Quinta in Cena Domini nell'ambito della forma straordinaria, e
  • nella Chiesa ortodossa viene indicato con la denominazione di Santo e Grande Giovedì.

Nomi nelle varie lingue[modifica | modifica sorgente]

La nozione del giovedì santo ha anche un uso civile tantocchè in Danimarca e in Norvegia è una ricorrenza cristiana civilmente riconosciuta: una situazione simile si verifica in Spagna dove però civilmente è una festività parziale. Per tutte queste ragioni la nozione di giovedì santo è presente in varie lingue, in alcune delle quali mantiene una denominazione corrispondente a giovedì santo mentre in altre la denominazione non è corrispondente. Di seguito un elenco:

lingua nome significato letterale
ceco Zelený čtvrtek giovedì verde
croato Veliki četvrtak grande giovedì
francese Jeudi saint giovedì santo
friulano Joibe Sante giovedì santo
inglese Maundy Thursday giovedì del mandato[2]
olandese Witte Donderdag giovedì bianco
picardo Judi saint giovedì santo
polacco Wielki Czwartek grande giovedì
portoghese Quinta-Feira Santa, Quinta-Feira de Endoenças giovedì santo, giovedì di indulgenze
rumena Joia Sfântă, Joia Mare giovedì santo, grande giovedì
slovacco Zelený štvrtok giovedì verde
spagnolo Jueves Santo giovedì santo
svedese Skärtorsdagen giovedì rosa
tedesco Gründonnerstag giovedì verde
ungherese Nagycsütörtök grande giovedì

Data del giovedì santo[modifica | modifica sorgente]

Data del giovedì santo, 2000-2020
Anno Chiesa cattolica Chiesa ortodossa
2000 20 aprile 27 aprile
2001 12 aprile
2002 28 marzo 2 maggio
2003 17 aprile 24 aprile
2004 8 aprile
2005 24 marzo 28 aprile
2006 13 aprile 20 aprile
2007 5 aprile
2008 20 marzo 24 aprile
2009 9 aprile 16 aprile
2010 1 aprile
2011 21 aprile
2012 5 aprile 12 aprile
2013 28 marzo 2 maggio
2014 17 aprile
2015 2 aprile 9 aprile
2016 24 marzo 28 aprile
2017 13 aprile
2018 29 marzo 5 aprile
2019 18 aprile 28 aprile
2020 9 aprile 16 aprile

Il giovedì santo è una ricorrenza mobile in quanto collegata con la Domenica di Pasqua, per cui la data varia di anno in anno anche se cade sempre nei mesi di marzo o di aprile. Normalmente la Domenica di Pasqua non cade nella stessa data per tutte le confessioni cristiane, per cui normalmente anche il giovedì santo non cade nella stessa data per tutte le confessioni cristiane. Siccome, in ordine alla data della Pasqua e quindi del giovedì santo, le confessioni cristiane più numerose sono solite essere divise in due gruppi, nei due elenchi seguenti si fa riferimento alla confessione cristiana più rappresentativa del proprio gruppo, ossia la Chiesa cattolica e la Chiesa ortodossa:

Nella Chiesa cattolica[modifica | modifica sorgente]

Nel giovedì santo si ricorda sia l'istituzione dell'Eucarestia e del ministero dell'sacerdozio sia la consegna ai discepoli del comandamento dell'amore (Gv 13,34). Per queste ragioni nel giovedì santo viene celebrata la Giornata sacerdotale.

Il giovedì santo è caratterizzato soprattutto dalla messa del Crisma e dalla messa nella Cena del Signore: in questo giorno non si può celebrare la Messa secondo altri formulari. La santa Comunione può essere distribuita solo nella Messa, crismale o in Cena Domini: agli infermi può essere distribuita in qualunque ora del giorno.

Nella forma ordinaria, questo giorno è diviso tra il tempo di Quaresima ed il tempo del Triduo Pasquale: questo giorno è sia l'ultimo giorno di Quaresima sia il primo giorno del Triduo Pasquale ma in modo tale che i due tempi non si sovrappongano, infatti, la Quaresima termina prima che inizi la messa in Cena Domini con il cui inizio comincia contestualmente il Triduo Pasquale.

Nella forma straordinaria, questo giorno è per intero sia il terzultimo giorno di Quaresima sia il primo giorno del triduo sacro.

La Messa in Cena Domini è seguita dall'adorazione del Santissimo Sacramento deposto all'Altare della reposizione.

Nella Chiesa ortodossa[modifica | modifica sorgente]

Nella Chiesa ortodossa viene ricordata l'ultima Cena, detta anche Mistica Cena.

Rievocazioni[modifica | modifica sorgente]

Tra le rievocazioni del giovedì santo, si possono ricordare quelle de Lu Giuviddì Sande che si svolge a Cellino Attanasio in provincia di Teramo, e della Settimana Santa di Ispica in provincia di Ragusa.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tale denominazione gli deriva dalla titolazione presso alcuni libri liturgici come ad es. la Liturgia delle Ore secondo l'uso Serafico ma gli deriva anche dagli usi preconciliari.
  2. ^ In inglese il giovedì santo prende il nome dal latino mandatum, comandamento. Ciò è in riferimento al comandamento nuovo istituito dal Signore Gesù Cristo nell'ultima cena, come attestato in (Giovanni 13,34).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]